venerdì 24 gennaio 2020

RICE, MILK, FIG JAM





L'umile dolcezza del riso al latte è una delle pietanze che ci fanno subito pensare all’autunno e all’inverno. In questa ricetta, Slater unisce ciò che definisce «lo charme sciropposo» della confettura di fichi. 
Vediamo com’è andata a finire. 


Ingredienti 
Per 4 persone

6 baccelli di cardamomo 
1 litro di latte
2 foglie di alloro
un baccello di vaniglia
30g di burro
80g di riso a chicco corto
3–4 cucchiai di zucchero semolato
circa 8 cucchiai di marmellata di fichi 

Preriscaldare il forno a 140° C. Rompere i baccelli di cardamomo ed estrarne i minuscoli semi e, con un mortaio, ridurli in polvere. Versare il latte in una casseruola. Aggiungere il cardamomo macinato, le foglie di alloro, il baccello di vaniglia e il burro e portare ad ebollizione.
Mettere il ​​riso e lo zucchero semolato in una teglia da forno, quindi, non appena il latte bolle, versare subito il latte caldo sul riso e mescolare fino a quando lo zucchero non si sia completamente sciolto.
Cuocere in forno preriscaldato per circa due ore fino a quando il riso non sia diventato morbido e cremoso e la superficie abbia assunto la colorazione di un dorato pallido. Servire con cucchiai di marmellata di fichi.
 
NOTE

Anche per questa ricetta non è richiesto nessuno sforzo particolare. Solo un po 'di pazienza e attendere che il riso si cuocia in forno. 
Invece della marmellata di fichi, nel caso dovesse essere difficile da riparare, è possibile usare sei piccoli fichi freschi e metterli in una casseruola con quattro cucchiai ciascuno di zucchero semolato e acqua. Portare a ebollizione, quindi abbassare il fuoco e cuocere a fuoco lento fino a quando lo zucchero e l'acqua si sono trasformati in uno sciroppo e i fichi sono morbidi e sul punto di collassare.

Devo ammettere che non sono sempre molto paziente in cucina… e l’idea del riso al forno per circa due ore mi fa diventare bionico… ma ho accettato la proposta slateriana. 

Il riso al latte è un piatto che quando ero piccolo detestavo: adesso, invece, mi fa pensare alla beata infanzia trascorsa. La ricetta è proprio facile facile. Il riso diventa cremoso e la marmellata di fichi è una buona trovata per l’autunno-inverno. Ma ovviamente andrebbe bene qualsiasi altra confettura. 

Anche qui devo confessare di trovarmi di fronte a una ricetta un po’ banale, senza arte né parte, e inoltre, senza l’indicazione delle dimensioni della teglia da forno, cosa che personalmente de-te-sto.

Preferisco il riso al latte cotto in pentola sul fuoco, vecchio testamento…

PROMUOVO 
  la ricetta solo perché la mia marmellata era fatta in casa ed era buonissima. 
Chiedo scusa a Slater, ma aspetto (o no…) il suo prossimo libro. 



Biagio D'Angelo - Glogg the Blog

13 commenti:

  1. Due ore di forno per un arrosto o un tacchino ok, anzi ben di più. Ma per il riso latte rimango al fornello, eh, non me ne voglia Slater 😅 piuttosto la marmellata di tua mamma eccome se l’assaggerei!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oggi con questa ricetta sono stato assalito da un effluvio di bontá ... hhahaha
      ciao Stefi!

      Elimina
  2. Promozione con aiutino, eh?! Questo libro sta di ventando un "caso", il caso Slater. Come andrà a finire?!?

    RispondiElimina
  3. Ti adoro letteralmente. Anche io vecchio testamento, visto che il risolatte è una delle cose che mi fanno partire di capoccia al solo pensiero. Non posso pensare di aspettare 2 ore per potermelo gustare. Già cuocerlo in casseruola non è un'impresa per vecchi.
    E comunque, ti piace vincere facile con la confettura di mamma, eh?
    Sei forte caro Biagio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cerchiamo di fare bella la vita... Patty!!!
      un bacione !

      Elimina
  4. Niente, anche qui il caro Nigel s'è sprecato! Però ti ha fatto consumare due ore di elettricità a buffo. Che carino! XD
    A parte gli scherzi, con la confettura di mamma non potevi non promuoverla. Mi preoccupo per chi però non sarà altrettanto fortunato e proverà la ricetta :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. verissimo, Ale... siamo alla fine del mese... tra poco tiriamo le somme e allora... sará festa! hahaha

      Elimina
  5. Hai ragione Biagio! Mi dispiace per Slater, ma anch'io aspetto il tiriamo le somme ... E sarà tutta colpa sua!
    Come fan di Slater rimango basita: non c'è dimensione della teglia? Anche per un dolce così semplice e pacioccoso ci devono essere, sennò che ricetta è??!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo libro è stato scritto da un fantasma, non da Slater, credo (spero). Ciao AntoN!

      Elimina
  6. Anch'io non amavo il risolatte da bambina, ma poi ho cambiato idea :) Certo che, due ore di forno per cuocerlo... non ci penso proprio! Pensa che, se devo tostare la frutta secca (e non serve il forno per la ricetta), lo faccio sul fuoco in un padellino, curandola a vista. La confettura di fichi di tua mamma la vorrei anch'io!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. una follia allo stato puro.... secondo me, avendo un forno elettrico, la bolletta della luce andrà alla stella per colpa di Slater... la farò pagare a lui... hahaha

      Elimina
  7. Risolatte, che buono!
    Certo che:
    1) Slater poteva sforzarsi un po' di più, l'unica variazione rispetto alle normali ricette è l'aromatizzazione con cardamomo e alloro.
    2) Due ore di forno lì per lì mi avevano lasciata perplessa, poi ho pensato ai tre quarti d'ora in cui c'è da sorvegliare la cottura e già l'idea ha cominciato a piacermi di più.
    3) La marmellata di fichi di tua mamma è senz'altro da sballo!

    Un abbraccio, caro Biagio!

    RispondiElimina