giovedì 23 gennaio 2020

PARSLEY, PARMESAN, EGGS





Drop scones o pancake già mi piacciono a prescidere, dolci o salati che siano.
La versione al Parmigiano mi mancava e non ho esitato un attimo a fare mia la ricetta.
Facilissima e rapidissima, tra l'altro.
Con molta gioia ho portato a tavola e mi sono beccata, nell'ordine.
Ma siamo malati?
Li consiglia l'ospedale?
Sono in punizione?
Non c'è altro di contorno?
A capirci, hanno fatto sembrare invitanti pure i broccoli al vapore.
Non che non siano buoni: ma vanno un po' aggiustati nel condimento.
Ed  infatti rifatti con i dovuti ritocchi si sono rivelati molto, molto meglio.
Il sale, Nigel, il sale!




PARSLEY, PARMESAN, EGGS
per 6 porzioni

15 g di foglie di prezzemolo
180 g di farina autolievitante
un cucchiaino di lievito per torte salate
un uovo grande
220 ml di latte
5 cucchiai colmi di Parmigiano grattugiato,
un po' di burro per cuocere


Tritare grossolanamente le foglie di prezzemolo.
Mischiare la farina ed il lievito (volendo possono essere setacciati insieme). In una ciotola battere leggermente l'uovo per amalgamare tuorlo ed albume, quindi unirvi il latte ed infine il composto di farina, il parmigiano ed il prezzemolo.
Far fondere il burro , quindi prelevarne un paio di cucchiai che verranno versati in una padella antiaderente. Far scaldare il tutto su fuoco medio quindi versarvi circa un sesto del composto fino ad ottenere un pancake circolare della dimensione di un biscotto Digestive. Ripetere con altre cucchiaiate del composto che andranno fatte cuocere circa quattro minuti per lato e girate con una spatola appena saranno gonfiate e colorite alla base.
Tenerli al caldo fino al momento di servire.
Per controllare la cottura toccarli al centro: devono risultare morbidi ma tornare subito alla forma originale (non devono rimanere ammaccati, diciamo)
In alternativa possono essere aromatizzati con rosmarino tritato, basilico o dragoncello.

NOTE

- facilissima e veloce, la ricetta non può non venire. Un po' ridondante il fatto di far sciogliere il burro a parte prima di versarlo nella padella di cottura. Vengono esattamente sei pezzi come indicato.

- sono in effetti dei "drop scones", degli scones in padella più che dei pancake: gonfiano meravigliosamente in cottura e sono facilmente gestibili.

- il "parmesan" indicato in ricetta che per noi italiani è Grana o Reggiano ahimè può essere la qualunque per un lettore straniero. Mi batto da anni per far capire che quella poltiglia insapore e plastificata in certe confezioni non è l'originale, come pure che dell'originale va conservato il nome, Parmigiano, senza traduzione. Su questo fronte si batte eroicamente il consorzio del Parmigiano Reggiano che organizza eventi in tutto il mondo, anche dalle mie parti, per educare i palati e la mente dei consumatori. Per carità, ognuno compra ciò che vuole: ma che almeno si sia consapevoli di cosa si sta acquistando.

- la pecca: non sanno di molto. Cinque cucchiai di parmigiano, seppur colmi, si perdono in tutti quei liquidi e farina. Non c'è nemmeno un pizzico di sale che li avrebbe migliorati parecchio. In una versione precedente pubblicata su The Guardian l'autore aggiunge della pancetta, ma qui non ve ne è menzione alcuna, solo quella delle possibili erbe aromatiche alternative.

- Nigel Slater ne parla come, volendo, di un piatto unico se uniti a delle verdure. In effetti riempiono parecchio e se serviti come contorno forse meglio farli decisamente più piccoli.


la ricetta è RIMANDATA 
perchè non è male se li fate più piccoli, li mangiate subito e ci mettete il sale!


22 commenti:

  1. Come tuo marito si sottoponga a certe "sevizie", per me resta in mistero. 😂😂😂
    Però mi hai fatto venire una curiosità pazzesca di farli esattamente come indicato in ricetta, per capire quanta follia ci sia un questo libro 😂😂😂

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulietta metticelo il sale 😅 e mio marito non ha molta scelta 🤣

      Elimina
  2. E insomma, Slater delude ancora. Grazie per le dritte. Una sola osservazione, bisogna aggiungere il lievito alla farina autolievitante, come mai? Lo consigli anche tu? Grazie, Stefania.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È pratica comune in ricette d’oltreoceano, niente di strano: devono gonfiarsi per bene e la cottura è veloce, quindi una piccola spinta extra non guasta.
      Farina autolievitante con aggiunta di lievito la trovi universalmente da Nigella a Martha Stewart ;)

      Elimina
  3. Pover'uomo, chissà quale torture deve subire a tavola 😂😂.
    Si può tentare...bevanda vegetale, formaggio veg e farina di riso...appena provo ti dico se è fattibile 😉
    Baci Stefaraba

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cambia tutto quello che vuoi, basta non ti dimentichi il sale 🙃

      Elimina
  4. Credo che, le considerazioni di mio marito, davanti a questo piatto, sarebbero le stesse del tuo! Sono sicura che, invece, lo farei felice proponendogli la versione con la pancetta, o con lo speck... mi sa che vado a cercarla :)))
    Grazie, è sempre un piacere leggere i tuoi post

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, infatti non capisco perché non abbia dato qui questa opzione! Grazie :)

      Elimina
  5. ho giá commentato in altra ricetta la mia avversione verso il formaggio..... per cui a casa mia queste pancakes, drop scones etc. non si faranno mai. Figuriamoci dopo che tu li hai rimandati... hahahahaa... ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No via, per te passiamo direttamente al dessert ;)

      Elimina
  6. In effetti il Parmigiano è un formaggio che può tranquillamente consentirci di usare meno sale, ma da qui a bandirlo completamente, mi sembra un tantino azzardato.
    Maremma Nigel....ho il sospetto che sia stato rapito dagli Alieni e sostituito con un fac simile neanche tanto riuscito.
    Sob!

    RispondiElimina
  7. Una versione di plancake molto interessante e gustosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gunther, con solo un po' di sale in più meritano!

      Elimina
  8. Che siano pancakes o altro tipi non.li hai fatti e voglio provare perché salati e non dolci che non posso. Sale senz'altro e parmigiano doc grattato al mom.uso poco ma quelle volte lo voglio vero. Grazie Stefi buona giornata e scusa se latillo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con i dovuti accorgimenti e un ottimo parmigiano verranno benissimo, grazie!

      Elimina
  9. Come dar torto al povero marito? Peccato per questi drop scones, perché avevano intrigato anche me. Certo un po' di bacon li avrebbe migliorati parecchio, ma ci saremmo accontentate anche solo di un pizzico di sale XD

    RispondiElimina
  10. 😅 belli son belli! A parte il sale, che metterò, mi attirano nella loro semplicitá.
    Io ci metterei anche dei broccoli frullati, della bieta frullata o altra verdura per fargliela mangiare (al marito)!! 😈
    ... Ma sarebbe un'altra ricetta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, basta che cominci a metterci il sale...poi il resto puoi scatenarti :D

      Elimina
  11. L'idea dei drop scones salati francamente mi piace; grazie per l'indicazione sul sale (!!! ma l'editor dov'era????) e sull'aumento della quantità di formaggio, che in effetti è un po' pochino. Magari li provo mettendo 5 tbs di Grana e altrettanti di Pecorino, che è più gustoso.
    Un beso Stefi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già provati mettendo il pecorino, vengono ancora meglio!

      Elimina