mercoledì 20 ottobre 2021

DUCK CASSOULET


Questa foto è bruttissima, lo so; ci sarebbe voluta una perizia fotografica ben superiore alla mia per fotografare il remix dell'anatra arrosto. In ogni caso devo dire che, piaccia o no, questo è l'aspetto che vi trovereste a contemplare, se voleste replicare la ricetta. Anzi, se aveste usato i fagiolini in scatola suggeriti dall'Autrice al posto di quelli surgelati usati da me, l'aspetto sarebbe stato ancora più desolante. 

Per contro vi posso assicurare che il piatto è gustoso assai, decisamente migliore di quello da cui deriva, e anzi, se non vi fosse stata traccia alcuna dell'anatra, mi sarebbe piaciuto di più.


CASSOULET ("SPEZZATINO") DI ANATRA

Da: Kim Duke - Weekly Provisions

Per 2 persone
2 cosce di anatra tenute da parte dalla ricetta precedente
1 cucchiaio di olio insapore
1 cipolla tritata
2 cucchiai di pasta di aglio* 
2 salsicce alle erbe** (facoltative)
2 rametti di rosmarino
2 rametti di timo
1,5 cucchiai di concentrato di pomodoro
1 cucchiaio di aceto di vino bianco
1 lattina da 400 g di fagiolini 
1 dado da brodo di pollo
150 ml di acqua
Pane per servire

* La pasta di aglio è costituita da aglio pestato in un mortaio con pochissima acqua; in questa ricetta si richiede l'equivalente di 3 spicchi d'aglio e mezzo cucchiaino di acqua.

** Le herby sausages non sono reperibili da noi. Sono andata on line a cercarne la composizione, che ho cercato di replicare. Ho pertanto acquistato 350 g di salsicce normali e ne ho insaporito la carne con queste spezie: 1/4 di cucchiaino ciascuno di timo secco, salvia secca, pepe bianco e aglio granulare; una grattugiata di noce moscata; mezzo petalo di macis pestato e ridotto in polvere (se non lo avete mettete più noce moscata); 1/8 di cucchiaino di zenzero in polvere.


Soffriggere nell'olio la cipolla e la pasta di aglio per 10 minuti, finché la cipolla comincia a colorirsi. Spellare le salsicce e aiutandosi con un cucchiaio di legno "romperne" la polpa, riducendola in tocchetti. Aggiungerla a cipolla e pasta di aglio e farla rosolare per qualche minuto. Unire timo e rosmarino e cuocere per altri 3 minuti, quindi versare il concentrato di pomodoro e l'aceto e cuocere per altri 2 minuti mescolando. Unire i fagiolini scolati e mescolare per amalgamarli. Sbriciolare il dado nella preparazione, versare 150 ml di acqua e accomodare le cosce di anatra tenute da parte in pentola, ponendole sotto ai fagiolini. 
Coprire con un coperchio e far cuocere per 15 minuti, finché sia tutto bollente.
Servire insieme a fette di pane a pasta acida per raccogliere il sugo.
Se si vogliono ottenere più porzioni, aumentare le quantità di salsiccia.


OSSERVAZIONI

- il piatto è decisamente più buono della ricetta di cui costituisce il remix; l'Autrice dice che le salsicce alle erbe sono facoltative, ma secondo me sono esattamente il motivo per cui il piatto, per quanto tristanzuolo di aspetto, sia più buono dell'originale e anzi, secondo me senza l'anatra sarebbe stato ancora migliore. L'anatra era già stracotta in partenza, figuriamoci dopo altri 15 minuti di cottura; e anche partendo da un'anatra cotta a puntino, la seconda cottura - benché in umido - la renderebbe stopposa. Attenzione al sale: le salsicce di solito sono già salate e lei ci fa aggiungere un intero dado da brodo. Versate l'acqua, mescolate e assaggiate, e solo allora decidete se è il caso di usarlo o meno. Io non l'ho usato. 

- Interessante lo spunto delle herby sausages: mi è piaciuto l'insieme di spezie che contengono, che esaltano quelle usate per l'anatra. Motivo in più per non farne un ingrediente facoltativo. 

- I fagiolini in scatola avrebbero dato alla preparazione un aspetto ancora più tristanzuolo, tanto più che erano pochissimi (circa 240 g sgocciolati). Io ho usato una busta di 450 g di fagiolini surgelati, preventivamente lessati: molto meglio. Anzi, confesso di avere aggiunto, fuori foto, anche delle cimette di broccoli lessati, che ci stavano benissimo.

- Ricetta da replicare senz'altro, per una cena in famiglia: la dichiaro pertanto


PROMOSSA, a patto di usare le salsicce

10 commenti:

  1. Bellissimo il piatto per riutilizzare gli avanzi dell'anatra... senza anatra! XD Adoro!
    Comunque è vero che l'occhio vuole la sua parte, ma rendere belli e fotogenici dei fagiolini sarebbe stata un'impresa per chiunque :D
    Grazie Mapi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la comprensione, Alessandra. Non potevo nemmeno mostrare quello che c'era sotto, sarebbe stato peggio... XD

      Elimina
  2. Carissima Mapi! Concordo con la tua desolazione sull'aspetto, ma che il piatto di riciclo è meglio senza gli avanzi mi fa morire!
    Mi segno il tuo giudizio e suggerimento su queste salsicce alle erbe... la prossima cena senza marito (ma quando??!) potrei provarla.
    Mi fa ridere l'uso dei fagiolini in scatola, a casa mia manco morta! E questa volta non dipende dal marito! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti Anto, neanche a casa mia i fagiolini in scatola hanno diritto di cittadinanza: privi del benché minimo valore nutritivo (oltre che di sapore), sono fibre e basta!
      Le salsicce aromatizzate secondo me potrebbero essere una buona base per un ragù, secondo me: mi porto a casa l'idea e la riutilizzo in modo diverso da quello pensato dall'Autrice.
      Un abbraccio!

      Elimina
  3. Son qui da aprile e faccio la spesa regolarmente da luglio: non solo i supermercati hanno dei reparti di fresco ben forniti, ma ad ogni passo, per la strada, ci sono le bancarelle dei fruttivendoli. Ottima roba, a prezzi ridicoli. Tre etti di fagiolini costano 1£- e mi chiedo davvero perché, in un libro che dovrebbe educare a fare la spesa, si vadano a cercare in dispensa le verdure che sono disponibili quasi tutto l'anno. Hai fatto miracoli, anche con l'anatra fujuta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco... a maggior ragione con i prezzi bassi, perché ricorrere ai fagiolini in scatola? La tristezza fatta verdura.
      Grazie Ale!

      Elimina
  4. Mi hai fatto sorridere con il piatto del riciclo più buono dell'originale...e pure senza il suo ingrediente principale :D
    I fagiolini in scatola li odio, provo a spezzare una lancia in favore dell'autrice nel caso volesse suggerire di tenerne una scatola in casa per ogni evenienza...uhm, no, non mi riesce: sono troppo cattivi! E consistenza, per la sottoscritta, rivoltante. Brava, ed eroica, Mapi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah Stefi, figurati come mi sono sentita io, quando sono giunta alla conclusione che senza anatra era meglio. :D
      Diciamo che sono stata sfortunata nella scelta della ricetta; ma mi sa che tutti noi siamo stati sfortunati nella scelta del libro!

      Elimina
  5. io te l'ho già detto, Mapi, che tu con questo libro sei già salita agli onori degli altari... perché i fagiolini in scatola... nessuno se li merita!!! e tu brava davvero! ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta poco di questi tempi per salire agli onori degli altari; però sì, direi che i fagiolini in scatola sono il purgatorio dei food lovers.
      Grazie Biagio!

      Elimina