martedì 19 aprile 2022

YOGURT CAKE

 

 


Questa torta turca, in lingua originale, si chiama “Yoğurt Tatlısı”, cioè “dolce allo yogurt”. In turco, come in altri idiomi, “tesoro mio”, “amore”, e così via di seguito, si dice appunto “tatlım”, letteralmente “mio dolce”, “mia dolcezza”, “zuccherino”. 
Ma è la stessa parola “yogurt” che deriva dal turco “yoğur”, con la ğ turca muta, quella che c’è nel cognome Erdoğan, per capirci, e vuol dire, in verità, impastare o mescolare con un utensile. 
Dalla Bibbia a Aristotele, da Senofonte a Erodoto, da Plinio alle “Mille e una notte”, lo yogurt, o meglio, il latte fermentato veniva consumato fin dall’età preistorica e gli antichi popoli nomadi orientali avevano l’abitudine di conservare il latte di vacca, pecora, capra, cavalla e cammella in otri ricavati dalla pelle degli stessi animali. 
Avevano scoperto che la contaminazione da microrganismi portava, naturalmente, il prodotto a fermentare, trasformando il latte in una forma più conservabile e duratura nel tempo, appunto lo yogurt.
Ci sono varie leggende sulla nascita dello yogurt: una narra che sia stato inventato da un pastore che, dimenticato per qualche tempo il latte in un otre di pelle, lo ritrovò più denso, cremoso e gustoso. Un’altra vuole che Francesco I di Francia debba una prodigiosa guarigione a una cura a base di yogurt prescrittagli da un medico ebreo di Costantinopoli. 
I pastori bulgari e di altre popolazioni dell’Impero Ottomano credevano che bere yogurt prima di dormire purificasse il sangue, scongiurasse la tubercolosi, risolvesse disturbi intestinali e conciliasse il sonno. 
Che volete di più? 

Ingredienti per 6 a 8 porzioni

4 uova, tuorli ed albumi separati
100 g di zucchero
3 cucchiai di farina comune
400 g di yogurt greco, ottenuto da latte intero
scorza grattugiata e succo di 1 limone non trattato

Metodo 
Preriscaldare il forno a 180°C. Imburrate una tortiera rotonda antiaderente da 23 cm di diametro con fondo amovibile.

Utilizzando uno sbattitore elettrico, montare gli albumi a neve ben ferma. 
In un'altra ciotola, sempre con lo stesso mixer, montare i tuorli con lo zucchero fino a ottenere un composto spumoso e chiaro. Aggiungere la farina, lo yogurt, la scorza di limone e il succo di limone e montare fino a ottenere una crema omogenea.
Incorporare delicatamente gli albumi al composto di yogurt e versateli nella tortiera preparata. Cuocere per 40-45 minuti, fino a quando la superficie non sarà leggermente dorata – osservatela attentamente per gli ultimi minuti di cottura in modo che non diventi troppo scura. La torta si alzerà, inizialmente, come un soufflé e poi si sgonfierà. Farla raffreddare un po' prima di sformarla su un piatto da portata.
Servire la torta tiepida o fredda.

NOTE 

Claudia Roden, che aveva già proposto questa ricetta nel suo libro “Arabesque: A Taste of Morocco, Turkey, and Lebanon”, del 2005, dice che la si può mangiare fredda o tiepida. 
L’ho provata tiepida ma non mi ha convinto granché. 
Invece fredda da frigo, con della confettura o della frutta come le fragole, è quel che si suol dire “la morte sua”. 

La Roden dice che ci mangiano da 6 a 8 persone. Beh, quelli che fanno la dieta… perché l’abbiamo finita paurosamente in 4. 

La Roden consiglia, inoltre, per un bell'accompagnamento, di preparare delle fragole macerate e ne dà la ricetta: sciacquare brevemente 450 g di fragole, tagliarle a metà attraverso l'estremità del gambo, quindi cospargere con 60 g di zucchero semolato e il succo di ½ limone e lasciar riposare per 1 ora prima di servire.

Risultato: è come una cheesecake bassina, molto leggera e ariosa, e dal gusto fresco, ma aggiungerei che possiede anche la consistenza di un soufflé. È buonissima, molto estiva e io l’ho accompagnata, visto che da me non è periodo di fragole, da una confettura poco densa di more che ha dato il colpo da maestro. 

Se volessi trovare un difetto, direi che sarebbe stato meglio cuocerla in uno stampo da 20 cm perché potesse crescere di più in altezza, e con l’effetto “crack down” più bello e rustico… ma questo è solo un mio modestissimo parere. 

Avete capito già che la ricetta è 
PROMOSSA!
 
Biagio D'Angelo - Glogg the Blog

14 commenti:

  1. Da grande appassionata di yogurt quale sono, questa è mia! E credo che seguirò il consiglio di usare lo stampo di 20 cm :)
    Grazie Biagio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contento che sia di tuo gradimento. Provala con la stampo più piccolo. E poi sappimi dire! un abbraccio!

      Elimina
  2. Ma che meraviglia di torta! Con tanto yogurt, pochissima farina e zucchero quanto basta. La devo provare con le fragole macerate: dev'essere paurosamente buona. E mi piace anche il consiglio dello stampo più piccolo.
    Grazie due volte Biagio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è veramente stupenda... ciò che sorprende di più è proprio la sua leggerezza. Per questo, infatti, dicevo che l'abbiamo finita in pochi secondi e in 4. Ciao, un abbraccio!

      Elimina
  3. Te l’ho già detto quanto mi ispiri e lo confermo qui. E poi la trovo bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. svengo dalla felicità per queste parole!!!! ciaoooooo

      Elimina
  4. Ti comunico che questa torta ha in tutto e per tutto l'aspetto della torta di ricotta di mia suocera, che è da farcisi del male, quindi immagino che anche questa porti sulla via della perdizione.
    Bellissima davvero. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda, Patty, anche a me ha ricordato molto una torta di ricotta che fa mia mamma.... ci si fa del male, facendosi del bene al cuore... hahahahahah ciaoooooo

      Elimina
  5. Caro Biagio, anche io la penso come te e la proverei in uno stampo da 20, per un effetto ancora più wow :D Inutile dire che lo yogurt greco da me si compra solo a botte di 500 g minimo, quindi questa cheesecake s'ha da fare molto presto. Ovviamente con le mie amate fragoline <3
    Grazie Biagio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. con le fragoline deve diventare pazzescamente buona!!! grazie!! un abbraccio!

      Elimina
  6. Wow Biagio, che bel dolce!
    E se vogliamo anche poco calorico... se non si eccede con l'accompagnamento! La farò di sicuro... perchè sono di nuovo a dieta!!! 😂😂😂😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. no alla dieta!!!! mannaggia!! però va bene! forza, provalo! Redone ti aspetta!!!! ciaoooooo

      Elimina
  7. Buona, semplice e veloce = da provare al più presto! Altra scelta bellissima :)
    Grazie, Biagio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te!!!! si, da provare al più presto, come giustamente dici tu! ciaooooo

      Elimina