venerdì 17 settembre 2021

ROSEMARY FRIED CHICKEN


Fernay McPherson, è cresciuta a San Francisco, in un quartiere abitato principalmente da afroamericani. In occasione di feste e battesimi, serviva i piatti preparati con le ricette della nonna, tra cui il pollo fritto al rosmarino. Alla fine degli anni '70, il cuore pulsante del suo quartiere subì una pesante riqualificazione, con migliaia di case demolite, famiglie trasferite e centinaia di attività commerciali chiuse. Nel 2012, Fernay , aiutato anche dalla sorella e dalla zia, aderì al programma di sviluppo economico dell'Ufficio del Sindaco, che cercava di porre rimedio ai danni della precedente riqualificazione, servendo il cibo della sua infanzia.


Rosemary Fried Chicken
da "We are la Cocina"

Ingredienti per 4-5 persone

910 g di ali di pollo, punta esclusa 

2 cucchiai di cipolla in polvere

2 cucchiai di aglio in polvere

1 cucchiaio di paprika 

1/2 cucchiaio di di pepe nero appena macinato

60 ml di salsa piccante, più quella per servire

olio di crusca di riso

 280 g di farina bianca

le foglie tritate di 6 rametti di rosmarino

1 cucchiaio di sale


Mettere le ali di pollo su una gratella, in un unico strato, per 30 minuti, in modo da portarle a temperatura ambiente e farle asciugare.

Mischiare la cipolla e l'aglio in polvere, la paprika e il pepe in una piccola ciotola. Mescolare le ali di pollo con il mix di spezie. Unire la salsa piccante e mescolare ancora. Far marinare, in frigorifero per almeno 10 minuti, o per tutta la notte.

Versare 5 cm di olio in una padella larga e profonda. Scaldare l'olio su fuoco medio-alto, fino alla temperatura di 180°C.

In una ciotola ampia, sbattere insieme la farina, il rosmarino e il sale.

Procedere in due-tre volte, passando il pollo nella farina, poi immergerlo con attenzione nell'olio caldo. Friggere, girando le ali di pollo una volta, finché non saranno ben cotte e dorato scuro. Ci vorranno da 8 a 10 minuti. La temperatura dell'olio si abbasserà quando aggiungerete il pollo; non preoccupatevi si rialzerà velocemente.

Sgocciolare su una gratella, cospargere con altra salsa piccante (oppure servirla a parte per chi la vorrà aggiungere) e servire.

Nota dell'autrice: cercate l'olio di crusca di riso nei negozi di prodotti naturali, oppure ordinatelo online; il suo punto di fumo è alto ed è adatto alla frittura.

 

Note personali

- la ricetta è semplice da preparare, veloce e molto, molto gustosa. Il mix di spezie è ben equilibrato

- non avevo l'olio di crusca di riso, così ho utilizzato quello di semi di arachidi, anch'esso adatto per la frittura

- se amate il gusto molto piccante, versate la salsa anche dopo la cottura. Se vi piace, ma con moderazione (come a me), evitate di aggiungerne, soprattutto se la salsa che state utilizzando è molto piccante... 

- per evitare di abbassare troppo la temperatura dell'olio quando friggo (oltre a non riempire troppo la padella), abbasso leggermente il fuoco poco prima di introdurre il cibo, per poi alzarlo rapidamente. Trucchetto letto non so più dove, ma che funziona molto bene.

Da mangiare rigorosamente con le mani!


La ricetta è decisamente: 

PROMOSSA

7 commenti:

  1. Buonissime di sicuro! E... grazie per la dritta sulla fiamma per non fare abbassare troppo la temperatura dell'olio quando si frigge: è una delle mie croci, ogni volta che friggo!

    RispondiElimina
  2. Le panature sono l'ultima delle mie ossessioni... E che altro dire, se non che si deve provare pure questa?

    RispondiElimina
  3. E vabbè! Anche questa ricetta è irresistibile! Pollo fritto! Io lo amo particolarmente, anche se il fritto dovrei evitarlo... dopo aver provato quello al latticello della Martha penso che prossimamente questo qui sarà mio!!! 😋
    Qualche indicazione sulla salsa piccante da usare? Una nostra salsa barbeque, o un ketchup piccante?

    RispondiElimina
  4. I <3 pollo fritto!
    Del resto, come si fa a resistere a quella panatura super croccante, a maggior ragione quando è aromatica e speziata come questa?
    Grazie Ale!

    RispondiElimina
  5. Questa ricetta dubito possa trovare detrattori: chi non ama il pollo fritto, rigorosamente da mangiare con le mani? Anche io ho sempre fatto solo quello di Martha Stewart, sarà ora di rinnovare il repertorio. Grazie Ale!

    RispondiElimina
  6. Madonna mia. Si può vivere di solo pollo fritto? Secondo me si. Non so con quali conseguenze ma un giorno mi piacerebbe provare. :D
    Che meraviglia!

    RispondiElimina
  7. ahimé, non sono un amante del pollo fritto! ma ogni tanto... ci casco.. hahahahaha

    RispondiElimina