mercoledì 9 aprile 2014

TORTA AL CIOCCOLATO SENZA FARINA



Con la Csaba ho un rapporto di amore-odio. 
Essendo come oramai ben sapete, una donna superficiale, non posso non adorare tutto ciò che ruota intorno a lei e questa è la parte “amore”.
A partire dalla sua eleganza , dalle sue mises en place, dai suoi gusti , dalle sue paranoie cromatiche, le sue locations.
Una cosa che però non reggo è il modo di raccontare le ricette "dandoti del tu" : "accendi il forno...sforna la torta...appoggia la ciotola su un piano...": questo proprio mi dà fastidio...ma io son difficile !
Quando sfoglio i suoi libri, ebbene si , ne ho acquistati più di uno, mi perdo tra le foto bellissime , l’impaginato raffinato (anche se non particolarmente innovativo o originale) , le sue parole e i suoi testi costruiti in modo sapiente  che fungono tra trait d’union tra il suo mondo e …la nostre triste realtà.

Ed è qui che inizia a crescere la parte “odio”: non è possibile che lei viva davvero così!!! Non ci credo! E allora cosa ho fatto??? Mi sono messa a seguirla. Ebbene si,  faccio la stalker …su instagram !!!
Ed ecco che trovo foto di mobili e piatti da urlo!!! Foto  di recite dei bambini, foto di piatti, foto di famiglia …insomma storie di  vita normale.
Se non sapessi che le foto sono davvero sue ,sarebbe , né più né meno, una di noi che su instagram mette la foto del piatto della cena fra amici, del locale carino in cui è andata, della bicicletta, del gatto…

Lei è bravissima a creare scenografie anche per un riso bollito che lei eleva chiamandolo con un nuovo nome , da lei coniato, ci abbina una simpatica storiella di vita vissuta tra maneggi e ville d’epoca , impiatta in porcellane finissime e posate d’argento e….bon apetit!
Il tutto si trasforma in : foto- libri- articoli- collaborazioni con riviste balsonés- tv-blog- siti…in una parola sola : successo!

Che sia , sotto sotto, l’elogio alla semplicità ?
Che sia questo  il messaggio: preparati un panino ma usa un piattino prezioso , un pizzo d’epoca , magari della tua nonna, come tovaglietta…un bicchiere di cristallo anche solo per versarci dell’acqua … cerca di volerti bene anche se ti prepari una pasta al burro.

Se è così, la penso esattamente come lei …certo la vedo più come stylist che come food writer e come “cuoca” portavoce della  prestigiosa scuola del  Cordon Bleu (di cui mi sono iscritta alla newsletter sapendo perfettamente che mai potrei permettermi di frequentare un corso ma...sapete com'è, noblesse obblige!).

E finalmente veniamo alla ricetta che ho provato :la sua  torta al cioccolato senza farina è davvero favolosa !
Si fa velocemente,è super scenica ed è buonissima.
Deve piacere il cioccolato ovvio, perché questa torta è cioccolatosissima, sapevatelo!
La Csaba la presenta decorata e accompagnata da lamponi e panna ma la sottoscritta si è accorta all’ultimo che non aveva preso i lamponi!
Quindi il super di domenica offriva solo ribes…rosso è rosso,  quindi il tocco di colore  pro foto c’era… (l’ho detto che son superficiale e un po’ “Csaba inside”)
La panna è un di più e quindi io non l’ho fatta e presentata perché  per me, avrebbe appesantito  il gusto. La torta è ottima così, se proprio ci volete mettere insieme qualcosa mi permetto di consigliare più un gelato alla vaniglia o alla fragola o alla menta per rinfrescare questo dolce che non è propriamente “leggiadro”… 

TORTA AL CIOCCOLATO SENZA FARINA
ingredienti per una torta da 8-10 persone

200 gr cioccolato fondente ( 70% cacao)
125 gr di burro
3 uova
100 gr di zucchero
50 gr cacao amaro
burro per imburrare la teglia
cacao per servire
200 ml panna liquida fresca (che non ho usato)
1 cestino di lamponi (che non avevo: sostituito con ribes rosso)
1 cucchiaio di zucchero a velo

Accendere il forno a 180° e imburrare uno stampo tondo a cerniera da 20 cm di diametro.
Spezzettare il cioccolato e farlo fondere a bagno maria insieme al burro.
Nel frattempo mettere le uova in una ciotola con lo zucchero e montarle fino a quando saranno belle gonfie e spumose.
Versare il cioccolato fuso con il burro nelle uova, mescolando delicatemente con una spatola poi setacciare poco a poco il cacao incorporandolo bene.
Quando il composto è ben amalgamato, versarlo nella teglia e infornare . Cuocere per circa 25 minuti.
Togliere la torta da forno e far raffreddare qualche minuto nello stampo, poi aprire la cerniera e trasferire la torta su di una griglia ma senza spostarla dalla base dello stampo. Mettere sul piatto da portata solo quando sarà completamente fredda .
Servire spolverizzando con cacao .
Tagliare la torta a fette e servirla con lamponi spolverizzati di zucchero a velo accompagnata con panna montata

Note : 
Attenzione ad attenervi ai tempi di raffreddamento indicati…io per la fretta l’ho sformata prima e mi si è rotta e crepata! Poco male, la spolverata di cacao ha coperto un po’ il danno regalandole un aspetto più vissuto …un rametto di ribes posizionato ad hoc ha permesso di nascondere il piccolo guaio…
Quindi che dire? Per me la Csaba è promossa .
La ricetta è chiara, corretta. Le dosi sono perfette così come il diametro della tortiera che vi regalerà una torta un po’ più alta di quella della foto…

Adesso pubblicherò la mia foto su instagram : non metto mai gli hashtag ma questa volta lo farò : ci metterò il suo nome…….vuoi mai che proprio lei in persona, incuriosita,  voglia  iniziare a …stalkerare me!!!

45 commenti:

  1. sulla Csaba sai che la penso esattamente come te...quel libro ce l'ho e voglio, anzi DEVO provare la torta....ti è venuta una meraviglia!
    Baci tesoro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so ! Questa è una torta semplice ma ammetto spiegata bene...a presto !!!

      Elimina
  2. A me quel suo parlare piano mi dà sui nervi, quel fare lento mi fa venire sonno però ammetto che sa creare l'atmosfera. Non ho mai comprato un suo libro. Infatti seguo lo starbokks con attenzione. Questa torta mi piace ma del resto con il cioccolato la via si fa semplice.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici bene : con il cioccolato la via si fa facile.....però obiettiva ente questa ricetta è riuscita e gli ingredienti sono ben dosati...è già qualcosa.... :-)

      Elimina
  3. tralasciando l'antipatia che mi irrita dopo solo 2 secondi, questa torta non mi sembra valga i 30 euro di libro è una semplice torta al cioccolato senza farina come ce ne sono migliaia in giro, bha :-/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse hai ragione ma ci sono tanti libri che contengono ricette tutto sommato banali ma che ci piacciono ! Ho vari libri di dolci fatti in casa di una semplicità disarmante eppure sono i libri che amo di più!!! Certo questo libro ha un' allure pretenziosa che potrebbe disturbare....ma questa ricetta che ho provato ê semplice e di effetto e secondo me sono caratteristiche da non sottovalutare ....

      Elimina
  4. Ciao a tutte!
    Noto con piacere di non essere la sola a considerare Csaba un po' come la protagonista della Famiglia Felice del Mulino Bianco... Anch'io ho qualche suo libro e a volte la seguo in tv, con quell'amore-odio tipico di chi vorrebbe essere come lei, ma non lo sarà mai... Però ce la metto tutta, con il risultato di essere me stessa con quell'accento tipico che mi piace tanto.
    Buona giornata e...siccome ho fatto il fioretto quaresimale di non mangiare cioccolato fino a Pasqua, la torta della Robi la farò...dopo il 20!
    BUONA GIORNATA!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. marinella che bello ritrovarti qui! è un onore e ti ringrazio! nonostante i preconcetti sulla csaba. la torta è da provare , credimi! mi dirai poi come sarà andata...magari di persona! un abbraccio

      Elimina
  5. Beh, ad una torta cioccolatosa e ben riuscita non si dice mai di no! :D

    RispondiElimina
  6. Csaba è un'ottima manager di se stessa oltre che essere un'esperta di marketing: è riuscita con semplicità ed eleganza a volgere il suo cooking show in qualcosa stile
    "british and country", che cattura sempre l'interesse.
    La torta mi sembra ottima e semplice, ma con il pizzo della bisnonna e la forchettina d'argento, la puoi porgere ad una duchessa (noblesse oblige)!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esattamente : una riuscita operazione di marketing che incanta. innegabile il suo gusto ...che poi la signora risulti antipatica ci sta, anche per i motivi che ho espresso sopra ...forse vorremmo essere un pochino come lei :-) ....la torta comunque merita pur nella sua semplicità!

      Elimina
  7. Roby, mi hai stesa col commento al suo modo di scrivere! Anche a me non piace che il libro mi dia "del tu", mi fa sentire scema!
    Questa torta cioccolatosa è da sballo, mi ci tufferei!!!!!! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero che dà fastidio???? a me proprio tanto!!! :-) torta da sballo : confermo! :-)

      Elimina
  8. Mi accodo all'Araba, se è al cioccolato, morbida e riuscita non rinuncio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a chi lo dici cara paola! mi associo anch'io !!! :-)

      Elimina
  9. Il modo di scrivere la ricetta dandomi del tu ha infastidito parecchio anche me. Nel mio post di ieri mi sono limitata a scrivere "Copio la ricetta pari pari, così come Csaba l'ha scritta" ed evitando ulteriori commenti, perché se no sembrava che ce l'avessi con lei; mi fa piacere constatare di non essere l'unica.

    Per il resto, che dire? Qualunque cosa, anche un riso in bianco, se impiattato nella porcellana di Limoges e chiamato Riz au naturel suona meglio di quello che è... ma sempre riso in bianco rimane! Ricordo una volta, quand'ero all'università: i genitori di un'amica andavano via per 15 giorni ma non volevano lasciarla sola in casa, così sono stata invitata a stare da lei per il periodo. Studiavamo, quindi non avevamo il tempo di cucinare un granché, ma ci eravamo divertite a dare nomi francesi al nostro riso in bianco e zucchine lesse (courgettes à la casanière ^_^), per darci l'illusione di aver cucinato e mangiato chissà cosa. Però noi eravamo consapevoli di questo e lo raccontavamo con ironia ai compagni di università, mentre Csaba vuole farcelo credere veramente (e sono certa che lei è la prima a non crederci) e ci intorta quattro fesserie come roba di classe, ambientandole tra pizzi antichi e preziose porcellane. Se qualcuno vuole crederci (e pagare 30 euro a libro per farlo) è liberissimo, per carità.

    Però io mi accodo ad Anna Rita e Silvia: il cioccolato acchiappa sempre e la ricetta non è niente di speciale: se ne trovano a centinaia in rete, in tutto e per tutto analoghe a questa, e molto meglio che Bon Marché, visto che possono essere scaricate gratuitamente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) d'ora in poi darò a tutti del voi !!! c'est très chic!!!! ah ah ah...sulla semplicità della ricetta e sul fatto che se ne trovino mille in rete ti dò ragione ma questo ragionamento potrebbe valere per tante altre ricette che abbiamo testato...sul fatto che non sia speciale ti direi di provarla ....credimi, è goduriosa!!! :-) mannaggia a lei!!! :-)

      Elimina
  10. Csaba.. Csaba!!!
    Se è vero che la televisione è finzione, è altrettanto vero che la lente di ingrandimento del "tubo catodico" ti mette a nudo e fa passare quello che sei davvero, al di là di quanto impegno ci sia nel mascherarlo; questo esclude ovviamente film e fiction dove è chiaro che c'è un lavoro di recitazione dietro.
    Di sicuro parliamo di una donna fortunata, se leggete la biografia di Csaba, vi rendete conto che ha avuto i mezzi per apprezzare le cose belle del modo e siccome credo che spesso, il senso estetico e il gusto vanno educati, lei ha avuto modo di farlo da sempre e impreziosire una ricetta semplice con piatti pregiati o un gusto particolare, gli viene naturale.
    Naturalezza che però, perdonatemi, lei non ha soprattutto in tv.
    Credo sia per questo, che usa il "tu" nei libri, per colmare una distanza con l'interlocutore che non saprebbe come colmare altrimenti.
    Sia chiaro, scrivo per quello che vedo, nulla contro la persona, ma contro un modo di fare che a me, non garba, ma le auguro mille successi.. se piace ci sarà un perchè?!
    Tornando alla tua bellissima torta, che oltre a essere bella d'essere una vera goduria..
    A presto..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la naturalezza non è certo una dote della csaba. sembra finta e costruita per questo ...mi incuriosisce: ma sarà davvero così???? non mette a proprio agio ed è troppo affettata , troppo presa di sè e del suo gusto innato ...però...dato che una torta di cioccolato ho fatto e questa ho esaminato devo dire che è davvero buona, facile e d'effetto...in perfetto csaba style!!! :-)

      Elimina
    2. Sul fatto che fosse buona e d'effetto.. Non ho dubbi!
      Magari è un genio della cucina Csaba e non solo una con gusto e una bella squadra di marketing dietro, chissà ??? ;D

      Elimina
    3. genio ...è una parola grossa!!!! ;-)

      Elimina
  11. io sono una passionaria della Csaba...
    la trovo semplicemente meravigliosa...
    la torta me la mangerei volentieri anche subitamente :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. tante la adorano ma sono convinta che son ben di più di quelle che appaiono....
      :-) tu sei simpaticamente sicura e coraggiosa nel ammettere di essere una passionaria :-) ,...la torta è da mangiare subitamente senza troppi pensieri sulla csaba.....ne parleremo dopo la prima fetta .......

      Elimina
  12. E insomma sai su Csaba la penso quasi come te, con l'aggiunta che tra manicaretti e pizzi riesce pure ad essere di un magro impressionante davvero niente a che vedere con noi comuni mortali

    RispondiElimina
    Risposte
    1. già ...e questo è un altro punto a suo sfavore : mangia e non ingrassa!!! odio!!! :-) dice nel libro, che questa torta a casa sua non resiste nemmeno 24 ore...ma sarà davvero lei a mangiarla??? :-)

      Elimina
  13. questa torta, molto diffusa in Emilia come "torta cioccolatino" crepa sempre. La Csaba è brava a nascondere le magagne

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco adesso io sono più felice!!! grazie!!! io infatti l'ho "crepata" ma credo perchè non ho rispettato i tempi di raffreddamento...devo dire che, creapata o meno, è stata spazzolata via...:-) ...sarà per tutto lo charme che emanava??? :-)

      Elimina
  14. Sono daccordo con la Roby. Negli anni ho avuto occasione di incontrare persone come Csaba, che--anche senza avere un TV show e pubblicare libri-- erano e sono in grado di rendere elegante anche un semplice riso in bianco. E' un talento, che come tutti i talenti, alcuni hanno e altri no. Quindi non credo che sia impossibile, ne' sono convinta che sia necessariamente "finto" solo perche' io non ne sarei onestamente capace di fare come loro e non mi suscita una reazione negativa. Ammiro chi e' in grado di farlo, cosi' come ammiro chi ha talento in matematica, sa ballare, o ho ha il naso piccolo e carino (tutte cose che io, innegabilmente, non ho). Detto cio', essendo una ragazza di campagna, per temperamento prima ancora che dal punto di vista logistico preferisco uno stile diverso, piu' rilassato, diciamo. In mano mia una burriera di argento sarebbe "fuori posto". Sono contenta di non vivere in un monolocale a Manhattan, ma in una casa di legno nelle foreste del New England, dove il vicino di casa piu' vicino e' a tre miglia di distanza, e non posso dimenticarmi i croccantini del gatto sul patio, perche' attrae gli orsi--e dico sul serio. Quindi e' poco probabile che vada a fare un picnic nelle vicinanze indossando un abitino leggero e i sandaletti col tacco, piuttosto quando esco di solito ho gli stivali di gomma mimetici. Pero' mi incuriosiscono i vari stili di vita, cosi' diversi dal mio. To each his own, a ciascuno il suo. :)

    --Ann

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cara Ann ma vogliamo parlare degli stivali mimetici??? ma quanto mi sei trendy!!! altro che csaba!!! :-) a parte questo...è vero che la csaba incarna un'ideale di donna assurdo e finto e credo che poche si ritrovino in lei piuttosto risveglia qualche piccolo "fastidio" (odio, per me) assopito ...vedi la linea, il look imnpeccabile, oggetti ed oggettini perfetti, ricette che sonoin realtà non-ricette molte delle quali sono di una semplicità imbarazzante ma ...possono riuscire senza problemi facendoci sentire un pò "csabe" anche noi....vedi la mia easy torta al cioccolato !!! :-) : non può non riuscire!!!

      Elimina
  15. La torta è riuscita ed è buona, ed è questo quello che noi cerchiamo di verificare sul campo ;) Che poi col cioccolato la vita sia più semplice è vero, ma questo discorso si potrebbe estendere a tante altre ricette che si trovano sui libri. Quello che non mi convince, è che da un libro io mi aspetto qualcosa in più.. un po' di personalizzazione, ad esempio. Va bene la torta al cioccolato senza farina, ma uno sforzo in più da parte dell'autrice sarebbe stato gradito ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. carisisma ale ma lo "sforzo" per la csaba è...la mise en place, il tono affettato, i colori, gli abbinamenti, gli oggetti...questo è il plus dei suoi libri, è questo che i suoi lettori vogliono trovare. le ricette riescono? tanto meglio ! non riescono? qui s'en fout !
      anche in libri blasonatissimi troviamo ricette semplicissime e va benissimo così, nessuna si sognerebbe di criticare la banalità o la velocità di un piatto di un qualsiasi food writer del gotha (trad.: di quelli che ci piacciono!) . in quel caso ci basta il nome dell'autore a far da garanzia. qui deve bastare il look , l'immagine, la cura per il dettaglio cromatico...dopotutto ci sono libri e...libri :-)

      Elimina
    2. Lo sforzo in più, mi sarebbe piaciuto ai fornelli... Ma questo è solo il mio pensiero ;)
      Non c'è dubbio che i suoi allestimenti siano molto belli e chic, ma per questo non serve un libro di cucina!

      Elimina
    3. già serve un libro di style life!!! :-)

      Elimina
    4. Io aspetto il tuo sull'argomento :)))

      Elimina
  16. Ammetto il mio non-amore per la Csaba, forse perché lei trasuda charme da tutti i pori a differenza mia. Per carità, ognuno ha il proprio modo di fare, e solo perché una è un'esperta di bon ton e buone maniere, che sa esattamente dove mettere il piattino del burro a tavola e conosce tutte le regole del galateo, non deve per forza essere messa alla gogna. Certo, un po' più di simpatia l'aiuterebbe.
    Comunque, anche a lei piace vincere facile. Una torta al cioccolato conquista le simpatie di tutti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. giustissimo! ma se pensi che per lei il "vincere facile" sia una torta al cioccolato, ti consiglio di seguire anche le prossime ricette, potresti ricrederti sulla "vincita facile" ;-)....

      Elimina
    2. Sono proprio curiosa! :D
      Guarda te se alla fine mi toccherà comprare pure il libro di Csaba -.-'

      Elimina
  17. Sul "coccoliamoci anche per mangiare un piatto di pasta al burro e bere acqua fresca" sono perfettamente d'accordo: fa piacere a tutti regalarsi qualche attenzione. La torta sembra ottima, l'hai presentata al meglio e ... il suo "tu" non ci toccherà, assaggiandola!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carta cara Dani: il cioccolato é una coccola alla quale è difficile rinunciare !!!:-)

      Elimina
  18. ahahah Roby, come le racconti tu le cose nessuno :)
    Secondo me il problema della Csaba (che è poi è il motivo per cui mi sta antipatica) è che manca di sostanza. Vuole propinarci una bellezza fine a se stessa perchè nei suoi bei piattini, dietro alle sue mises en place e dentro alle sue teiere d'argento alla fine c'è ben poco. Che poi è la stessa cosa che dici tu quando osservi che la vedresti meglio come stylist che come food writer. E' quello secondo me il suo problema, il fatto di voler passare per qualcosa che non è. Tu comunque bravissima :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non voglio togliere i meriti che la csaba secondo me ha....giudicando questa ricetta devo dire che è davvero buona, spiegata bene e le dosi sono perfette....e comunque riconfermo che più che " chef" la vedo come stylist senza ombra di dubbio !!! Anche se , come ho scritto, trasforma una pasta in bianco in un piatto gourmand e non è proprio da tutti!! Ci sono donne che cucinano benissimo ma sbattono nel piatto le prelibatezze e fan passar la voglia !!! No??? :-) ma io son donna superficiale....l

      Elimina
  19. Con il cioccolato si va sul sicuro ed una tortina del genere male non fa di certo. Però concordo col fatto che un pelino di originalità in più nella scelta delle ricette da proporre non avrebbe guastato di certo...Noto sempre più insistenti somiglianze con il libro della Khoo...e so che il meglio deve ancora venire! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io come forse sai sono una delle poche che un po' la khoo l avevo difesa. Le ricette che avevo fatto erano perfette...la banalità nelle ricette non si trova solo su questo libro....ce ne sono a migliaia ! In questo caso ci si aspettava qualcosa di più proprio per l allure che circonda l autrice....:-)

      Elimina