mercoledì 10 ottobre 2018

THE CONTROVERSIAL PEA GUACAMOLE




Sta tutto nel titolo.
Eh si, perchè questo non è un guacamole classico secondo i sacri testi.
E' una variazione sul tema.
Nemmeno tanto stramba o coraggiosa, onestamente.
Eppure, dice l'autrice che a sua volta ha preso la ricetta da Ian Coogan, chef di un noto ristorante di New York, quando la pubblicò per la prima volta sul New York Times si scatenò un putiferio.
Tutti i puristi del guacamole, che evidentemente sono tanti, le si rivoltarono contro.
Il mondo di Twitter fu invaso da migliaia di tweet di condanna, e ben pochi di approvazione.
Sia chiaro, non che lo avessero assaggiato: ma era l'idea dei piselli aggiunti all'avocado che evidentemente ha scioccato il sentire comune sull'argomento.
E se ci aggiungiamo che persino l'allora presidente Obama ed il suo avversario politico Jeb Bush (Melissa Clark, una signora, non lo dice, ma ve lo dico io: Jeb Bush ai tempi raccoglieva fondi per la sua campagna elettorale e prese la palla al balzo, dopo il famoso tweet, per vendere guacamole, a suo dire fatto con la ricetta perfetta, sul suo sito...),  per una volta d'accordo su un argomento, ci misero del loro si capisce quale sia stata la portata della cosa.
Sono nati, udite udite, gruppi di assaggio.
Chi promuove, chi boccia.
Che poi volendo essere puntigliosi, l'hummus, per fare un esempio, nasce come fatto con i ceci.
Perchè hummus, in arabo, vuol dire proprio cece.
Poi ovunque è un fiorire di creme simili a base della qualunque, e non ho visto alzarsi stendardi e spade in difesa dell'originale.
Insomma, sono del parere che nel mondo ci sia posto per più di un guacamole.
O no? ;)




THE CONTROVERSIAL PEA GUACAMOLE
per circa due tazze abbondanti

100g circa di piselli sgusciati, freschi o surgelati
2 peperoncini tipo Jalapeno, piccoli
2 cucchiai di coriandolo fresco tritato
3/4 di cucchiaino di sale kosher ( o più)
3 piccoli avocado maturi, sbucciati, privati del nocciolo e schiacciati
2 cipollotti, solo la parte bianca, affettatti più sottile possibile
buccia grattugiata e succo di un lime (o più, se serve)
un cucchiaio di semi di girasole non salati, tostati
sale in fiocchi per servire
spicchi di lime, per servire

- Se si usano piselli freschi, riempire una ciotola con acqua e ghiaccio. In una casseruola portare a bollore dell'acqua salata quindi appena bolle immergervi i piselli per un minuto per mantenerli "al dente". Scolarli e trasferirli immediatamente nella ciotola di acqua ghiacciata.
Se si usano piselli surgelati saltare questo passaggio.

- Accendere il grill del forno alla massima potenza. Mettere uno dei peperonicini in una piccola teglia adatta alla cottura col grill ed arrostirlo, girandolo ogni tanto, finchè sarà bene abbrustolito, circa 2 o 3 minuti. Trasferirlo in una ciotola, coprirla con della pellicola trasparente da cucina e lasciar riposare un quarto d'ora.
Quando sarà possibile maneggiarlo rimuovere la pelle bruciacchiata usando uno strofinaccio, quindi tagliarlo a metà, eliminare i semi e le membrane interne.
Tagliare a metà e rimuovere i semi e le membrane anche all'altro peperoncino, quindi tritarlo.

- Mettere i piselli nel robot da cucina, tenendone da parte due cucchiaiate per la guarnizione finale, ed aggiungere il peperoncino crudo, quello arrostito, il coriandolo e un quarto di cucchiaino di sale.
Frullare finchè il tutto sarà amalgamato ma con ancora qualche pezzetto visibile.

- In una ciotola media amalgamare la polpa di avocado schiacchiata, i cipollotti tritati, il succo e la buccia di lime, mezzo cucchiaino di sale e il mix di piselli.
Assaggiare ed aggiungere più sale e succo di lime, se serve.
Guarnire il guacamole con i piselli lasciati da parte, i semi di girasole tostati, del sale in fiocchi e qualche spicchio di lime.

NOTE

- ricetta semplice e rapida, non presenta alcuna difficoltà pratica. La presenza dei piselli addolcisce il tutto ed a gusto personale, come indicato, ho aggiunto più sale e succo di lime di quanto scritto.
Il coriandolo in casa mia è entrato una sola volta, e volato fuori alla velocità della luce. Da allora viene sempre ed immancabilmente sostituito con il prezzemolo, e qui non si è fatta eccezione.

- l'aggiunta dei piselli fa si anche che la preparazione rimanga di un verde brillante ben più a lungo che con l'avocado e basta.

- se sia buono o meno? E' buonissimo, tenendo a mente che non è il guacamole classico: il mio augusto consorte ha detto che è cento volte meglio, altri dissentivano, altri ancora erano d'accordo.
La controversia è arrivata anche in Medio Oriente, ma devo dire che la maggior parte di chi l'ha assaggiato l'ha trovata una gradevolissima variante dell'originale.
Quindi non solo per il sapore ma in difesa di tutte le variazioni sui temi,  la ricetta è

orgogliosamente 
PROMOSSA

23 commenti:

  1. Stefi, mentre leggevo pensavo proprio all'hummus! Ormai ci sono hummus di tutto, pure senza legumi. Basta che sia una purea con un'ombra di tahini (o anche no) e viene chiamato hummus. A quanto pare il guacamole ha un peso politico maggiore... XD
    Detto questo, da grandissima amante e consumatrice di guacamole, questo lo assaggerei più che volentieri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma infatti!!! ma in barba a tutti questo è veramente buono. Grazie!

      Elimina
  2. La seconda parte del tuo post l'ho scritta stamattina, ed è l'introduzione alla ricetta che pubblicherò venerdi. Ci aggiungo il link a questo guacamole e sembrano davvero scritti di seguito, per dire a volte la sintonia quanti scherzi che gioca.
    Sul guacamole, come sull'hummus, resto una purista. Avevo provato anni fa quello di broccoli di Nigella, proprio per lo Starbooks, solo per chiedermi "perchè" :) Ho una passione viscerale perl'avocado, da quando vivo qui mi stupisco di non svegliarmi con la testa a pera e il nocciolo al posto del naso da tanti ne mangio e trovo che in questa salsa dia il meglio di sè. Nello stesso tempo, da quando vivo qui, variare è la regola, anche perchè queste salsette sono l'immancabile complemento di ogni ricevimento a casa, colazione compresa (anzi, soprattutto colazione). Adoro l'hummus di ceci, ma lo faccio di tutti i colori, metto ravanelli e daikon nello tzatziki, faccio pure il pesto con le fave.. cosa saranno mai due piselli nel guacamole, I mean :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come dico sempre sono purista con eccezioni: credo sia il grande regalo derivante dall'aver vissuto a tante latitudini diverse.
      Ecco, però mi rendo conto che sono veramente talebana sullo Tsatziki: quello deve essere come gli dei comandano :)

      Elimina
  3. L'insurrezione per il guacamole mi sembra: "Una cagata pazzesca" Fantozzi docet... vabbè io non mi pongo il problema, ben vengano i piselli, ma vade retro al coriandolo ✋ che a casa mia non c'è mai entrato neanche per sbaglio...🤢🤢
    Il peperoncino abbrustolito è un valore aggiunto oppure passa inosservato? perchè altrimenti...😜 capisci a mè??? 🤭
    Bella anche questa ricetta, Grazie Stefania 😍🙏💖

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' assolutamente un valore aggiunto, resta un gusto leggermente affumicato che rende la preparazione più interessante. Grazie!

      Elimina
  4. Post bellissimo, complimenti Stefi!!
    Pure io odio il coriandolo, ma credo che per questa ricetta farei un'eccezione. E sai una cosa? Vorrei proprio provarla.
    Io rimango una purista sull'hummus (posto che anche Ottolenghi in Jerusalem intitola il capitolo su questo dip "Hummus Wars"), il guacamole l'ho assaggiato anni fa e mi era piaciuto ma non ho grandi ricordi in merito, quindi diciamo che sono più aperta. :-)
    E insomma, tutta questa spataffiata per dire che questo pea guacamole lo vorrei provare, ecco. Con coriandolo o con prezzemolo, dipende da quello che trovo. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo bene cosa scrive Ottolenghi a riguardo...quanto al resto, guarda, il coriandolo mi fa sempre pensare a qualcosa andato a male: non ce la faccio!

      Elimina
  5. Ciao Omonima ^_^
    Forse sono l'unica persona al mondo che non ha mai assaggiato il guacamole, dovrò mettermi in pari con voi mortali, che dici?
    Ma...2 Jalapeno? Non si "bruciano" le papille con così tanta piccantezza??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! No, quello abbrustolito ne perde parecchia, e soprattutto da entrambi sono eliminati semi e filamenti. Non era assolutamente troppo piccante :)

      Elimina
  6. Mi piacciono le controversie. Fanno più animata la vita. E questo piatto ne è la conferma. Brava Stefi, come sempre, chiara e divertente. E poi mi piace la presenza discreta dell'augusto consorte nelle note... Confesso di avere uno shock con il coriandolo. Quando ho abitato in Russia, l'ho scambiato un giorno con prezzemolo e ho quasi vomitato la vita preterita.... hahahahahaha Perciò a casa mia, vola dalla finestra non appena arriva l'odore... ciaoooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle sui piatti poi non fanno male a nessuno almeno! Non con una reazione come la tua ma all'odore da lontanissimo già bisogna che mi tappi il naso: al supermercato dove vado sempre è venduto vicino al prezzemolo, uno a fianco all'altro. Ebbene, quando mi serve quest'ultimo vado di corsa, acchiappo il mazzetto al volo senza nemmeno fermarmi, ovviamente in apnea!

      Elimina
  7. Io mi chiedo che cosa possa pensare una persona che non ha mai assaggiato un guacamole tradizionale e si trovi per la prima volta ad assaggiare questo. E lo trovi fantastico tanto da credere che non ci sia cosa più buona al mondo, per poi scoprire che, ahinoi, la ricetta è un bluff, un tradimento al sacro scopo dell'avocado....quando potrebbe fregargliene? Insomma, come sempre, sia quando si parla o quando si mangia, ci fossero d'obbligo quei 10 minuti di ragionamento senza pregiudizi, prima di esporsi al ridicolo, si vivrebbe decisamente meglio.
    E comunque, io mi espongo nei confronti del maledetto cilantro: perché dobbiamo coprire il sapore dei piatti con l'odore di cane bagnato?
    Bellissimo post Stefania e per dispetto, questo guacamole lo faccio anche io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi chiedo anche io: ma che mai ci si troverà di edificante nel diventar paladini di battaglie che onestamente lasciano il tempo che trovano. Beati, dico io, che si vede hanno poco altro a cui pensare...sul resto sai come la penso. Grazie!

      Elimina
  8. Penso a quante cose sono state “create” cambiando un elemento, o per “errore”... Senza questi cambiamenti ci saremmo persi tanto, troppo, e non parlo solo di cucina!
    Amo il guacamole, e proverò questa variante, perché sono sicura che incontrerà i gusti di tanti amici e familiari.
    Grazie, Stefi! Leggere i tuoi post è sempre un arricchimento 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, e soprattutto non si ruba nulla a nessuno provando una variante...al massimo piacerà meno. Ma c'è il rischio che piaccia anche di più :D grazie!

      Elimina
  9. Ho giusto un avocado a casa che da qualche giorno mi sta guardando e mi chiede:cosa vuoi fare di me????
    😉☺️trovata la soluzione !!

    RispondiElimina
  10. Uhm devo dire che, da grande consumatrice di guacamole classico, mi ispira un sacco questa ricetta!
    Davvero non capisco le persone che fanno polemica per niente - insomma - se c'è un piatto buono in più al mondo, che male c'è? Meglio per tutti, no? :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono con te! Ma evidentemente non tutti la pensano così, o magari godono nel fare inutili polemiche :)

      Elimina
  11. Quanto è bello leggere i tuoi post! Oltretutto mi hai incuriosita. Ora apro un gruppo di assaggio pure io ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sonia, e facci sapere il responso del gruppo di assaggio :D

      Elimina
  12. Promossa a pieni voti, il bello di molte ricette sono proprio le modifiche

    RispondiElimina