domenica 14 ottobre 2018

PIE DI PATATE (A FETTE) CON PORRI E PROSCIUTTO DI PRAGA PER STARBOOKS REDONE DI OTTOBRE 2018




Riceviamo e pubblichiamo il contributo di Giulia, lettrice senza blog che ha già vinto uno Starbooks Redone, per quello del mese in corso :)


Cercando una torta salata da fare quelle degli Hairy Bikers mi attirano tutte…. Questa è la prima che provo, ma le altre aspettano il loro turno…
In corsivo e in fondo le mie note.


PIE DI PATATE (A FETTE) CON PORRI E PROSCIUTTO DI PRAGA
Da: Hairy Bikers – Perfect Pies – Widenfeld &Nicolson

Per una pie da 6 porzioni
(Teglia da pie da 25 cm di diametro con fondo amovibile)
Per il ripieno
1 kg di patate farinose (vecchie)
25 g di burro
1 porro di medie dimensioni, pulito e tagliato a rondelle sottili (per me 2 porri un po’ più piccoli)
150 g di prosciutto di Praga in una sola fetta alta circa 1,5 cm (¶)
300 g di double cream (non trovandola io ho usato una normale panna fresca)
noce moscata grattata al momento
sale marino
pepe di mulinello
Per la pasta
250 g di farina (per me 170 g di farina tipo 2 e 80 g di farina 0)
150 g di burro freddo tagliato a cubetti
1 grosso uovo sbattuto
altra farina per la spianatoia
Prima di tutto preparare il ripieno. Pelare e tagliare le patate a fette alte circa 5 mm (io 3 mm, usando la mandolina ) e gettarle in una pentola piena di acqua a bollore. Far cuocere 3 minuti di orologio da quando riprende il bollore, quindi scolarle e lasciarle sotto l'acqua corrente finché non sono ben fredde. Scolarle bene.
Nel frattempo sciogliere il burro in una padella anti-aderente, e quando è sciolto metterci il porro, che dovrà cuocere a fuoco medio per 5-6 minuti, mescolando spesso, fino a che non è morbido ma non colorato. Aggiungere il prosciutto a dadini, spadellare insieme al porro e quindi togliere dal fuoco e mettere da parte.
Per la pasta, mettere le farine e il burro insieme in un robot da cucina e far andare in modalità pulsata fino a che si riduce a un briciolame fine. Senza spegnere il robot, versarvi l'uovo sbattuto e lasciar andare finché comincia a compattarsi. A quel punto togliere l'impasto dal robot, e fare la palla.
Stendere la pasta ad uno spessore di circa 3 mm sulla spianatoia infarinata quindi foderare la teglia, fondo e bordi, facendola sbordare di circa 4 mm. Completare il guscio pizzicando in giro in giro il bordo dell'impasto fra il pollice e l'indice. Far raffreddare in frigo per mezz'ora.
Mettere in forno una teglia solida (una volta finita di farcire avrà un peso notevole) e accendere a 190 °C.
Mescolare la panna con una generosa grattata di noce moscata e pepe, aggiustare di sale. Non essere troppo parchi, questa pie va ben condita altrimenti con tante patate si rischia che sia insipida. (Confermo, mettete più noce moscata, sale e pepe di quanto fareste normalmente).
Mettere uno strato di patate sulla base di pasta, quindi spargervi sopra un quarto dei porri e prosciutto, quindi un quarto della panna. Continuare con altri tre strati di patate, porri prosciutto e panna.
Cuocere nel forno preriscaldato a 190 °C per 45-55  minuti, finché la pasta non è dorata e le patate ben arrostite. Fare la prova dello stecchino: le patate devono essere morbide ma la crema si deve essere rappresa.
Sfornare e lasciar riposare 10 minuti prima di servirla.
Note personali 

La torta è buona e di semplice realizzazione.
  • Ho prestato particolare attenzione alla cottura delle patate, e le ho lasciate cuocere meno di quanto indicato (avevo paura che si rompessero) ed ho anche salato molto leggermente l’acqua delle patate per evitare che risultassero poi sciape.
  • Non avendo una teglia da pie, ho usato una normale tortiera ma con i bordi a bordi alti.
  • Non ho terminato con uno strato di porri e prosciutto ma con uno di patate per evitare che bruciassero
  • La noce moscata ci sta benissimo: non lesinate!!
  • Personalmente, ho trovato troppa la dose di panna, ed infatti in cottura è fuoriuscita da una crepa nel guscio di pasta, bagnando il fondo della tortiera, ma può essere dipeso dalle patate, magari non hanno assorbito a dovere… a parte questo unico intoppo riscontrato, la ricetta è
PROMOSSA!!!!

Giulia

6 commenti:

  1. Attirano tutte anche me, poi arrivo all'ora di cena che è sempre troppo tardi per realizzarne una, mannaggia. Grazie di nuovo, Giulia!

    RispondiElimina
  2. Proprio buona :)
    Tiepida da il meglio di sè!

    RispondiElimina
  3. che interessante!!! magari la preparo per domani sera... grazie, Giulia!

    RispondiElimina
  4. Non per la dieta, ma per tutto il resto è davvero ok. Deve essere buonissima!!!!!!

    RispondiElimina
  5. Grazie per la partecipazione Giulia! :-)
    Io purtroppo sono la Starbooker cattiva, mi perdonerai se ti chiedo come mai non ti sei attenuta alla ricetta, che è la base fondamentale per partecipare a Starbooks e valutare le ricette.
    Non spieghi come mai hai variato la composizione della pasta usando un mix di farina 2 e farina 0: in una flaky pie crust la farina è fondamentale perché determina l'assorbimento dei liquidi, e infatti la tua crosta è troppo asciutta.
    La quantità di panna inoltre era commisurata allo spessore delle fette di patata: 3 mm sono troppo pochi (e infatti hai dovuto lessarle di meno per evitare di ottenere una specie di purè grossolano) e ovviamente, avendo già assorbito troppa acqua in fase di sbianchitura, non hanno potuto assorbire la panna, che è fuoriuscita.

    Le modifiche alle ricette sono ammesse solo se ben motivate, non devono dipendere dal gusto personale ma da dati oggettivi, e cioè quando ci si rende conto che seguendo alla lettera la ricetta si otterrebbe un epic fail: ti prego di tenerne conto, per le prossime partecipazioni.

    Un abbraccio.

    RispondiElimina