giovedì 26 maggio 2022

SIMON'S QUICK-DIP CROQUETTES



Confesso di non sapere chi fosse il Simon che ha dato il nome alla ricetta, non avendo mai visto la serie! Sicuramente gli piacevano i funghi, ingrediente principale di questa ricetta. 

Nell'epoca Regency, le crocchette erano spesso presenti sulle tavole dell'alta società londinese e venivano servite come piccoli piatti durante la cena.

L'idea di questa preparazione mi è piaciuta subito, visto che amo i funghi e il fritto :)

Simon's Quick-Dip Croquettes

da  "The Unofficial Bridgerton CookBook", Lex Taylor


 Ingredienti per 12 crocchette


450 g di funghi cremini, tagliati in cubetti di 5-6 mm 

4 cucchiai di scalogno, sbucciato e tagliato a dadini

4 cucchiai di burro

2 cucchiai di farina

259ì0 ml di latte intero

1 cucchiaino di pepe nero macinato

olio di canola o di semi di arachidi, per friggere

2 uova grandi

200 g di panko


Cuocere i funghi in un padella media su fuoco basso, per 10 minuti, per eliminare l'acqua.

Unire lo scalogno e il burro e cuocere finché lo scalogno non sarà morbido. Ci vorranno 5 minuti circa.

Unire la farina mescolando, poi unire anche il latte, e mescolare finché non si sarà ispessito, per un minuto circa. Aggiungere il pepe e togliere dal fuoco. Lasciar raffreddare a temperatura ambiente per 30 minuti circa. Trasferire in un contenitore richiudibile e trasferire in frigorifero per un'ora circa, per far rassodare.

In una pentola grande e dal fondo pesante, versare abbastanza olio per coprire le crocchette.

Riscaldare l'olio a 190°C, su fuoco alto. Foderare un piatto grande con dei fogli di carta da cucina.

Mettere le uova in una ciotola piccola e poco profonda. Mettere il panko in un'altra ciotola, piccola e poco profonda. Con il composto di funghi, formare 12 sfere e rotolarle dandogli una forma ovale. 

Passare le crocchette prima nell'uovo poi nel panko. Friggere finché le crocchette non saranno ben dorate, per circa 4-5 minuti. Trasferire sul piatto con la carta da cucina per eliminare l'olio in eccesso., prima di servire.


Note personali

- ricetta semplice e veloce da preparare, a parte i tempi di riposo

- nella ricetta non è menzionato il sale, che io ho aggiunto dopo aver cotto i funghi, pena una ricetta insipida...

- non viene indicato di sbattere leggermente le uova prima di mettere le polpette, altra mancanza

- il panko dona una panatura leggera, croccante e asciutta. Non sostituitelo con il pangrattato, perché il risultato non sarebbe altrettanto buono

Nell'introduzione alla ricetta, c'è scritto che le crocchette possono essere preparate fino ad una settimana in anticipo, e cotte al momento. Non credo che proverò a farlo, perché una settimana mi sembra un po' troppo, a meno che nella ricetta non si intenda la congelazione (ma non c'è scritto).

Nonostante le dimenticanze la ricetta riesce ed il risultato è buono. 

La ricetta è sicuramente:


 PROMOSSA! 

6 commenti:

  1. menomale, un'altra ricetta che funziona da questo libro.... un abbraccio!

    RispondiElimina
  2. Resto stupita dai particolari omessi nella ricetta, dei quali ti sei resa conto.
    Perché io avrei dato per scontato il sale (forse quello no... perché assaggiando...ma poi non so se sarei andata a cercarne l'indicazione in lista).
    Invece è assolutamente certo che non avrei fatto caso all'omissione che riguarda le uova in in vista della panatura.
    Comunque ricettina invernale, simpatica 😊😋

    RispondiElimina
  3. I funghi, il fritto, hai ragione: come resistere!
    E poi sono così belli, allineati pronti per essere mangiati! 😋 VAbbè, ignoriamo le inesattezze e pensiamo alla sostanza. Grazie per aver trovato una perla!
    P.S: E il vassoio! Inganna, sembra di quelli di cartoncino e invece... E' porcellana blasonata? 🤔

    RispondiElimina
  4. Carina, semplice e gustosa: questa si può rifare! Grazie Ale, anche di aver sottolineato le pecche :D

    RispondiElimina
  5. Ricetta sfiziosa, sì. Io purtroppo con i funghi sono molto selettiva: mi piacciono solo quelli saporiti, e quindi porcini, gallinacci, etc., mentre trovo che i cremini o i portobello sappiano di poco, e non li amo affatto. Non so se sacrificherei dei porcini per questa ricetta, magari qualche fungo selvatico sì.
    Grazie Ale!

    RispondiElimina
  6. Leggo ogni post con il brivido di trovare la debacle finale. Invece qui c'è il lieto fine e le crocchette mi piacciono assai così come la semplice preparazione.
    Grazie cara per averle provate!

    RispondiElimina