giovedì 15 aprile 2021

GREEN VEGGIE QUICHE



Anche la terza ricetta che vi proponiamo dal libro del mese è salata! Ma non preoccupatevi, arriveranno anche le ricette dolci :) Intanto, godetevi questa torta perché è buonissima!

La McDowell introduce la ricetta scrivendo che, per lei, la quiche devono avere tre requisiti: una crosta molto croccante, un ripieno cremoso, e molti ingredienti gustosi al suo interno. E in questa torta sono presenti tutte e tre gli elementi indicati. Non per niente, questa quiche è la sua preferita!!!

Io vi dico: scordatevi le torte salate con la base molliccia, perché con questa ricetta siamo ad un altro livello ;)


Queen Veggie Quiche

Ingredienti per uno stampo di 23 cm di diametro

una base di Pie Crust di 23 cm (vedi sotto), cotta in bianco e raffreddata completamente 
112 g di Parmigiano, grattugiato finemente
28 g di burro
170 g di asparagi, basi spuntate e gambi tagliati in pezzi di 2,5 cm
150 g di porro (un porro grande), tagliato a metà sul lato lungo ed affettato finemente
130 g di cipollotti, affettati finemente
58 g di spinaci 
75 g di piselli, freschi o surgelati
340 g di uova grandi (6 uova)
77 g di latte intero
60 g di doppia panna (con circa il 40% di grassi)
2 g di sale khoser 
2 g di pepe nero appena macinato
40 g di Gruyère o Cheddar bianco, grattugiato

Mettere la Pie Crust raffreddata in uno stampo rivestito con carta forno. Cospargere il fondo con la metà del Parmigiano grattugiato, facendo uno strato uniforme.
In una padella ampia, fondere il burro su fuoco medio. Aggiungere gli asparagi e cuocere per 3-4 minuti. Unire il porro e i cipollotti e cuocere ancora finché non saranno appassiti, 1 o 2 minuti. Unire anche gli spinaci, pochi per volta, aspettando che siano appassiti, prima di aggiungere i successivi. Aggiungere i piselli e mescolare. Togliere dal fuoco e lasciar raffreddare completamente.
Preriscaldare il forno a 190°C, posizionando una griglia nel terzo inferiore (possibilmente con una piastra d'acciaio o una pietra sopra). 
Trasferire la verdura nella base cotta, senza schiacciarla ma muovendola un po'.
In una ciotola media, sbattere le uova, il latte, la panna, il sale e il pepe finché non saranno ben amalgamati. Versare gentilmente il mix con le uova sopra le verdure. Cospargere la metà rimanente del Parmigiano e il Gruyère, o Cheddar, in modo uniforme.
Infornare e cuocere per 30-35 minuti, finché la crema non risulterà addensata lungo i bordi, ma ancora tremolante al centro. Se lo desiderate, passare sotto al grill per 1-3 minuti, per rendere la crosta ancora più evidente. Lasciar raffreddare la quiche per almeno 15 minuti prima di tagliarla a fette e servirla calda, oppure lasciarla raffreddare completamente. 

L'autrice propone anche due varianti per il ripieno: una che prevede l'utilizzo dei formaggi al posto delle verdure, e un'altra chiamata BLT, che sta per bacon, lettuce, tomatoes.
La base può essere preparata fino a 24 ore in anticipo, mentre la quiche è migliore se mangiata il giorno stesso in cui viene preparata. Conservare gli avanzi in frigorifero, avvolti in pellicola alimentare.
Le opzioni per la base sono tre; io ho optato per il Golden Cheese Pie Dough . 

Golden Cheese Pie Dough

Questo impasto, una volta cotto, risulterà marrone dorato, più scuro delle pie tradizionali, ed è giusto che sia così. Oltre ad essere ottimo per le torte salate, si sposa bene anche con torte dolci, a cui si desidera dare un tocco salato (ad esempio con la Apple Pie). Sarà molto gustoso se preparato con il metodo della sfoglia grezza.

Ingredienti per una base di 23 cm

150 g di farina
1 g di sale fino
113 g di burro freddo, tagliato in cubetti di 1 cm
113 g di formaggio semi duro, come il Cheddar, il Gruyère, il Manchego o il Parmigiano
60 g di acqua fredda, più altra se necessario
 
In una ciotola media, mescolare la farina e il sale. Aggiungere il burro seguendo il metodo di lavorazione scelto. Tra le diverse possibilità di lavorazione dell'impasto, ho deciso provare il flaky dough, per ottenere una flaky crust
Infarinare i cubetti di burro in modo che siano completamente rivestiti di farina. Lavorare il burro, schiacciandolo con le dita nella farina, in modo da ottenere delle grosse scaglie, che dovranno sempre essere ricoperte dalla farina. Se avete le mani calde, potete utilizzare un tagliapasta. Il burro dovrà essere sempre coperto dalla farina mentre lo lavorate. Dovrete ottenere un composto grossolano, con pezzi grandi come mezza noce circa. Unire anche il Parmigiano.
Creare una fontana nel centro ed iniziare a versare l'acqua fredda, mischiandola con il mix di burro e farina, amalgamando gli ingredienti senza lavorarli troppo, altrimenti il risultato finale sarà un impasto duro una volta cotto. Potrebbe essere necessaria più o meno acqua, a seconda del tipo di farina. Unitene circa 15 g alla volta (un cucchiaio circa) finché il mix non sarà correttamente idratato e combinato abbastanza uniformemente, ma non dovrà essere liscio.
Formare un disco e avvolgere l'impasto nella pellicola alimentare poi far riposare in frigorifero per almeno 30 minuti prima di usarlo. A questo punto la sfoglia si può conservare in frigorifero fino a due giorni, avvolta anche in un foglio di alluminio, o fino ad un mese nel congelatore. Lasciar scongelare in frigorifero prima dell'uso.
La cottura in bianco permette di ottenere una base ben cotta e croccante. La McDowell consiglia di non spennellare i bordi della base con l'uovo, perché si dorerà già nel modo giusto con le cotture previste. Ma se desiderate avere un bordo brillante, potete spennellare i bordi dell'impasto con albume d'uovo prima della cottura.
Stendere l'impasto, bucherellarlo con una forchetta, e rivestire uno stampo per pie di 23 cm di diametro. Tagliare un foglio di carta forno e metterlo sopra l'impasto. Mettere le apposite palline di ceramica per la cottura in bianco, poi trasferire in frigorifero se non si è pronti per la cottura immediata. Infornare a 220°C e cuocere sul ripiano, posizionato nel terzo inferiore del forno, per 15-17 minuti. Sfornare, eliminare i pesi tirando via la carta forno, ed infornare nuovamente per 2-3 minuti. Far raffreddare completamente. 



Note personali

- come nelle ricette dei giorni scorsi, anche per questa pie c'è la possibilità di scegliere quale base utilizzare, sia per il tipo di impasto e la sua lavorazione, che per gli ingredienti. Questa opportunità mi è piaciuta tantissimo: stesso ripieno ma con basi diverse, e viceversa. Non ci si annoia!

- la ricetta è ben spiegata e non complicata. Se preparerete e cuocerete la base la sera precedente, il giorno dopo vi rimarrà poco da fare. Io ho fatto così, e la base si è conservata bene senza diventare molle, anzi è rimasta croccante. L'autrice scrive che, se anche dovesse ammorbidirsi un po', il nuovo passaggio in forno rimetterà tutto a posto

- sale kosher non ne avevo (e non l'ho mai avuto), ed ho usato quello in fiocchi

- se non trovate la doppia panna, usate tranquillamente quella normale, la quiche sarà comunque buonissima

- ho dovuto prolungare la seconda cottura per quasi 10 minuti, perché il ripieno non era ancora cotto

- lo strato di Parmigiano sulla base prima di aggiungere le verdure, aiuta ad impermeabilizzare il fondo, che rimane croccante, oltre a donare gusto

- temevo che il formaggio dell'impasto, quello sopra la base, e quello finale di Parmigiano e Gruyère, si sarebbe fatto sentire troppo, ma mi sbagliavo è tutto perfettamente in equilibrato. La crosticina che si crea è una cosa che dovete provare! 

- non è prevista l'aggiunta di sale alle verdure, ed ho avuto la tentazione di metterlo (ma non l'ho fatto), perché pensavo che ne avrei sentito la mancanza. Non l'ho sentita per niente. La sapidità dei formaggi ha fatto il suo egregio lavoro.

- mi è piaciuta moltissimo la ricca scelta degli ingredienti del ripieno, che si sentono tutti, senza che ce ne sia uno dominante sugli altri

- questa quiche è veramente buonissima, al di sopra delle mie aspettative, tanto che è entrata nella lista delle mie preferite!!! E c'è qualcuno in famiglia che ne ha mangiato tre porzioni, e si è portato via l'ultima fetta :)))

Come avrete già capito, la ricetta è: 


PROMOSSA CON LODE

11 commenti:

  1. Questa Pie è monumentale!!!! Sono estasiata davanti alla friabilità della crust e all'evidente gustosità del contenuto.
    90 minuti di applausi!!!! Mi state facendo sempre più felice, con queste pie salate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mapi, mi piace la tua definizione, e rende bene l‘idea :) E di questa Pie, me ne sono mangiate due fette, e sarei riuscita a mangiare anche la terza, ma mi sono trattenuta! È una torta ricca, ma non stufa, anzi :)D

      Elimina
  2. La golden cheese crust mi aveva attirato tantissimo e avevo ragione perché deve essere una goduria! Stupenda anche questa quiche, devo rimediare gli asparagi e la faccio subito.
    Grazie Ale :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, è davvero una goduria! E so già che, la tua Pie, sarà bellissima :)
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Non vedo l'ora di avere in mano il libro: tutte queste basi da provare, mi intrigano moltissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti divertirai un sacco, e avrai voglia di provare tutte le ricette, o quasi!

      Elimina
  4. benissimo!!! ho fame! e ho appena preso il caffé del mattino...

    RispondiElimina
  5. È proprio il fatto che ogni ripieno, sia dolce che salato, possa abbinarsi a tante basi e topping
    Diverse fa di questo libro una fonte di ricette pressoché inesauribile! È bellissima questa pie salata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! In questo libro ci sono Pie per soddisfare i gusti di tutti.
      Grazie, Stefi :)

      Elimina
  6. Diciamo che con la Mc dowell condivido il culto per la stessa trinità :9 però, Ale, fattelo dire: realizzazione superba. Bravissima!

    RispondiElimina