mercoledì 10 marzo 2021

PEANUT SOUP

 


C'è nulla di più tipicamente americano del burro di arachidi nell'immaginario collettivo?
Ebbene, le popolazioni africane usavano già le arachidi molto prima di essere ridotte in schiavitù e deportate negli Stati Uniti.
Il legume in questione (ebbene si) sebbene endemico del Sud America fu poi esportato dai Portoghesi e usato moltissimo in Africa, basti pensare a quante preparazioni tipiche le prevedano tra gli ingredienti.
Con la deportazione, gli africani ridotti in schiavitù portarono quindi con sè il bagaglio di conoscenze e ricette che di arachidi facevano uso: zuppe, salse, stufati e addirittura pani!
La zuppa che vedete qui è un primo piatto di lusso,ispirato a quello che l'autrice ha letto su un libro di cucina creola.
Ovviamente in origine la ricetta prevedeva che le arachidi fossero cotte, pelate e lavorate fino ad ottenere una pasta morbida.
E qui ci viene in soccorso il burro di arachidi già pronto: ovviamente naturale e senza zucchero!
Di mio, invece di comprare quello industriale mi sono recata al bellissimo supermarket sotto casa che te lo prepara espresso macinando le arachidi davanti ai tuoi occhi.

 

 

PEANUT SOUP
per 6-8 porzioni

57g di burro
25 g di cipolla tritata
1 cucchiaino di aglio tritato ( circa uno spicchio)
un cucchiaio di farina
240 g di burro di arachidi senza zucchero
un litro di brodo di pollo
250 ml di panna fresca
sale e pepe
salsa piccante (facoltativa)
qualche arachide tostata per la decorazione (facoltative)

 

  In una casseruola di dimensioni medie far sciogliere il burro su fuoco medio finchè sfrigola. Aggiungere la cipolla e l'aglio e far cuocere finchè saranno ammorbiditi ma senza farli scurire, circa 3 minuti. Aggiungere la farina e mescolare velocemente con una frusta per farla amalgamare, quindi unire il burro di arachidi sempre mescolando molto bene.
Quando il tutto sarà liscio ed omogeneo aggiungere il brodo e portare ad un leggero bollore.
Abbassare il fuoco e far cuocere per circa 20 minuti in modo che i sapori si fondano e la zuppa addensi un po', mescolando di tanto in tanto.
Togliere dal fuoco ed aggiungere la panna quindi aggiustare di sale e pepe, unendo anche un po' di salsa piccante se la si usa.
Servire con delle arachidi tostate facendo attenzione a non scaldare la zuppa su fuoco troppo alto dopo aver aggiunto la panna o potrebbe separarsi.

Aggiungo la ricetta del brodo di pollo usato per questa ricetta:

una gallina da 2/3 kg oppure 1.5 kg di ossa di pollo
una cipolla media tagliata in quattro
3 gambi di sedano
3 foglie di alloro
qualche grano di pepe nero
2 rametti di timo fesco o un quarto di cucchiaino di timo secco
3 gambi di prezzemolo

In una pentola molto capiente mettere 5 litri di acqua e la gallina (o le ossa) e la cipolla, i gambi di sedano tagliati a metà ed il resto degli ingredienti.
Portare a bollore su fuoco alto quindi abbassarlo, coprire parzialmente con un coperchio e lasciar cuocere piano per 2 o 3 ore:più lunga sarà la cottura, più intenso risulterà il brodo.
A fine cottura se si usa la gallina intera toglierla e lasciarla da parte, in modo da poter usare la carne.
Filtrare il brodo e metterlo in frigo dopo che si sarà raffreddato.
Quando sarà ben freddo il grasso salirà a galla, toglierlo con un mestolo forato.
Conservarlo ben coperto in frigo per una settimana oppure surgelarlo.


NOTE

- la zuppa è una vera sorpresa! Il sapore del burro di arachidi viene smorzato dal brodo e dalla panna, è ovviamente prevalente ma non stucchevole o pesante. L'insieme è buonissimo e risulta in una zuppa cremosa senza essere troppo densa.

- il brodo di pollo non deve essere necessariamente quello della ricetta ma per amore di autenticità del piatto ho preferito realizzarlo. Un po' diverso negli aromi usati da quello che preparo di solito ma veramente ottimo e profumato.

- il piatto è pronto praticamente in meno di mezz'ora, da quando cominciate a soffriggere cipolla ed aglio al momento di servirlo: di nuovo, un figurone senza troppi sforzi.

- essendo molto ricca non ne serve una porzione gigantesca, quindi dalla ricetta si ottengono tranquillamente 6 porzioni normali o 8 più piccole.

-  in casa arabafelice il metro se una ricetta piaccia è la domanda della sottoscritta all'augusto consorte: si può rifare? Che indica se un piatto può entrare nella normale rotazione di casa o meno.
La risposta, assolutamente affermativa, è stata completata dalla lamentela che poi i piatti non li rifaccio mai, ma c'è sempre qualcosa di nuovo da provare etc. Ovvio che quindi sia 

ASSOLUTAMENTE PROMOSSA
(e invito tutti caldamente a provarla!)




21 commenti:

  1. Questa zuppa è assolutamente pazzesca!!!
    Da provare, assolutamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me una vera novità che vale davvero la pena di condividere!

      Elimina
  2. Aahahaaha! A casa mia uguale! "Ma non puoi rifare qualcosa ogni tanto, devi sempre fare esperimenti?" Però poi non si lamenta... Comunque questa va provata prima di subito. Anche se ti invidio molto il tuo supermarket sotto casa!!
    Grazie Stefi :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un supermarket che ad occhio ti piacerebbe parecchio;) e ‘sti mariti, tutti uguali!

      Elimina
  3. Non ho mai pensato che potesse esistere una zuppa con le arachidi! Da quello che vedo, e da quello che leggo, dev'essere una meraviglia :)))
    Grazie, Stefi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io! E invece merita proprio di essere provata!

      Elimina
  4. Non so perché, ma so per certo che questa zuppa mi piacerebbe da impazzire. Delle arachidi amo tutto, a partire dal profumo. E' una sorta di richiamo ancestrale...non so, mi rimanda alle feste di quando ero piccola.
    In ogni caso, nel breve periodo in cui ho lavorato in una gastronomia della mia città ed avevo carta bianca sulla preparazione dei dolci, c'era un mio fidato collega a cui davo il compito di testare ogni preparazione e sua risposta, quando era entusiasta era: " La poi rifà, garantito al limone!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha, allora anche per questa garantisco al limone 😆

      Elimina
  5. e io ti seguo... e la faró subito... perché, come ti ho detto in altra sede, ho trovato il burro d'arachidi in un mercatino vicino a casa mia!!!! incredibile!!!
    grazie, Stefi!!!!

    RispondiElimina
  6. purtroppo, non potrò mai provarla, né prepararla, né offrirla a chi può avere contatti con la sottoscritta (alle allergie alle arachidi, fa un baffo pure il Covid): ma trovo questa ricetta e questo post molto toccanti. La storia che passa attraverso questo legume è fra le più dolorose dell'umanità e ti ringrazio per aver espresso così bene l'intenzione dell'autrice, che è proprio quella di riportare alla luce questi legami. Il burro d'arachidi fatto al momento completa il quadro di commozione, ovviamente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo bene che non puoi assaggiarla, ed è un vero peccato. E verissimo, una storia dolorosa e pressoché sconosciuta, se non dimenticata...

      Elimina
  7. Che sorpresa! Una zuppa alle arachidi. Che abbia radici storiche così profonde è una sorpresa!
    Non credo di poter trovare burro di arachidi di qualità facilmente. Magari si potrebbe fare partendo dalle arachidi tostate di fresco, come si trovano in vendita alle feste patronali... Quando le rifaranno! Hai per caso la ricetta?!! 😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà basta pressare le arachidi nella apposita macchina (qui ne vendono anche per uso casalingo) o se si dispone di un frullatore molto potente possono essere frullate finché rilasciano il loro olio e diventano una pasta. Ma appunto serve un frullatore veramente buono, che non si fonda durante il processo...altrimenti, sempre benedetto sia lo
      Shopping on line ;)

      Elimina
  8. Nooooo ma sul serio te lo preparano sul momento? che figata pazzesca!!!! io non ho un frullatore figo per farlo e mi tocca comprare quello industriale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si c’è un banco apposta. E puoi farlo ovviamente non solo con le arachidi ma con tutta la frutta secca che vuoi :)

      Elimina
  9. ...anche io mi soffermo sul fatto che lo facciano espresso!E' pazzesco, decisamente avanti!!!
    Come ben sai questa ricetta non è assolutamente per me, ma comuqnue sono piacevolmente colpita dall'unione insolita ma azzeccata degli ingredienti.

    RispondiElimina