mercoledì 14 novembre 2018

SNOWBALLS




Se ieri avete visto una preparazione sontuosa, ricca, e come dicono gli inglesi a bit time consuming.
Oggi dimenticate tutto.
Poteva l'elemento più cialtrone della banda Starbooks non essere attirata dalla ricetta ovvio, che fosse golosissima.
Ma, altrettanto ovvio, che fosse velocissima.
Che sporcasse poco.
Che si presentasse in modo adeguato a a far fare la porca figura di vanpeltiana memoria.
Ebbene, la risposta l'avete già indovinata.
Ieri siete stati in cucina una giornata, oggi vi ci tengo al massimo in due blocchi da dieci minuti.
Poco sforzo, massimo risultato: fanno un figurone nelle scatole dei pensierini natalizi, sui vassoi a complemento di un caffè.
E nessuno, dico nessuno, è riuscito a mangiarne uno solo...
Tranquilli, non vi faccio una testa così raccontandovi per filo e per segno delle origini arabe del marzapane.
Però sono gli arabi ad aver importato dolci di mandorla lavorata con sciroppo di zucchero in Sicilia, dove poi con le dovute elaborazioni sono diventati patrimonio preziosissimo della cultura gastronomica locale.
Addirittura il nome "marzapane" è diretto discendente di una parola araba che in realtà non indicava i dolci in sè ma un contenitore che li conteneva....
Insomma, pare che abbia tutte le scuse per non farmela sfuggire ;)




SNOWBALLS
per 20 pezzi

200g di marzapane (una percentuale di mandorle del 63% sarebbe ottimale, accettabile almeno del 50%)
120g di cioccolato bianco di buona qualità
100g di cocco rapè
colorante alimentare spray glitter argento, facoltativo
un po' di buccia d'arancia grattugiata oppure 2 cucchiai di liquore all'Amaretto, facoltativi


Dividere il marzapane in 20 pezzi, lavorare ogni pezzo ad ottenere una pallina quindi metterle tutte in frigo in modo che siano ben fredde quando verranno ricoperte con il cioccolato.

Temperare il cioccolato bianco (che può essere insidioso, ma la via più semplice è sciogliere metà del cioccolato a bagnomaria, quindi togliere dal fuoco, unire l'altra metà e mescolare in modo che il tutto si raffreddi velocemente)

Infilzare quindi una pallina di marzapane con uno stecchino ed immergerla nel cioccolato fuso in modo che sia uniformemente ricoperta. Passarla quindi nel cocco rapè e lasciar asciugare su una teglia coperta con carta forno. Procedere fino ad esaurimento delle palline.

A questo punto decorare con lo spray, se lo si desidera.

NOTE

- non sono buoni, sono divini. Il marzapane che ho usato io è il Niederegger, probabilmente uno dei migliori in circolazione, che conservavo e veneravo da alcuni mesi al pari di una reliquia.
 Come accennato, usare quegli agglomerati di zucchero dei supermercati non vi farà ottenere lo stesso risultato. Se voleste farlo in casa, trovate una ricetta della stessa autrice qui .

- essenziale aromatizzare l'impasto per creare un piacevole contrasto tra il dolce dell'interno e della copertura: la buccia d'arancia ci sta magnificamente e conferisce quel profumo "natalizio" che i dolcetti altrimenti non avrebbero senza.

- il cocco è il tocco da maestro, e soprattutto aiuta a creare dei dolcetti belli da vedere.
Palle di neve, sia chiamano, per un motivo...piuttosto trovo un po' ridondante la richiesta di temperare il cioccolato bianco, notoriamente difficile da maneggiare, visto che poi tanto questo viene ricoperto dal cocco. Ma al solito, è la cialtrona che parla :) e comunque il metodo indicato nel post è il più semplice in assoluto.
Sapete già tutti che un cioccolato bianco di scarsa qualità non si scioglie bene e diventa un agglomerato di grumi inutilizzabile, quindi investite in uno degno del suo nome.

Serve che lo dica? La ricetta è assolutamente 
PROMOSSA

40 commenti:

  1. Adorata Van Pelt, se tutte le cialtrone lo fossero come te, quanto migliore sarebbe questo mondo!!! Urge la conta dei carboidrati. Ad ogni modo questa ricetta la salvo in archivio, come tutte le altre dello Starbooks ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono la Van Pelt, ahimè, ti accontenti lo stesso? :D altro che conta dei carb...fosse solo quello...ma pare che a Dicembre non conti più nulla ;)

      Elimina
    2. Si si lo so sei l'amica della van Pelt. Non mi ha preso le parole giusto...sei la Stefi <3

      Elimina
    3. sorelle di cialtroneria :)

      Elimina
  2. Ho trovato il regalo di Natale da fare quest'anno. Anche se andranno preparati con non troppo anticipo, ma essendo così veloci, è una favola. Concordo con te che l'aromatizzazione all'arancia sia la spinta a rendere queste palline spettacolari.
    Grazie per averla scelta (io l'avrei scartata a priori a causa del cocco, odiato dal consorte).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà se prendi marzapane acquistato e li tieni poi in freezer (già provato) non subiscono alcun danno e si conservano a lungo.
      Qui invece il cocco va alla grande...grazie Patty!

      Elimina
  3. già sento l'odore del Natale (renne e strenne!!!!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi diciamolo, sentirlo alle mie e tue latitudini...ce ne vuole ;)

      Elimina
  4. Meravigliosi.....di più se si possono anche congelare!

    RispondiElimina
  5. Splendore natalizio, poi a me piace qualsiasi cosa con il cioccolato bianco, quindi non ho dubbi sul mio gradimento. Mi sfugge dove aggiungere la scorzetta d'arancia, ho letto più volte la ricetta ma non trovo il passaggio... ahimè non escludo di essere diventata pure cecata...😜🤓
    Grazie per questa scelta e viva la "cialtroneria" se porta a certi risultati😋🤤😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sei cecata: non c'è :) e non c'è perchè è un passaggio facoltativo. Ovviamente aromatizzerai il marzapane con la scorza prima di creare i dolcetti ;)

      Elimina
  6. Gentile Araba, adoro il marzapane e concordo pienamente che quello del supermercato non sia proprio il massimo. Sarò cecata pure io, ma non riesco a trovare le indicazioni per farlo in casa 'nel post di ieri' (giusto per vedere s'è differente dal metodo che uso di solito (metà mandorle, eventualmente 2 mandorle amare, metà zucchero a velo, qualche goccia di liquore all'arancia o tipo amaretto - amalgamare, tritando, il tutto).
    Proverò ad aumentare la dose di mandorle per raggiungere una percentuale più alta; può andare? Grazie per eventuali chiarimenti e sempre grazie per il lavoro graditissimo che fate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per avermelo segnalato, in effetti il link va ad una pagina non ancora pubblicata. Nel frattempo, puoi vedere la stessa ricetta di marzapane usata qui nelle note in fondo alla pagina di cui ti metto il link : http://www.arabafeliceincucina.com/2018/04/brioche-sfogliate-con-crema-e-nocciole.html

      Elimina
    2. Ohhh mammma mia, cosa mi ero persa. Grazie di nuovo

      Elimina
  7. Che dire dopo due ricette sono già pronta a comprarmi il libro: adoro il marzapane, adoro il cioccolato bianco e il profumo di arancia che fa taaanto Natale!
    E... Stefy tu sei tutto fuorché cialtrona lasciatelo dire da una che di cialtronaggine se ne intende!

    RispondiElimina
  8. Questa è una ricetta che faccio da anni, grazie a Christophe Felder (Patisserie è la fonte). lui usa il limone (e Stefi, provala con quello perchè non puoi capire o meglio: tu puoi capire :) e fa il marzapane da zero. E non mette il cocco, ma lo zucchero a velo . Ma per il resto è la stessa, per cui non vedo l'ora di provare anche questa versione, magari a metà, limone al posto dell'arancio e cocco al posto dello zucchero. E già mi sento svenire...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, capisco benissimo :D e proverò la versione Felder che già so mi piacerà quanto se non di più...

      Elimina
  9. Io ti adoro in tutta la tua meravigliosa cialtroniggine!!
    Credo di avertelo già detto ;)
    Snowballs? Amore a prima vista!

    Però...il cioccolato ha il latte che io non tollero...se usassi il cioccolato fondente mi potrebbe uccidere qualcuno??
    Il resto è fattibile e non vedo l'ora di provare con il sottofondo di "jingle of bells" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo, usa quello che vuoi...anche solo zucchero a velo come spiega Alessandra qualche commento sopra. Mi dicono che esiste cioccolato bianco "vegano", fatto col latte di soia, magari puoi provare con quello?

      Elimina
    2. Grazie di consigli!
      Non sapevo esistesse il cioccobianco senza latte 🤩 Assolutamente ti adoro in po' di più 🤗💓

      Elimina
  10. questi sono i dolcetti a cui non si può dire di no, sia per l'assaggio sia per la preparazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente. Ed il no più difficile è quello al bis :)

      Elimina
  11. Ps... non funge il link al marzapane fai da te... aiutoooooo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggi poco sopra la risposta al commento di Andrea :)

      Elimina
  12. Queste palline sono uno spettacolo: belle, buone e veloci da preparare... hanno tutte le caratteristiche per piacermi 😊 Sul temperaggio del cioccolato bianco in questa ricetta, sono d’accordo con te!

    RispondiElimina
  13. Golosa golosa ricetta "pret a manger" :-))

    RispondiElimina
  14. Leggo spesso i tuoi post ma commento poco, questo però non posso non commentarlo...
    E' bello andare a ricercare le origini dei dolci, la storia che c'è dietro ad ogni cosa... Tante cose che prepariamo quotidianamente sono di origine araba... Io sono in provincia di Lecce, quindi puoi comprendere bene... Sarei curiosa di sapere qual è la parola araba che indicava il contenitore che li conteneva.... Che tipo di contenitore era?

    Non credo di avere l'attrezzatura adatta a fare la pasta di mandorla, ma andrò a vedere il link per verificare... Incrocio le dita...

    Vorrei chiederti se posso utilizzare questa tecnica di temperaggio del cioccolato anche per il cioccolato fondente di ottima qualità (72/85/90%) e per quello al latte... Perché altrimenti risulterà opaco...
    Se volessi fare le mandorle ricoperte di cioccolato fondente e disposte a cucchiaiate su carta forno, dovrei prima temperare il cioccolato in questo modo? Oppure no considerando che si aggiungono le mandorle che raffreddano il composto?

    Spero tanto di riuscire a preparare questa delizia per gli occhi e per il palato...

    Un abbraccio dal Salento

    Laila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta di averti interessato, il nome del contenitore era maw-thabàn ed era una scatola di legno che poteva contenere documenti o dolci.
      Ancora oggi in Sicilia si dice "aprire i marzapani", infatti.
      Quanto alla pasta di mandorla è molto semplice e non avrai sicuramente problemi.
      SI, puoi usare questa tecnica anche per temperare altro tipo di cioccolato, onestamente non ho mai temperato il cioccolato per fare le mandorle ricoperte ma se vuoi, nulla osta.
      Buon lavoro!

      Elimina
    2. Gentile Laila, scusa se mi intrometto, ma da ex Starbooker non ho resistito. :-)
      I diversi tipi di cioccolato richiedono temperature diverse per essere temperati.
      In questo articolo troverai tutte le inicazioni che cerchi. ;-)

      Elimina
  15. Wow Stefi, fantastici!
    Vorrei tanto essere cialtrona come te, te l'ho già detto, vero?

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  16. Che meraviglia. Sto provando a farli ma ho commesso un errore temo fatale. Ho fatto il marzapane da me, non trovandone di qualità accettabile per i negozi, ma mentre mischiavo la farina di mandorle con gli altri ingredienti, le mandorle hanno rilasciato tanto olio. Ho messo comunque il composto in frigo, ma al momento di fare le palline il problema era sempre lì. Le palline, oltre che burrosa, sono anche durette. Ho compromesso la consistenza e anche il sapore? �� Eleonora

    RispondiElimina