venerdì 14 febbraio 2014

SABZI POLO MAHI - RISO FRAGRANTE PERSIANO ALLE ERBE CON PESCE FRITTO

sabzi polo mahi

Questa volta lo confesso, ero un po' agitata: come a Patty, neppure a me il libro è arrivato per tempo, quindi sono anch'io dovuta ricorrere alla gentilezza di Stefania, per avere il testo della ricetta.
Certo mi è stato di grande aiuto il sapere che il riso, il Polo Ba Taadig, aveva già avuto l'approvazione di Patty, alla quale era riuscito alla perfezione e la voglia di sperimentarlo, con le piccole variazioni previste in questa versione, era grande.
L'introduzione dell'autrice alla ricetta mi è piaciuta molto: lei presenta il Sabzi Polo Mahi come un piatto di famiglia, un piatto riservato alle occasioni gioiose, come il capodanno iraniano, celebrato in primavera e racconta che "il profumo del pesce fritto e delle erbe cotte al vapore con il riso, è per noi una parte essenziale della celebrazione".
Ma ciò che mi ha più colpito e divertita al tempo stesso, è stato il momento in cui Ariana scrive: "ho preparato questo piatto per mio marito Paul, quando eravamo fidanzati e lui racconta che quello è stato il momento preciso, in cui ha capito che voleva sposarmi"!
Ora, vi pare possibile che con una simile presentazione, non venga voglia di provarlo?
Aggiungo che Ariana utilizza, per la sua preparazione, il kutum, un pesce del mar Caspio, molto usato nella cucina iraniana, pieno di piccole spine taglienti: anche il toglierle prima di mangiarlo è una parte della celebrazione per lei. Ma suggerisce, in alternativa, anche pesci diversi, per noi più comuni, che ho adoperato. Eccovi la ricetta

Sabzi Polo Mahi - Riso Fragrante Persiano alle Erbe con pesce fritto

sabzi polo mahi


Ingredienti
1 kg di filetti di sogliola, o di platessa, o di halibut, o di orata o, nella ricetta originale di Kutum (pesce che vive principalmente nel mar Caspio)
Per la marinata
succo di mezzo limone, o di un piccolo lime
un pizzico di sale e pepe
succo di mezza arancia
Per la mistura di erbe
125 g per ogni erba : prezzemolo, coriandolo e aneto.
25 g di cipollotto o erba cipollina o porri teneri tagliati grossolanamente
3 foglie di aglio fresco, tagliato fine o 2 spicchi di aglio tagliati e pezzettini
Per il riso
600 g di riso (basmati)
1 e 1/2 cucchiaio di yogurt bianco naturale
50/75 g di burro (60 per me), liquefatto
più 1 cucchiaio extra di ghee o olio di semi
1/4 di cucchiaino di pistilli di zafferano in polvere
Per il pesce
150 g di farina 00
1/2 cucchiaino di sale e un giro di pepe fresco
olio per friggere (di semi di girasole per me)
Per la decorazione
Spicchi di limone o di arancia amara

Mescolate insieme tutti gli ingredienti per la marinatura e aggiungere il pesce.
Lasciatelo nel frigo almeno per 30 minuti, ma non oltre le due ore per evitare che gli acidi del limone cuociano il pesce. 
Mescolate tutte le erbette tritate insieme. Ho usato, però, l'aneto secco, non fresco perchè la mia piantina si è seccata, purtroppo; ne ho messo 2 bei cucchiai  in sostituzione.
Preparate il riso seguendo la ricetta del Polo Ba Taadig che troverete qui, preparata dalla nostra Patty. Seguite rigorosamente i suggerimenti indicati fino al punto in cui nel post si parla di scolare e raffreddare velocemente il riso.
A questo punto, in una grande ciotola, mescolate insieme due mestoli di riso con 75 ml di acqua, lo yogurt, il burro fuso, lo zafferano e mescolate vigorosamente il tutto.
Spargete sul fondo della padella in cui avete cotto il riso, uno strato di riso allo zafferano con sopra lo strato di erbe macinate, per creare la crosta. 
Ritornate a seguire attentamente le istruzioni per la preparazione del Polo Ba Taadig: la riuscita è assicurata e il riso si cuoce perfettamente, saporito e morbido all'interno, profumatissimo di erbe e croccante all'esterno.


La cottura completa del riso è stata per me di 50 minuti: circa 15 minuti prima che il riso finisca di cuocere, incominciate a preparare il pesce per la frittura. Riempite con la farina un piatto piano (se siete intolleranti al glutine potete tranquillamente usare una farina adeguata), salatela e pepatela. Versate l'olio in una padella per friggere antiaderente, profonda abbastanza da contenere olio per una altezza di 2,5 cm.
Scaldatela a fuoco medio fino al punto di avere l'olio caldo, ma con l'accortezza di non farlo bruciare: diciamo che la temperatura deve aggirarsi sui 160/180°C. Infarinate il pesce e friggetelo.
Non mettete, come sempre, troppi filetti contemporaneamente, per non abbassare la temperatura dell'olio. Estraete il pesce appena dorato e mettetelo ad asciugare su una carta assorbente. 
Servitelo con il riso alle erbe e gli spicchi di arancia o limone. Volendo potrete aggiungere uno spicchio di aglio sotto aceto.
In questo caso, sono stata fortunata nella scelta: la ricetta e un po' lunga, per via della cottura del riso, ma semplice e, grazie anche alla marinatura del pesce con arancia e limone, assolutamente deliziosa e croccante. La crosticina del riso aggiunge un piacere leggermente croccante alla morbidezza  e le erbe, regalano ancora una nota di sapore e profumo al piatto, già colorato e bellissimo grazie allo zafferano.
Devo dire che l'arancia che ho utilizzato era rossa: i filetti di sogliola hanno preso una sfumatura di colore assai gradevole!! 
Unica osservazione: forse il quantitativo di riso è un po' abbondante.... ma devo dire che è talmente buono, che nonostante nasca come accompagnamento ai piatti, va bene anche così, mangiato da solo:-)
Quindi, senza aver apportato modifiche e conquistata dalla preparazione nel suo insieme, posso dichiararla a cuor leggero
PROMOSSA
Buona giornata a tutti

12 commenti:

  1. ricetta perfetta da postare il giorno di san valentono allora! :-) chi ha voglia di farsi sposare lo prepari subitissimo al futuro marito e chi inevce no...lo prepari lo stesso per goderselo con amici o , perchè no?, da soli , assaporando questi sapori orientali! :-) complimenti dani! un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto Roby è stata una scelta felicissima, dato il giorno particolare :-)))) Grazie e abbfraccio ricambiato!

      Elimina
  2. Come la Roby anche io ho notato il tempismo perfetto...proprio oggi una ricetta per farsi sposare??? SPeriamo che le lettrici interessate colgano al volo.
    Piatto realizzato magnificamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefi, la nostra collaborazione nella scelta ha dato buoni frutti :-) Lanciamo un messaggio alle lettrici e...se sono rose fioriranno !:-)

      Elimina
  3. Leggendo chi mi ha preceduta, sai cosa ti dico....? Che, quasi quasi, stasera preparo il riso alle erbe con il pesce fritto... :) Scherzi a parte, ho deciso che il riso lo proverò veramente, perché a quella meravigliosa crosta non so resistere! Mi sembra di aver capito che non hai messo tutti i 375 g di erbe previsti!!! Esatto? Ho visto che quasi in ogni ricetta salata, la Bundy prevede una quantità smisurata di erbe, usanza a cui noi non siamo abituati.... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, Ale ;-) !! La crosticina, come diceva anche Patty è mitica, ma non sottovaluterei gli aromi della marinatura ... Si, ne ho messo un po' meno e l'aneto secco non sapevo bene come dosarlo rispetto al fresco...ma devo dire che il profumo che sprigionano nell'insieme è molto intenso e accattivante...

      Elimina
  4. Il pesce mi piace e il Polo Ba Taadig lo devo assolutamente provare.
    Non insieme però, data l'introduzione della Bundy... ;-)

    RispondiElimina
  5. avrei una richiesta! :)
    siccome con la cucina persiana ho qualche trascorso e memoria di un piatto di pasta, non è che nel libro che state sperimentando c'è qualche ricetta con la pasta?

    irene

    RispondiElimina
  6. Eccomi Irene: dunque dopo una veloce ricerca, Cristina mi dice che sembra ci sia soltanto una ricetta di pasta i Persian Macaroni - steamed pasta with a golden crust. Nell'introduzione alla ricetta dice "gli italiani diventerebbero matti se sapessero come gli iraniani trattano la loro amata pasta!" praticamente è una pasta al ragù prima cotta al dente in acqua bollente e poi cotta al vapore per... 60 minuti :-)

    RispondiElimina
  7. Molto particolare questa ricetta, mi piace il fatto di marinare il pesce prima di friggerlo e l‘abbinamento con questo particolarissimo riso.

    RispondiElimina
  8. Devo dire che anche io ho apprezzato il passaggio : e l'insieme mi ha soddisfatto!

    RispondiElimina