martedì 21 giugno 2022

LEMON AND BLUEBERRY BAKED OATS

 

 Quella tra l'avena e la sottoscritta è una lunga storia d'amore.
Nata dall'incontro casuale con un porridge, o oatmeal a seconda di come preferiate chiamarlo, preparato a regola d'arte in un hotel, di quelli con i buffet infiniti ed i cuochi ad ogni stazione dove vorresti fare colazione per sempre.
Da allora, e parliamo ormai di anni, l'ho mangiato religiosamente a colazione ogni giorno con pochissime eccezioni.
Con la frutta, senza, il burro di arachidi, le proteine, lo yogurt.
Inondato di cannella tanto da cambiare colore.
Caldo, rigorosamente, che non importa che la temperatura oscilli tra 50 e 30 gradi tutto l'anno.
Fornello no, che non stupirà nessuno che l'innata cialtroneria di chi scrive imponga che la ciotola con tutti gli ingredienti venga messa nel microonde per un tot precisissimo di minuti e secondi che ha richiesto, all'inizio, il sacrificio di un paio di porzioni per testarlo alla perfezione.
Non potevo quindi rimanere indifferente a quella che è tra le ricette più popolari tra la community online del Pinch of Nom: qui in versione "baked", quindi cotta in forno invece che sul fornello.
La comodità è la stessa, nel senso che si cuoce quando volete e poi si può addirittura congelare, e scongelarlo nel micro di cui sopra.
E' talmente buono che, scrivono le autrici, da colazione può diventare facilmente un dessert, uno snack, quello che volete.
E aggiungiamo che l'avena è molto salutare, ricca di fibre e soprattutto riempie a lungo: che volere di più? :D


 

LEMON AND BLUEBERRY BAKED OATS
per una porzione

 

40g di avena in fiocchi
175 g di yogurt bianco naturale a zero grassi
un cucchiaino di estratto di vaniglia
tre quarti di cucchiaio di dolcificante in polvere adatto alla cottura
succo e buccia grattugiata di mezzo limone
 2 uova medie (o uno solo, se si preferisce una consistenza più asciutta)
50 g di mirtilli

 

Preriscaldare il forno a 200 gradi.
Mettere tutti gli ingredienti in una ciotola, tranne una manciata di mirtilli, e mescolare per amalgamare.
Versare quindi in uno stampo monoporzione che possa andare in forno e mettere i mirtilli lasciati da parte sulla superficie.
Mettere lo stampino su una teglia, per protezione in caso il composto dovesse accidentalmente debordare, e cuocere per 35-40 minuti.
Servire tiepido, oppure fare raffreddare completamente e congelare.
Potrà essere passato dal freezer al microonde per essere scaldato nuovamente.

NOTE

- i tempi di preparazione di questa ricetta sono segnati a 10 minuti. Bugia! Se ce ne ho messi cinque è tanto. Invece i tempi di cottura si sono rivelati perfetti, 35 minuti sono stati sufficienti nel mio forno.

- il piatto prevede l'uso di un dolcificante adatto alla cottura. Non ne viene indicato un tipo specifico ma si raccomanda sempre di assaggiare il piatto perchè alcuni possiedono più potere dolcificante di altri, e di stare attenti al computo calorico perchè sostituirli con zucchero tradizionale, stevia o sciroppo d'agave ha ovviamente un impatto sul totale. Ho usato quello che utilizzo abitualmente ovvero l'eritritolo che qui si trova in ogni supermercato.

- ho preferito l'uso di due uova, per una consistenza più morbida. E nonostante personalmente ami l'oatmeal tradizionale tiepido questo l'ho trovato buonissimo anche freddo. La parte che ho provato a congelare si è rivelata sempre ottima dopo il passaggio al micro, come appena fatta.

- non sono indicate misure per lo stampo individuale. Da buona amante di porridge, oatmeal e simili ho una discreta collezione di stampini di questo tipo e quello 17x17cm si è rivelato perfetto.

-immagino quindi non  vi stupirà sapere che la ricetta è 

ASSOLUTAMENTE PROMOSSA

-


23 commenti:

  1. Grazie Stefania, io sono conquistata da questo libro...e dalle tue proposte!!

    RispondiElimina
  2. Amo i fiocchi di avena e ogni tanto mi faccio il porridge, ma non sono mai riuscita a trovare la quadra per il microonde (l'unica volta che ci ho provato, è strabordato tutto sul piatto rotante), motivo per cui quando lo voglio, lo cuocio sul fornello.
    Inutile dire che questa versione al forno mi ha fatto innamorare all'istante. Sarà la mia colazione dei prossimi giorni, mi sa, visto che può essere preparato in anticipo e congelato. GRAZIE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se può esserti d'aiuto, ti consiglio di usare una ciotola più grande e di controllare durante la cottura. Nel mio microonde a 800 w lo faccio cuocere per un minuto e mezzo o 2 minuti. Le dosi sono 30g di fiocchi d'avena e 100 ml di latte o acqua.

      Elimina
    2. Grazie, proverò senz'altro!

      Elimina
    3. Appunto, sta a trovare la quadra tra tempo e contenitore da usare. Un paio di esperimenti e si perfeziona!

      Elimina
  3. Fantastica ricetta! La tengo in lista per le prossime domeniche, da sgarro, ma non troppo!😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh dai, se devi sgarrare fallo con una cosa seria, almeno non una col dolcificante😂

      Elimina
    2. Mai il dolcificante!!! Metterei il buon vecchio zucchero semolato! 😉😋

      Elimina
  4. I mirtilli ho solo quelli secchi. Posso usare quelli? Lo sciroppo di agave non andrebbe bene? Grazie per la ricetta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente i mirtilli freschi rilasciano parte del loro succo alla preparazione, perdi questa parte con i secchi che poi comunque hanno un sapore diverso. Il dolcificante usato qui è per limitare le calorie, lo sciroppo d’agave ne ha più di 300 ogni 100g. Tienilo presente se fai il cambio.

      Elimina
  5. "Che dire, gentile signora Araba, la sua ricetta mi attizza molto".... (parafrasando la grande Anna Marchesini!

    RispondiElimina
  6. Ti confesso che non ho mai fatto questo genere di preparazione con l'avena e dovrei. Il porridge per esempio devo ancora provarlo. Ma amo l'avena, in tantissime preparazioni e mi fido del tuo giudizio oltreché del tuo gusto.
    Un bacione carissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che con porridge e simili sia questione di amore a prima vista o niente. Mio marito ogni singolo giorno mi chiede se proprio mi piaccia così tanto😅

      Elimina
  7. Ciao Stefania, so che la ricetta è perfetta così...ma secondo te i soli albumi (magari 3, non so) cambierebbero di molto l'equilibrio? Giusto per ridurre un po' i grassi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per un risultato migliore allora metterei un uovo Ed un albume ;) solo albumi puoi farlo ma insomma sarebbe un po’ meno corposo (e i grassi servono!!!😅

      Elimina
  8. Mi attira molto questa ricetta, ma per motivi di salute in questo momento non posso mangiare le uova. Con cosa potrei sostituirle (no burro, poco olio ahimè!)?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza almeno un uovo non sta insieme. Se vuoi comunque qualcosa di simile puoi fare un normale porridge :)

      Elimina
    2. Lo Chef Davide Maffioli consiglia le proteine isolate delle patate, marca VeggFast. Puoi provare... il video in cui le illustra è qui.

      Elimina
  9. Ciao Stefania, visto che il dolcificante non mi avrà mai e userò lo zucchero, mi domandavo se posso sbattere leggermente uova e zucchero o devo schiaffare tutto separatamente nella ciotola.

    RispondiElimina