lunedì 24 febbraio 2020

RICH AND SPICY TOMATO SOUP



Non credo susciterà particolare scalpore vedere del cioccolato in una ricetta salata.
Nasce amaro, infatti, ed alle origini non era certo considerato un dolce ma consumato sotto forma di bevanda energizzante insieme a del peperoncino.
La successiva aggiunta dello zucchero ne ha decretato il successo planetario e non c'è da domandarsi il perchè :)
Anche nella nostra italica tradizione culinaria il cioccolato si trova in diverse ricette salate: come non ricordare le melanzane al cioccolato campane o il cinghiale alla dolceforte in Toscana.
O l'aggiunta molto comune di un pizzico di cacao al sugo dello spezzatino,
Ed è proprio questa ultima usanza, che ben conosco e metto in pratica, che mi ha fatto subito incuriosire riguardo la zuppa che vedete qui.
Cioccolato, pomodori, harissa, aceto balsamico.
Poteva uscirne un capolavoro o qualcosa di nemmeno lontanamente commestibile.
Come è finita?
Ebbene questa non è la cremina di verdure dell'ospedale, nè la zuppetta improvvisata"svuotafrigo", termine che odio perchè indica un'accozzaglia di avanzi che finiscono in pentola quando l'alternativa è la spazzatura.
Stupitevi e stupite i vostri ospiti: voi mi raccomando mantenete il segreto quando vi chiederanno che diavolo ci avete messo :)




RICH AND SPICY TOMATO SOUP
per 4 porzioni

un kg di pomodori maturi
3 cucchiai di olio d'oliva
1 cucchiaio di origano secco
1 cipolla rossa finemente tritata
1 carota media finemente tritata
1 costa di sedano finemente tritata
1 grosso spicchio d'aglio finemente tritato
2 cucchiai di harissa alla rosa in pasta
600 ml di brodo vegetale o di pollo
30 g di cioccolato fondente al 70%, a pezzetti
un cucchiaino di aceto balsamico
sale e pepe macinato al momento


Preriscaldare il forno a 190 gradi.
Tagliare i pomodori a metà orizzontalmente e metterli in una teglia da forno con la parte tagliata rivolta verso l'alto. Condirli con un cucchiaio di olio, l'origano, mezzo cucchiaino di sale e del pepe.
Arrostire per un'ora, un'ora un quarto o comunque finchè saranno morbidi e abbrustoliti sui bordi.
Nel frattempo scaldare l'olio rimasto in una pentola su fuoco medio/basso, aggiungere il trito di sedano, carota e cipolla insieme a un po' di sale e cuocere molto lentamente finchè il tutto sarà morbido ed appassito, circa 15 minuti.
Aggiungere quindi l'aglio e l'harissa e cuocere per altri due minuti, quindi togliere dal fuoco finchè i pomodori saranno pronti.
Trasferire quindi pomodori e liquidi di cottura nella pentola con il trito.
Deglassare il fondo della teglia dei pomodori mettendola sul fornello con metà del brodo, grattando il fondo in modo che tutti i pezzetti di pomodoro caramellato si stacchino.
Versare quindi il tutto, insieme al resto del brodo, nella pentola con i pomodori e far sobollire piano per circa 25 minuti in modo che il liquido si riduca un po'ed i pomodori risultino completamente sfatti.
Frullare con un frullatore ad immersione (o usare un frullatore) quindi rimettere il tutto sul fuoco. Se la crema fosse troppo densa aggiungere poca acqua.
Unire quindi il cioccolato mescolando per farlo sciogliere ed infine l'aceto balsamico.
A questo punto assaggiare e regolare a proprio gusto: la crema deve conservare una componente acida, una dolce ed una leggermente amara.
Servire calda.

NOTE

- ho seguito la ricetta alla lettera e si è rivelata perfetta anche nel dosaggio dei liquidi, cosa che non è scontata in un piatto in cui la consistenza è tutto. Solo i tempi di cottura dei pomodori nel mio forno sono risultati inferiori: dopo 50 minuti erano già ben caramellati ed abbrustoliti.

- nessuna difficoltà di realizzazione, è comunque una ricetta semplice nonostante preveda diversi passaggi. Ho arrostito i pomodori il giorno prima rispetto a quando ho poi realizzato la zuppa, mentre il brodo (ho usato quello vegetale) ce l'ho sempre pronto e surgelato in piccole porzioni. Anche deglassare la teglia richiede veramente pochi minuti. Con questi accorgimenti poi non c'è voluto molto ad ottenere il piatto finito.

- tutti gli ingredienti usati sono di comune reperibilità, ormai anche la pasta di harissa si trova facilmente. Fate attenzione che ne viene richiesto il tipo alla rosa, che è un po' più delicato di quella classica perchè prevede tra gli ingredienti appunto dei petali di rosa che ne smorzano un po' il sapore.

- il gusto finale, che dire, è una vera sorpresa perchè si arricchisce grazie al cioccolato di una complessità mai assaggiata prima in una crema di pomodoro. Diventa tutto molto, molto più interessante e sfido chiunque che non lo sappia ad indovinarne la presenza.Va assolutamente gustata calda, fredda secondo me perde un pochino.

la ricetta è  
PROMOSSA TRA GLI APPLAUSI

24 commenti:

  1. Cavoli, questa ricetta mi fa venir voglia di scappare dal lavoro per farla SU-BI-TO!!!!!
    Inoltre forse su questo libro ci faccio un pensiero, cosa che mi succede molto raramente.
    Saluti a tutte tutti voi

    RispondiElimina
  2. una ricetta salata col cioccolato, per eccellenza, è il Mole messicano. Ho una cara amica che ha un ristorante proprio a Città del Messico e mi ha promesso di insegnarmi una versione localissima... e questa tua proposta, cara Stefi, apre gli orizzonti! grazie ! un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu pensa che ho assaggiato il Mole e mai le nostrane melanzane al cioccolato😅 grazie Biagio

      Elimina
  3. Aspetto solo che finisca la psicosi da coronavirus (e che quindi tornino i rifornimenti nei supermercati) per provare questa meraviglia, che fa sicuramente per me!

    RispondiElimina
  4. Stefania sei proprio in gamba nel "pescare" ricette intriganti e dannatamente riuscite nonché gettonatissime da oggi in poi. Ma come fai? Chapeau

    RispondiElimina
  5. Salve a tutti, stavo riflettendo...come condimento per la pasta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, l’autrice dice che in effetti si può usare ma va ristretta di più :)

      Elimina
  6. Crema pazzesca!!!
    Chi l'avrebbe mai detto? Una zuppa con il cioccolato...quante ne sai!!!
    Ho scoperto l'esistenza e la composizione della harissa...non l'avevo mai sentita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No per carità magari....io guardo, cado in estasi e copio 🤓

      Elimina
  7. Boh! Ma questo libro non sbaglia un colpo! Anche le ricette più improbabili sembrano buone...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il
      Cioccolato ovviamente è poco sul totale, ma abbastanza per regalare un gusto inusuale che nessuno indovina a cosa sia dovuto 😎

      Elimina
  8. Questa ricetta è proprio da "effetto wow"!!! Sono tanto curiosa di assaporare il gusto di questa zuppa :)
    Grazie Stefi!

    RispondiElimina
  9. Molto intrigante davvero!! Una domanda: ma se non trovo l'harissa alla rosa, posso usare l'harissa normale e profumarla con acqua di rose o petali di rose? Però non l'ho mai neanche assaggiata..la rosa si deve sentire bene? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cristina, no, L’harissa alla rosa ha una composizione un po’ diversa come ingredienti, non è semplicemente profumata alla rosa...meglio cercare l’originale che ho visto esserci su Amazon. Altrimenti ci sono ricette per farla in casa ma dalla base (non partendo da harissa pronta)

      Elimina
    2. A questo punto, sono curiosa di assaggiarla questa harissa alla rosa. Grazie!!

      Elimina
  10. Appena ho visto la ricetta, mi ha subito attirata! L'ho preparata ieri sera ma senza l'harissa alla rosa.. Vedrò di rimediare la prossima volta. Confermo: promossa a pieni voti ��

    RispondiElimina
  11. Fatta! Davvero interessante.E dire interessante è poco. Andrebbe descritta e ci proverò. È piaciuta moltissimo. Chiedo: nel caso è possibile partecipare al Redone con due ricette nello stesso mese?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Giulietta, puoi partecipare quante volte vuoi nello stesso mese.
      E grazie per aver provato questa ricetta! Coraggiosa ;)

      Elimina