martedì 9 novembre 2021

ZA'ATAR SALMON AND TAHINI

 

 

Quanto avete cucinato durante il lockdown imposto dalla diffusione del COVID-19 nel 2020?
Io, confesso, non tantissimo: ho si, avuto più tempo ma ho comunque lavorato da casa.
Per non parlare dell'ansia che allora mi attanagliava non sapendo bene come sarebbe andata, quando sarei potuta rientrare in Italia e così via.
Anche i membri dell'Ottolenghi team, che con Big Y ha lavorato a distanza a questo libro, si sono trovati spaesati e rinchiusi, non solo in case diverse ma addirittura in continenti diversi: ma a differenza della sottoscritta hanno usato il tempo extra a disposizione per spremersi le meningi su come usare gli ingredienti che avevano in casa, o come abbinarli in modo nuovo così da non lasciarli scadere in dispensa.
La salsa tahini che ormai quasi tutti conoscono non solo più come indispensabile, irrinunciabile ingrediente di un hummus che si rispetti ma anche come aggiunta interessante e sorprendente ad una serie di dolci ( l'avete provata con il cioccolato? In caso non l'abbiate fatto, evitate se tenete alla linea) qui viene abbinata al pesce.
Funziona?
Per quanto fossi curiosa, e per quanto ogni ingrediente preso singolarmente in questa ricetta mi piaccia moltissimo, non sapevo che aspettarmi.
Ebbene, ha ragione Big Y, again ;)

 


ZA'ATAR SALMON AND TAHINI
per 4 porzioni

 4 filetti di salmone con la pelle (circa 600g totali)
2 cucchiai di za'atar
2 cucchiaini di sumac (e mezzo cucchiaino extra per spolverizzare)
60 ml di olio di oliva
250g di spinaci baby
90g di tahini
3 spicchi di aglio, schiacciati
3 cucchiai e mezzo di succo di limone
1 cucchiaio e mezzo foglie di coriandolo grossolanamente tritate
sale e pepe nero


Preriscaldare il forno a 220 gradi.
Asciugare il salmone con della carta da cucina e condirlo con sale e pepe. In una ciotola mescolare za'atar e sumac e usare il composto per creare una crosta sul salmone.

Mettere una padella che possa andare anche in forno su fuoco medio/alto e aggiungere un cucchiaio di olio. Appena caldo aggiungere gli spinaci, un pizzico di sale e pepe e cuocere per 2 o 3 minuti, giusto per farli appassire.
Mettere i filetti di salmone sugli spinaci e cospargerli con 2 cucchiai di olio. Infornare per 5 minuti.

Nel frattempo in una ciotolina mescolare tahini, aglio, 2 cucchiai e mezzo di succo di limone, un generoso pizzico di sale e 100 ml di acqua finchè il tutto risulterò liscio e piuttosto fluido.

Passati i 5 minuti di cottura versare la salsa tahini preparata attorno al pesce (ma assolutamente non sopra) e infornare nuovamente per 5 ulteriori minuti, o comunque finchè la salsa tahini sobolle e il pesce risulterà cotto.
Completare con il succo di limone restante e l'olio quindi spolverizzare con il coriandolo e il sumac.
Servire subito.

NOTE

- ricetta di facilità e rapidità evidenti, non presenta particolari insidie. L'unica, ben specificata dall'autore nell'introduzione, è che la salsa tahini debba essere di ottima qualità. Meglio controllare,  quando la si compra, che provenga da un Paese mediorientale e , aggiungo io, che il colore non sia troppo scuro.
Ha un gusto molto particolare, ma se troppo amara potrebbe essere vecchia, non compratela se troppo vicina alla scadenza.

- la salsa tahini cotta non dura molto: buonissima appena fatta, si rapprende velocemente raffreddandosi e non è più così gradevole se riscaldata nuovamente. Il piatto va fatto e servito subito come indicato.

- cosa viene fuori? Il salmone, che con i tempi indicati risulta cotto al punto giusto (nè crudo, nè stracotto) si abbina a questa salsa che oltre che di tahini sa di limone in maniera sorprendente. Il resto delle spezie dà un tocco e retrogusto mediterraneo che non risulta invasivo. Persino quell'iper-conservatore del mio augusto consorte ha approvato e continuato a raccogliere la salsa ad ogni forchettata del pesce!
Finalmente un modo nuovo di cucinare il salmone, e un sapore diverso. Semplice nell'esecuzione ma tutt'altro che banale nel risultato.

Da fare e rifare, inutile dirvi che il piatto è 

PROMOSSO CON LODE

 

19 commenti:

  1. Due sole parole: MAMMA MIA!!!
    Quello che adoro di Ottolenghi è il twist incredibile che riesce a dare ai piatti, aggiungendo in modo giusto e calibrato ingredienti mai provati prima come, per l'appunto, la salsa tahini.
    Da provare, assolutamente!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, mentre lo facevo pensavo come non mi sia mai, dico mai, venuto in mente di abbinare la tahine con il pesce, e calcola che ne ho sempre un barattolo aperto! Già, non sono Ottolenghi :)

      Elimina
  2. Durante il lockdown, ho cucinato moltissimo, cosa che potrebbe causare stupore e sconcerto... il famoso "pan-de-mia"... e poi lo distribuivo molto discretamente ad amici e vicini, oppure via in congelatore...
    Mi piace molto l'idea di questo libro, di fare della pandemia un punto di lavoro positivo.
    E di questa ricetta mi incuriosisce molto l'abbinamento del salmone con la salsa tahini. E se tu ne parli bene, allora mi interessa! ciao, Stefi, e grazie per aver testato questa prima ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ricordo che tu non hai mai interrotto la produzione :D grazie Biagio!

      Elimina
  3. In effetti così sulla carta l'abbinamento è bizzarro, ma se lo dice lui che va bene non c'è dubbio!
    Ho una domanda sulla tahina, quando l'olio è completamente separato e la pasta dura tipo beton cosa fate, mescolate con la betoniera? Buttate? prendete un po' pasta un po' olio? Solo pasta? Solo olio lo escludo eh :D
    Ne prendo una fatta in medioriente che mi pare di qualità mica male.
    Grazie
    Lore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se la pasta sotto l'olio diventa durissima forse il barattolo è aperto da un po' oppure conservato in frigo. A questo punto consiglio di sostituirlo con uno nuovo che se non usato spesso va comunque mescolato ogni tanto!
      Ancora grazie :)

      Elimina
  4. Che bello, ho la prossima scusa perfetta per comprare il mio amato salmone e proporlo a quel rompiscatole di mio marito, che quando vede il salmone sbuffa sempre :D
    Grazie Stefi, mi hai fatto venire fame ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio lo ama ma quando ha visto la salsa era scettico...poi anche lui si è unito alla ola :D

      Elimina
  5. Ed ecco pronta la cena di stasera - a proposito di saper creare entusiasmi, tenendo i piedi ben piantati a terra :)

    RispondiElimina
  6. Apperò!!!
    Il salmone è di facilissima reperibilità, tutto il resto si trova nei negozi etnici e/o supermercati.
    Non abbiamo scuse per questa ricetta con "Magna Cum Laude"...

    RispondiElimina
  7. Consumatrice seriale di salmone: presente.
    Finisco sempre per farlo alla solita maniera, per lo più alla piastra, ma questa proposta è davvero sbalorditiva nella sua semplicità. Grazie per averla scovata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E infatti si finisce per farlo sempre uguale...finalmente una novità che non sia ipercomplicata!

      Elimina
  8. Amo il salmone, che cucino spesso al vapore, e poi condisco con salsa di rafano. Ben vengano le idee come questa, nuove e sorprendenti… E… grazie Stefi, per averla scelta 😊

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che non ti farà rimpiangere la tua versione solita ;)

      Elimina
  9. Testato ieri sera, delizioso veramente!
    L'ho fatto in due piatti che vanno in forno perché mangiamo entrambi molto lentamente, così è rimasto tutto ben caldo. Il mio compagno mi da chiesto scandalizzato "non avrai mica messo la panna con il salmone"! Quell'uomo di poca fiducia dopo un po' guardava sconsolato il suo piatto e il forno ormai vuoti e si è alzato a prendere la marisa per pulire bene il piatto poiché il pane era finito :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa veramente piacere Lore, grazie! Sono soddisfazioni ;)

      Elimina
  10. Io AMOil salmone! Ed ho finalmente trovato la salsa tahina! Penso proprio che lo proverò presto! 😋

    RispondiElimina