giovedì 25 novembre 2021

SKILLET BERRIES, BREAD AND BROWN BUTTER

 


Quel sacchetto di frutti di bosco surgelati che langue nel freezer, o quel pacco di fiocchi di avena in dispensa...così scrive Ottolenghi introducendo la ricetta.
Ebbene, no.
Se c'è una cosa che mai avanza a casa arabafelice e della quale vengono acquistati almeno un paio di chili ogni settimana questa sono proprio i frutti di bosco e l'avena.
Quest'ultima per il mio amato oatmeal, i secondi per yogurt, frullati e chi più ne ha più ne metta.
Freschi mi farebbero andare in bancarotta, surgelati un buon compromesso visto che ne arrivano di ottima qualità, saporiti e tutti separati, non orrende poltiglie come ahimè può capitare.
La ricetta però funziona sia che abbiate i frutti ben separati che l'orrida poltiglia: miracoli di Ottolenghi e il suo team :)
Come sia andata ve lo dico nelle note: intanto preparatevi a un profumo in casa che metterà a dura prova il vostro self control!

 

SKILLET BERRIES, BREAD AND BROWN BUTTER
per 6 porzioni

4 mele tipo Braeburn (650g) sbucciate, torsolo rimosso e tagliate ciascuna in 6 spicchi
un cucchiaino e mezzo di anice stellato in polvere (più poco altro per servire)
un cucchiaino e mezzo di pasta di vaniglia o estratto
130 g di burro
75g di zucchero semolato fine
120 g di pane tipo casereccio, leggermente raffermo e senza crosta, tagliato in cubetti da 1cm
100 g di fiocchi di avena
mezzo cucchiaino di sale
500 g di frutti di bosco misti surgelati
150ml di panna ad alto contenuto di grassi, molto fredda


Preriscaldare il forno a 180 gradi.

Mettere le mele, mezzo cucchiaino di anice stellato, metà della vaniglia, 30g di burro e 30 g di zucchero in una teglia da forno capiente. Cuocere in forno per 20-25 minuti o comunque finchè le mele si saranno ammorbidite senza però aver perso la forma.

Mentre le mele sono in forno mettere i restanti 100g di burro in una padella capiente su fuoco medio/alto.
Appena fuso continuare la cottura per circa 4 minuti, roteando spesso la padella, o comunque finchè il burro sarà scurito.
Versare il burro nocciola in un contenitore ampio resistente al calore e rimettere la padella sul fuoco.
Metterci il pane e tostarlo per un paio di minuti mescolandolo spessissimo, quindi metterlo nella ciotola insieme al burro nocciola.
Riportare nuovamente la padella sul fuoco e tostarvi per circa due minuti l'avena.
Unire anch'essa al contenitore con burro e pane, quindi aggiungervi il sale, il resto dell'anice stellato e i rimanenti 45 g di zucchero. Mescolare bene.

Appena le mele sono pronte unirvi i frutti di bosco ancora congelati e due cucchiai di acqua. Versare il composto di pane e avena sulla superficie quindi abbassare il forno a 165 gradi e cuocere il tutto per 30 minuti, o finchè il topping risulterà dorato e la frutta sobollirà.
Far riposare fuori dal forno per 5-10 minuti quindi spolverizzare con altro anice stellato.

Unire la vaniglia rimasta alla panna ben fredda. Servire il dolce tiepido, con la panna fredda unita all'ultimo momento.

 

NOTE

- Sei porzioni? Allora, questa roba è talmente buona che la teglia ve la finite da soli, in piedi, piegati sul piano della cucina. Sa di pane, burro, zucchero ma senza essere banale. Sa anche un po' di Natale, visto l'anice stellato (che in video sostituisce anche con la cannella), e sa di estate visto il colore vibrante. Potete mangiarlo tiepido, come indicato, ma è buonissimo anche a temperatura ambiente.

- difficoltà non ce ne sono. L'unica potrebbe essere la realizzazione del burro nocciole ma i tempi di cottura e le indicazioni sono precise al nanosecondo per cui mi sento di affermare che sia assolutamente alla portata di tutti. Gli ingredienti sono veramente basici, tra avena e pane raffermo.

- Le mele Braeburn sono di tipo croccante e leggermente acidulo. Non trovandole da queste parti le ho sostitute con le uniche che mi piacciano: le Granny Smith.

- la panna ci sta benissimo, ma se vivete in climi temperati anche del gelato alla vaniglia ci sta benissimo. Viene suggerito anche dello yogurt greco.

- quindi un crumble che non è proprio un crumble, con una lavorazione velocissima e che poi fa tutto da solo in forno. Il resto lo fate voi quando ne esce :D

ASSOLUTAMENTE PROMOSSA


13 commenti:

  1. ovviamente, tu mi conosci un pochino, e sai bene che questa è una delle ricette che farò in men che non si dica... perchè tutti i tipi di crumble, anche quelli che crumble proprio non sono, mi fanno impazzire. Grazie per averla provata. Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questo si aggiungerà al tuo repertorio di sicuro!

      Elimina
  2. Anche a casa mia i frutti di bosco non languono in freezer, né avanzano i fiocchi di avena. Il mio unico problema è che sono costretta a rivolgermi al fresco - costringendomi a svenarmi, visto che fanno parte del mio porridge mattutino per almeno 4 colazioni alla settimana - perché il surgelato che trovo è a base di ribes rossi e neri, e quindi troppo acido per i miei gusti.
    Vorrà dire che acquisterò un bel misto di mirtilli, more e lamponi - e se la trovo anche l'uva spina - per provare questa meraviglia.
    Grazie Stefi!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sabato, mentre porzionavo e surgelavo i frutti di bosco per le colazioni della settimana successiva, continuavo a pensare a questo crumble.
      Qualcosa mi dice che uno di questi giorni farò un raid nel freezer. ;-)

      Elimina
  3. Bello. Questo dolce sa di dolche che salva il palato quando il dolce manca.
    Buono. Lo voglio provare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Che poi però tutto è tranne che un'improvvisazione!

      Elimina
  4. Madonna mia. Questo è il genere di roba che in casa mia mangio solo io. Ed il dramma è che dietro non c'è la persona che "si dai, giusto un assaggio", ma l'assatanata che sta piegata sulla teglia da te paventata, con il palato ustionato dall'urgenza di buttare giù una cucchiaiata appena fuori dal forno.
    Ci credi che sto immaginando il sapore e mi riesce benissimo?
    Ricetta gagliarda come piace a me!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' stupenda, vero. Ci si salva facendone una monoporzione...

      Elimina
  5. Essendo reduce da un crumble fatto per il Redone, questo mi attira e mi sorprende!
    Ci sono le mele, ma il pane raffermo??! Tutti gli altri ingredienti supergolosi e la particolarità dell'anice stellato... ce l'ho in casa e non sapevo che farne! 😋
    Allora, si può fare. 😍😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E se hai amato il genere, adorerai questa variazione ;)

      Elimina
  6. Come sempre, non c'è ricetta che non farei, Pure quelle con metà degli ingredienti a cui sono allergica :) ma detto tutto, no? :)

    RispondiElimina