mercoledì 15 maggio 2013

TARTELLETTE DI PERE, STILTON E SEMI DI PAPAVERO DI LORRAINE PASCALE


pere e gorgonzola

Quest'oggi affrontiamo insieme, da Home cooking made easy, una ricetta della sezione "Vegetables and Vegetarian" e più in particolare parliamo di pere e gorgonzola, classico rivisitato in modo davvero goloso. Certo non può sfuggire il richiamo all'intramontabile "al contadino non far sapere quanto è buono il cacio con le pere", ma Lorraine ha reso il tutto un perfetto piatto unico da accompagnare con una freschissima insalata verde : la scelta di unire la pasta sfoglia con la consistenza corposa delle pere e la morbidezza di gorgonzola e miele, è davvero azzeccata.
La nostra miss Pascale, che per darvi l'idea del suo successo, possiede e gestisce Ella Bakehouse Cupcakery a Covent Garden, uno delle "pasticcerie" più chic di Londra, con una lista clienti piena di personaggi celebri, ha scritto il libro di ricette che "testiamo" nel nostro starbooks di questo mese in modo davvero piacevole, facile da leggere e da seguire. Le ricette che ho scelto per voi sono semplici ma di sicuro effetto.
Ecco la prima : 



Pear, Stilton and poppy seed tartlets

tartellette gorgo-pere

Tra gli ingredienti della ricetta è previsto lo Stilton, il celebre formaggio inglese, sostituibile con il Dolcelatte, un gorgonzola dolce. Io ho utilizzato il Gorgonzola tradizionale con eccellenti risultati.
Ingredienti: 
500 g di pasta sfoglia 
Farina
200 gr di Stilton o gorgonzola dolce
3 pere (abate fetel 150 gr l'una ca.) perfettamente mature 
Succo di mezzo lime o un piccolo limone 
Un uovo leggermente sbattuto 
Miele o sciroppo d'acero 
Mezzo cucchiaino di semi di papavero
Un cucchiaio di erba cipollina fresca tritata 
Olio extra vergine d'oliva
pepe

tartellette pere e gorgonzola

Preriscaldate il forno a 220 gradi 
Stendete la pasta e tiratela con il mattarello fino a ottenere un rettangolo di 25,5 per 30,5 centimetri, con uno spessore di cerca quello di una moneta da un cent* . Tagliate i bordi con un coltello affilato per renderli regolari, poi con il lato più lungo della pasta dalla parte opposta a voi, tagliate il rettangolo a metà. Dividete ogni metà in tre parti uguali. Mettete i 6 pezzi su una teglia antiaderente e mettetela nel frigo per 20 minuti o nel freezer per 10.
Nel frattempo preparate le pere: sbucciatele, tagliatele a metà nel senso della lunghezza e rimuovete i semi. Spruzzate con del limone o del lime per evitare che annerisca. Tagliate ogni mezza pera in fette spesse circa un centimetro, stando attenti a mantenere intatta la forma della pera. Mi piace l'aspetto che questo da alla crostata. 
Togliete la sfoglia dal frigo o dal freezer e spennellate la superficie con un uovo sbattuto, stando attenti a non creare sbavature sui lati. Se ciò dovesse succedere ripulitele: questo impedirà all'uovo di appiccicare gli strati e consentirà alla sfoglia di crescere bene. Spezzettate un terzo del formaggio sui rettangoli di sfoglia, poi con delicatezza sistemate mezza pera nel centro di ognuno. Fate in modo, schiacciandole delicatamente, che si aprano a ventaglio e poi spargete sopra il rimanente formaggio e condite con il pepe. Il formaggio è già saporito, così non è necessario aggiungere sale.
Fate cadere un filo di miele (acacia per me) o sciroppo d'acero sopra il tutto, se vi piace.Io ne ho fatte metà con il miele e metà con lo sciroppo... non avrei saputo dire quale fosse le migliore.
Adesso cuocete le tartlets nel forno per circa 15-20 minuti, o finché la sfoglia non è ben gonfia e di un bel colore oro scuro e il formaggio prende il colore. 
Tirate fuori dal forno e lasciate raffreddare prima di trasferire le tartine sui piatti di servizio. Spargete i semi di papavero e l'erba cipollina sopra e servite con un giro di olio d'oliva e un'insalata verde condita.
Eccellente!
Perciò devo dirvi che sinceramente la mia valutazione è

PROMOSSA

Le pere rimangono leggermente croccanti, con una cottura di 15 minuti e si sposano perfettamente con il sapore del gorgonzola e del miele. Io ho utilizzato per alcune tartine quest'ultimo e per altre lo sciroppo d'acero, come vi ho già detto: l'unica differenza visibile è che lo sciroppo tende a "macchiare" leggermente le pere, dato il suo colore ambra scuro, mentre il miele no. Squisite entrambe le alternative.
Un'unica osservazione da fare:
non ha indicato né il tipo di pere adatte, né il loro peso. Per le mie pere forse avrei dovuto ritagliare rettangoli un pochino più larghi, perchè il formaggio sciogliendosi passa oltre i lati della tartina, che così non si gonfia in modo regolare... ma sinceramente erano perfette anche così!!
* La questione del cent è un po' dubbia, ma per questo potete regolarvi sui 2 mm come ho fatto io, che non amo un eccesso di sfoglia, o aumentare lo spessore a piacere fino a 4-5 mm..

DSCF8834

Incidentalmente ne ho preparate anche un paio con la pera a pezzetti, per i più pigri.....:-).
Buona giornata a tutti
Dani

28 commenti:

  1. Anche a me sembra una ricetta validissma!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e rapida, cosa da non sottovalutare! :-)

      Elimina
  2. Evvai con un'altra promozione ;-) sono veramente appetitose!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) qui in casa c'è una naturale svenevolezza verso il gorgonzola: ti lascio immaginare l'accoglienza!

      Elimina
  3. al contadino non fare sapere quanto è buono il formaggio con le pere...vecchi adagi che dicono verità indiscutibili.
    direi che è proprio così...lo è stato per la lorraine e lo è anche per te : ottime tartellete per un brunch di sicuro successo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) La golosità è senza confini Roby! :-)))) la definirei trasversale!

      Elimina
  4. Pere e gorgonzola sono un abbinamento DIVINO! Una vera meraviglia queste tartine di sfoglia!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esempio di semplicità vincente , vero? Golosità assoluta :-))

      Elimina
  5. Facili, veloci e sfiziose: cosa chiedere di più a una ricetta? :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero Mapi :-)))) Assoluta velocità anche nella sparizione :-)

      Elimina
  6. Fantastiche, ottimo l'abbinamento di questo classico con la sfoglia croccante e i semi di papavero. Alla fine le cose semplici e tradizionali con l'aggiunta di un tocco nuovo sono sempre vincenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parole sante Mari! tradizione e fantasia... :-))))))) Buonissima giornata !

      Elimina
  7. Risposte
    1. raffreddore terribile? :-( Però penso che il profumino di queste tartellette lo riusciresti a sentire comunque :-))!!!

      Elimina
  8. voglio assolutamente provarle e poi io adoro il gorgonzola :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io :-))))))!!!!! Pur avendolo scoperto da grande :-)

      Elimina
  9. Non amo il gorgonzola ma sono estasiata! Complimenti anche per la recensione, ottima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Clara! ed al posto del gorgonzola non sarebbe male anche un buon taleggio ;-)

      Elimina
  10. ho fameeee! non posso guardare le tue foto... sono le 8 e mezza e non ho ncora cenato! ecco, mi mangio pure le lettere ;)
    fantastica ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hahahahaha come ti capisco :-))))))))) Il ritardo sul cibo mi uccide !!! :-)

      Elimina
  11. Hai scelto una ricetta stupenda, mi piacerebbe provarla!! si vede che c'hai dell'occhio ;-) bacioni Dani!

    RispondiElimina
  12. Da provare, decisamente da provare.... :-)))
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siiii! godibilissime! Magari quest'estate riusciremo a prepararle insieme! Speriamo! Baci

      Elimina
  13. io vorrei provare quelle per i pigri e anche quelle per gli attivi, grazie :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-)))))) ti farei proprio volentieri compagnia :-)))))

      Elimina