mercoledì 16 ottobre 2019

BAKED LIME, PASSION FRUIT AND COCONUT PUDDING



Lo sapevo che sarebbe arrivato il momento.
Il momendo di usare quei frutti della passione che tanto amo, e che tanto raramente trovo.
Per cui quando il miracolo succede invece di mangiarmeli tutti in santa pace davanti al bancone della cucina, cosa che comunque ha il suo perchè, li svuoto e congelo la polpa.
Il momento arriva in cui sfogliando il nuovo libro di Diana Henry non vedo solo un dolce che li contiene: ma un dolce che insieme usa il mio amato lime e l'amatissimo cocco.
Se aggiungiamo che l'augusto consorte, appena uscito da un piuttosto lungo periodo-mirtillo è ora anche lui in era cocco-dipendente, il gioco è fatto.
La descrizione poi farebbe capitolare chiunque: non solo si prepara in un attimo ma viene fuori, parola dell'autrice, una specie di miracolo per cui la parte inferiore risulterà tipo un budino lontanamente simile ad un curd e la parte superiore invece uno strato di torta.
Seguo pedissequamente le istruzioni.
In un attimo il piatto di ceramica è nella teglia che lo conterrà per la cottura a bagnomaria.
Verso l'impasto, una nuvola.
Verso l'acqua.
Il disastro.
Non so quale diavolo, quale pensiero, cosa mi abbia ottenebrato per un attimo.
Sta di fatto che l'acqua del bagnomaria invece di finire nella teglia grande finisce sull'impasto.
Me ne accorgo subito, ma subito in questi casi è già tardi.
Non c'è soluzione se non buttare tutto.
E dare fondo nuovamente, ahimè, alla preziosa scorta di passion fruit ;)




BAKED LIME, PASSION FRUIT AND COCONUT PUDDING 
per 4/6 persone

125 g di burro a temperatura ambiente (più dell'altro per la teglia)
200 g di zucchero semolato tipo Zefiro
4 uova grandi (tuorli ed albumi separati)
75 g di farina autolievitante
50 g di cocco rapè
400 ml di latte intero
succo e buccia finemente grattugiata di 3 lime
5 grossi frutti della passione ( o 6 piccoli)
zucchero a velo, per la finitura
panna densa, per servire


Preriscaldare il forno ventilato a 170 gradi ed imburrare una teglia da 2 litri di capacità.
Mettere burro e zucchero nel robot da cucina e montarli finchè il composto sarà chiaro e leggero. Aggiungere i tuorli ed azionare velocemente le lame per un attimo, quindi unire la farina ed il cocco, alternandoli con il latte, mescolando finchè si otterrà un composto omogeneo.
Unire da ultimi la buccia ed il succo di lime quindi versare il composto in una ciotola.
Aprire i frutti della passione a metà e versare la polpa, aiutandosi con un cucchiaino, in un colino posto sopra l'impasto. Schiacciare bene il composto (i succhi verranno rilasciati meglio) ed infine unire al composto anche due terzi dei semi (scartare i rimanenti).
Montare gli albumi a neve ferma quindi usando un cucchiaio di metallo unirne un terzo all'impasto per ammorbidirlo ed infine il resto, con movimenti dal basso verso l'alto.
Versare il tutto nella teglia preparata e posizionarla in una teglia da forno più grande in cui andrà versata acqua bollente sufficiente ad arrivare a metà della teglia con il composto.
Cuocere per 45 minuti.
Fare intiepidire il dolce quindi servirlo con zucchero a velo e la panna densa.


NOTE

- come l'autrice stessa sottolinea, è un dolce facilissimo.  Il robot da cucina fa il grosso e le fruste il resto. Anche passare la polpa di passion fruit dal colino prende veramente un attimo e in un lampo il dolce è in forno (se non combinate guai come me :)

- il risultato è magico come dice Diana Henry: riprende quello che è il padre di tutte le "torte magiche" che per un po' hanno invaso la blogosfera, ovvero il tipico Lemon Pudding australiano che ha proprio la caratteristica di separarsi in cottura in due strati, uno budinoso l'altro più simile ad una classica torta.

- sul sapore, dico solo che ce ne siamo finiti metà in due subito, in piedi in cucina. Era il dolce per il nostro anniversario di matrimonio, nessuno obbligava che dovesse anche arrivare integro a tavola :)  non si riesce letteralmente a smettere di prenderne un altro cucchiaio, ed uno ancora...

- buonissimo tiepido ma altrettanto buono freddo, il giorno dopo.

- la thick cream, la panna densa non zuccherata usata per accompagnarlo ci sta benissimo. Non omettetela per nessun motivo.

ovvio dire che la ricetta sia 
PROMOSSA A PIENI VOTI








42 commenti:

  1. Invitante assai! I frutti della passione qui latitano, però salvo e prendo nota ;-)

    RispondiElimina
  2. Impossibile resistere!
    I miei ingredienti preferiti in un unico dolce, devo provare questa ricetta. SUBITO!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo stesso mio pensiero vedendo questo dolce la prima volta! :)

      Elimina
  3. Ma la teglia in ceramica che dimensioni deve avere? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C’è scritto: deve poter contenere 2 litri di liquido :)

      Elimina
  4. Non mi è chiaro il passaggio degli albumi. Non li monto tutti e quattro? Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo, vanno montati tutti e quattro poi uniti in due volte al composto :)

      Elimina
  5. Ho letteralmente un mancamento: la descrizione della consistenza mi fa battere il cuore e la presenza del passion fruit (difficilissimo da trovare qui per altro), mi fa sognare. Se dovessi prepararlo non lo servirei a casa, ma so già le bocchine lupesche che potrebbero apprezzarlo.
    Stupenda scelta (se fosse successa la stessa cosa a me con l'acqua, probabilmente mi avresti sentito lì a casa tua!).
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo fosse difficilissimo da trovare, qui non sempre ma ogni paio di mesi fa capolino ( a volte anche già la sola polpa surgelata). E' il prezzo il problema, in realtà!!! grazie Patty :)

      Elimina
  6. Sono in Alto Adige,a Castelrotto,i “frutti della passione” li posso solo sognare.....ma sì può fare anche senza!!!!!
    Grazie e buona giornata a tutti! Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh farlo senza è un vero peccato perchè è l'ingrediente che dà quel "kick" al gusto...ti consiglio di cercare almeno la polpa surgelata .)

      Elimina
  7. Stefi, questa ricetta sarebbe una delle mie preferite... bravissima!!!! appena torno in Brasile la faccio .... e sperando che un pensiero negativo non ottenebri il mio cervello... ;) grande Stefi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No per carità 😆😆😆tieni a mente il mio errore!!!

      Elimina
  8. I vostri siparietti familiari sono sempre divertenti, e la descrizione del disastro del bagnomaria ti avvicina a noi mortali: lo so che tu ti definisci cialtrona, ma sappiamo tutti che la cialtroneria è tutt'altra cosa.
    Adoro questo dolce, che purtroppo al momento mi è precluso (dieta più che ferrea, ho messo su 15 kg da quando ci siamo viste l'ultima volta), intanto comincio a sognarlo e poi chissà... forse un giorno...
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se ti avanza qualche caloria o hai uno sgarro qua e là tienilo a mente perché vale la pena. A presto!

      Elimina
  9. Mmmh! Mentre leggevo la ricetta sembrava proprio la torta magica, e infatti lo hai confermato nelle note. Conoscendo la consistenza, già so che mi piacerebbe. A questo punto devo solo trovare un paio di passion fruit decenti :D
    Grazie Stefi e buon anniversario in ritardo <3

    RispondiElimina
  10. auguri!!!! buon anniversario!!!!! sempre preziosissima con le tue storie

    RispondiElimina
  11. Secondo te, di peso, quanto sarà stata la frutta? Perché qui la trovo solo come polpa congelata..
    Tu trovi lo zucchero più fine, da te? Perché qui in USA non mi è mai capitato di vederlo, e un po' mi manca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il peso dei passion fruit faccio sempre riferimento a questo post di Nigella https://www.nigella.com/ask/passionfruit-pulp
      Per lo zucchero trovo sia caster sugar che è già più fine oppure il fine caster :)

      Elimina
    2. Le dritte dell'Araba sono sempre preziosissime! :-)

      Elimina
  12. Confesso che non ho mai acquistato i passion fruit finora, non perché non li trovo, anzi li vedo di frequente sia all'esselunga che alla coop, ma non so come sceglierli certi sembrano acerbi e altri rinsecchiti, ho provato a chiedere pure a una commessa ma ne sapeva meno di me e siccome non è che proprio siano a buon mercato ci ho rinunciato; però questa ricetta mi incuriosisce e forse potrebbe essere la volta buona che li acquisterò.
    Ma non sarebbe più bona se si usasse il latte di cocco? Appena letto il titolo della ricetta mi aspettavo di trovarlo negli ingredienti e invece c'è il latte intero.
    Grazie e buon anniversario

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho provato. Viene perfettamente bene già così :)

      Elimina
  13. Passion fruit sarai mio!!! Che gola questo dolce 😍L’idea dellla doppia consistenza mi piace tanto. E mi ricorda una crostata con il cioccolato che preparavo tempo fa, con un ripieno dal risultato simile.
    Grazie Stefi 😊

    RispondiElimina
  14. Sembra un misto tra la torta impossibile cocco-limone e la torta magica. Adoro questo tipo di consistenza. Mi sembra ci sia un bel po' di zucchero ma forse serve tutto visto i 3 lime

    RispondiElimina
    Risposte
    1. NOn solo, oltre ai 3 lime il frutto della passione è acidulo di suo, quindi assolutamente servono :)

      Elimina
  15. Apperò!!!
    Deve essere buonissimo, le note fruttate del passion fruit in netto contrasto con lime e cocco...uhmmmmmm bontà divina per voi comuni mortali ;-)

    RispondiElimina
  16. Non amo il cocco, ma questo dolce lo proverei!
    Frutto della passione... qualche volta si vede, molto alla lunga... ma non mi ha mai interessato perchè anch'io non amo comprare frutta d'importazione che non conosco e non ne so valutare la maturazione e la bontà. E a prezzi non certo modici. Ma non ci sono suggerimenti per la sostituzione di questo frutto?🤔 Dobbiamo scrivere alla Henry e domandare... 😂
    Intanto il dolce che hai fatto fa tanta gola dalla foto e dalla descrizione entusiastica! I retroscena casalinghi fanno sorridere! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, il passion fruit ha un gusto e consistenza talmente particolari che qui veramente la sostituzione diventa difficile, pena far diventare il dolce proprio un’altra cosa. Assaggiane uno, o si odia o si ama 😛

      Elimina
    2. Sembra che vendono questo frutto in ben 2 supermercati!! Al tatto sono duri, e di colore prugna/marrone scuro ... Vanno bene così? Li dovrò far maturare?

      Elimina
    3. Si, sono così, si aprono a metà e tiri fuori la polpa con un cucchiaino :)

      Elimina
    4. Oh, mamma mia che buono!!
      Adesso ti capisco quando dici che mangiarli già così, con un cucchiaino, ha il suo perché!! 😋😋😋 ... Ti fanno scordare anche quanto costano!!! 😂 Me ne restano 3 piccoli, chissà se riesco a fare subito mezza dose !?😉

      Elimina
    5. Dai li hai provati!!! Sono contentissima che ti siano piaciuti!!

      Elimina
  17. Avevo la pianta in giardino ma perché li mangiavo solo io alla fine è stata tolta Adesso mi toccherà andarne a caccia e provare questa delizia

    RispondiElimina