mercoledì 14 marzo 2018

ROASTED OCTOPUS WITH SMOKED PAPRIKA, PARSLEY & LEMON


Il polpo grigliato non mi attirava un granché, l'ho sempre snobbato, fino all'estate scorsa, in vacanza...
Mio marito decide una sera di sceglierlo per cena, io diffidente, opto per un 'altra cosa, ma per curiosità ne assaggio un pezzettino...
Da allora mi sono messa alla ricerca della ricetta del polpo grigliato perfetto. Provo quello di Jamie Oliver e ne rimango stregata, un mix di sapori indescrivibile, forse l'aggiunta dell'acciuga lo rende leggermente salato per i miei gusti ...ma vale la pena passarci sopra :D
Quando ho visto la ricetta nell'indice del libro del mese è stato amore a prima vista, adoro la paprika affumicata...tutto lasciava ben sperare ;)

Ingredienti per 4 persone ( se servito come piatto principale, se come stuzzichino,  per 6 persone) :

- 1 polpo da 750 g / 1 kg , crudo, decongelato ( se surgelato), pulito ( eliminate testa e bocca)
- 1 spicchio d'aglio, intero e pelato
- 2 foglie di alloro
- olio evo o altro olio vegetale per cucinare

Per la salsa

- 4 cucchiaini da te di paprika dolce affumicata
- 2 spicchi d'aglio, schiacciati
- 6 cucchiai da 15 ml di olio evo
- 1 cucchiaio da 15 ml di succo di limone appena spremuto
- una generosa manciata di foglie di coriandolo tritate ( ho sostituito con prezzemolo )



Mettere in una pentola capiente e con coperchio il polpo, le foglie di alloro e l'aglio (FOTO 1). Portare a bollore ( senza aggiungere acqua, il polpo la rilascerà ) a calore elevato, abbassare la fiamma e cuocere per circa 1 ora, o fino a quando non sarà tenero. Toglierlo dal liquido di cottura, picchiettarlo delicatamente con carta da cucina ( adatta al contatto con alimenti), e tagliarlo a pezzi.
Scaldare una griglia a calore elevato e aggiungere un pochino d'olio, grigliare il polpo , girandolo spesso, per circa 5 minuti, o fino a quando non sarà leggermente abbrustolito da ogni lato (FOTO 2 E 3). Togliere dalla griglia e mettere in una terrina capiente.
Nel mentre mescolare tutti gli ingredienti della salsa ( tranne il coriandolo ), condire il polpo, assaggiare e regolare di limone e aglio ( quasi certamente non dovrete aggiungere sale). Infine distribuire il coriandolo tritato. Servire caldo.


Note:

- Volendo si può acquistare polpo già cotto, sottovuoto, di ottima qualità ( quindi saltare la fase di cottura).

- Controllare il polpo in cottura, il mio è arrivato alla fine che non aveva più acqua o quasi.

- Non ho aggiunto sale, era perfetto così. Non ho nemmeno aggiunto aglio e limone, a mio gusto andava più che bene.

- Ho sostituito il coriandolo con il prezzemolo ( proprio non mi piace :(  e poi la ricetta era polpo arrostito con paprika affumicata , prezzemolo e limone ).

- Non ho riscontrato alcun inconveniente, la ricetta è spiegata nei particolari ed il risultato è eccezionale, l'ho fatto per ben 2 volte nel giro di un mese. La seconda volta che l'ho preparato, non per Starbooks, ho adagiato i tentacoli su un letto di patate lesse e schiacciate con lo schiacciapatate.
Lo rifarò ancora e ancora...la ricetta è quindi

PROMOSSA CON LODE


20 commenti:

  1. Sai che non ha mai attirato tanto nemmeno me? Evidentemente sbagliavo 😂 a volte qui un polpo congelato si trova, a questo punto non vedo l’ora! E complimenti sei riuscita anche a renderlo moooolto fotogenico. Grazie Lu!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provare per credere XDDDDDDDD e grazie infinite Stefi <3 per tutto

      Elimina
    2. Vorrei aggiungere però che questa per mio marito è una monoporzione 🤣

      Elimina
    3. XDDDDDDDDDD in effetti ...poi per com'è buono ...abbonda XD

      Elimina
  2. E' bellissimo e a me piace veramente tanto, soprattutto abbinato alle patate. Proverò nei prossimi giorni ma questa cosa di cuocerlo senza acqua mi spaventa un po'.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Elena, vai tranquilla, non è cosa strana cuocerlo senza acqua :D lo fanno anche qui in Italia...ma ogni tanto controlla ;) grazie e un abbraccio grande <3

      Elimina
    2. Elena, io cuocio il polpo solo nella sua acqua da anni, e non ho mai avuto problemi ;) Di solito uso la pentola a pressione.

      Elimina
  3. Questa ricetta mi ha stregata fin da quando l'ho vista nell'indice del libro. Non lo mangiamo spesso a casa eppure ci piace da morire, con le patate poi lasciamo perdere. Grigliato assume quella consistenza tenera che ti conquista e la cosa bella è che ha talmente tanto sapore senza grandi magie, che è buono così com'è. Quella paprica affumicata, che ho e devo ancora usare, finirà su questo piatto.
    Bellissimo e bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patty :D vedrai ti piacerà di sicuro...croccantino fuori e tenero dentro...e devo dire che con le patate sotto ha il suo perchè XD pochine, senza sale e schiacciate con lo schiacciapatate che non rimangano ammassate ma tipo spaghettini ;) baciiiiiiii

      Elimina
  4. Io ho scoperto le meraviglie del polpo grigliato in Grecia, ed è decisamente il modo in cui preferisco di più mangiarlo (al secondo posto c'è il polpo fritto). Va da sè che proverò questa ricetta :)))
    Luciana, foto e preparazione stupenda: non sai che voglia di mangiarlo mi hai fatto venire!!!
    P.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale ❤️Grazie 😃 e ora tu mi hai fatto venire voglia di quello fritto ... lo sai vero.. ora sono curiosa.. mai assaggiato.. aspetto con gioia una ricetta collaudata ❤️

      Elimina
    2. Luciana, il polpo fritto l’ho assaggiato la prima volta un paio di anni fa, durante le vacanze estive. I vicini di casa, una famiglia romana, lo aveva preparato e ce lo aveva offerto... La ricetta in realtà è molto semplice: polpo lessato, raffreddato, tagliato a pezzi e impanato come per la cotoletta ;): godurioso!!!
      Prova ad accompagnarlo con il Gazpacho:
      http://aleonlykitchen.blogspot.it/2013/10/vamos-tapear-acciughe-fritte-con.html?m=1
      O con una maionese al lime
      Fammi sapere 😘


      Elimina
    3. Ale ❤️❤️❤️Devo provarlo ... sento che mi piace ... mi sta chiamando XD grazie

      Elimina
  5. io le ho scoperte in Galizia e da allora l'ho sempre rimpianto :) Lo preparavano espresso, un po' ovunque, con quella sapienza che nasce dall'esperienza e che faceva interrompere la cottura al nanosecondo preciso, quando la carne del polpo era tenera e non secca. Ho scoperto il metodo della cottura nella sua acqua qualche anno fa e da allora non l'ho mai più abbandonato, proprio per lo stesso motivo: non stracuoce e non viene disperso nulla del suo "umore". Ora mi fermo, perchè il polpo è una delle cose davvero introvabili a Singapore. Lo mangi solo in certi ristoranti greci- ed è più la voglia che ti lascia che quella che ti toglie. Ottima scelta e realizzazione perfetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessandra ❤️Grazie di cuore. Il polpo cotto in questo modo è il mio preferito... questa ricetta per me vale tutto il libro 😀

      Elimina
  6. Adoro il polpo 😍😍 questa ricetta la devo provare assolutamente 😜. Sempre bravissima Luciana💖

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Federica ❤️❤️❤️Fammi sapere... ma sono sicura.. sarà moooolto gradito... grazie mille 😍un abbraccio grande grande

      Elimina
  7. A me il polpo lesso piace tantissimo, cotto rigorosamente nella sua acqua; grigliato, l'ho mangiato solo una volta, al ristorante, e non mi è piaciuto: era bruciacchiato e amaro.
    Com'è che tu mi hai convinta a dargli una seconda chance ? 😃

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mapi XD perchè il mio non è amaro e bruciacchiato ....mi conosci abbastanza da esser certa che non l'avrei manco annusato XDDDDDD Saprai trattarlo a regola d'arte ;) e fammi sapere :*

      Elimina