mercoledì 11 maggio 2016

NUTELLA BROWNIES


Ti piace vincere facile.
Me lo sono detta da sola sfogliando il libro appena sono capitata su questa ricetta.
E non solo per la foto invitantissima.
Ho strabuzzato gli occhi.
Perchè, si, una ricetta praticamente identica a questa ce l'ho sul mio blog dal 2012.
In effetti è uno spin-off di un'altra vista nello show televisivo di Martha Stewart, che invece richiedeva burro di arachidi ed uova.
Per cui a colpo sicuro l'ho fatta.
Perchè sapevo che sarebbe venuta bene.
E' la ricetta più cliccata e rifatta, da me, con visualizzazioni a cinque zeri.
Ma allora io e Nigella abbiamo le stesse idee criminali!
O guardiamo gli stessi programmi tv.
Oltre a condividere un certo spirito cialtrone contro il quale, ahimè, non c'è rimedio :)


                                                             NUTELLA BROWNIES

4 uova grandi
270 g di Nutella
un pizzico di sale
mezzo cucchiaino di zucchero a velo

Preriscaldare il forno a 180 gradi e foderare uno stampo quadrato da 20 cm di lato con carta forno.
Battere le uova intere con il pizzico di sale con delle fruste elettriche finchè saranno il doppio del volume iniziale. Ci vorranno come minimo 5 minuti di orologio.
Versare la Nutella in un contenitore che possa andare nel microonde e scaldarla leggermente in modo che diventi più fluida . L'operazione può essere fatta anche a bagnomaria sul fornello.
Versare la Nutella nel composto di uova sbattendo con una spatola finchè il tutto sarà amalgamato. Il composto perderà come è ovvio un po' di volume.
Versare nella teglia preparata e cuocere in forno per circa 17-20 minuti. La superficie deve risultare asciutta con un centro leggermente più morbido, dall'aspetto gelatinoso.
Far raffreddare completamente nella teglia prima di tagliare il dolce in 16 quadratini da spolverizzare con pochissimo zucchero a velo prima di servire.

NOTE

- questa è una ricetta che sorprende per semplicità e risultato. E' in effetti più buona il giorno dopo, e sublime fredda di frigo come osserva anche Nigella, ma dura resistere per far la prova.

- non prevedendo alcun tipo di lievito le uova vanno montate molto bene per evitare l'effetto frittata, dietro l'angolo se il passaggio viene fatto male.

- le indicazioni, che diciamolo, si riducono a montare le uova ed unire poi la Nutella fluida, sono chiare ed a prova di bomba. L'unica dritta da seguire è, oltre a montar bene le uova, quella di scaldare la Nutella per renderla fluida altrimenti sarà più difficoltoso unire i due composti senza smontare le uova irrimediabilmente.

- la Nigella salutista (uhm, davvero???) va ricercata nell'estrema parsimonia con cui viene usato qui lo zucchero a velo, cosa che mi ha strappato una risata, e nell'indicazione di come la ricetta sia naturalmente gluten free.

Ovvio che sia 
PROMOSSA CON LODE 


24 commenti:

  1. A me piace "vincere facile" con una ricetta così :))) Non ho dubbi! Come non ho dubbi sul fatto che preparerò anch'io questi brownies...

    RispondiElimina
  2. che dire? Nigella non si smentisce... e meno male!
    questa ricetta è una vera bomba, in tutti i sensi.
    da provare assolutamente, prima che sia troppo tardi per la prova costume ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti...ultimo peccato prima dell'estate :D

      Elimina
  3. Ecco, lo sapevo.
    Cioè, sapevo di adorare quello che tu chiami il tuo spirito cialtrone e che in realtà cialtrone non è, visto che conosco bene la tua bravura e la tua competenza.
    Adesso ho compreso perché: tu e Nigella avete la stessa "cialtroneria"! Ecco la chiave del mistero!!!
    Detto questo, questi brownies sono di una facilità pazzesca: l'unica attenzione, come dicevi tu è l'accurato montaggio delle uova e la fuidificazione della Nutella. Li farò senz'altro, sostituendo la Nutella con la crema Novi che è incomparabilmente più buona, ma questa ricetta mi piace da morire e... mi fa pensare che Nigella sia sempre Nigella, nonostante la sua nuova Silhouette. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che invece di cialtroneria avrei un'altra parola ma non mi sembra il caso di scriverla qui :) provala, verrà benissimo anche con la Novi!

      Elimina
  4. L'ho detto ieri, Nigella non ce la fa ad essere salutista, proprio non le riesce. Hai voglia ad essere dimagrita, hai voglia a farsi fotografare con la ciotola in mano stile "io vi offro il buono della terra", hai voglia il tutto-bianco che fa tanto cool.
    Quando vede la Nutella, non resiste. E gnene dà che gnene dà che gnene dà, se mi permetti il toscanismo.
    Ricetta che ricordo sul tuo blog, a cui ho sempre resistito per darmi un contegno, ma prima o poi cederò. Se la vede mia figlia dovrò cedere oggi stesso, tanto per dire.
    Bravissima, sarà anche vincere facile ma bisogna anche individuarle le ricette che la connotano.
    Sottotitolo di questo Starbooks: staniamo la vera Nigella!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahhah staniamo la vera Nigella è bellissimo!! Piuttosto smetti di darti un contegno e buttati che è una delle cose più buone della terra!

      Elimina
  5. Quasi identica alla tua ������ io comunque sono curiosa di provare la versione al burro di arachidi di Martha �� Prima o poi la pubblicherai? Ti pregooooo! Un abbraccio. Loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuro che appena ho un attimo la faccio!;)

      Elimina
  6. Ma salutista un par di ciufoli... e meno male, perché è così che mi piace Nigella... ArabaMaghellaFelice ebbene si, oggi hai vinto facile ;-) ma alla "gola" non si comanda, vero? :-D

    RispondiElimina
  7. Ridacchio sotto i baffi perché questa è davvero una delle Nigellate della nostra eroina. Un'altra delle sue ineffabili ricette da fare in quattro e quattr'otto quando ti arrivano quei raptus di cui non sappiamo bene la ragione, ma a cui nessuna di noi scampa. Io non penso che in questo caso Nigella abbia voluto inserire la ricetta in un libro "pseudo salutista", perché ovviamente non lo è! Ma se un libro si chiama SIMPLY NIGELLA, semplice la ricetta lo è, e che nessuno osi negarlo.
    Lei non sta vendendo nulla di diverso che la semplicità fatta godimento! E stop.
    PS - e questa ricetta non potevi che sceglierla tu, maga dei maneggi ai minimi termini :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione da vendere, fino all'ultima riga :D

      Elimina
  8. quoto la patti,da cima a fondo maneggi ai minimi termini compresi.
    E ci aggiungo pure un "che mondo sarebbe senza Nigella" :-)
    (o arabella, a scelta :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahaahahhahah conosco chi avrebbe molto da rispondere all'ultima riga :)

      Elimina
  9. li ho preparati una volta che ero triste
    seriamente, era stata una giornata difficile, niente di troppo drammatico, ma uno di quei giorni in cui ti senti triste dentro, ed hai voglia di uscire fuori da te stessa, che stare tra te e te è pure troppo affollato
    ...mi hanno fatta stare bene, mi hanno ridato piedi per terra e cervello galoppante...
    venero questa ricetta, la venero proprio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, lo dico io che certe ricette sono meglio delle medicine...

      Elimina
  10. Io sono nutella dipendente li devo fare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai tranquilla, non rimarrai delusa :D

      Elimina
  11. La dolce metá é a dieta.... ma questi brownies potrei farglieli... sono salutisti giusto!!??? :-) ricetta strepitosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahhahahah infiocchetaglieli come preferisci :D

      Elimina
  12. Goduria, estasi, dipendenza...sempre Nutella è.
    W i browniesarabeschi
    W i browniesnigelleschi

    RispondiElimina