martedì 15 giugno 2021

GRILLED AUBERGINES WITH SOY AND THYME HONEY


Melanzane sono la mia nonna siciliana che ne frigge una tonnellata,  noi bambini che torniamo dal mare e le facciamo sparire prima ancora che possano arrivare in tavola.
Il profumo arrivava al cancello, e dal vialetto già sapevi che l'avresti trovata in piedi ai fornelli e che ci avrebbe detto senza convinzione di stare lontani.
E lei che i suoi polli li conosceva bene preparava il piatto "esca" da farci sbranare e friggeva le altre mentre velocemente ci rendevamo presentabili per andare a tavola.
Melanzane fritte, semplici o impanate.
E sto.
In altro modo non mi sono mai piaciute più di tanto, e mi perdonino gli amanti della parmigiana che mai mi ha conquistato.
Hanno scalfito il mio credo negli anni solo il baba ganoush, la crema di melanzane tipicamente mediorientale incontrata nella mia vita di arabafelice e la melitzanosalata, dip tipico tra gli antipasti greci.
Quindi ho scelto al volo questa ricetta che finalmente proponeva di quest'ultima una versione rinnovata.
Funziona?
Leggete e lo saprete.
Ma intanto correte a comprare il pane.
Perchè se la provate capirete perchè sia il piatto più gettonato là dove è stato creato ;)

 

 

 GRILLED AUBERGINE WITH SOY AND THYME HONEY
per 8 persone

9 grosse melanzane (circa 3kg)
60 ml di olio d'oliva
mezza cipolla bianca affettata
1 spicchio d'aglio tritato
5 pomodori maturi
4 cipollotti affettati in anelli sottili
un mazzetto di prezzemolo tritato
un generoso pizzico di sale

per la vinaigrette di salsa di soia e miele al timo:
100 ml di salsa di soia (tipo "dark")
100 ml di olio extravergine d'oliva
50g di miele al timo

per la vinaigrette al balsamico:
2 cucchiaini di salsa di soia
60ml di olio extravergine d'oliva
25 g di miele al timo
1 cucchiaio di aceto balsamico

 

Usando delle pinze da cucina abbrustolire ogni melanzana sulla fiamma del fornello per circa 15 minuti finchè saranno ben scurite e la polpa risulterà morbida. In alternativa si possono cuocere su un barbecue.
Lasciarle raffreddare quindi tagliarle nel senso della lunghezza e ricavarne la polpa aiutandosi con un cucchiaio. Metterla in un colino e lasciarla perdere l'acqua in eccesso per almeno mezz'ora. Affettare la polpa grossolanamente, evitando di lasciare comunque pezzi troppo grossi.

Nel frattempo preparare le due vinaigrette: mescolare gli ingredienti della prima e versarli in una ciotola. Fare lo stesso con la seconda, mescolando gli ingredienti tra loro. Tenere le due vinaigrette separate.

Scaldare l'olio in una casseruola su fuoco alto e cuocere la cipolla per circa un minuto girando sempre. Dovrà ammorbidirsi senza scurirsi. Aggiungere quindi l'aglio e la polpa di melanzana e cuocere, sempre mescolando, finchè l'eventuale liquido sarà evaporato e il composto assumerà un colore brunito. Il tempo di cottura dipenderà da quando acquose sono le melanzane.
Aggiungere quindi la vinaigretta di salsa di soia e miele, cuocere altri 2 minuti quindi togliere dal fuoco e lasciare raffreddare.

Mentre le melanzane si raffreddano tagliare i pomodori a metà ed eliminare i semi. Ridurne 4 a cubetti e affettare l'ultimo.

Una volta che le melanzane sono raffreddate aggiungere la vinaigrette di balsamico e mescolare, quindi unire i pomodori a cunetti, i cipollotti, il prezzemolo, il sale e mescolare bene.

A questo punto la preparazione può essere servita in ciotoline individuali guarnita con fette di pomodoro ed erbette.
In alternativa può essere conservata in frigo in un contenitore ermetico per 3 giorni.


NOTE

- la ricetta non è complicata ma necessita di vari passaggi. In realtà sono facilmente suddivisibili tra mattina/sera e la cottura delle melanzane può essere realizzata anche il giorno prima. 

- la qualità delle melanzane è ovviamente fondamentale. Se penso a quelle, bellissime, siciliane mi vien da piangere! Quelle rinsecchite che trovo qui hanno fatto comunque una discreta figura e non essendo per nulla acquose hanno invece facilitato la realizzazione che non ha avuto bisogno di asciugare troppo sul fuoco.

- confesso che la cottura delle stesse mi è stata impossibile sulla fiamma viva perchè in casa ho le piastre elettriche.  Le ho arrostite invece sotto il grill del forno, avendo cura di bruciacchiarle per bene, quindi non so dire se 15 minuti a melanzana su fiamma viva siano sufficienti per la cottura anche dell'interno. Sicuramente, viste le nove melanzane previste si finirebbe di cuocerle tutte dopo ore!

- la preparazione andrebbe servita a temperatura ambiente ma secondo me fredda di frigo, il giorno dopo, era ancora migliore. Ah si, l'olio è abbondante. Resistete alla tentazione di metterne meno, serve tutto!

- dunque dunque, possiamo mettere la salsa di soia in una preparazione di una cucina così tradizionalista come quella greca? La risposta è si, alla grande. I puristi insorgeranno come sempre in questi casi ma devo dire che la scelta è azzeccatissima. Ne viene fuori qualcosa di non troppo sapido ma nemmeno troppo dolce, con quel retrogusto affumicato dato dalle melanzane arrostite. Una roba irrestistibile che va via esattamente come le melanzane fritte della mia nonna Maria: ancora prima di arrivare a tavola. Chiaro che la ricetta sia

PROMOSSA CON LODE
ed esorto tutti a rifarla quanto prima


22 commenti:

  1. Già solo la foto mi lanciava languide occhiate seducenti, il tuo post mi ha dato il colpo di grazia. Hai anche risolto il mio problema numero uno, la bruciatura delle melanzane su fiamma: la fiamma ce l'ho, la pazienza no, ma il grill del forno è semplicemente perfetto (e ho giusto qualche melanzana in frigo).
    Mi stuzzica assai il tocco delle due vinaigrette e l'aggiunta della salsa di soia. Insomma, da fare subito!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poi insomma con le temperature attutali stare davanti alla fiamma non mi sembra una grande idea. Grazie Mapi!

      Elimina
  2. Avessi avuto tra le mani questa ricetta, trevigiani fa, l'avrei utilizzata per l'antipasto in occasjone del pranzo di domenica scorsa, con la famiglia di zii che non vedevamo dal Natale 2019!
    La potrei però utilizzare comunque 8n futuro.
    Ora copio il link.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che peccato, ma sono certa che troverai un'altra occasione perchè è veramente buonissima.

      Elimina
  3. Adoro le melanzane sempre e comunque e questo dip mi fa impazzire solo a leggere la ricetta! Domani so di cosa fare scorta al mercato :)

    Grazie Stefi!

    RispondiElimina
  4. Con me le melanzane vincono a mani basse, sempre.
    Io purtroppo non ho potuto godere delle nonne, ma in compenso mia mamma friggeva/frigge/cucina tutti i giorni come non ci fosse un domani...ahahah

    Ma lo sai che la salsa di soia contiene frumento? Bella fregatura, ehh...
    Vabbè, mi godrò le melanzane negli altri 1001 modi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non lo sapevo ma qui vendono la salsa di soia dove è specificato che è senza glutine. In Italia non c'è?

      Elimina
    2. Ahimè non l'ho ancora trovata...

      Elimina
    3. Esisite anche in Italia, salsa di soia Tamari

      Elimina
    4. comunque proverò senz'altro questa ricetta, deve essere deliziosa

      Elimina

  5. Ale only kitchen15 giugno 2021 14:56
    Su questa ricetta avevo messo un segnalibro, e tu l’hai provata e approvata: grazie! Ora non mi resta che prepararla, cottura sulla fiamma compresa. Uso lo spargi fiamma e ne cuocio due alla volta. I 15 minuì indicati nella ricetta vanno bene ;) È anche vero che, nove melanzane tutte insieme non le ho mai cotte così... dovrei usare più fuochi. Ho provato con la cottura in forno ma, secondo me, perdono un po’ il gusto affumicato della cottura su fiamma viva. Ma di necessità virtù:)))
    Grazie Stefi per questa scelta!.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si la fiamma viva non ha eguali ma quando non c’è pazienza 😅 mi riprometto di provare col barbecue però!

      Elimina
  6. mi convince moltissimo la tua esortazione... e oltre a questo, il ricordo della nonna siciliana... l'unico mio impasse, più psicologico che altro, è che per me le melanzane sono solo quelle siciliane: il loro gusto e il loro sapore sono inimitabili. Quando le faccio qui, ahimé, tutt'altra esperienza... ma certo questa pietanza è molto molto suggestiva. Grazie, Stefi per averla provata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me le melanzane sono un ricordo anzi qualcosa di ormai più simile al Santo Graal…ma ci accontentiamo :)

      Elimina
  7. Mentre una parte di me "compatisce" voi "poveri" expat, che non possono godere delle belle melanzane italiane, un'altra parte già complotta la realizzazione di questo piatto!!! 😉
    E rifletto che senza il vostro "sacrificio", non sarei venuta a conoscenza di questa prelibatezza!!! 😋 Grazie!!!

    RispondiElimina
  8. ... che non potete...!!! T9 😬🤬

    RispondiElimina
  9. anche io avrei voluto avere una nonna siciliana. Sarei stata sempre appiccicata a lei a magiare tutte le melanzane appena scolate dall'olio.Ma ti dirò che anche io non amo la parmigiana, mentre amo tantissimo il baba ganoush. Io poi adoro tutto ciò che è salsina da bruschettine. In effetti l'abbinamento a queste vinaigrette è molto originale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora abbiamo gusti molto simili, e se tanto mi dà tanto questa ti piacerà ;)

      Elimina
  10. Arrivo per ultima, ma solo per dire che è da quando questa ricetta è stata pubblicata che qui è partita la litania del "bisogna provarla assolutamente". A maggior ragione considerato che sulle melanzane la pensiamo allo stesso modo :)

    RispondiElimina