giovedì 26 aprile 2018

ORANGE POLENTA CAKE




Quando ho saputo di aver vinto lo Starbooks Redone di marzo, mi è venuta voglia di fare dolci tutti i giorni, da regalare e da provare.
Il libro di questo mese mi ha un po’ spaventato, all’inizio.
Pane e biscotti non sono la mia specialità, né le mie “baking preferenze”. Poi devo fare i conti con le mie condizioni di espatriato “due volte”, momentaneamente a Parigi… Non male, comunque! …



Ingredienti per 8–12 persone

300 g di farina di mandorle
100 g di polenta istantanea o di farina di mais
50 g di polenta bramata (a grana grossa)
1 cucchiaino di lievitoper dolci
300 g di burro, più altro per ungere la teglia
buccia grattugiata e succo di 2 arance
300 g di zucchero semolato fine, tipo Zefiro
4 uova

Preriscaldare il forno a 180 gradi. 
Imburrare leggermente una teglia da 20 cm, meglio se con cerniera e fondo amovibile, e mettere della carta forno.
In una terrina mischiare le farine (di mandorle e la polenta) e il lievito, e mettere da parte. 
In un’altra terrina, più capiente, mettere il burro, la buccia delle arance grattugiate, lo zucchero e sbattere finché il composto risulti aerato e cremoso. Aggiungere le uova una per volta, facendo in modo di farle incorporare bene.
Se il composto dovesse iniziare a separarsi aggiungere un poco del mix di farine per recuperarlo.
Dopo le quattro uova, aggiungere poco alla volta il mix di farine.
Quando tutto sarà ben amalgamato, aggiungere lentamente il succo delle due arance, mescolando per un ulteriore minuto.
Versare l’impasto nella teglia, livellarlo e infornarlo per 55 minuti, girandola dopo un’abbondante mezz’ora. Tirare fuori dal forno, lasciar raffreddare per almeno 5 minuti, quindi far raffreddare su una gratella.
Impiattare e servire con della panna montata.


NOTE

1.     La ricetta originale ha come titolo “Lemon Polenta Cake”. Nella breve introduzione alla ricetta, gli autori suggeriscono che, a proprio piacimento, è possibile cambiare il succo dei limoni per quello di arance. Ho optato per questa versione con le arance, per variare. 

2.     Ho usato in tutto 150 grammi di polenta fine, non avendo trovato, neppure nella Grande Epicerie di Parigi (nessuno è perfetto!), la polenta a grana grossa. 

3.     La torta è molto facile da fare e divertente. Tuttavia, non nascondo che mi sono un po’ spaventato quando, a causa delle due arance (molto succose), ho visto l’impasto piuttosto liquido. Ma alla fine, il risultato è magnifico. Immagino che con le arance della mia terra d’origine (le arance siciliane) la torta sarebbe ancora più paradisiaca. E con le arance rosse, credo che anche il colore la farebbe ancora più invitante. Non so perché sto pensando al colore della pelle quando ci si abbronza in spiaggia! 

4.     Non ho girato la teglia, come suggerito nella ricetta, e non ho avuto nessun problema. 

5.     La torta è morbida e l’aroma delle arance è ben evidente. Finisce in un battibaleno.

La ricetta è PROMOSSA 
tra gli applausi dei miei soliti cari amici-cavie. 
Biagio D'Angelo

15 commenti:

  1. Sto giusto 'rovistando' nello Starbooks per fare qualcosa che ...cresca.
    Questa è una bella ed interessante proposta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, Giulietta. Provala subito! E grazie per aver lasciato il tuo commento. Ciao!

      Elimina
  2. Deve essere buonissima, non ne dubito! Potrai rifarla con le tue arance quando torni in Sicilia :-)

    RispondiElimina
  3. Mia mamma la adorerebbe! Ama tutti i dolci con le arance! Grazie, Alice!!!!

    RispondiElimina
  4. Per quanto la foto iniziale sia molto bella, quella che mi ha conquistato è la foto della fetta 😋🤤 ecco si, io una fetta di questa torta la gradirei MOLTO volentieri, se poi è con le mandorle e ha anche il gusto di arancia 🤗 bè cosa potrei chiedere di più??? 😊
    Che bello sarebbe essere uno dei tuoi amici-cavia e pure a Parigi...😏🤩
    Ottima scelta Biagio e grazie per sacrificarti per tutti noi 💗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vieni a trovarmi a Parigi... ci resto fino a fine giugno!!! hehehe! e facciamo dei bei giri di pasticcerie! Che bello! Ho guadagnato un'altra amica-cavia! ciao ciao ;)

      Elimina
    2. Questa si che sarebbe una splendida idea... Parigi, pasticcerie, fare da amica-cavia... 😋🤗😊😃 ci penserò, nel frattempo Grazie 🙏

      Elimina
  5. Un vero classico questa torta che conosco nelle versioni di MArtha Stewart e Nigella Lawson...e se non c'è due senza tre, va aggiunta questa alla lista!
    L'impasto più liquido sarà semplicemente stato perchè hai sostituito i limoni con le arance, per il resto direi che è da fare prima di subito ed anche una buona opzione per gli amici celiaci :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Stefi, invece dell'Allegro Chirurgo, potrei aprire un caffè, "L'Allegro Celiaco".... Martha, Nigella e Justin... che trio, ragazzi!!!! un abbraccio!!!!

      Elimina
  6. Mamma mia che spettacolo!!!
    Una torta perfettamente nelle mie corde: semplice, buona e profumata.
    Ottima l'idea di riprovarla con le arance di Sicilia: sarà ancora più buona!
    Grazie!

    RispondiElimina
  7. Non so perché tutti i dolci che hanno all'interno un aroma di agrumi diventano immediatamente i prossimi esperimenti in cucina. Non c'è nulla di più rivitalizzante del profumo di un limone o di una arancia che si fonde con la fragranza di burro e zucchero. La torta è splendida, eseguita alla perfezione e pure gluten free...che si vuole di più dalla vita?
    Bravissimo Biagio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. cosa ci vuole di più dalla vita ? la tua bravura con la pasticceria, cara Patty! e grazie per aver dedicato cinque minuti preziosi del tuo tempo per questo graditissimo post!!! ciaooooooo

      Elimina
  8. Bravo Biagio 😃se segui lo Starbooks sai che arancia e mandorle erano gli ingredienti dell’ Orange and Almond Cake .. da Salt is Essential ... come può non piacermi questa ? Assolutamente da provare anche la versione al limone 😃e.. grazie ancora per aver partecipato e per questa realizzazione.

    RispondiElimina
  9. Ciao Luciana! Grazie! La versione al limone la conosco ed è molto deliziosa. Salt is essential devo comprarlo.... 😋😋😋

    RispondiElimina