giovedì 21 novembre 2013

VIENNESE TARTLETS





Sono onorata di far parte, per questo mese, della squadra Starbooks, insieme a Federica http://lablondefemme.blogspot.it/  e Valeria http://www.murzillosaporito.com avendo vinto il Redone di ottobre. Il fatto che io non sapessi di stare partecipando con le nuove regole, semplicemente perché non le avevo lette (shhhh che non si sappia), mi ha regalato una sorpresa ancora maggiore, orgoglio e una certa dose di autostima. Grazie ragazze, per la vittoria e per l’opportunità.
Il libro Delia's cake di Delia Smith scelto per il mese, è anzitutto bello. Di quei libri che sembrano appagare tutti e cinque i sensi. la copertina rigida, la costola di stoffa è piacevole al tatto, l’odore è quello del libro nuovo, il rumore delle pagine che si rincorrono è  piacevole e poi la vista, che è deliziata con immagini perfette e suggestive, da dolci, torte e pasticcini che oserei definire peccaminosi. Per il gusto invece non rimane che preparare le ricette…che non vi venisse voglia di provare a mangiarlo eh!?

 Ma non è soltanto il libro che sfogli, è di quelli che tieni a portata di mano perché le ricette sono tante, gustose e tutte fattibili. Dopo una prima parte dove l’autrice dà indicazioni su utensili e ingredienti, si fa riferimento alle ricette che sono gluten-free e eggfree e al sito Delia’s online cookery school http://www.deliaonline.com/ dove poter trovare altri suggerimenti e consigli. Il resto sono 92 ricette dolci divise per argomento o ingredienti.
Le Viennese tartlets sono dolcetti molto semplici, adatti per la colazione o il thè pomeridiano, veloci e facili da fare. Hanno una consistenza friabile, burrosa tanto che si sciolgono  letteralmente in bocca.



Viennese Tartlets
Per 12 tortine
Burro morbido 175 g
Zucchero a velo 60 g più quello per spolverare
Estratto di vaniglia 1 cucchiaino
Farina con lievito 150 g
Maizena 40 g
Marmellata di ciliegie o altra a piacere 4 cucchiai



Mescolare il burro con lo zucchero a velo e l’estratto di vaniglia con un cucchiaio di legno fino a formare un composto morbido e cremoso. Aggiungere la farina e la maizena setacciate fino a avere un composto morbido e compatto. Dividere l’impasto in 12 pirottini da muffin e metterli in una teglia da muffin da 12 o 2 da 6.
Con il dorso di un cucchiaino, passato brevemente sotto l’acqua, fare uno spazio nel centro delle tortine spingendosi in basso per circa due terzi. Mettere le tortine in forno preriscaldato a 180°C per 20 minuti o fino a doratura, senza preoccuparsi se nel centro rimangono morbidi. Togliere dal forno e far raffreddare su una griglia per 15 minuti.


Riempire il centro di ogni tortino con la marmellata e lasciar finire di raffreddare.
Poco prima di servire spolverare di zucchero a velo. Non importa se lo zucchero a velo oscura la marmellata-presto sarà assorbito in modo da ritrovare le deliziose piccole macchie rosse al centro.
Conservare in un contenitore ermetico.

Confesso che mentre li preparavo avevo dei dubbi sulla consistenza della pasta che mi sembrava troppo dura e compatta, una sorta di frolla che sinceramente non mi aspettavo.
Prima, temevo che non si gonfiassero abbastanza, poi che si gonfiassero troppo, senza fare spazio per il buco centrale da riempire di marmellata ma, una volta tolti dal forno, erano perfetti per essere farciti.
Delia parla esplicitamente di cucchiaio di legno ma io ho usato il mixer con il gancio a foglia per gli impasti più consistenti.
Si mantengono molto bene per alcuni giorni anche all’aria, la consistenza burrosa non si perde, anzi acquista morbidezza.
Dubito che vi possano rimanere per più di 2 giorni ma se fosse conservateli dentro una latta.
Ho costretto convinto mio marito che non ama i dolci ad assaggiarle e le ha finite tutte, implorandomi di rifarle subito. Testuali parole: “hanno una consistenza fantastica, sembrano canestrelli ma più morbidi, sono uno spettacolo”.

 Delia PROMOSSA


Il bosco di alici



30 commenti:

  1. Annarita, posso dirti che le tue foto sono più mouthwatering di quelle del libro????
    Ti confesso che avevo bypassato queste tartlets quando le ho viste sul libro, ma dopo aver letto il tuo bellissimo post mi è venuta una gran voglia di farle!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie che soddisfazione... falle Mapi perchè si fanno in pochi minuti e la resa è superiore alle aspettative. Un bacio.

      Elimina
  2. Concordo con la Mapi. Le foto sono di una bellezza che non ha eguali e se la ricetta del libro non mi aveva convinto completamente per via della mia ritrosia nei confronto di muffin e robe simili, gogo mi ricredo e voglio fare queste tortine al più presto. Sono magnifiche. Capisco la gola del marito!
    Ti abbraccio e bravissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi farli perchè dei muffins hanno solo i pirottini, per il resto sono tutta un'altra cosa. Un abbraccio a te.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Davvero, ti invito a provarle. A presto.

      Elimina
  4. Ma solo io ho il marito che dice "buono/no bbuono"? :-)
    lo mando da michele a fare un corso, mi sa ;-)
    bravissimaaaa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Michele a dispetto del fisico longilineo è un mangione e quando è rapito si prodiga in discorsi culinari. Pensa che quando mangia dalla mia mamma (ormai è il loro giochino) dice solo "mhhh mangiabile!" Grazie a te e a tutte....mi sono divertita un sacco.

      Elimina
  5. Annarita, che favola queste tortine!!
    Concordo assolutamente con Mapi: le tue foto sono mooooolto meglio! A dire il vero mi devo ancora riprendere dalla tua sontuosa torta di castagne.... ;)
    Grazie per la tua partecipazione allo Starbooks, è un onore averti fra noi questo mese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Cristina, so già che mi mancherete.... devo impegnarmi di nuovo nel Redone. Un bacio.

      Elimina
  6. Annarita!!! Ma sono tortine degne di una principessa!! Che meraviglia!
    Me le pregusto già con una tazza di tè caldo, mmmhhh!! :)

    E queste foto?? Splendide, le adoro! Bravissima!! :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi di un principe visto che le ha finite tutte il marito....Grazie Fede. Un bacione.

      Elimina
  7. Che foto!! e che dolcetti ! Ne immagino la consistenza e l'aroma ... bravissima Annarita!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non immaginare Daniela...falli. Un baci.

      Elimina
  8. Ecco, per esempio, questa non l'avevo notata. E visto che sono alla ricerca di dolci e veloci e golosi al tempo stesso, me le segno ;-)

    RispondiElimina
  9. se il tuo intento era quello di convicermi a farle, beh, bersaglio centrato!

    RispondiElimina
  10. Annarita ma son stupendi questi dolcetti !!! Complimenti.l.li farò...li faccio....subito...stasera ...

    RispondiElimina
  11. Mai fermarsi al primo sguardo! Avevo visto la ricetta sul libro, ma ero andata oltre... tentata dalle torte! Errore a cui rimedierò presto, grazie a te!
    Le tue foto sono incantevoli e.... voglio quelle alzatine!!!
    Grazie per il tuo bellissimo contributo e a presto ;-)

    RispondiElimina
  12. Non vedo l'ora di provarla! Ciò che non mi è chiaro è quando si mette la marmellata... Mi sono persa qualcosa?

    RispondiElimina
  13. anche io mi stavo domandando quando mettere la marmellata perché non mi è per niente chiaro, appena sfornate oppure da fredde? si potrebbe mettere prima di infornare? attendo risposta, grazie per il vostro squisito lavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. probabilmente durante il trasferimento del file è andato perso il pezzo finale, ecco qui gli ultimi passaggi:

      la marmellata si mette dopo aver fatto raffreddare i tortini per 15 minuti, poi li si lascia raffreddare completamente. poco prima di servire spolverizzare con zucchero a velo.

      se si mette la marmellata prima di infornare, si ottiene una consistenza diversa, probabilmente più simile a una crostata (almeno credo!). la particolarità di questi tortini è proprio la loro morbidezza, io li proverei senza cuocere la marmellata...

      grazie a voi! :)

      Elimina
  14. Spettacolari!!
    Buonissimi e belle le foto!!
    Inco

    RispondiElimina
  15. Oddio, ma queste tartlets sono divine... e se, come dice il marito, la consistenza è quella dei canestrelli, ma più morbida, sono a bordo! :)

    RispondiElimina
  16. Provati, ed adorati.
    Bisogna che li rifaccia!!!

    E che foto splendide :)

    RispondiElimina
  17. questi li avevo notati anch'io, e ne ero molto tentata.
    vorrà dire che li rifarò per il redone!
    le foto sono una meraviglia, grazie davvero per essere stata dei nostri questi mese!

    RispondiElimina
  18. Mi hai incuriosito un bel po' con queste tartlets... Quasi quasi stasera le faccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chissà come saranno con ... la Nutella? Slurp!

      Elimina
  19. bellissime e poi quell'alzatina mi ha fatto innamorare!

    RispondiElimina
  20. sono davvero favolose queste tortine...le voglio riprodurreee! :)

    RispondiElimina
  21. e quando si suol dire anche l'occhio vuole la sua parte
    qui non ho parole le foto parlano da sole

    RispondiElimina