venerdì 16 settembre 2022

BAKA MARA'S MELJANAC

 

La ricetta qui sopra non appartiene alla tradizione cipriota ma a quella serba, anche se l'occasione in cui viene servita rimane la stessa, ovvero quell'alimentazione di magro che accompagna alcune feste religiose.
Tutto il mondo è paese, si dice.
Ed ho sorriso molto leggendo come la nonna (baka) dell'autrice raccomandasse che questa ricetta dovesse per forza realizzarsi con parecchio olio.
Se si teme l'olio, questo piatto non sarà mai come l'originale della baka Mara.
Mi ha ricordato un parente di mia nonna che era famoso per condirsi l'insalata, ogni santa sera, con un litro di olio.
Avete letto bene: un litro.
Per carità, di olio eccellente, di sua produzione, ma sempre olio.
E quando il medico gli ordinò di diminuire drasticamente la dose, la moglie provò, per iniziare, a mettergliene mezzo litro.
Raccontava sempre che dalla stanza accanto arrivava immancabile l'esclamazione "ma stasera olio non ne hai messo per niente!"
Ora, cosa sia molto o poco ha valenza diversa per ciascuno di noi.
Qui vi raccomando di seguire le indicazioni e addirittura abbondare, come faceva anche baka Mara: le nonne sono sagge, e sanno bene cosa serva per rendere un piatto semplice più appetitoso.
Una cascata di grasso :)


BAKA MARA'S MELJANAC
per 4-6 porzioni

200 g di fagioli cannellini secchi oppure 2 barattoli da 400g di fagioli in scatola
1 carota
1 cipolla
3 foglie di alloro
qualche grano di pepe nero
sale
8 cucchiai di olio di girasole
1 cucchiaio di farina comune
un cucchiaino colmo di paprika dolce
2 spicchi d'aglio

 

Se si usano i fagioli secchi ammollarli in acqua fredda abbondante per una notte, quindi scolarli, versarli in una pentola e coprirli con acqua. Pelare e tagliare grossolanamente la carota e metà della cipolla e aggiungerle alla pentola insieme alle foglie di alloro e il pepe.
Portare a bollore su fuoco alto quindi ridurre la fiamma e far sobollire piano per un'ora/ un'ora e mezzo o comunque finchè i fagioli saranno teneri.
Scolarli quindi in un colino ed eliminare le verdure, le foglie di alloro ed il pepe.
Metterli di nuovo nella pentola e schiacciarli con uno schiacciapatate (se si usano i fagioli in scatola scolarli e versarli nella pentola come quelli cotti in casa)  finchè diventeranno una crema abbastanza liscia ma non così omogenea come fosse un purè.
Aggiustare di sale.

Pelare ed affettare finemente il resto della cipolla. Aggiungere 4 cucchiai di olio in una padella media. Sarebbe ideale averne  almeno 5mm a coprire la base della padella. Porla su fuoco  medio/basso e cuocere la cipolla per circa 10 minuti così che si ammorbidisca e diventi dorata. Unire quindi la farina e la paprika mescolando velocemente ed appena il tutto diventa una pasta toglierla dal fuoco, facendo attenzione che non brucino nè la cipolla nè la paprika che altrimenti darebbero un sapore amaro al piatto.
Versare questa pasta sui fagioli schiacciati  e mescolare, quindi trasferire il tutto in un piatto da portata.
Pulire la padella con della carta da cucina quindi  rimetterla sul fuoco e aggiungere gli ultimi 4 cucchiai di olio.
Pelare e affettare l'aglio quindi aggiungerlo alla padella.. Friggerlo su fuoco dolce e quando sarà appena dorato versarlo insieme all'olio sui fagioli.
Servire subito, con del pane tostato o abbondante pita.

 

NOTE

- ricetta semplice ma curiosa, era la prima volta che cucinavo i fagioli unendoli a un roux e annegandoli nell'olio. In realtà l'olio viene infuso di aromi diversi, cipolla e aglio si fondono perfettamente, il roux si scioglie nei fagioli ed il grasso rende il tutto divino. Si, perchè sono sicuramente i fagioli più buoni che abbia mai cucinato (pari merito con hummus, of course)

- necessita ovviamente di un pane o della pita per mangiarlo. Ma assicuro che ci sono stati coraggiosi che ne hanno ingurgitato cucchiaiate anche senza nulla... capisco che possa risultare non particolarmente bello, o invitante ma fate un atto di fede perchè merita.

- non sarà una sorpresa sapere che il piatto è buonissimo anche freddo, e forse migliore il giorno dopo: aromi e profumi si fondono ed amalgamano ancora meglio. Pochi secondi di microonde secondo me ne esaltano comunque il sapore meglio che se mangiato freddo di frigo.

inutile dire che la ricetta sia

ASSOLUTAMENTE PROMOSSA
(e con invito a tutti a rifarla quanto prima)


17 commenti:

  1. A leggere di tutto quell'olio - e di semi per giunta - confesso che non avrei dato un soldo alla ricetta. Ma se tu mi dici che è buonissima, mi fido ciecamente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi aveva incuriosita per la paprika e il roux, entrambi mai usati con i legumi che mangio in grande quantità. Il resto, una scoperta sorprendente!

      Elimina
  2. Il parere dell'Araba è una garanzia. li farò presto. ;)

    RispondiElimina
  3. Piatto fantastico! era nella mia mira prima ancora che si decidesse di fare il libro per lo Starbooks! brava, Stefi.

    RispondiElimina
  4. Questa è una ricetta davvero nuova, per me. Semplice, veloce e gustosa. Sarà prestissimo anche sulla mia tavola. Grazie
    Ua abbraccio

    RispondiElimina
  5. Scusa la domanda stupida, ma se uso i fagioli in scatola (lo so, sono una cialtrona :)) cosa faccio con la carota e la cipolla della prima lessatura? le ometto semplicemente, oppure conviene pre-lessarle a parte e poi frullare insieme ai fagioli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se usi i fagioli in scatola non servono. Non vengono comunque schiacciate insieme ai fagioli, ma servono solo ad aromatizzare l’acqua. Vengono scartate in ogni caso :)

      Elimina
  6. Onestamente a me fanno gola a vederli anche in foto quindi immagino che la realtà sia davvero irresistibile. Mentre leggevo la ricetta mi veniva l'acquolina in bocca. La trovo una ricetta diversa e intrigante, sicuramente la farò molto presto. Grazie per averla provata!

    RispondiElimina
  7. Un piatto un pò calorico (!?!) che promette un gusto estremo! 😋
    Da provare per mangiare i legumi... ma confesso che sul momento deciderò sull'olio, forse un pochissimo di meno? 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dico la verità: perde molto se togli l’olio. Fattelo come sgarro casomai :)

      Elimina
  8. Raccolgo l'invito a rifare questa ricetta, anche se la tua spiegazione è stata così entusiasticamente dettagliata da renderlo inutile: a metà della descrizione aggiungevo "fagioli" alla lista della spesa. Davvero un piatto insolito- confesso di non averne mai sentito parlare- che valorizza ancora di più questo libro, nella sua ricerca preliminare di piatti di tradizione. Un risultato grandioso, per un'ottima scelta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Alessandra. Il piatto era una novità anche per me e con curiosità l’ho preparato: Contentissima poi del risultato!

      Elimina
  9. una ricetta che proverò presto, sarà sicuramente un altro successo culinario! Grazie!

    RispondiElimina