lunedì 20 settembre 2021

KUKU SABZI - HERB FRITTATA

 


I Kukus sono un piatto tradizionale, normalmente servito insieme al pesce, in ogni Capodanno iraniano. Ma possono essere mangiati durante tutto l'anno. E' una frittata a base di erbe e uova, e viene servita insieme ai sottaceti, ai pomodori ed alle salse. Si accompagna spesso con un flatbread chiamato sangak. 

Nella cultura iraniana, ogni cibo ha un significato simbolico, e le erbe simboleggiano la rinascita.


Kuku Sabzi - Herb Frittata

Ingredienti per una frittata di 20 cm (per servire 4-6 persone)

2 cucchiai di olio d'oliva (per me, extravergine)

1/2 cipolla, tritata finemente (70 g crica)

3 spicchi d'aglio, tritati

4 uova

40 g di prezzemolo tritato finemente, foglie e gambi teneri

40 g di coriandolo tritato tritato finemente, foglie e gambi teneri

20 g di erba cipollina tritata finemente

20 g di aneto tritato finemente (per me, solo sforbiciato)

3 cucchiai di farina di ceci

 2 cucchiai di noci tritate

2 cucchiai di mirtilli rossi essiccati o di crispino essiccato (barberries)

1 cucchiaino da tè di sale kosher 

1/2 cucchiaino da tè di curcuma macinata


Preriscaldare il forno con la funzione broiler low setting* (grill presente nei forni americani, con funzione di cottura), e sistemare la griglia nel ripiano medio. Scaldare un cucchiaio d'olio su fuoco medio, in una padella di 20 cm di diametro, adatta anche alla cottura in forno. Cuocere la cipolla, mescolando ogni tanto, finché non risulterà morbida. Ci vorranno circa 6 minuti. Unire l'aglio e cuocere un altro minuto. Trasferire tutto in un piatto e lasciar raffreddare. 

Rompere i tuorli con la frusta e sbatterli con gli albumi fino ad ottenere una consistenza omogenea. Aggiungere le cipolle, le erbe tritate, la farina di ceci, le noci tritate, i mirtilli rossi (se li usate), il sale e la curcuma.

Scaldare il cucchiaio d'olio rimanente su fuoco medio, e versare il mix di uova. Aiutatevi con un spatola in modo da avere uno strato uniforme. Cuocere finché la base della frittata non sarà rassodata, 10 minuti circa.

Togliere la padella dal fuoco e trasferirla nel forno per far rassodare anche la superficie. Lasciare sotto il grill finché la frittata non si sarà rassodata di un colore dorato scuro ma non troppo, 3 minuti circa.

Estrarre la padella dal forno e far raffreddare leggermente, sempre nella padella. Far scivolare su un piatto e servire. Il kuku può essere servito in un sandwich, oppure insieme ad un'insalata. Gli avanzi possono essere conservati in frigorifero per 2 -3 giorni.


Note personali

* Non conoscevo il sistema di cottura utilizzato per questa ricetta. E' arrivata in mio aiuto Stefi Araba Felice, e mi ha spiegato che, il broiler, è un grill tipico dei forni americani, utilizzato per la cottura. E' meno forte del nostro grill, e può essere low o high. Dovendo solo terminare la cottura della frittata, già iniziata sul fuoco, ho usato il grill, controllando a vista la frittata. Grazie Stefi :)))

- i circa10 minuti necessari per far rassodare il fondo della frittata, nel mio caso, sono diventati la metà o avrei rischiato di bruciare tutto. Ho utilizzato come padella per la cottura una tipica skillet in ghisa, che va tranquillamente in forno.

- tra gli ingredienti è presente il coriandolo, in quantità abbastanza elevata. Il coriandolo ha un gusto che non riscuote molto successo, almeno dalle nostre parti. A me piace, ma in dosi non elevate, così l'ho ridotto a metà.

- ho ridotto l'aglio ad un solo spicchio per gusto personale

- le noci, oltre a dare sapore, donano anche croccantezza al piatto. Io ne metterei un po' di più!

- questa ricetta è una piacevole ed insolita variante rispetto alle solite frittate.


La ricetta è:

PROMOSSA


7 commenti:

  1. Curiosissima questa frittata di erbe con le noci e i barberries: da provare, mi incuriosisce davvero tanto.
    Grazie per l'indicazione sul broiler e sì, pure io ero rimasta perplessa dal tempo di cottura della base. :)
    Grazie Ale!

    RispondiElimina
  2. Appetitosissima! L'acidità del crispino darà sicuramente un tocco in più, tra l'altro credo stia diventando un nuovo superfood, come superfonte di vitamina C e con un superprezzo ovviamente! Io lo raccolgo personalmente dopo aver scoperto che si trova nei boschi delle mie parti. Ciao :)

    RispondiElimina
  3. Sono curiosissima!
    Della cottura in padella in forno ne avevo sentito parlare, però non sapevo della particolarietà dei forni americani! 😅
    Unico problema: non ho la padella adatta, un'altra caccavella da comprare??! 😂
    Il mix di aromatiche con i mirtilli rossi mi attira, il crispino non so proprio che sia, mi devo documentare... 😋 La proverò, accettando i consigli: meno aglio, meno coriandolo e più noci!😋😋 Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  4. Wow, finalmente ho capito a cosa serve il low del mio (pessimo) forno americano
    Non l'ho mai usato, mi sono sempre limitata a high, ma, in effetti, ha una sua logica per finire la parte superiore della frittata

    RispondiElimina
  5. Faccio molto spesso "Kuku Sabzi". Mi piace tantissimo. Tuttavia, non ho mai messo i mirtilli rossi. L'aggiunta dei barberries, molto presenti in terre persiane, effettivamente rende tutto molto più realmente iraniano...

    RispondiElimina
  6. LA bellezza di questo libro, sta tutta nelle storie di questi chef che hanno portato la loro vita che è poi anche la loro cucina, ad essere scoperta da un mondo molto lontano dal loro. Questa frittata mi era sconosciuta, come molti piatti di questo libro, e mi sembra favolosa.
    Bravissima.

    RispondiElimina
  7. Mi stupisce sempre che questa cosa del broiler low/high non appaia nei forni italiani. Il mio in realtà americanissimo forno arabo lo ha e lo trovo molto comodo.

    RispondiElimina