giovedì 14 novembre 2019

CHESTNUT SOUP WITH BACON AND SAGE CROUTONS





CHESTNUT SOUP WITH BACON AND SAGE CROUTONS

Iniziare la cena della Vigilia o il pranzo di Natale con una calda vellutata è un'idea che mi piace tantissimo e che accarezzo ogni anno, quando sto stilando il menu. Di questa vellutata di Delia Smith mi ha attirato subito l'abbinamento castagne-salvia, uno dei miei preferiti. Leggendo la ricetta, però, mi è sembrata quasi troppo semplice. Pochissimi sapori, nessuna sfilza infinita di ingredienti, pochi condimenti... insomma, avrebbe avuto carattere? L'unica, per scoprirlo, era provarla, e così... ;) 

Ingredienti
per 6 persone

400 g di castagne cotte, congelate o sottovuoto (io ho usato quelle sottovuoto)
Una costa e mezza di sedano tritato
1 cipolla media tritata
1 carota media tritata
1 litro di brodo vegetale (preparato con il dado - io ho usato quello fatto in casa)
Sale
Pepe

Per i crostini
110 g di pane raffermo, senza crosta e tagliato a dadini
2 cucchiai di olio (extravergine) di oliva
2 fettine di bacon tritate finemente
1 cucchiaio di salvia tritata

Per preparare la zuppa, mettete tutti gli ingredienti in una pentola, regolate di sale e pepe e portate a bollore. Mettete il coperchio e fate cuocere a fuoco molto dolce per 25 minuti.
Nel frattempo preparate i crostini. Scaldate l'olio in una padella e aggiungete il bacon. Cuocetelo a fiamma bassa per 5 minuti. A questo punto alzate la fiamma, aggiungete i cubetti di pane, la salvia e mescolate continuamente, finché il pane e il bacon non saranno croccanti e dorati.
Trasferite il tutto su un foglio di carta assorbente. Quando la zuppa sarà pronta trasferitela in un frullatore (io ho usato un frullatore a immersione direttamente in pentola) e azionatelo fino a che non avrete ottenuto una vellutata liscia e priva di grumi. Riscaldate la zuppa, se necessario, e servitela ben calda completandola con i crostini, il bacon e la salvia.

NOTE:
- Come detto anche nell'introduzione alla ricetta, la lista cortissima degli ingredienti mi aveva quasi fatto desistere. Sì lo so, sono fatta al contrario... o forse ormai Ottolenghi mi ha deviato XD In realtà, come spesso accade, quando gli ingredienti sono ben dosati e abbinati, non ne servono troppi. E questa vellutata ne è la dimostrazione. L'equilibrio che si crea è perfetto, semplicemente irresistibile.
- La ricetta è velocissima e facilissima. Quasi imbarazzante. Soprattutto se utilizzate castagne già cotte.
- Una cosa che mi ha lasciato perplessa è l'utilizzo del brodo di dado. Onestamente, fare un brodo vegetale non è un'operazione così lunga e complicata e secondo me migliora il piatto. Io ne avevo uno pronto e ho usato quello.
- Personalmente, il bacon secondo me è poco e soprattutto sproporzionato rispetto al pane. Io alla fine ne ho aggiunte un paio di fettine, che ci stavano proprio bene :D 
- Riguardo le dosi, considerate che sono 6 porzioni non troppo grandi. La quantità perfetta se con la vellutata volete solo aprire il pranzo o la cena.

Tutto considerato, visto che la vellutata è stata spazzolata in pochi minuti e le ciotole sono tornate in cucina pulite, direi che la ricetta è assolutamente

PROMOSSA


Alessandra Corona, La Cucina di zia Ale


10 commenti:

  1. Concordo con te, noto spesso l'uso del dado in questi libri dove non te lo aspetti, ma pare che sia il british style ... questa ricetta è davvero invitante, anche perché, diciamolo, con i dovuti crostini, diventa gluten free e io sono contenta!!! Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh sììì! Super gf :D
      Eh sì, l'uso del dado sui libri non si può proprio sentire... però gliela perdoniamo perché è troppo buona, dai ;)

      Elimina
  2. Una delle poche ricette di Delia senza “spirits”😂 detto questo mi ispira molto, il mio consorte la adorerebbe ma castagne dalle mie parti solo cinesi e ancora sono restìa all’acquisto...quanto al brodo non è così comune farlo da sè in UK o USA, anzi sgranano gli occhi quando glielo fai notare per poi stupirsi quando spieghi loro quanto sia semplice. Grazie Ale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Marito era scettico (che novità) ma alla prima cucchiaiata è rimasto estasiato! Peccato per le castagne cinesi :/ E se cerchi di prenderle online?
      Hai ragione sul brodo. Che poi non è da me demonizzare nulla, neanche il dado, ma quando il brodo diventa un ingrediente chiave di una ricetta, più è buono, meglio è ;)
      Grazie Stefi :-*

      Elimina
  3. Avevo già preparato per un vecchio starbooks una zuppa di castagne e la trovai meravigliosa. Questa, con la presenza del bacon, mi intriga tantissimo e la tua presentazione mi fa venire l'acquolina in bocca al primo sguardo. Che meraviglia. Grazie per averla provata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Patty <3
      Sì, provala perché merita davvero!

      Elimina
  4. La zuppa di castagne non l’ho ancora provata, ma questa con bacon e salvia che donano sapore, la metto nella lista di quella da provare. Con doppia dose di bacon 😁

    RispondiElimina