martedì 9 settembre 2014

LEMON AND LIME POSSET WITH TAMARILLO AND BASIL JAM


La prima domanda che mi sono fatta leggendo il titolo della ricetta è stata: che cos'è un posset? Dalla foto infatti sembrava una panna cotta servita in un bicchiere, ma il termine posset non l'avevo mai sentito. La domanda però è passata subito in secondo piano a causa della seconda, più pressante: che cos'è il tamarillo? Il nome fa un po' ridere: a me fa venire in mente la versione modificata di una nota canzoncina:  "Il tamarillo di che sa? Non c'è nessuno che lo sa!"


Nell'era di internet per fortuna le nostre curiosità possono essere soddisfatte in tempo reale: il tamarillo è il frutto di una pianta della famiglia delle Solanacee, la stessa di peperoni, pomodori, melanzane e patate. Il suo aspetto ricorda quello dei pomodori perini sia all'esterno, sia all'interno per la disposizione dei semi. Ogni frutto pesa circa 100 grammi. La buccia è liscia e coriacea, un po' come quella della pesca noce, ma più dura. Il sapore invece è caratteristico e tutto suo: su internet ho letto da più parti che ricorda quello del pomodoro, ma quando l'ho assaggiato mi ha dato un'impressione totalmente diversa: il profumo ricorda vagamente quello dei gelsi e il sapore della sola polpa assomiglia un po' a quello del melone. Polpa e semi gustati insieme però, hanno un gusto caratteristico che per l'appunto è... di tamarillo e basta.

Purnell nel libro dice che la marmellata di tamarillo si accompagna bene anche alla carne di maiale. In effetti sta benissimo in questo dolce al cucchiaio e lo vedo anche su cheesecake e pannecotte, dessert cioè già dolci, che la sua nota aromatica e leggermente aspra può stemperare. Consumata sulle fette biscottate come una comune confettura non dà il meglio di se' (per lo meno non questa ricetta poco dolce - 100 g di zucchero su 400 g di frutta), perché l'aroma del tamarillo da solo è più adatto ai piatti salati o ai formaggi.

E il posset? Il mio dizionario inglese-italiano recita: "latte caldo cagliato con vino, birra e spezie". In effetti il posset era una bevanda calda medievale, una sorta di grog ottenuto per l'appunto versando del vino bianco (o birra, o succo di limone) nel latte caldo. A volte la bevanda era profumata con spezie, e credo che Lady Macbeth abbia messo qualche altro ingrediente nei posset che ha offerto alle guardie di Duncan, per farle addormentare. :-)
Dalla metà del XVIII secolo sono stati introdotti come addensanti farina di mandorle, biscotti secchi pestati o tuorli d'uovo, che lo hanno trasformato da bevanda calda in dessert. Da qui alla crema inglese e al lemon curd il passo è stato breve, e il posset è finito nel dimenticatoio.
Nel XXI secolo sta tornando in auge ma nella forma di un fresco dessert, ed è così che ce lo presenta Purnell. E' veramente facile e veloce da fare, può essere preparato in anticipo e, dettaglio non trascurabile, ci sono solo un paio di pentole da lavare!


POSSET AL LIMONE E LIME CON MARMELLATA DI TAMARILLO AL BASILICO
Da: Glynn Purnell - Cracking Yolks and Pig Tales - Kylebooks

Per 4 persone

Per il posset:

900 ml di doppia panna
250 g di zucchero semolato fine (tipo Zefiro, per intenderci)
1 limone e ½ non trattato (succo e scorza)
1 lime e ½ non trattato (succo e scorza)

Per la marmellata:

4 Tamarillo sbucciati e tagliati a dadini, circa 400 g
100 g di zucchero semolato
1 lime non trattato (succo e scorza)
1 bacca di vaniglia tagliata a metà per il lungo
le foglie di ½ mazzo di basilico finemente tritate, + altre per decorare
pepe nero di mulinello


Zucchero a velo (facoltativo) per completare


Versare la panna e lo zucchero in un tegame e portare a ebollizione. Abbassare la fiamma e far sobbollire per 3-5 minuti, per ridurre un pochino il composto.
Unire il succo e la scorza di limone e lime e far sobbollire per altri 2 minuti.
Suddividere il preparato tra 4 bicchieri e passare in frigorifero per almeno 2 ore, o fino a quando non si sarà solidificato.

Nel frattempo preparare la marmellata: scaldare i dadini di tamarillo (inclusi i semi) in una pentola di adeguata capacità, unire lo zucchero e far cuocere a fuoco dolce per 10 minuti o finché non raggiunge la consistenza di una marmellata.
Unire il succo e la scorza del lime e la bacca di vaniglia e cuocere finché il tutto non si addensa.
Eliminare la bacca di vaniglia e far raffreddare completamente.
Prima di metterla sul dolce unire le foglie di basilico tritate e una macinatina di pepe nero.

Togliere il posset dal frigo mezz'ora prima di servirlo. Versare in ogni bicchiere una cucchiaiata di marmellata distribuendola uniformemente. Decorare con le foglie di basilico intere e, volendo, spolverare con zucchero a velo prima di servire.

OSSERVAZIONI

Onestamente c'è poco da osservare: la ricetta mantiene quello che promette.
La preparazione del dolce è di una facilità disarmante, alla portata anche di chi è alle prime armi.
Nel giro di mezz'ora si sono già preparati posset e marmellata, resta solo da attendere i tempi di riposo e assemblare il dolce.
L'unica difficoltà sta nel trovare il tamarillo; io l'ho acquistato on line, e vi confesso che ho tenuto da parte una ventina di semi per provare a seminarli la prossima primavera, perché non è esattamente un frutto economico. Vale però la pena di procurarselo, perché la marmellata ha un gusto molto particolare.
In alternativa al tamarillo si può preparare una marmellata poco dolce di frutti profumati, come ad esempio i lamponi o i gelsi, ma ripeto, almeno una volta nella vita vale la pena provare il tamarillo.

Dopo queste considerazoni direi che la ricetta non può che essere

PROMOSSA A PIENI VOTI

47 commenti:

  1. Bè, che dire, molto curioso il frutto e molto bello l'andare a ripescare preparazioni di un tempo finite ingiustamente nel dimenticatoio... Bravo 'sto Purnell!!
    Grazie Mapi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, devo dire che per questa prima ricetta mi ritengo molto soddisfatta.
      Certo, è una ricetta di una facilità disarmante, ma mi è piaciuto per l'appunto il recupero di preparazioni antiche rivisitate in chiave moderna.
      Vedremo con le prossime ricette!
      Un abbraccio.

      Elimina
  2. Quel cucchiaio lì in foto mette una voglia...!!!!!! :)
    Mi colpisce veramente tanto la facilità di questo dolce e grazie di tutte le note che hai dato sul tamarillo che finora avevo visto solo sui libri :) Mi hai messo molta curiosità e, ora che ci penso, è tanto che non prendo in mano un libro che oltre a darmi ricette mi stimola anche a curiosare per approfondire e capire meglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda Fede, è il dolce più facile del mondo.
      Anche chi non ha mai cucinato in vita sua può farlo ad occhi chiusi, davvero. Provalo, è una delizia!
      Un bacione.

      Elimina
  3. Ma è fantastico questo posset!
    Il tamarillo l‘ho visto impiegato in varie ricette della cucina sudamericana, mi sono sempre chiesta che sapore avesse e ora mi hai illuminato tu. E poi non ho mai pensato di ordinarlo online :)
    Grandissima Mapi, hai aperto le danze magnificamente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, non so se ti ho illuminato, visto che ho detto che sa di tamarillo. ;-) Quello che è certo è che una volta nella vita vale la pena provarlo... e già che lo si prova, teniamone da parte qualche seme da seminare in primavera! ^_^
      Un abbraccio.

      Elimina
  4. Interessante! Conoscevo il posset, anche se non l'ho mai preparato, ma il tamarillo mi era completamente sconosciuto ed ora, leggendo la tua descrizione, mi è venuta una gran voglia di assaggiarlo.
    Se queste sono le premesse, il libro promette bene!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che io ignoravo completamente che cosa fosse il posset! :-(
      Ma adesso che ho rimediato e soprattutto che ho provato la ricetta, non la mollo più!
      Un abbraccio.

      Elimina
  5. Il posset l'ho assaggiato, ma al limone.
    Ora parte la ricerca del tamarillo!
    Sempre impeccabile, Mapi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendevo dire al SOLO limone, che faceva parte anche della copertura ;)

      Elimina
    2. Anche il solo limone, con una Lemon Marmalade è interessante come idea! Il lime lo fa coagulare di più credo, perché è più acido del limone; per contro non ha un sapore "limonoso", anche se all'aroma qui contribuisce la sua scorza. Provalo, ti piacerà!
      Un abbraccio.

      Elimina
  6. Brava Mapi, superprofescionel come sempre!!!
    Non è che te ne è avanzato un pochino? ;)

    RispondiElimina
  7. temo la mapi col suo tamarillo :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io temo me stessa quando compro il tamarillo e altre cose strane! ;-)

      Elimina
  8. wow, tamarillo (nome da protagonista di cartoni animati) e posset...... qui ogni post è una miniera di notizie e cose da imparare...grazie Mapi! :)

    RispondiElimina
  9. deve essere molto buono!!! mi piacerebbe provarlo, è possibile avere il nome del sito dove lo hai acquistato?grazie in anticipo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Donatella, il sito è di un negozio di Bologna, ma fa consegne in tutta Italia.
      Per il primo ordine la consegna è gratuita e io ne ho approfittato, visto che il tamarillo è alquanto caro. Ho preso anche qualcos'altro.
      Il sito è questo: http://www.fruttaweb.com/frutta-e-verdura-online/
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. Grazie mille! Missione tamarillo in progress

      Elimina
    3. :-)))))) Adoro fare proseliti!!!!! ;-)

      Elimina
  10. Il posset l'ho scoperto grazi al The Recipe-tionist ed è diventato il mio dolce di punta! Però mai con la marmellata al tamarillo… urge trovarlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insomma, io ero l'unica a non conoscerlo, 'sto benedetto posset. :-)
      Un bacione.

      Elimina
  11. Mapi, che bellissimo inizio per la nuova stagione di Starbooks!

    Mai assaggiato il tamarillo, mi incuriosisce. Il posset era un cibo che qui in America, nell'era delle Colonie veniva soprattutto dato ai bambini. Se ti interessano ricette dell'epoca, i libri di cucina della First Lady Martha Washington: "Booke of Cookery" and "Booke of Sweetmeats" ne riportano versioni autentiche.

    --Ann

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Ann, le tue indicazioni sono sempre preziosissime! Già che ho un ordine Amazon UK in via di finalizzazione... :-)
      Un abbraccio.

      Elimina
    2. ANN!!!! TROVATI ENTRAMBI IN UN'UNICA OPERA!!!! GRAZIEEEEEEEE!!!!!!http://www.amazon.co.uk/Martha-Washingtons-Booke-Cookery-Sweetmeats/dp/0231049315/ref=lh_ni_t?ie=UTF8&psc=1&smid=A3P5ROKL5A1OLE

      Elimina
  12. Ho letto con grande piacere e curiosità il tuo post scoprendo come sempre molte cose di cui ignoravo l'esistenza. La mia domanda riguarda gli ingredienti di base. Cos'hai usato come doppia panna? Noi abbiamo la semplice panna fresca pronta da montare ma credo che quella inglese abbia una quantità di grassi superiore....mi ha sempre incuriosito questa cosa, visto che molte ricette americane o inglesi la includono. Ti mando un bacio Mapi, grande come sempre. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh, grazie per la domanda, Patty! È vero, nel post non l'ho specificato: ho usato una normale panna fresca da montare col 35% di grassi. I pasticceri hanno a disposizione quella al 38%, che però noi comuni mortali non troviamo.
      Un abbraccio.

      Elimina
  13. Anch'io volevo sapere cosa hai usato come doppia panna, una panna con più alta percentuale di grassi? la double cream ogni tanto la trovo all'iper ma non sempre, la prossima volta la prendo, perchè questo dolce merita davvero! se riesco poi a trovare il tamarillo s'intende :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Panna semplice da montare, come scrivevo a Patty. Mi scuso per non averlo specificato. :-(
      Un bacione.

      Elimina
  14. Non conoscevo ne il tamarillo (che a dire il vero associavo ad un animaletto, una specie di piccolo riccio O.o), ne' il posset. Si imparano sempre tantissime cose con voi e ora sono curiosa di provare questo tamarillo :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oooooh, finalmente ho trovato una che, come me, non aveva idea né di che cosa fosse un posset (io lo associo all'opossum!), né il tamarillo (che hai ragione, ricorda l'armadillo!).
      Prova il posset, anche con un'altra marmellata, è squisito e facilissimo!
      Un abbraccio.

      Elimina
  15. non conoscevo né il posset né il tamarillo, bella scoperta!! grazie Mapi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si suol dire... non si finisce mai di imparare. ^_^ E lo dico di me per prima, visto che prima di acquistare il libro di Purnell li ignoravo entrambi.
      Un abbraccio.

      Elimina
  16. Non so se avrò voglia di spendere il mio denaro per un tamarillo soprattutto pensando alla possibilità di sostituirlo con lamponi (nonostante la diversità di sapore), ma è
    sicuro che un posset...posso...farmelo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se l'anno prossimo mi viene la pianta, tra qualche anno potrò elargire in dono i primi frutti! ;-)
      Un abbraccio.

      Elimina
  17. La cremosità che si vede nella foto con il (bellissimo) cucchiaino mi ha fatto venire l'acquolina... e la curiosità di assaggiare il tamarillo hanno fatto il resto: voglio provare il posset!!! E lo farò con la doppia panna, visto che la trovo senza problemi nella vicina Svizzera ;)))
    Grazie Mapi !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh che bello, tu trovi la doppia panna! Con quella il posset deve essere di una cremosità mai vista.
      Un abbraccio.

      Elimina
  18. Un post ricco di curiosità, impeccabile e naturalmente ti mette una gran voglia di reperire il quasi "fantoatico" tamarillo. In caso di insuccesso nel trovarlo rimane un'ottima ricetta di lime posset!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Reperirlo, lo si reperisce.
      E' che costa caruccio... ;-)
      Grazie per essere passata.

      Elimina
  19. Bellissimo il nome, invita a provarlo anche grazie a quei bei colori, ancor prima di leggere la tua spiegazione perfetta.
    Quel frutto li io non l'ho mai né visto né sentito, sarà difficile trovarlo ma ci provo, ed il resto è un perfetto sposalizio di aromi e consistenze.
    Che bontà!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti confesso che ero un po' scettica circa le proprietà addensanti del succo di limone e lime... ma ho dovuto ricredermi! Il dolce è davvero facile e veloce, e se trovi il tamarillo stupirai i tuoi ospiti con effetti speciali!
      Un abbraccio.

      Elimina
  20. solo tu potevi scovare una ricetta con il tamarillo, mapi!

    RispondiElimina
  21. sul posset, che anch'io ignoravo: bello e da provare. certo che a questi inglesi piacciono proprio questo tipo di dolci cremosi!!! crema inglese, lemon curd, posset, syllabub... chi più ne ha più ne metta!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita, è vero! Sai che non ci avevo pensato? E se ci aggiungiamo il Trifle, che non a caso noi chiamiamo Zuppa Inglese, facciamo l'en plein. ;-)

      Un bacione.

      Elimina
  22. Davvero interessante, nella sua semplicità, questa ricettina dolce, Mapi! Anche io ignoravo l'esistenza sia del posset che del tamarillo e sono ben felice di aver colmato la lacuna! In bocca al lupo con la futura semina del tamarillo! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Non è che il mio pollice verde sia particolarmente sviluppato, con me prosperano solo le piante rustiche, quelle insomma che possono farcela anche senza di me. ^_^
      Ma un alberello di tamarillo mi piacerebbe proprio averlo...
      Un bacione!

      Elimina