lunedì 17 giugno 2019

HONEY ROASTED ANARI WITH FIGS: ANARI STO FOURNO ME SIKA



Anari è un tipo di formaggio tipico dell’isola di Cipro. Molto difficile da trovare da altri parti del mondo, eccetto in negozi specializzati in prodotti alimentari del Medio Oriente e del Mediterraneo. Georgina Hayden dice che realisticamente si può sostituire con ricotta fresca comprata al supermercato. 
Mi sono deciso per questa ricetta perché ho trovato, durante una delle mie “gite” ai supermercati della mia città, dei fichi che mi sembravano bellissimi. La ricotta l’avevo già. In preda a felicità domestica, prendo i fichi, vado a casa e mi metto a cucinare. La triste notizia è che degli otto fichi, tre erano stati attaccati da creature non tanto simpatiche, e perciò sono stato costretto a usarne meno. Il che non ha nuociuto al piatto. 

Honey Roasted Anari with Figs
Ingredienti per 8 persone 

1 limone biologico 
6 rametti di timo o origano 
sale marino e pepe nero macinato al momento 
olio extra vergine di oliva
4 foglie di alloro
500 g (o 2 X 250 g) di ricotta (in forma rotonda) 
8 fichi 
2 cucchiai di miele
pane ciabatta (o koulouri) per servire
4 spicchi d’aglio 

Preriscaldare il forno a 200 gradi C. Rimuovere la buccia del limone in strisce spesse, e metterle in un mortaio con il timo o l’origano. Pestarli leggermente con una buona presa di sale e pepe ed irrorare con una buona dose di olio extravergine d'oliva. Mettere le foglie d’alloro in uno stampo da forno ampio sufficientemente per accogliere la forma della ricotta. Mettere la ricotta sulle foglie d’alloro e spennellare con l'olio aromatizzato alle spezie. Affettare sottilmente il limone e spargerlo sulla ricotta nella teglia. Tagliare a metà e poi in quarti i fichi e sistemarli attorno alla ricotta. 
Infornare e arrostire per circa 20 minuti, fino a quando la ricotta non sia diventata dorata e i bordi della ricotta sembreranno più scuri. Rimuovere dal forno, cospargere con un paio di cucchiai di miele, rimettere in forno per altri 10-15 minuti. 
Mentre la ricotta è ancora in forno, tostare le fette di pane (ciabatta o koulouri). Appena pronto, passare l’aglio sul pane e condire con dell’olio extravergine di oliva. Servire ben caldo. 

Note 

Il koulouri è un tipo di pane tipico della Grecia e di Cipro, dalla forma ad anello, cosparso da abbondante sesamo. In Sicilia è possibile trovare una variante simile o a forma rotonda o allungata. 

A parte il momento “nervosismo” dovuto alla riduzione numerica dei fichi, sono molto soddisfatto della ricetta. Tutto deve essere sempre di ottima qualità, specialmente stavolta, visto che si tratta di una ricetta molto casalinga e tradizionale. È come preparare un antipasto, nel giardino di casa, con la ricotta fresca, i fichi appena colti dall’albero. Insomma, un bel quadretto bucolico. Il sapore dolce dei fichi unito alla ricotta infornata offre una perfetta combinazione al palato. Il miele poi non è eccessivo. Come sapete, adoro tutto ciò che è dolce (e agrodolce), e perciò non ho esitato a versare dell’altro miele sul mio pezzo di ricotta… State attenti a non fare asciugare troppo i fichi nel forno perché il loro sughetto è divino. 


PROMOSSA A PIENI VOTI

Biagio D'Angelo, Glogg the Blog

16 commenti:

  1. Riduzione del numero dei fichi. Tu hai la visita di creature non tanto simpatiche.
    Io ho una madre che ultimamente mi ha fatto fuori i biscotti comprati per realizzare il fondo di un dolce.
    Aaaaaaargh! Perché se compro due confezioni di biscotti, proprio per prevenire sottrazioni non autorizzate, lei le apre entrambe? Ahahahahah
    Con il cuore in gola ho pesato il quantitativo di biscotti rimasto per scoprire che raggiungevo il peso previsto ...solo perché avevo nascosto 5 biscotti Ahahahaha!!!
    La ricettina con la ricotta è interessante e la vedo utilizzata quale antipasto al mare.
    Si mangia calda o va bene anche a temperatura ambiente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Giulietta! comincio il lunedí, sorridendo! Mentre leggo il tuo commento, mi pare di vedere una commedia in tv! Peró meglio il "furto" di tua madre che non le mie "creaturine" a sorpresa...
      Secondo me potrebbe andare bene anche a temperatura ambiente, ma la "morte sua" è proprio quando è tutto appena sfornato, come consiglia l'autrice.
      Buona settimana.

      Elimina
    2. Giulietta, il mio litro di latte intero nel frigorifero, in attesa di essere utilizzato per fare la ricetta che a breve pubblicherò, è stato aperto dalla creatura nonostante le già aperte bottigliette da mezzo litro a disposizione per la colazione. "E perché hai aperto la bottiglia grande?" "Volevo solo fare colazione" " Ma c'era già aperto" "Uffa ne ho bevuto solo un po'" ...quel po' era molto più di 300 ml....si vede che ho già la luce che mi contorna per la beatificazione?

      Elimina
    3. sono gli imprevisti di chi cucina (non quelli di gioca a Monopoli)

      Elimina
    4. Ahahahahah veramente non capisco perché aprire un pacco nuovo se quello vecchio contiene ancora il cibo desiderato. Comunque ho lasciato perdere l'approfondimento snche perché , mangiando il dolce mi ha detto: ma io non sapevo che ti servivano per fare il dolce 😀😀😀

      Elimina
  2. Con la ricotta si può fare...per i fichi, aspetto i miei, è ancora presto!!!

    RispondiElimina
  3. Sono sicura di poter riuscire a gradire la ricotta in questa ricetta, che di solito è il formaggio che meno apprezzo, o meglio mi piace tantissimo nei dolci ma molto meno nei piatti salati. Questa ricetta mi sembra un buon compromesso...
    Non ho capito se la ricotta viene cotta separata dai fichi, la foto fa intendere così, ma nella procedimento c'è scritto di tagliare i fichi e metterli intorno alla ricotta, sorry ma in questo periodo ho qualche neurone in pausa e sono dura di comprendonio ...😜🙃😵
    Bella scelta Biagio, mi piacerebbe averti come vicino di casa... e invece sei dall'altra parte del mondo... 😉😋🙏💗

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricotta va cotta insieme ai fichi... e la magia si compie...
      Nella ricetta Georgina Hayden consiglia giustamente di mettere le ricotte in degli stampi che facciano da argine all'invasione della ricotta sui fichi... ecco tutto...
      Grazie, Franca! A presto!

      Elimina
  4. I fichi sono una meraviglia della natura e io li adoro, ma questa ricetta dovrò prepararla quando non c'è mio marito, che non li gradisce. Ma la preparerò, questo è sicuro!
    Grazie, Biagio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una storiella personale: quando era incinta della mia "nobile persona", mia mamma aveva una voglia matta di fichi... e mio padre gliene comprava a chili... ogni volta che si hanno i fichi in tavola, adesso penso a questo quadretto familiare... grazie, Ale!

      Elimina
  5. Io trovo la pasta phillo, tu I fichi...questa ahimè tocca provarla solo in vacanza, per me! Peccato perché so che mi piacerebbe moltissimo. Grazie Biagio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dobbiamo fare uno scambio commerciale internazionale!
      Ciao, Stefi !

      Elimina
  6. Non ho mai fatto la ricotta infornata. Questa è la parte che più mi incuriosisce di tutta la ricetta. E' ovvio che i fichi al forno siano una libidine inenarrabile e la loro dolcezza che sarà cresciuta al cubo, viene degnamente smorzata da un formaggio cotto dagli aromi meravigliosi....sono già su un telo azzurro sulla risacca che osservo le barche in lontananza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco, il tuo commento é pura poesia... grazie! un bacione...
      vorrei anch'io essere al mare..

      Elimina