martedì 15 settembre 2015

CHICKEN POT-ROASTED IN MILK, BAY AND NUTMEG





Centoventi ricette con il pollo, tutte diverse?
Sono curiosa: lo cucino spessissimo ma raramente azzardo grossi cambiamenti.
Di questo mi è piaciuta...la faccia.
La foto del libro così accattivante.
Il pollo dorato.
Il latte leggermente rappreso.
Me ne sono immaginata il profumo.
E la morbidezza.
Non è nemmeno particolarmente pesante.
E vogliamo sottolinearne la facilità?
Che poi qualche dubbio c'era.
Saprà troppo di aglio?
Non saprà di nulla, piuttosto?
L'ho rifatto quattro volte, dopo la prima.
Che dite, ci sarà piaciuto? ;)




CHICKEN POT-ROASTED IN MILK, BAY AND NUTMEG
per 6 persone

25 g di burro
2 cucchiai di olio d'oliva
sale e pepe
un pollo intero con la pelle da circa 1.8 kg
350 ml di latte intero
10 spicchi d'aglio, sbucciati ma lasciati interi
3 foglie d'alloro
una generosa grattata di noce moscata
buccia grattugiata di due limoni non trattati


Preriscaldare il forno a 180 gradi.
Scaldare sul fornello olio e burro in una casseruola a bordi alti (che possa andare in forno e che abbia in coperchio)
Salare e pepare il pollo, se lo si desidera legare le zampe e farlo rosolare nella casseruola in modo che diventi uniformemente dorato usando due mestoli o due forchette di legno per girarlo su ogni lato, cercando comunque di non bucare la pelle.
Eliminare il grasso in eccesso dalla casseruola ed aggiungere al pollo il latte, l'aglio, la noce moscata, l'alloro ed il limone.
Portare a bollore sul fornello quindi mettere il coperchio e trasferire il tutto in forno per circa un'ora e mezzo, avendo cura di rimuovere il coperchio a metà cottura.
Di tanto in tanto bagnare il pollo con il liquido.
A fine cottura il pollo sarà dorato e succulento, mentre il latte si sarà leggermente rappreso.
Schiacciare gli spicchi di aglio col retro di una forchetta in modo che rilascino il loro aroma ed assaggiare il liquido, volendo aggiungere una ulteriore grattata di noce moscata.
Servire magari accompagnato da risoni o riso pilaf, condendo il tutto con l'intingolo ottenuto.
In inverno accostare magari delle carote arrostite, in estate dei pomodorini arrostiti e un'insalata leggermente amara (indivia belga, radicchio e così via).


NOTE


- la ricetta è di una facilità disarmante e molto ben dettagliata. I passaggi, pochi per la verità, spiegati alla perfezione.

- i dieci spicchi di aglio mi avevano inquietato non poco. Ma sarà il latte, sarà il fatto che vanno lasciati interi e schiacciati solo alla fine ma infine l'aroma era presente ma non prevalente: una vera sorpresa.

- la ricetta non sarà dietetica ma risulta nel suo insieme leggera. La raccomandazione di eliminare il grasso in eccesso dopo la rosolatura va assolutamente seguita.

- non è un piatto velocissimo, dato che occorre un'ora e mezzo per cuocerlo: ma può essere tranquillamente preparato in anticipo e scaldato all'occorrenza, quindi molto versatile.

- il sughetto che rimane dopo la cottura che, ripeto, è naturalmente rappreso è ottimo sul riso a vapore con cui l'ho accompagnato, e presentate parecchio pane: la scarpetta d'obbligo e irresistibile.

- sarà che mi piacciono particolarmente, ma la noce moscata e l'alloro fanno tutta la differenza tra un piatto semi-ospedaliero e una roba da ristorante, non fate senza!


La ricetta è quindi 

PROMOSSA CON LODE

35 commenti:

  1. Sembra divino *___* non vedo l'ora di provarlo....e mi fido per quanto riguarda l'aglio...anch'io lo uso con parsimonia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi. MIo marito era un vampiro nella vita precedente, sicuro!

      Elimina
  2. Ma sai che appena visto ho pensato. .secondo me questo l'ha provato la stefi..che dire, per la piccola di casa il pollo è il massimo..quindi perché non provarlo nelle sere di inverno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente se io dovessi aspettare l'inverno potrei stare lì per sempre :D e devo dire che non ha sfigurato nemmeno nel clima del deserto!

      Elimina
  3. Wow, che inizio! L'intingolo mi ricorda tanto gli involtini di pollo al latte che faceva la mia mamma quando ero piccola :D Lo proverò sicuramente... e mi sa che lo dirò di tante altre ricette questo mese, siamo grandi consumatori di pollame ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi lo siamo, e questo libro è capitato davvero a fagiolo ;)

      Elimina
  4. come stuzzicare la curiosità....e aumentare la voglia di seguire il nuovo starbook!!!

    RispondiElimina
  5. Pollo al latte? già l'idea mi intriga a sfare. Mi sa che sarà la prossima che provo. La faccia è strabella e le tue indicazioni come sempre perfette. Un abbraccio

    RispondiElimina
  6. decisamente da provare! mi piace questa ricetta!

    RispondiElimina
  7. Adoro l'alloro e la noce moscata, e siamo stanchi dei soliti petti di pollo :-) quindi sicuro proverò questa ricetta! grazie!

    RispondiElimina
  8. Wow WoW WoW mi piace! Il pollo al latte mai sentito, mentre invece l'arrosto al latte si, un classico della mia infanzia, ma l'aggiunta dell'alloro e della noce moscata mi è nuova e mi stuzzica tantissimo. Anche io non amo particolarmente il gusto dell'aglio ma nel latte perde parte del suo gusto quindi ok x 10 spicchi. Assolutamente lo proverò. Bravissima (come sempre) Arabella

    RispondiElimina
  9. domani lo faccio. anzi no,oggi. anzi no, ieri :-)

    RispondiElimina
  10. Ti ringrazio per la notazione sull'aglio: mi sarei spaventata pure io. :-)
    Nel complesso la ricetta mi attira parecchio, sarà che mi ricorda un po' l'arrosto al latte che preparava mia mamma... e di sicuro aglio, alloro e noce moscata fanno la differenza!
    Grazie come sempre, Stefy!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo una paura terribile, invece è andata! :)

      Elimina
  11. ma che meraviglia! sarà che ho fame, ma mi prenderei volentieri un pezzetto dallo schermo!!!
    si potrà fare anche con pezzi di pollo invece che con il polletto intero, magari riducendo i tempi di cottura?
    grazie per questo inizio col botto :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino di si anche se il pollo intero secondo me rimane più succulento :)

      Elimina
  12. Grazie Stefi per aver provato questa ricetta, non se se avréi osato con tutto quelll'aglio, alimento con cui ho qualche problemino... Ma se mi dici che l'aglio si sente ma non è prevalente, lo voglio proprio provare :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ovviamente si sente, ma davvero non è particolarmente pungente...e anche qui non amiamo che si senta troppo ;)

      Elimina
  13. Trovato il secondo per il pranzo di compleanno di mia figlia.
    Grazie mille, Stefy... ora devo solo trovare una teglia che vada pure in forno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho usato una cocotte di ghisa, se può esserti utile :)

      Elimina
  14. E anche con questa mi date la conferma... lo voglio questo libro!!!!!
    Mi ci tufarei dentro quella pentola, ci nuotare i con una bella fetta di pane... e.. chi se ne frega dell'aglio!!!

    RispondiElimina
  15. ha un aspetto strepitoso. lo mangerei tutto intero. anche questo... dritto nella lista! ùquesto libro mi sembra una meraviglia!

    RispondiElimina
  16. L'ho provato ieri: ho ridotto a 8 gli spicchi d'aglio perché quelli che avevo erano veramente grossi e ho abbreviato la cottura di una decina di minuti perché il mio pollo era più piccolo (col senno di poi, l'avrei potuta accorciare ancora).
    Il pollo è venuto saporito e morbido, perfino il petto non era tiglioso come risulta di solito. Mi è avanzata un po' di salsa che stasera userò per migliorare una triste fettina piastrata.
    Molto molto consigliabile e da rifare quanto prima, magari anche in versione pollo a pezzi.
    Grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio contenta, anche a casa mia è ormai nel menù settimanale ;)

      Elimina