martedì 10 febbraio 2015

CAULIFLOWER CAKE


Cavolfiore? No, grazie, ho detto per molti anni.
Chissà, memorie di bambina che poi si è ravveduta.
Lo dice anche Ottolenghi nella prefazione alla ricetta che per convincere che questo piatto fosse buono ha dovuto lavorarci un po' su...beh, buono è dir poco, anche se principalmente l'ho voluto provare perchè molto bello da vedere.



CAULIFLOWER CAKE

un piccolo cavolfiore ridotto in cimette, circa 450g
170 g di cipolla rossa
75 g di olio d'oliva
mezzo cucchiaino di rosmarino finemente tritato
7 uova
15 g di basilico tritato
120 g di farina setacciata
un cucchiaino e mezzo di lievito per torte salate
un terzo di cucchiaino di curcuma
150 g di parmigiano grattugiato ( a altro formaggio stagionato)
un cucchiaio di semi di sesamo
un cucchiaino di semi di nigella
sale, pepe
burro per ungere la teglia


 Mettere le cimette di cavolfiore in una pentola capiente, unire un cucchiaino di sale e coprire con acqua.
Far sobollire piano per 15 minuti circa, o finchè saranno morbide. Scolarle in un colapasta o colino in modo che perdano l'acqua in eccesso.
Tagliare 4 fette circolari, ognuna spessa circa mezzo cm, da un lato della cipolla e lasciare da parte.
Tritare il resto e metterlo in una pentola con olio e rosmarino cuocendo per circa 10 minuti su fuoco medio, finchè morbido.
Far raffreddare.
Mettere la cipolla cotta e raffreddata in una ciotola ed unire le uova ed il basilico quindi mescolare bene. Aggiungere farina, lievito, curcuma, Parmigiano, un cucchiaino di sale e pepe in quantità.
Girare bene quindi da ultimo unire le cimette di cavolfiore lessate mescolando piano in modo da non romperle.
Foderare uno stampo da 24 cm di diametro con carta forno e ungere con burro fuso, quindi spolverizzare con i semi di sesamo e quelli di nigella mischiati in modo che si attacchino ai bordi.
Versare il composto e decorare con le fette di cipolla tenute da parte.
Cuocere in forno preriscaldato a 180 gradi per circa 45 minuti, finchè sarà ben dorato ed una lama inserita nel centro della preparazione uscirà pulita.
Far riposare almeno 20 minuti a temperatura ambiente prima di servire.

NOTE

- la ricetta non presenta alcuna difficoltà visti i minuziosi dettagli con cui è spiegata.

- il fuoco medio su cui stufa la cipolla vorrei vederlo: se da me non lo metti al minimo carbonizza tutto!

- la dose di spezie e sale è risultata assolutamente perfetta e bilanciata.

- scettica perchè di solito i piatti belli nei libri vengono un po' sghimbesci a casa, mi sono dovuta ricredere: le fette di cipolla tagliate nello spessore indicato tengono perfettamente la forma.

- come osservato anche dall'autore la torta salata è forse ancora più buona il giorno dopo.

- è piaciuta a tutti, scettici e meno scettici: il cavolfiore prende tutto un altro...twist!

La ricetta è quindi assolutamente 
PROMOSSA

 

44 commenti:

  1. il cavolfiore in mille modi! e magari così me lo mangia pure il Fagiolino!!
    :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, prende davvero un altro appeal ;)

      Elimina
  2. Ohibò ma i semi di nigella cosa sono? mai sentiti prima, a parte questo bella torta di cavolfiore. Non ho dubbi che sia buona, il cavolfiore a me piace, lo mangio volentieri con la pasta ma ci faccio anche le polpette. Così però non l'ho mai fatto, unico appunto io invece di bollirlo lo cuocerei a vapore, riguardo alla cipolla hai pienamente ragione riuscire a cuocerla per 10 minuti a fuoco medio senza bruciarla la vedo dura se non ci si aggiunge un po' di acqua. Ottima esecuzione ArabaMaghellaFelice

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono in pratica semi di sesamo nero :) grazie!

      Elimina
    2. Quando li compro nel negozio etnico, sulla busta c'è scritto "black onion seeds", motivo per cui ho sempre pensato che fossero semi di cipolla. :-)
      Ovviamente sono quelli per uso alimentare, non quelli destinati alla semina, trattati con fungicidi e antiparassitari. ;-)

      Elimina
    3. grazie per la dritta Mapi andrò a cercarli... :-D

      Elimina
  3. Quando ho visto che lo starbooks del mese era Plenty more ho fatto i salti di gioia: ho conosciuto Ottolenghi grazie a voi :)
    Grazie a lui, poi, ho scoperto la cucina mediorientale e me ne sono innamorata. Era riusciuto a farmi piacere i cavolfiori nelle sue insolite insalate, ma questa torta mi sembra ancora meglio! Grazie di averla scelta e di essere sempre così precisa nelle tue valutazioni ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah, io la nigella ce l'ho: l'ho comprata sempreper"colpa"tua per fare il dahl :D

      Elimina
    2. Ah perfetto allora, sei già pronta ;)

      Elimina
  4. Bellissima ^_________^ la aggiungerò alla lista delle ricette da provare

    RispondiElimina
  5. Ho provato questa ricetta in dicembre, un sabato che avevo la mia nipotina da me tutto il giorno; avevo acquistato un cavolfiore viola e l'ho usato per preparare questa torta salata.
    Quando ho versato il composto nella teglia, la bimba ha commentato "speriamo che il sapore sia migliore del suo aspetto", e confesso che quelle infiorescenze bluastre che galleggiavano nella royale non erano un granché invitanti. :-)
    Dopo che l'ha assaggiata invece ha fatto il bis... perché è davvero buonissima!!!
    E tu naturalmente l'hai eseguita a regola d'arte.
    Non che ne dubitassi... :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dimenticavo: concordo con te sul fuoco medio! Pure io ho messo la fiamma al minimo, per non carbonizzare tutto. Ma quanto è spesso il fondo delle pentole di Yotam? :-D

      Elimina
    2. Ricordavo che me ne avevi parlato nel nostro incontro invernale ;) e concordo, voglio prendere in mano la sua pentola!!!

      Elimina
  6. Intrigante, questa torta. Soprattutto per una come me che adora tutti i cavoli.

    RispondiElimina
  7. bellissima questa torta e anche molto facile da fare, visto che non occorre nemmeno preparare un guscio di pasta! ricetta copiata all'istante!!!

    RispondiElimina
  8. LA mia fantasia con il cavolfiore raggiunge abissi inenarrabili. Puoi ben capire quanto sia entusiasta dalla vista di questa torta che per altro è bella senza fine.
    Inizio alla grandissima. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ricetta mi ha colpito subito per la sua bellezza, infatti. Grazie al cielo è anche molto buona!

      Elimina
  9. adoro il cavolfiore e tutti i suoi meravigliosi "familiari" :-) broccoli, cavolo verza, cavoletti.. :D e questa cake mi chiama, ah! se mi chiama!! sempre mitico e voi sempre mitiche!

    RispondiElimina
  10. Scettica sui vari cavoli: presente. Fino a qualche tempo fa, poi ho voluto affrontarli, perché cerco di mangiare di tutto e...ora è amore, quindi questa tora è da provare al più presto (e quel libro, ovviamente in wishlist!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non li mangio tutti-tutti (vedi i cavoletti di Bruxelles...giammai :) ma con il cavolfiore ho fatto pace. E con questa torta è facile ;)

      Elimina
  11. Francy sono del tuo gruppo! Una fan indiscutibile crocifere... le adoro in tutto e per tutto!
    Pure io sento il ricchiamo di questa torta... forte e chiaro!!!!

    Sempre più convinta di questo uomo... e grazie a voi ;)

    RispondiElimina
  12. Solo lui può essere capace di rendere appetitoso ed elegante un cavolo! E solo tu di riuscire a propinarcelo in maniera così convincente! Me gusta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per fortuna che non era un green cabbage ;)

      Elimina
    2. Ottolenghi è un mago (e per fortuna il libro non è tradotto ...:D

      Elimina
  13. Questa me la tatuo, mica solo la salvo! E la faccio presto prestissimo. E amo Ottolenghi, punto!

    Bellissima ricetta :)

    RispondiElimina
  14. Fantastico piatto unico che ti ho già rubato.
    L'unico neo è come sostuire il parmigiano...mi inventerò qualcosa.
    Grande Stefania!!!
    Ricetta buona e furba...che si può volere d'altro???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uhm, ti direi di ometterlo e magari aumentare il sale...:/

      Elimina
  15. E' una torta meravigliosa, io adoro i cavoli, e tutte le settimane ne compro di tutti i tipi, ora la farei anche subito, ma mi devo inventare qualcosa perchè mio marito non mangia le uova !!! O ne faccio metà dose che mangerò solo io oppure.... non so :-(

    RispondiElimina
  16. e anche questa, la mettiamo nella widh-list. troppe cose belle in questo libro...

    RispondiElimina
  17. Salve, ho un dubbio: l'olio di cottura della cipolla si elimina oppure va nell'impasto? - Grazie, Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Andrea, mi permetto di rispondere, benché il post sia stato scritto da un'altra collega Starbooker, perché ho fatto questa torta diverse volte con successo.
      L'olio con cui si soffrigge la cipolla va nell'impasto. Non ne rimane molto a dire il vero, la maggior parte viene assorbito dalla cipolla stessa.
      La provi e ci faccia sapere!
      Cordiali saluti e tanti auguri di Buon 2016.

      Elimina
    2. Grazie per la risposta. L"ho fatta ieri sera ed è stata un successone, del resto le vostre 'promozioni'sono una garanzia. Buon 2016 e a rileggerti qui quanto prima :))

      Elimina
    3. *rileggerVi, doveva essere

      Elimina
    4. *rileggerVi, doveva essere

      Elimina
    5. Grazie per la risposta. L"ho fatta ieri sera ed è stata un successone, del resto le vostre 'promozioni'sono una garanzia. Buon 2016 e a rileggerti qui quanto prima :))

      Elimina
    6. Sono felicissima!!! (Ma ovviamente non avevo dubbi ;-) ).
      Buon 2016!!!

      Elimina