giovedì 15 ottobre 2015

TUSCAN WHITE BEAN SOUP WITH TUNA BOTTARGA


Zuppe, minestre, creme, vellutate.
Nominatene una ed avrete uno dei piatti fissi in casa arabafelice.
Che noi non ci facciamo scoraggiare dal clima, primo.
E secondo, molte sono buonissime anche fredde.
Detto questo, sfogliare il libro del mese è stato amore a prima vista con minimo metà delle proposte.
Ma con una l'amore è stato passione travolgente.
Pensando a quella bottarga meravigliosa che attendeva in frigo un qualcosa di veramente degno per giustificarne l'uso.
E per aprire un prodotto del genere, considerando dove vivo, doveva essere un piatto da re.
Minimo.
Benissimo, questo è il piatto per il re, la regina e tutta la corte messa insieme.
Fatta già due volte nel giro di una settimana.
Perchè capite, ormai la bottarga va consumata ;)


 

TUSCAN WHITE BEAN SOUP WITH TUNA BOTTARGA

300 g di fagioli bianchi secchi, tenuti a bagno una notte
una cipolla
3 spicchi di aglio schiacciati
1 piccola foglia di alloro
un rametto di rosmarino
750 ml di fondo bianco di pollo o brodo vegetale
200 ml di latte intero
sale e pepe macinato al momento
75 ml di olio extravergine d'oliva
150 g di bottarga di tonno


Mettere i fagioli ben scolati in una pentola larga, aggiungere la cipolla a pezzi grossolani, metà dell'aglio, l'alloro ed il rosmarino.
Aggiungere un litro d'acqua e portare il tutto a bollore.
Abbassare il fuoco al minimo e continuare la cottura per un'ora circa, o finchè i fagioli saranno teneri.
Scolarli tenendo da parte 400 ml del liquido di cottura.
Ora mettere i fagioli cotti in una pentola pulita con il latte, il brodo ed il liquido di cottura tenuto da parte. Portare a bollore e far cuocere a fuoco basso per 25 minuti.
Togliere alloro e rosmarino a questo punto.
Frullare la zuppa in un frullatore o con un frullino ad immersione finchè sarà perfettamente liscia.
Aggiustare a piacimento di sale e pepe.
Scaldare intanto l'olio in un padellino a fuoco medio ed aggiungere il restante aglio riducendo il fuoco al minimo. Tenere sul fuoco per un minuto e togliere immediatamente, solo perchè l'olio assorba l'aroma.
Scartare l'aglio e versare metà dell'olio nella zuppa.
Dividerla tra quattro piatti e guarnirla con la bottarga affettata finemente e un filo dell'olio all'aglio rimasto prima di servirla.

NOTE

- mi sono attenuta alle dosi di liquidi indicate nonostante mi sembrassero leggermente abbondanti ed ho fatto bene: la zuppa alla fine risulta con il perfetto grado di cremosità.


- giustamente l'autore non fa mai aggiungere sale durante le fasi preparatorie, ma solo dopo che la vellutata è pronta e frullata. Infatti, come raccomandava sempre anche mia mamma che libri non ne ha scritti ma cucinare sapeva farlo bene, i legumi si salano solo alla fine.

- ho preferito passare la zuppa nel bicchiere del frullatore invece che con il frullino ad immersione: anche se più indaginoso il risultato è innegabilmente migliore.

- non so se sono stata solo fortunata, ma il liquido di cottura rimastomi alla fine era esattamente 399 ml! I miei fagioli però ci hanno messo un po' più di un'ora a cuocere.

- l'aglio in casa mia viene utilizzato con molta parsimonia ed ho quindi usato tre spicchi piccoli: devo dire che quasi non si sente, dato che comunque l'olio viene infuso per pochissimo tempo.

- l'accostamento con la bottarga è assolutamente sublime, non ho altre parole per descriverlo. Viene fuori un primo piatto o starter per una cena di pesce davvero non banale. E diciamolo, anche molto, molto facile.

Per me quindi la ricetta è assolutamente 
PROMOSSA

34 commenti:

  1. il clima in cui vivo io, invece, incoraggia a preparare zuppe da agosto a giugno :D e la sezione zuppe di "River Cottage Veg" l'ho praticamente riprodotta tutta! Questa mi ispira moltissimo, sarà che amo l'abbinamento pesce/legumi. Va bè, vado ad aprire la pagina di Amazon...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ho amato la sezione zuppe di quel libro!

      Elimina
  2. delizioso! So che non è la stessa cosa, ma ho dei ceci lessati ieri sera. Se provassi a convertirli in zuppa e decorarlo con la bottarga?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sarà la stessa cosa ma direi che sarà comunque buonissima.

      Elimina
  3. "Perchè capite, ormai la bottarga va consumata". :-D
    Capisco, capisco eccome!!!
    A leggere la lista ingredienti mi sarebbe venuto da dire che 150 g di bottarga di tonno sono tanti, essendo questa molto più saporita di quella di muggine.
    Ho però imparato con questo libro che nulla va dato per scontato e che occorre veramente fare la prova prima di decidere di dimezzare un certo ingrediente.
    E se devo dirti la verità, ho in frigo una bella bottarga di muggine che attende, per essere aperta, una ricetta che valga veramente la pena. Ho tanto l'idea che quella ricetta sia questa. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti faccio una confessione: altro che 150 grammi...abbiamo veramente abbondato ma non facciamo testo, a noi piace molto ;)

      Elimina
  4. Questa è e sarà mia!!!
    Ho giusto giusto i fagioli del contadino amico dei miei genitori e mia sorella della bottarga fatta dal marito che non sa cosa farne...et voilà
    Cena low cost e km zero, questa sì che è vita!!!!

    RispondiElimina
  5. E assolutamente meravigliosa, nelle mie corde e...ho tutti gli ingredientiiiiii.....Tu cosa ne pensi invece della bottarga disidratata in polvere? Me ne hanno regalata un vasetto ed è ottima sullo spaghetto. Potrei provare?
    Un abbraccio, Pat

    RispondiElimina
  6. Buonissima e presto mia, con questo bel tempo da lupi magari ne avessi una per pranzo.

    RispondiElimina
  7. Morbida ed avvolgente cucchiaio dopo cucchiaio !

    RispondiElimina
  8. gnammi gnammi! interessante abbinamento! Devo provarlo!

    RispondiElimina
  9. adorooooooooo!!!!
    la bottarga mi manca, ma quale scusa migliore per procurarmela??

    RispondiElimina
  10. ne ho infilato un vasetto in un vasetto di crema. In polvere, ma sarda e con tutti i crismi. Non osiamo aprirla. Facciamo solo un quarto d'ora di adorazione, tutte le sere :-)
    Forse perchè si aspettava l'occasione giusta---

    RispondiElimina
  11. Interessante ricetta.....prova ad usare anche la bottarga di tonno su crostini di pane conditi con il pesto alla trapanese ( aglio,basilico mandorle bianche,pomodoro ed olio). Vedrai che bontà,parola mia!

    RispondiElimina
  12. Dovrei fare pace con i fagioli per poter apprezzare questa zuppa ;) Mentre con la bottarga non c'è bisogno, c'è già un amore che dura da tempo... ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabilmente allora sarà la bottarga a farti fare amicizia con i fagioli? :D

      Elimina
  13. Ecco, questa me la segno, perché l'abbinamento non è per nulla scontato, e perché ho il babbo amante della bottarga. Così faccio contenti tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti è particolarissimo, vedrai che risultato.

      Elimina
  14. Fantastico abbinamento! Come non averci mai pensato! Faccio spesso una vellutata di fagioli con i gamberi che trovo ottima ma questo accostamento con la bottarga è sicuramente ancora meglio. Promuoverei il libro solo per questa ricetta perché se riesce a farci scoprire cose nuove con ingredienti vecchi è sicuramente vincente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io, sai? Sempre gamberi! Mi si è aperto un mondo :D

      Elimina
  15. Beh, se va consumata allora è il caso di preparare ancora un po' di zuppa... Anche noi non ci facciamo scoraggiare dal clima torrido quando si tratta di zuppe. Sebbene il clima torrido torinese non abbia troppo a che vedere con il tuo :) Un abbinamento davvero particolare. Bellissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non importa il clima, quando si vuole assolutissimamente mangiare qualcosa :D

      Elimina
  16. Stefania, sai che non ho mai assaggiato la bottarga? Ho idea che debba essere squisita...come squisita è di sicuro la tua cremosa, originale zuppa! Bacio, Mary

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che ha un gusto particolare: o si ama o si odia :D

      Elimina
  17. Dev'essere una cosa splendida, l'abbinamento legumi roba pesciosa salata è buonissimo, questa va fatta in ogni modo.
    Anche perché qui trovare bottarga e cannellini è un pelino più facile che da te :-)

    RispondiElimina