mercoledì 13 giugno 2018

MOCHA MUD PIE ICECREAM CUPCAKES




Ci hanno creato fior fiore di pubblicità, sul voler vincere facile.
Ma mi risulta che ancora non sia reato voler fare bella figura sapendo di incontrare i gusti dei propri ospiti.
E soprattutto che non sia reato volerlo fare col minimo sforzo possibile.
Perchè diciamolo: il lavoro duro lo fa il robot.
Anche se ammetto che provo sempre un minimo di dolore a vedere dei meravigliosi Oreo che potevo mangiare così com'erano trasformati in qualcos'altro, che mi piace comunque ma mi priva della gioia perversa di leccare via la crema....
Quello manuale, le fruste.
Aprire la lattina del latte condensato tocca a me, ma mi concederete di imbrodarmi dicendo che è attività che mi vede maestra ;)
Un ghirigoro di panna al cacao e sembra che ci abbia lavorato una vita.
Quindi in ordine sparso abbiamo avuto il solito copione che prevede richieste di dove sia stato acquistato il dolce.
Esclamazioni di commiserazione su quanto disturbo mi sia presa (ehm, glielo lasciamo credere)
Esclamazioni di giubilo su quanto sia buono.
Esclamazioni di terrore al pensiero di quante calorie possa avere.
Ma questa volta è stato il consorte a vincere.
Boccone bello carico, attento a prendere ogni strato come ho raccomandato.
Spalanca gli occhi, mi guarda ed esclama tutto contento: Oreo!
O tempora, o mores. 
Lo stesso uomo in altri tempi avrebbe detto, che so, eureka.
Come siamo caduti in basso :D



MOCHA MUD PIE ICECREAM CUPCAKES
per 12 pezzi (ma vedere la nota)

per la base
112 g di biscotti tipo Oreo tritati
57 g di burro non salato

per il ripieno 
118 ml di acqua
4 g di polvere di caffè espresso solubile
237 ml di doppia panna da montare
65 g di zucchero a velo
118 ml di latte condensato zuccherato

per il topping
296 ml di doppia panna da montare
65 g di zucchero a velo
14 g di cacao amaro 
59 ml di salsa calda al cioccolato, da acquistare pronta


Preparare la base: tritare i biscotti in polvere fine usando un robot da cucina. A parte fondere il burro in una ciotola adatta al microonde per 45-60 secondi, quindi versarlo sui biscotti polverizzati in modo che ne siano completamente impregnati.
Foderare le cavità di uno stampo da cupcake con gli stampini di carta appositi e suddividere il composto equalmente (circa 5 g per tortina) pressando bene con un cucchiaio.

Preparare il ripieno: scaldare l'acqua nel microonde fino a bollore quindi unire il caffè solubile e mescolare finchè si scioglie. Farlo raffreddare intanto che si prepara il resto.
Cominciare a montare la panna avendo cura di mettere prima ciotola e fruste in freezer per 5-10 minuti in modo che siano ben fredde. Montare quindi finchè sulla superficie appariranno delle bolle quindi unire poco a poco lo zucchero a velo e continuare a sbattere fino a che sarà ben soda.
Versare il latte condensato sulla panna ed amalgamare con le fruste a velocità minima. Misurare quindi 59 ml del caffè preparato ed unirli al composto, girando brevemente.
Versare quindi il composto in un sacchetto di plastica per alimenti, tagliare via un angolo ed usare questa tasca da pasticceria improvvisata per riempire le cavità dello stampo con la crema preparata.
Usarla evita di sporcare troppo!
Con la lama di un coltello livellare la crema quindi mettere il tutto in freezer per 30-60 minuti, o finchè abbastanza soda.

Preparare il topping: cominciare la panna usando lo stesso procedimento visto per il ripieno, quindi quando comincia a fare le bolle unire a poco a poco lo zucchero a velo ed il cacao montando a velocità elevata finchè il tutto sarà ben sodo.
Con una tasca da pasticceria dividere il topping sulle tortine.
Rimettere tutto in freezer per almeno tre ore o finchè completamente sode.
Per servirle, togliere lo stampino da muffin ed adagiare le tortine sui piatti.
Scaldare la salsa al cioccolato seguendo le indicazioni sulla confezione ed usarla per decorare i dolci.
Servire immediatamente: si sciolgono molto in fretta, quindi non farle aspettare ;)

NOTE 

- dolce semplicissimo in cui in pratica si tratta di montare della panna, unire poco altro, e aspettare che tutto rassodi. La parte più complicata, si fa per dire, è tritare i biscotti. Se non si ha un robot da cucina basta metterli in un sacchetto per surgelati e ...martellarli con un mattarello.


- mi ha fatto un po' sorridere l'estrema cura con cui viene indicato di montare la panna mettendo in frigo tutti gli utensili prima di farlo in modo che siano ben freddi. In effetti è però una raccomandazione da tenere presente specie se fa caldo.

- piccola nota: le dosi della base bastano per 12 tortine, quelle del ripieno invece no. Diciamo che anche al netto di, ehm, un paio di assaggi ne verranno circa 6 in stampini da muffin normali...ovviamente dipende anche da quanto si riempiono e le mie forse erano un tanto cariche. Ehm :)

- la hot fudge sauce, o salsa calda al cioccolato, è venduta comunemente nei supermercati negli Stati Uniti ed all'estero in generale. Non avrei avuto alcuna remora a comprarla, anzi, senonchè mi trovavo in frigo la mia solita salsa al cioccolato preparata per un altro dolce ed ho usato quella.

- il risultato è buonissimo, a dir poco, e la ricetta non presenta intoppi.

PROMOSSA
con lode

31 commenti:

  1. Sento già che mi piacciono 😍 li metto in cima alla lista delle cose da fare ❤️Sono Stupendi.. bravissima ❤️

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravi loro, non io, si fanno per davvero da soli!!!🤣

      Elimina
  2. Ogni volta che leggo di polverizzare gli Oreo, mi domando se si intenda al netto della farcia, come mi verrebbe da pensare.
    Me magno la farcia di un pacchetto di Oreo....
    Non devo! Non devo! Non devo! :D :D :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, polverizzi tutto il
      Biscotto intero. Anche io ci avevo sperato!

      Elimina
  3. Forse qui è il posto giusto per una confessione culinaria, devo dirvi...che...non ho mai...provato...(ahhh, com'è dura da dire!)...gli Oreo!
    Mi impressionano, troppo neri! Ma mi sa che dovrò cedere, forse al buio?
    Ma questa ricetta, come quella di ieri, va assolutamente fatta, qui si trova ovunque una buonissima doppia panna che viene direttamente dalla zona della Gruyère, da dove viene pure indovinate cosa?
    Saluti
    Lorenza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh no, devi colmare la lacuna! Anche se devo dirti che quelli che ho provato in Italia non sono buoni come gli originali Made in USA.

      Elimina
    2. Lacuna colmata, ecco, no, troppo dolci gli originali, potabile la versione peanuts. Quindi dovrò per forza riciclarli con una di queste ricette :D
      Posso comunque tornare, anche se non mi piacciono?

      Elimina
    3. Meglio: ne rimangono di più per me, se mai dovessimo trovarci insieme! 😆

      Elimina
  4. Ho riso parecchio per l'evoluzione dell'Augusto Consorte: da Eureka a Oreo è stato un attimo! ;)
    Dolce fuori dalla mia portata, ma devo ammettere che è una figata pazzesca.
    Sicuramente i miei ometti apprezzeranno ^_^

    RispondiElimina
  5. Non sono una gran bevitrice di caffè ma non resisto a qualsiasi dolce aromatizzato con il caffè, quindi questi dolcetti mi tocca provarli... un vero sacrificio 😜😋😍
    Comunque quella panna al cioccolato mi sta facendo sbavare sul pc, sappilo cara Stefy 🤤🤤🤤😋😋😋💖😍

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non lo bevo proprio, invece mi piacciono molto i dolci che lo contengono. Grazie :)

      Elimina
  6. già pazzo per questo dolcetto delle feste... e poi il nome "Mud pie" mi fa impazzire... ciao Stefi! grazie!!! era da tempo che non avevo tue ... ricette... hahahahaha

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mie si fa per dire ;) ma grazie vedrai che buone !

      Elimina
  7. Sono troppo carini. Oltre che buoni :)

    RispondiElimina
  8. I tuoi post mi divertono sempre tanto, e la conclusione di questo mi ha fatta spanciare. :-D
    I dolcetti sono veramente invitanti, e in effetti lo sforzo è minimo.
    In questo periodo mi astengo dal mangiare tutto quello che abbia più calorie di un'insalata di carote, ma prima o poi mi rifaccio. Giuro. :-))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, se piace il genere è uno sgarro che merita! E grazie :)

      Elimina
  9. Praticamente si fanno a occhi chiusi. Fantastico come tu sia nel tempo riuscita a piegare la volontà dell'augusto consorte verso strade inaspettate...magari piano piano scoprirà che gli piace anche la cannella 😂😂😂
    Bellissima presentazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cannella è dura ma sto procedendo come
      Con i veleni...piccole dosi nascoste 🤣

      Elimina
  10. Direi che invece siete caduti sul morbido. E brava...notizie dalle signore expat?
    Love.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E chi le ammazza! Stanno benissimo, come sempre :)

      Elimina
  11. Ahimè, non bevo caffè... non mi piace proprio :(
    Ma visto che il poco tempo e la poca fatica necessari per preparare questi dolcetti dall'aspetto davvero godurioso, potrei sempre fare un piccolo sforzo e preparali per la famiglia... :)
    Grazie, Stefi, i tuoi post strappano sempre un sorriso :)))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa che nemmeno a me piace, non lo bevo, ma lo adoro nei dolci! Quindi ti capisco benissimo . Grazie!

      Elimina
  12. Ricetta da provare assolutamente... solo una domanda io la "doppia panna" non l'ho mai vista... sono a Milano, qualcuno sa aiutarmi? Oppure posso sostituirla con panna normale fresca da montare?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La
      Doppia panna è panna da montare ad alto contenuto di grassi. Ma puoi sostituirla con normale panna fresca da montare. Se ci sono più marche leggi le etichette e compra quella con la
      Percentuale di grassi maggiore ;)

      Elimina
    2. Grazie mille come sempre!!!

      Elimina
  13. Questi dolcetti sembrano fantastici, da provare.
    Solo un chiarimento: negli ingredienti ci sono 118ml di acqua con 4gr di caffè solubile di cui 59ml vanno nel ripieno, ma i rimanenti 59ml? Scusa ma non capisco quando entrano nella ricetta.
    Grazie mille e complimenti per il blog!!! Pieno di spunti utilissssssimi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ci entrano! Intendo: prepari il caffè con le proporzioni iniziali, veramente minime, e da quello prelevi ciò che serve per la ricetta. Il resto è scarto (pochissimo, in realtà!) e grazie!

      Elimina
    2. Grazie grazie per la veloce risposta. Un saluto

      Elimina