martedì 13 febbraio 2018

MOUCLADE




La foto della Mouclade sul libro di Shaun Hill mi ha conquistata immediatamente, e le cozze non sono certo il cibo più fotogenico che ci sia!
Il motivo di questa  folgorazione è semplice, la foto mi ha ricordato un bellissimo viaggio fatto in Bretagna parecchi anni fa. Praticamente tutti i giorni mangiavo cozze, cucinate in mille modi diversi: piacere puro :)

La Mouclade è una ricetta tipica della costa ovest della Francia, di Saintonge, soprattutto, ma si trova anche in altre zone costiere vicine, ma con qualche differenza. In alcune ricette si trova lo zafferano tra gli ingredienti, in altre il curry. Nella ricetta di Hill si trovano entrambi i sapori.
Se amate le cozze, amerete questa ricetta!

Procuratevi dell'ottimo del pane per la scarpetta, sarà inevitabile...


Mouclade
da Salt is Essential di Shaun Hill


Ingredienti per 6 persone

2 Kg di cozze (preferibilmente pulite: eliminare tutte le cozze rotte o quelle che non si chiudono quando vengono toccate sulla superficie)
300 ml di vino bianco
60 g di burro
100 g di scalogno, tritato
1 spicchio d'aglio
2 cucchiaini di curry paste
un pizzico di zafferano in stimmi
35 g di farina bianca
200 ml di crème fraîche
1 cucchiaino di succo di limone
1 cucchiaio di prezzemolo tritato
sale e pepe nero appena macinato

Mettere il vino bianco e le cozze in una casseruola, coprire e portare a bollore.
In una padella separata, sciogliere il burro e rosolare gli scalogni e l'aglio. Unire la pasta di curry e lo zafferano poi versare la farina.
Unire il liquido delle cozze (filtrato) un terzo alla volta, mescolando e mantenendo l'ebollizione.
Unire la crème fraîche, il succo di limone e il prezzemolo, quindi insaporire con sale e pepe.
Unire le cozze, mescolare e servire.


Note personali

- ricetta semplice ma d'effetto. E' fondamentale che la materia prima sia di ottima qualità, crème fraîche compresa

-gli aromi sono dosati alla perfezione e la scelta di utilizzare la pasta di curry invece del "semplice" curry trovo che doni al piatto un profumo ed un gusto più ricco

- per sfruttare al meglio tutti i profumi e il gusto dello zafferano, stemperatelo in poca acqua calda per almeno 40 minuti

- le cozze richiedono pochi minuti di cottura, se le cuocerete troppo, l'effetto gommoso è assicurato


La preparazione che ha ricevuto l'approvazione di tutti, ma proprio tutti i commensali, che avrebbero gradito una doppia porzione!!! Provate questa ricetta, vi darà molta soddisfazione impegnandovi per poco tempo. Sono sicura che vi piacerà almeno quanto è piaciuta a me...

La ricetta ha rispettato e superato le aspettative iniziali e il titolo del libro, in questo caso, è decisamente azzeccato, per cui è:

PROMOSSA CON LODE

26 commenti:

  1. A me ricordano il Belgio, invece, ma di fronte a uno spettacolo simile la geografia passa in secondo piano. E meno male che dici che non sono fotogeniche.. mi ci tufferei tutta quanta, altro che la scarpetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale, i miei ospiti hanno gradito talmente tanto questa Mouclade, che hanno avuto la tua stessa tentazione :)))

      Elimina
  2. Ale :D che piatto invitante !!! Mi sto già immaginando con il pane in mano XD ...complimenti !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Luciana, se poi il pane è uno di quelli che esce dalla tua mani d'oro, vedrai che goduria!!! :)D

      Elimina
  3. Io impazzisco, letteralmente, per le cozze, e ti confesso che avevo adocchiato questa ricetta. Non l'ho realizzata proprio per i motivi di fotogenicità evidenziati da te (e perché ho il complesso di inferiorità sulle cozze :-) ), ma guardando la tua realizzazione mi rendo conto di essermi fatta dei pipponi mentali: hanno un'aria invitantissima, e mi vedo già con la baguette intera in mano, a fare scarpetta dopo aver divorato i deliziosi mitili.
    Grazie davvero per esserti buttata e per aver pubblicato una ricetta divina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Mapi! Buttati e vedrai che soddisfazione, che è ancora più grande, se pensi alla sua semplicità e ai tempi di preparazione piuttosto brevi... Praticamente non hai scusanti ;9

      Elimina
  4. Woww!!! sono anni che sogno di preparare le cozze "in questo modo".. ma non l'ho mai fatto mettiamoci che mio marito è cozza dipendente, soprattutto da quando ha deciso di cercare di dimagrire (e il primo step l' ha fatto con successo) penso proprio sia arrivato il momento di procedere.
    Cosa dite? Non sono dietetiche così? Evvabeé per una volta :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Criss, era da tanto che volevo provare anch'io una ricetta così, ma il pensiero è finito nel calderone delle altre migliaia di ricette che vorrei provare. Ahimè, il tempo è tiranno, ma in questo caso il tempo necessario è poco che non puoi assolutamente tirarti indietro ;) E poi, ogni tanto, la dieta ha bisogno di una pausa...
      P.S. anche mio marito è cozza dipendente!!!

      Elimina
  5. Ho tutto in casa, tranne la pasta di curry che si recupera facilmente. Quasi, quasi.. gran bell’inizio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Paola e grazie! Spero che tu sia riuscita a provare la Mouclade :)

      Elimina
  6. Una baguette con burro all'aglio! Ne voglio un pentolone pieno

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chiara, mi organizzerò seguendo il tuo pensiero, la prossima volta :)
      Grazie!

      Elimina
  7. Di cozze faccio incetta di solito la prima sera di ogni arrivo in Italia! Dove sono ora le trovo ma ahimè le vendono aperte O_O quindi non le comprerò mai...peccato, questa dovrò tenerla da parte nuovamente per tempi migliori, fa una gola pazzesca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io non comprerei mai le cozze già aperte... aiuto! Spero che i tempi migliori arrivino in fretta ;)

      Elimina
  8. Mi è tornato in mente una cena a Brugge con davanti una ciotola formato insalatiera ricolma di moules nel loro bagnetto pannoso...dopo essermi finita un paio di cestini di pane per cercare di raccogliere la salsa, ho alzato bandiera bianca nonostante fossero divinamente buone.
    Questa versione credo che mi piacerebbe ancora di più...l'idea del profumo di zafferano accompagnato dal curry racconta già tutto!
    Bellissima realizzazione e foto invitantissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho impressa un'immagine simile alla tua ma, nel mio caso, si trattava di casseruole, letteralemnte stracolme di cozze... Ah, che ricordi!
      Grazie Patty :)

      Elimina
  9. Non amo particolarmente le cozze, ho imparato ad apprezzarle solo ultimamentre ma posso assicurarti che questo piatto è molto intrigante e sicuramente appena trovo delle buone cozze lo preparerò
    grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Manu. Questa ricetta ti farà apprezzare le cozze ancora di più... Attendo conferma ;)))

      Elimina
  10. Pensa che io ho sempre trovato le cozze molto fotogeniche!!! :=
    La ricetta la provo non appena mia figlia che adora le cozze si degnerà di venire a trovare la madre!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Irene, mi fai troppo ridere!
      Potresti preparare le cozze ed inviare una foto della ricetta a tua figlia: si febbe viva in un baleno :)))

      Elimina
  11. Adoro le cozze e sono curiosissima di gustarmele con questi ingredienti e soprattutto con quella puccia così invogliante... appena troverò le cozze grosse e saporite, tipo quelle sarde, mi cimenterò in questa ricetta, per il momento copio e incollo...
    Ale questi muscoli, così chiamano qui a Spezia le cozze, sono decisamente fotogenici e tu sei bravissima come sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Franca :)))
      La scorsa estate, sono stata in vacanza in Sardegna, nella zona di Cabras, Oristano e dintorni.. ho mangiato delle cozze fantastiche, come non ne mangiavo da tempo, ed erano proprio come le hai descritte tu... Anche quelle che ho utilizzato per la ricetta erano cozze di quelle parti ;)

      Elimina
    2. Io sono già 2 estati che le cozze del golfo di Oristano le trovo comodamente all'esselunga e non essendo mai stata in sardegna si sono rivelate una vera sorpresa

      Elimina
    3. Proprio dall’Esselunga provenivano le mie cozze ;) Ho chiesto informazioni all’addetto del banco pesce perché c’era scritto che le cozze provenivano dalla Spagna ma erano state allevate in Sardegna. Mi ha spiegato che le importano dalla Spagna quando sono piccolissime e le allevano nelle magnifiche acque della Sardegna :)

      Elimina
    4. Ma davverooooo??? Questa cosa è curiosa... grazie per l'informazione

      Elimina