martedì 17 febbraio 2015

SMOKY POLENTA CHIPS


Tra tutte quelle tratte da Plenty More, questa è una delle poche ricette che non richiedono ingredienti "astrusi", anzi potremmo senz'altro definirla una proposta italian style. Non vi nascondo che è proprio per questo che l'ho scelta...
Non è una ricetta nuova, Ottolenghi l'aveva pubblicata su The Guardian già nel 2010, ma nel libro ci propone una versione leggermente modificata.
Se in dispensa avete un pacchetto di polenta rapida che non sapete come smaltire (e io ce l'avevo...), questa è la ricetta che fa per voi!



Smoky Polenta Chips
Bastoncini di polenta affumicata con salsa al pomodoro piccante

ingredienti per 4 persone

per i bastoncini:
375 ml di brodo vegetale
60 g di polenta a cottura rapida
20 g di burro non salato
60 g di scamorza affumicata, grattugiata grossolanamente
sale
pepe nero macinato al momento

per la salsa:
3 pomodori perini grandi, 320 g circa
2 cucchiai di olio d'oliva (extravergine)
½ cipolla media, affettata finemente, 100 g circa
2 spicchi d'aglio, schiacciati
½ cucchiaino di peperoncino frantumato
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
3/4 di cucchiaino di zucchero

olio vegetale per friggere (per me olio di semi di arachide bio)
50 g di farina 00


In un piccola casseruola portate il brodo a bollore, poi versatevi a pioggia la polenta e mescolate continuamente con un cucchiaio di legno. Cuocete a fuoco moderato per 5-7 minuti (sulla mia confezione era indicato 8 minuti e così ho fatto). Togliete dal fuoco e aggiungete il burro, la scamorza affumicata, mezzo cucchiaino di sale (per me è un po' tantino...) e una generosa macinata di pepe nero. Appena il burro e il formaggio si sono sciolti versate la polenta in una piccola teglia quadrata di circa 22 cm e profonda 3 cm, precedentemente rivestita di pellicola. Livellate la polenta con una spatola bagnata, poi ricoprite con altra pellicola (direttamente a contatto con la polenta) per evitare che si formi una crosta. Lasciate raffreddare completamente e poi mettetela in frigorifero per almeno 30 minuti.

Nel frattempo preparate la salsa al pomodoro. Scaldate una capiente padella antiaderente su fiamma alta e azionate la ventola della cappa aspirante. Mettete i pomodori interi nella padella e fateli cuocere per circa 15 minuti girandoli di tanto in tanto. La buccia deve annerirsi ben bene, perciò non siate tentati di toglierli dal fuoco troppo presto. Trasferite i pomodori in una ciotola e rompeteli con un cucchiaio. Quando si sono raffreddati abbastanza per poterli maneggiare staccate le bucce ed eliminatele (ho tolto anche i "piccioli" - e comunque gran parte della buccia si era già staccata nella padella).

Scaldate l'olio d'oliva in un padellino, aggiungete la cipolla e cuocete a fuoco medio per 5-6 minuti. Aggiungete l'aglio e cuocete per altri 4 minuti (mescolate spesso ed eventualmente abbassate la fiamma, altrimenti la cipolla si brucerà). Infine versate il tutto sopra i pomodori, aggiungete il peperoncino, il concentrato di pomodoro, lo zucchero e mezzo cucchiaino di sale. Frullate la salsa con un mixer a immersione e mettetela da parte; dovrà essere servita a temperatura ambiente.

Quando la polenta è ben fredda e soda toglietela dalla teglia e tagliatela a bastoncini, all'incirca spessi 1,5 cm e lunghi 6 cm (a me ne sono venuti esattamente 27).
In una padella media versate l'olio di semi - dovrà essere profondo circa 2 cm - e scaldate a fiamma medio-alta.
Infarinate bene i bastoncini di polenta, scuotete via l'eccesso e metteteli con cautela nell'olio bollente. Friggete per circa 6 minuti finché diventano marrone dorato e fateli asciugare su carta da cucina. Non friggete troppi bastoncini per volta: se la padella è sovraffollata, la temperatura dell'olio scenderà e i bastoncini non diventeranno croccanti.

Servite ben caldi, accompagnati dalla salsa al pomodoro.



Note:
- Il brodo vegetale l'ho preparato con 1 carota, 1 patata, 1 gambo di sedano, 1 scalogno steccato con un chiodo di garofano, 1 pomodoro e qualche gambo di prezzemolo.
- La scamorza mi raccomando di acquistarla affumicata al naturale, senza aromi artificiali e coloranti (controllate sempre le etichette!).
- Ho fatto raffreddare la polenta in una teglietta quadrata di 20 cm e ho ottenuto esattamente lo spessore desiderato di 1,5 cm.
- Aglio: per me 1 spicchio soltanto e rigorosamente in camicia, ma se a voi piace fate come dice Ottolenghi :)
- Per la salsa: prima di frullare il tutto ho fatto restringere il pomodoro per qualche minuto su fuoco basso. Sicuramente in stagione i pomodori saranno meno acquosi.
- Se preparate i bastoncini per dei bambini - e ne andranno matti! - vi consiglio di omettere il peperoncino nella salsa.
- Ottolenghi dice che si può sostituire la scamorza con provolone oppure con cheddar affumicato.

Questi bastoncini sono supergolosi, la salsa è davvero ottima (nonostante i miei pomodori non fossero proprio al top), le dosi e i tempi sono esatti, in 3 li abbiamo fatti sparire in 5 minuti netti e quindi la ricetta è senza alcun dubbio

P R O M O S S A !

20 commenti:

  1. La cosa della poca reperibilità degli ingredienti di Plenty e Plenty more l'ho notata anche io, purtroppo, però se si spulcia bene qualcosa di goloso e fattibile si trova :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è così! ottolenghi stesso ironizza sugli ingredienti da lui usati :)

      Elimina
  2. La polenta fritta già è buona da sola ^____^ così dev'essere proprio goduriosa . La foto poi rende bene l'idea del croccante fuori...complimenti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui siamo "oltre" la classica polenta fritta.... ;)

      Elimina
    2. Lo immagino !!!! Infatti ho segnato la ricetta tra quelle con priorità ...tu sei stata bravissima ...quei bastoncini son perfetti ...e grazie per il consiglio sulla polenta...io ho solo quella classica perché la uso anche per altro :D

      Elimina
  3. Com'è che a vederla e ritrovarmi a deglutire un litro di saliva è stato tutt'uno? Devo farla assolutamente al più presto...è irresistibile.
    Grazie Cri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. guarda patty, non facevo in tempo a toglierli dalla padella che marito e figlia si precipitavano come avvoltoio! e non si sono neanche lamentati dell'odore di fritto... e ho detto tutto!!

      Elimina
  4. Cristina GRAZIE questa tua scelta mi è molto utile perché ho proprio un tot di polenta da far fuori, non è a cottura rapida, ma la userò lo stesso per provare questa ricetta che di sicuro sarà un successo, del resto cos'è che non è buono fritto? Belle foto invogliano all'assaggio. Non ho mai abbrustolito i pomodori e questa salsa mi incuriosisce, mi sa che quest'estate diventerà un must... 'sto Yotam ma quante ne sa???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. secondo me con la polenta "vera" vengono ancora meglio!
      la salsa è eccezionale, ti dico solo che qualcuno ha leccato la ciotola.... ;)

      Elimina
  5. Ammetto di essere un po' più fortunata perchè qui all'estero gran parte degli ingredienti che usa Ottolenghi sono reperibili, non tutti, eh!
    Polenta chips, può una foto far venire più voglia di così????

    RispondiElimina
    Risposte
    1. stefi, la foto te l'ho anche ingrandita... ;)

      Elimina
  6. a me la polenta piace in ogni maniera...
    e questa ricetta è assolutamente golosa!!! una chips croccante fuori e morbida dentro...
    grazie per la proposta!
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anch'io adoro la polenta e fatta così mi ha proprio sorpreso!

      Elimina
  7. Mamma mia! Le foto sono così invitanti e la doratura talmente perfetta da mettermi l'acquolina anche a quest'ora!
    Friggo molto di rado perché odio i "postumi" e ho un cucinino disgraziatissimo, ma per questi bastoncini farei volentieri un'eccezione (magari con la polenta normale, che secondo me è di gran lunga migliore).
    Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è meglio non eccedere con i fritti, ma in questo periodo ci sta dai :) e comunque in questo caso ne vale la pena!

      Elimina
  8. Questa ricetta è una figata pazzesca, tanto che quasi quasi vado a comprarmi apposta la polenta precotta. :-) Una domanda sui pomodoricarrostiti: dopo la cottura Yotam dice di romperli con un cucchiaio: ma così facendo non si mischiano le bucce carbonizzate alla polpa?
    Grazie! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pomodori arrostiti... malnato tablet! ;-)

      Elimina
    2. ma no mapi, non comprarla apposta... vai con la polenta classica se hai tempo per prepararla :)))
      sul fatto delle bucce è un po' così, ma relativamente: io ho rotto i pomodori solo in pochi punti, senza mescolare, ed è stato poi facile togliere le poche bucce che ancora erano rimaste attaccate.
      grazie a te!

      Elimina
  9. ed è anche "quasi" senza glutine, nel senso che basta sostituire quei 50 g di farina con farina di riso e la possiamo mangiare anche noi.
    ci sono un sacco di ricette adatte ai celiaci in questo libro, il che lo rende ancora più interessante.
    e comunque queste chips sono interessanti a prescindere, golosissime e perfette per quando si hanno marmocchi a cena!
    segnate!

    RispondiElimina
  10. Ma sai che mi hai rallegrato la serata con questa ricetta? Sabato sera a casa, io a scrivere la tesi e il mio ragazzo che deve finire un lavoro...almeno per cena gli preparerò queste deliziose polenta chips!!
    Grazie per l'idea :)

    RispondiElimina