giovedì 12 settembre 2013

ZUPPA DI SALVIA E CASTAGNE

Oggi esordisco con una zuppa.
Il capitolo dedicato alle "zuppe di verdure" in questo ricco volume, è una bella sorpresa.
L'autore si raccomanda di non farsi prendere dalla tentazione di saltarlo a piè pari qualora non siate amanti di cibi liquidi. In realtà l'estrema varietà di proposte, farebbe cambiare idea anche al più scettico. Personalmente ho il desiderio di provarne almeno 5 o 6, con il tentativo di variegare la mia triste selezione di "minestre invernali", che finisce sempre con ciotolate di legumi brodosi o immancabile zuppa di cavolo nero (preparata in dosi industriali e congelata).
"Veg everyday" è per me una ventata di novità e stupore (quante versioni di zuppe possono esistere?). Eppure il nostro bravo Hugh ne propone una decina degne di rispetto, che faranno la felicità delle appassionate di cibi al cucchiaio.
Come avviene la suddivisione delle ricette di un libro all'interno del gruppo Starbooks, vi chiederete?
Pur essendo in 10, questa è paradossalmente l'operazione più facile dell'intero progetto.
Arriva il libro ed ognuna di noi se lo contempla, lo sfoglia, si lascia guidare principalmente dalle immagini, dalle preparazioni e dagli ingredienti, ed il gioco è fatto!
Per quanto mi concerne, una buona parte del mio istinto nei confronti delle ricette, risiede sulla lingua, dietro un gruppuscolo di papille gustative capricciose e perennemente in azione specialmente con la fantasia.
Posso quindi dire che se oggi tra le ricette Starbooks vi ritrovate una zuppa di castagne e salvia, è principalmente perché io adoro, venero e idolatro la castagna.
La fortuna vuole che questo meraviglioso frutto autunnale abbia un periodo breve sulla nostra tavola, altrimenti mi ergerei sui cieli toscani come uno Zeppelin fuori controllo, perché finché ci sono, io le mangio. In tutte le maniere. E stando malissimo dopo, perché gli effetti collaterali sono noti a tutti e non c'è bisogno di soffermarsi oltre.
Che io sia malata di castagne ve lo prova il fatto che avessi nel congelatore una discreta scorta di sacchettini pieni di marroni arrostiti, non ancora ultimati (ma solo perché in estate mi fa strano).
Leggere la ricetta ed aver voglia di ripeterla è stato tutt'uno.
Un unico scrupolo mi è balenato al momento dell'esecuzione: sarà troppo dolce? Il sapore della castagna prevarrà su tutto il resto, dando vita ad un piatto squilibrato?
Ed alla fine ecco com'è andata.
Ingredienti per 4/6 persone:
3 cucchiai di olio extravergine ed extra per condire
15 gr di burro
1 cipolla media tritata
6 foglie di salvia, spezzettate grossolanamente ed extra per decorare
1 piccolo spicchio d'aglio tritato finemente
1 litro di brodo vegetale (fatto in casa)
400 gr di di castagne pelate e cotte
100 ml di panna acida (crème fraiche)
Sale marino e pepe macinato fresco
Scalda un cucchiaio d'olio ed il burro in una casseruola a temperatura media e fai passire la cipolla per c.ca dieci minuti fino a che non sarà morbida e trasparente.
Aggiungi la salvia e l'aglio e fai saltare per 1 minuto.
Versa il brodo ed aggiungi quasi tutte le castagne (tenendo una manciata da parte per decorare).
Aggiusta con sale e pepe, aumenta la temperatura e fai sobbollire per 15 minuti, mescolando di tanto in tanto.
Rimuovi dal fuoco e fai raffreddare, quindi riduci in crema molto morbida con un mixer ad immersione.
Rimetti la zuppa nella pentola, aggiungi la panna acida ed aggiusta di sale e pepe se necessario.
Riscaldala con delicatezza senza farla bollire.
Nel frattempo affetta le restati castagne.
Scalda un cucchiaio d'olio in un padellino e fai friggere le foglie di salvia fino a renderle croccanti. Asciugale nella carta assorbente.
Versa la zuppa in ciotole calde, aggiungi le castagne e la salvia, e profuma con un goccio d'olio.
Finisci con una generosa macinata di pepe. Servi immediatamente.

La ricetta è di quelle che potete preparare anche rientrando tardi dal lavoro.
Semplice, veloce, assolutamente confortante.
Il sapore è delizioso, bilanciato e senza elementi predominanti, anzi, la salvia ingentilisce l'estrema dolcezza  della castagna con una nota rustica. Ma quello che più di tutto è speciale di questa zuppa, è la consistenza, tutta velluto e morbidezza. Peculiare delle castagne.
Un piatto da preparare subito quando avete voglia di coccole.
Accompagnatela con del pane nero o di segale. Oppure con crostini croccanti, o come ho fatto io, con dei taralli scaldatelli.
Io l'ho trovata deliziosa.

PROMOSSA


46 commenti:

  1. Essendo io amante in toto delle castagne, questa la assaggerei senza indugi anche ora (h 09.36)......
    Deliziosa già a vedersi così, figuriamoci a gustarla....
    Complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Benvenuta nel club allora! E poi sfatiamo il mito che a colazione non si possa mangiare un piatto come questo. Allora, di chi si sveglia ed al posto del caffe si bene un grappino, vogliamo parlarne? Un bacio

      Elimina
  2. IO adoro le zuppe... ma del tipo che in due ne faccio un pentolone, e non sempre dura per due cene.
    E le castagne?! Parliamone! Anzi, gonfiamoci insieme!
    Una zuppa divina!
    E prova a fare la vellutata di zucca e ad usare le castagne sbriciolate e il miele per finire il piatto.. una libidine!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio Giulietta, la tua dritta e' maledettamente convincente. Vellutata di zucca e castagne: la mia morte!

      Elimina
    2. qui ci stiamo avventurando su un terreno pericolosissimo...
      muoio anch'io, mi ci volete? :-)

      Elimina
    3. Mi accodo, son già sdraiata :P

      Elimina
  3. Anche io sono malata di castagna e sono in crisi di astinenza! Questa zuppa è segnata tra i piatti da fare appena rientro in Italia, mi fa una gola indescrivibile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, le tue rinunce forzate sono per me inconcepibili....sei una donna da ammirare! Bacione.

      Elimina
  4. io non solo malata di castagne ma le mangio volentieri e spesso con mia suocera ci siamo riproposte di provare una bella vellutata o zuppa. e visto che sono malata di salvia, e visto che io si rientro spesso tardi dal lavoro, prenderò spunto Patty!
    ps bellisisme le tonalità delle fote. scaldano solo a guardarle ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco Vaty, la ricetta che fa per te. Fammi sapere se la proverai. Baci

      Elimina
  5. Amo le zuppe e amo le castagne, ergo amo questa zuppa che abbinata alla salvia mi incuriosce ancora di più. Domandona: ma non trovi che la panna nella zuppa sia un po' come la panna nella preparazioni salate? Girano voci nella cucine che dicono che chi usa la panna nei propri piatti, non sia bravo a cucinare (per il semplice motivo che la panna aggiusta i sapori e li nasconde). Mia mamma che fa delle zuppe da svenimento, la panna non sa neppure cosa sia. Apriamo 'sto dibattito: panna sì o panna no?
    Bax

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io panna no :)
      Faccio parte del club mangio-le-vellutate-per-stare-leggera quindi scelgo sempre di non metterla. Avendo provato entrambe le versioni (panna e non panna), tutto sommato secondo me vengono buonissime lo stesso quindi...perché appesantirle? :)

      Elimina
    2. Posso Roby? Ecco, sono daccordo con te sull'uso della panna in certi piatti, tipo paste, fettine di carne o robe simili...non le amavo quando andavano grandemente di moda,e non le amo adesso. Resta il fatto che nelle vellutate (piu che nelle zuppe) a me un goccio di panna piace, magari piu la creme fraiche, che ha un livello di acidita che si sposa perfettamente con certi alimenti. In alcuni casi, come nella mia vellutata di finocchi, uso il latte, ma in quella di zucca per me la panna e' quasi un must, in quanto mi ricorda la prima che assaggiai, in svizzera, e che mi servirono con un cucchiaio di panna montata! Era assolutamente da urlo! Quindi, per quanto mi riguarda, tutto dipende dalla ricetta....le zuppe come intendo io volgiono solo olio d'oliva....ma per certe vellutate, mi dispice, ma io indulgo. Un bacione cara. E avanti il dibattito.

      Elimina
    3. Panna sì. Non la metto da nessunissima altra parte e anzi,di solito la evito come la peste, specie nelle salse o nei primi cremosi. Ma certe vellutate con la panna acquistano un sapore unico. Penso a quella di cavolfiore, per esempio. O alla zuppa all'aglio. La panna ingentilisce i sapori, fa da ponte fra i contrasti, insomma: in certi casi, secondo me, ce vo... Vado con l'autofustigazione? ;-)

      Elimina
    4. Mi fustigo con te allora ;)

      Elimina
    5. Mai messa. Diciamo che sono una dai sapori strong. Vellutate sì ma al massimo un giro d'olio bono (ma com'è che nelle vellutate la panna ingentilisce e nelle paste fa anni '80? :-) Guardate ragazze che io sono terribile...)

      Elimina
    6. a mio parere dipende da cosa si vuole da una vellutata, se deve essere dal gusto pieno, tondo (prendo il termine dall'enologia) e confortante, allora, chi meglio della panna? Mentre se si vuole esprimere il carattere e il gusto pieno degli ingredienti meglio ometterla.
      Io adoro la panna nelle vellutate, mi sembra che le renda .... "più vellutate"... Nelle zuppe preferisco l'olio .
      un bacio!

      Elimina
  6. C'è un capitolo solo di zuppe di verdura?? Oh, mon dieu! :)
    Sono sempre alla ricerca di nuovi spunti per vellutate e zuppe da portare al lavoro per pranzo o per scaldare la pancia nelle sere d'inverno!
    Questa non me la trascrivo....ormai ho deciso di prendere il libro! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Federica, credo che questo libro, allora, ti piacerà un monte!

      Elimina
  7. Aspetto con ansia il tempo delle castagne... voglio mangiarle in ogni modo, dalla marmellata di marroni a queste zuppe che scaldano che è un piacere...
    :-)

    RispondiElimina
  8. Separate alla nascita!!! Anch io adoro le castagne tanto che mi prendo quelle già cotte e sottovuoto della esse lunga e me le mangio così come sono....di questa zuppa si sente già il profumo dell'autunno nella aria e devo forse dire che è la stagione che più mi piace ????:-) bravissima patty ottima scelta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara la mia gemella di affinità elettive, anche io ho scoperto una nota azienda che produce frutta secca e che fa anche castagne morbide da mangiarsi davanti alla tivù o da usare in ripieni e ricette....e non me le lascio sfuggire!

      Elimina
  9. deve essere favolosa per chi adora le castagne ma non per me e mi spiace assagerei volentieri una cucchiaiata ma farla poi che ne faccio..... grazie comunque bravissima e devo dire anche bella immagine ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Edvige, onestissima, ma come te conosco tante persone che non amano le castagne! Quindi...fortunatamente ne rimangono di più per noi :D :D :D
      Un bacione e grazie per essere sempre presente!

      Elimina
  10. Da dove comincio? Dai due sacchettini di castagne pelate che ho disseppellito dal freezer scongelato di fresco? Dal fatto che al liceo mi chiamavano Minestrina perché nelle cene delle gite scolastiche chiedevo sempre il bis di minestra alla sera? Oppure comincio dal fatto che pure io adoro le castagne, ma le mangio con parsimonia perché sono già uno Zeppelin, ma ahimè non riesco neppure a librarmi in volo?

    Facciamo così: cancello tutto quello che ho scritto sopra e ti dico soltanto che so già la fine che farà uno dei miei sacchettini di castagne questa sera. ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noooo....Minestrinaaaaa....troppo bello! In effetti io sto malissimo nel post castagne ed è per questo che mi trattengo, altrimenti farei davvero seri danni. Figurati che per me è catartico anche semplicemente sbucciarle...sono malata?
      Un bacione.

      Elimina
  11. Devo dirti la verità Patty... io con le castagne ho un rapporto molto controverso, mi piacciono da morire nel mont blanc e adoro i marron glace, però in altre preparazioni faccio un po' fatica (a parte il fatto che non le digerisco). Quindi, quando ho visto la zuppa ho subito cercato di immaginarmela al palato e ho sentito immediatamente la necessità di qualcosa che "rompesse" il sapore un po' dolciastro delle castagne. Quando poi ho notato che c'è anche la panna acida ho capito che questa zuppetta potrebbe proprio piacermi, non ci sarei mai arrivata, ma è proprio quello che ci vuole.
    Ricetta molto particolare, da tenere presente. Tu bravissima come sempre (mi sa che lo sto dicendo a tutte voi, ma è proprio così).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mari. Credo che tu possa assaggiarla. Magari potresti diminuire la quantità di castagne ed aggiungere mezza patata per cercare di dare struttura alla zuppa. In ogni caso il sapore è davvero speciale e credo che ti piacerà.
      Un bacio

      Elimina
  12. Quello delle zuppe sarebbe il mio capitolo preferito soprattutto adesso che le temperature si stanno abbassando.
    Questa di castagne e salvia è curiosissima! Me la segno, grazie per avervela proposta Patty! :*

    RispondiElimina
  13. Patty, questa zuppa ha un'aspetto stupendo, e trovo che l'abbinamento con la salvia sia perfetto (l'ho provato tempo fa e amato all'istante), cosí come quello con la panna acida. In una versione non vegetariana, aggiungerei un po' di pancetta o speck croccante... :-)D
    Un abbraccio grande!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sai che ho pensato alla stessa cosa anche io? Avrei aggiunto sicuramente della pancetta croccante sbriciolata sulla superficie insieme ai pezzettini di castagne. La sua morte!
      Un bacione.

      Elimina
  14. Mi aggrego al castagna fan club! Attendo con trepidazione il loro arrivo ogni anno, quest'anno ho un motivo in più :p
    Si usano castagne lesse o caldarroste per questa zuppa? :) (mi è parso di capire la seconda...sbaglio?)

    RispondiElimina
  15. Ciao Buccia, l'autore parla di castagne cotte, senza specificare se bollite o arrostite. Io avevo quelle arrostite ma credo che una bella castagna bollita nell'acqua e alloro vada stupendamente bene.
    Sei libera di usare entrambe le versioni. Arrosto sono sicuramente più intense come sapore.
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Ottima la zuppa di castagne e anche io mi unisco al castagna club!
    Quando ho letto zuppa di castagne mi è venuta in mente quella che preparava mio nonno. La faceva con le castagne secche e ci metteva le foglie di alloro. La adoravo!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tuo nonno era troppo avanti. Un bacio!

      Elimina
  17. "Zuppa, zuppa, zuppa!" disse lei battendo il cucchiaio in verticale sul tavolo... ho reso l'idea?! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricordo una striscia di Mafalda, il cui il suo fratellino gridava proprio così, e mentre Mafalda lo brontolava facendo la linguaccia, lui le sbatteva il cucchiaio sulla lingua. E lei a lavarsela con lo spazzolino! Magari non tutti sono d'accordo con noi! Un bacio bela dona.

      Elimina
  18. non commenterò la zuppa, che è una meraviglia... ma vogliamo parlare del piatto che si intravvede sotto il tovagliolo??? lo voglioooooo!! e patty: me le daresti lezioni di fotografia??? :))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quel piatto viene dalla Puglia, è sgarrupatissimo ma a me piace un sacco. Non so neanche come sia arrivato fino a me. Per le lezioni di foto, credo che tu abbia bisogno di un consulto oculistico prima. Sei pazza?
      Ti abbraccio forte.

      Elimina
  19. Mentre andavo avanti nella lettura mi veniva l'acquolina in bocca. Anche io faccio parte del club delle adoratrici delle castagne e questa zuppa già la vedo come zuppa dell'inverno. E colgo anche l'idea di congelarle per farmi una scorta per l'inverno. Trovi che vadano bene anche le castagne secche per questa preparazione? Già mi immagino a gustarla di ritorno da una giornata fredda e piovosa.. *.*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che possano andare ma ovviamente dovranno essere ammollate prima. Io non le ho mai provate in cucina, ma mia mamma le mangia così come sono e le chiama "straccaganasse".
      Un bacione.

      Elimina
  20. so già che mi piacerà da morire, appena trovo le castagne.....

    RispondiElimina
  21. Concordo perfettamente con Cristina: so già che la proverò e mi piacerà da pazzi......:-))

    RispondiElimina
  22. Che bello ritrovare in rete questa ricetta..lo scorso anno ne sono stata completamente dipendente!
    La consiglio a tutti.

    RispondiElimina