mercoledì 21 settembre 2016

BETROOT LEAF SAUTÉ

Pakoras

Ricetta semplicissima, che mi ha incuriosito subito per l'abbinamento fra barbabietole e ceci, al quale non avrei pensato. Alla fine ho pure rischiato di non farla, perché non trovavo le barbabietole con le foglie.
Poi ieri, al mercato, tornando da scuola, l'agnitio: un bel mazzo di piccole barbabietole fogliute che sembrava stesse lì apposta per me. Potevo sottrarmi? Perfetta per questo periodo di quasi dieta a cui mi sto faticosamente sottoponendo, che più che una dieta è un tentativo di migliorare le mie abitudini alimentari, e una ricetta come questa, a base di legumi e ortaggi rappresenta davvero un pasto completo, salutare ma per niente noioso.
Il tutto è semplicissimo, e piace il fatto che si faccia in mezz'ora, una cosa in fila a quell'altra, senza perdite di tempo, proprio come descritto da Slater nel libro.
Praticamente una ricetta perfetta per quando uno torna dal lavoro e deve preparare in fretta alla cena.
... Sempre che abbia trovato le barbabietole con le foglie al mercato :-)

Beetroot leaf sautè

Beetroot leaf sauté 
Ingredienti (Per 4-6 persone)
2 patate farinose grandi
3 cucchiai di olio (extravergine) di oliva
2 carote
2 spicchi d'aglio
una scatola da 400 g di ceci
50 g di coste di barbabietola
150 g di foglie di barbabietola
1 piccolo limone
1 piccola manciata di menta

Tagliate le patate a metà e quindi a piccoli cubetti. Secondo me non è necessario pelarle. Versate l'olio in una grande padella anti-aderente, unite le patate a cubetti e farle cuocere a caolore moderato. Pelate le carote, tagliatele a cubetti della stessa dimensione delle patate e unitele alle patate. Pelate e tritate finemente l'aglio, unitelo alle patate e carote, salate e impepate e continuare a cuocere, mescolando di tanto in tanto, fin quando le verdure cominciano ad ammorbidirsi. Scolate i ceci e rovesciati nella padella. Fateli andare per una decina di minuti, nel frattempo tagliate le coste delle barbabietole a piccole pezzi, quindi trasferitele in padella. Arrotolate le foglie di barbabietola in piccoli cilindretti (stile sigari), tagliateli e uniteli alle altre verdure. Strizzate il limone, tritate le foglie di mente, mescolate e servite.

NOTE
Delle ricette di Slater, e questa non fa eccezione, mi colpisce l'uso ragionato delle spezie. Questa non fa eccezione: semplicemente non ci sono (sebbene limone + ceci ci trasporti subito in Medio Oriente), mentre predomina nettamente il sapor dell'aglio, che però si compensa molto bene con la menta e il limone, che lo sanno tenere a bada.   I profumi speziati ci piacciono, sicuramente, ma non è che proprio si debbano mettere tutte-le-volte-tutte, ogni tanto se ne può fare a meno e fare delle scelte diverse. Ecco, Slater così fa, e io lo trovo apprezzabile.

I tempi sono perfetti, si procede in fila, un passaggio dopo l'altro, in modo lineare, e alla fine ci si cava in una mezz'ora.

L'effetto complessivo del piatto, fra sapori e consistenze, è piacevole, anche una piccola perplessità sull'uso delle foglie di barbabietola mi reta. E il limone, che solitamente mi piace molto quando viene abbinato ai ceci, in questo caso va veramente usato con moderazione -cosa che io non ho fatto- altrimenti finisce per fare l'asso pigliatutto in modo troppo aggressivo ed egocentrico.

Insomma, mi è piaciuto ma non mi ha entusiasmato, anche se non trovo qualcosa di preciso che non vada: è questione di gusto, più che altro, qundi mi sento di promuoverlo comunque, anche perché è davvero un piatto interessante e completo, che può risolvere molto bene un pranzo veloce.

PROMOSSA 

Editing post commento della Mapi: 
- la nota sullo sbucciare le patate è di Slater, non mia. Così poco mia che le ho sbucciate inserendo il pilota automatico.
- Per quanto riguarda i ceci, volevo precisare che se ci si lessano da noi, invece che comprare quelli in scatola, è decisamente meglio, anche se talvolta capita di ridursi all'ultimo momento. Però quelli lessati da noi sono troppo più buoni. 
 



19 commenti:

  1. Ciao! Ricetta interessante.. e se invece di usare la barbabietola si usassero le bietole?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. le foglie di barbabietola ci somigliano, anche se hanno un sapore più deciso. prova e poi facci sapere...

      Elimina
  2. Ricetta carina che però vedrei più come un bel contorno e le foglie di barbabietole, nel caso fossero introvabili le sostituirei con le bietoline, così giusto per semplificarmi la vita... l'aggiunta di limone, da usare con moderazione ;) e la menta mi danno un'idea di freschezza che mi fa venir voglia di provare a farla, l'idea è che mi piacerà, poi si vedrà. Grazie Gaia e buona quasi-dieta :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ha un sapore particolare, che ti lascia spiazzato, poi però lo mangi volentieri.
      io l'ho mangiato come piatto unico.

      Elimina
  3. Non ho mai assaggiato le foglie di barbabietola: di che cosa sanno? O meglio, a che cosa assomigliano?
    Altra domanda: "secondo me non è necessario pelare le patate": è Slater che parla, o sei tu? Non mi stupisce il concetto, bada: ho assaggiato anni fa un paté di bucce di patata che era la fine del mondo, ma la domanda mi è sorta comunque. :-)

    Per me è un piatto da provare, con foglie di barbabietola, cha andrò a cercare, oppure con delle bietoline, come suggerisce SaiPiperina prima di me. :-) Adoro i ceci e questo piatto mi sembra completo dal punto di vista nutrizionale: ha i carboidrati, le proteine e le verdure, e tanto buon sapore. Certo, io i ceci in scatola li sostituirò con quelli secchi ammollati, ma a Slater perdono questo e altro. :-)
    Grazie per la tua splendida disamina!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Mapi vedi perché tu sei un'ispirazione??? Io ho dato per scontato di poter sostituire le foglie di barbabietola con le bietoline senza neanche domandarmi che razza di gusto avessero... sono una facilona patentata :-D e riguardo ai ceci nessun dubbio che tu non userai quelli in scatola... :-)

      Elimina
    2. tanto stupenda non era, infatti ho corretto alcune cose proprio dopo aver letto il tuo commento. vedi sopra le risposte.
      le bietole e i ceci sono un'accostamente non infrequente, ricordo benissimo di aver trovato una ricetta che li prevedeva entrambi in qualche "nostro" libro, ma non saprei al momento dire quale. cercherò.
      bietoline sì, assolutamente.

      Elimina
  4. Anch'io non ho mai assaggiato le foglie di barbabietola, ma adesso ho voglia di farlo!
    E visto che si prepara tutto in mezz'ora, questa ricetta è perfetta per una cena durante la settimana, quando sono sempre con i minuti contati...
    Un bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. come sopra. secondo me si possono tranquillamente sostituire con quelle di bietola, volendo.
      mezz'ora è corretto. ovviamente se non ci si lessano i ceci in casa.

      Elimina
  5. ammetto la mia ignoranza. Mi sono dovuta informare sul significato di agnitio... eppure sei anche te di natura scientifica, ma sei un passo avanti anche nel campo umanistico e culturale!
    Per la ricetta, mi piace molto. Mi incuriosisce soprattutto l'uso di limone e menta.
    non appena trovo le foglie, ci provero'!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il limone con i ceci è un classico mediorientale, la menta rinfresca, le foglie di barbabietola sono, in ultima analisi, bietole.
      e l'agnitio è un ricordo del liceo classico, per provare a me stessa che non sono ancora del tutto andata... :-)

      Elimina
  6. Ora hai seminato la curiosità di queste benedette foglie di barbabietola, pensa che un paio di settimane fa ne avevo comprato proprio con le foglie, ad averlo saputo! Ricetta interessantissima e molto adatta anche al clima in cu vivo :) grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti ho gettato un grande scompiglio, con queste barbabietole... ma devo dire che aveva incuriosito anche me, anzi, è proprio il motivo per cui avevo scelto questa non ricetta

      Elimina
  7. Ceci e barbabietole li abbino spesso, e suono buonissimi! Per non parlare delle foglie, le ho provate quest'estate per la prima volta e me ne sono innamorata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ooooh! Finalmente qualcuno che le ha provate!!!
      Una Ola!

      Elimina
  8. A mia discolpa dico che le barbabietole le ho mangiate solo precotte. Non ho mai cucinato una "barba" (da noi si chiamano così) fresca e a dire il vero avrei sempre voluto.
    Per altro sono anche belle da vedere. I ceci li metterei ovunque se potessi quindi non posso che apprezzare abbestia questa proposta, bella, fresca e facile facile. Grazie Gaia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una volta mangiate le barbabietole fatte in casa quelle precotte non le puoi più sentire, mille volte peggio dei legumi in scatola!!!!
      Si fanno facilissimamente, o lessandole o in forno (le radici intendo, non le foglie!!!)
      Aggiungo che sono squisite anche ia julienne crude.
      Adoro le brbabietole (unica in tutta la famiglia, però).
      "Abbestia" mi fa sentire giovane.

      Elimina
  9. a me e' piaciuta proprio la tua disamina.
    le foglie di barbabietola al momento le butto via (devo ancora rassegnarmi al non trovare la barbabietola gia' cotta, fra le tante abitudini che sono costretta a cambiare), ma ricordo un MTC sulla Pasqualina vinto con una ricetta di ispirazione askenazita che le utilizzava proprio al posto delle bietole. La ricetta non e' nelle mie corde, ma la tua presentazione mi e' piaciuta cosi tanto che quasi quasi cambio idea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per le barbabietole già cotte vedi quanto scritto sopra alla Patty, io non mi ci posso più avvicinare, da quando le ho provate home made. Tutto merito del mio spacciatore di verdure. In effetti fino a qualche anno fa era impossibile trovarle crude, almeno al super, ma ultimamente la varietà di frutta e verdura disponibili è decisamente aumentata. E non solo per merito di manghi, papaye e similia.
      La pasqualina askenazita di eleonora è indimenticabile. e in effetti quando faccio la pasqualina, cosa che capita relativamente spesso, perché mia figlia ne va matta, se ho delle foglie di barbabietola ce le infino insieme alle bietole, e nessuno ha niente da ridire.
      la disamina lasciava un po' a desiderare, ma la sostanza era quella: una ricetta slateriana all'ennesima potenza

      Elimina