Pagine

giovedì 18 aprile 2013

MOZZARELLA IN CARROZZA DI CARLO CRACCO



Lo devo dire: per me questa volta lo Starbooks è stato difficile e impegnativo.
Mai e poi mai avrei acquistato il libro di Cracco, nulla contro di lui, per carità , ma un libro di cucina  fatto e concepito così male, oggigiorno, è difficile da trovare.
Ed io che sono una donna superficiale e mi lascio condizionare dall’esteriorità , avevo scartato questo “oggetto” appena visto in libreria.
Cracco per me non brilla in simpatia e quindi, nessun coinvolgimento sentimentale mi spingeva ad acquistarlo.
Ma lo starbooks di aprile è stato una sorpresa dietro l’altra e quindi, ben vengano le novità e, tra queste, ben venuto Cracco.

Difficile scegliere una ricetta che mi ispirasse…per nulla aiutata dalle foto che sono peggio di quelle de “In cucina con suor germana” (anni ’90)  e nemmeno dall’impostazione grafica peggio delle  “Agenda di casa” (degli anni ’70 !!!) ho davvero penato prima di scegliere questa 

Mozzarella in carrozza con la pasta fillo

Ingredienti per 4 persone:
400 gr di mozzarella di bufala
3 fogli di pasta fillo
1 tuorlo
Sale Maldon (da "spolverare" dopo l'uscita dal forno)
Olio d’oliva e burro se friggete

Ipse dixit :
tagliate la mozzarella a fette . Prendete un foglio di pasta fillo, stendetelo e, con il coppapasta ,ricavate dei dischi dal diametro doppio rispetto alla fetta di mozzarella”
Già leggendo queste righe , mi ero chiesta come facesse UN SOLO foglio di pasta fillo “reggere” la mozzarella…per quanto la si asciughi (nota che non è riportata sul libro, ma azione che ho fatto ripetutamente dopo aver visto bucare inesorabilmente  il mio velo di pasta dagli inevitabili liquidi mozzarelliferi) rilascerà sempre umidità, per non dire liquidi veri e propri.
 La ricetta prosegue :
“spennellate la pasta con un po’ di uovo leggero leggero e appoggiatene sopra la mozzarella. Prendete un altro disco di pasta, spennellate anche questo con l’uovo e adagiatelo sopra alla mozzarella. Chiudete e sigillate bene  “
Per la cottura in forno questi i numeri:
forno caldo a 220° (io ho messo a 180°)
tempo: 5/7 minuti (io 4 minuti e tolti al volo : il rischio bruciatura è matematico)

Mi sono attenuta scrupolosamente alla ricetta che prevedeva inoltre  di preparare i “saccotti” e di riporli nel frigorifero per almeno due ore prima di cuocerli in forno.
Ebbene, in due ore la mozzarella aveva “assorbito” la pasta “inglobandola e bucando il mio “saccottino”  di pasta , ancor prima di cuocerlo in forno .
Quindi gli altri ho deciso di prepararli e cuocerli subito sperando di salvarli…
Errore , si sono bucati ugualmente…e queste sono, sigh,  le prove…


Ma non solo !!! Cracco consiglia addirittura, dopo aver tirato fuori dal forno la pasta fillo,  di caramellare (con zucchero) la superficie servendosi di un cannello!!!!! Ma questo non è uno chef !!! è Terminator!!! Ma cosa “cannello” che escono i saccottini già belli e bucati!!!!:-(

Presa dalla disperazione ( e avendo aperto una confezione di pasta fillo che conteneva dodicimila fogli) ho deciso di  preparare una sorta di “cannelloni” utilizzando la pasta come sapevo e cioè, doppiandola ( ma anche “triplandola”) . Ho sempre preparato la pasta fillo in questo modo :  unendo i vari fogli (due, tre e anche quattro, a seconda del tipo di ricetta da fare) con del burro fuso, o olio o uovo, spennellato a guisa di collante sovrapponendo i vari strati.
Anche per questi “cilindretti” ho fatto così. Ho spennellato con l’uovo tre strati ho inserito un pezzo di mozzarella, ho arrotolato e messo in forno 4 minuti.
Ottimi, croccantissimi e sbriciolosi come solo la pasta fillo sa essere e con un cuore di mozzarella tiepida, sciolta il giusto che non ha perso per nulla il suo gusto fresco contrastando il caldo del suo involucro scrocchiante.


Forse questo voleva essere il risultato ma seguendo le istruzioni dello chef Cracco non ci si arriva.
Insomma, l’idea in sé è carina e davvero veloce ma , purtroppo la ricetta  fa acqua (di mozzarella) da tutte le parti.
Dalle foto del libro, ammetto che la pasta fillo presentata , è diversa da quella eterea da me usata. Sembra più “spessa” e resistente  : che gli chef blasonati acquistino pasta fillo specialissima???

Rimandato:
perché, come ho detto , l’idea in sé è carina…ma purtroppo  infattibile ! La scusante che gli concedo , è la possibilità che lui abbia usato  una “pasta-fillo-speciale-per-chef-fighi”, diversa da quella che utilizziamo noi comuni mortali, che renderebbe la ricetta infallibile anche con un solo foglio !
Una cosa però è certa: allo chef Cracco manca completamente quella generosità, rara peraltro  tra i professionisti delle cucine stellate, che dovrebbe avere chi si cimenta in un libro di ricette in cui si   divulgano i propri consigli, la propria  esperienza e i propri piccoli segreti (quelli grandi  lasciamoglieli pure ….)

n.d.r.:  la ricetta prevedeva anche una versione fritta ma ,dopo questo risultato non me la sono sentita di farla...:-(

larobi - Le Chat Egoiste

38 commenti:

  1. Evidentemente chef Cracco crede di essere lui troppo "figo" da dover svelare a noi comuni mortali le dritte giuste per fare i suoi piatti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero!!! Ed in effetti è la cosa che dá più fastidio!!!

      Elimina
  2. Sei stata troppo buona, io per questa ricetta lo avrei assolutamente bocciato. L‘idea è molto bella e infatti aveva colpito anche me e prima o poi l‘avrei provata, grazie quindi per avermi risparmiato un nuovo flop cracchiano. Comunque hai detto una cosa giusta, Cracco non è stato assolutamente generoso come dovrebbe essere chi vuole proporre un libro di questo genere, anzi direi che è stato proprio avaro :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono stata combattuta sul giudizio finale ma, come ho scritto, mi sono sentita di salvare almeno l' idea. cracco generoso??? Non me lo vedo tanto visti i risultati fino ad oggi...

      Elimina
  3. NOn ci siamo proprio. Te l'ho detto cosa penso: questo è proprio un flop con tutti i crismi. Non ho idea di come Cracco pensi di mantenere intatto un solo foglio di fillo a contatto con ripieni umidi senza ottenere lo stesso risultato in cui sei incappata tu.
    Mi mi sarei in...zata come l'automobilista di Joele Dix. E forse anche un pochino di più.
    Seguirò invece la tua versione cigarillo che mi piace decisamente di più!
    Ti bacio mitica. Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma cara patty io mi sono in...zzzata come joele dix !!!! Consiglio la mia versione alla faccia dello chef!!!! Bcissimi

      Elimina
  4. "La ricetta fa acqua (di mozzarella) da tutte le parti" mi ha fatto troppo ridere!
    La tua versione e' infinitamente migliore,e comincio a pensare che Cracco non solo non abbia scritto il libro,ma non l'abbia neanche letto.
    Anch'io sarei per la bocciatura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credimi è stato proprio così!!! Fa ridere ma in quel momento a me veniva da piangere ( per la rabbia) ribadisco... L'ho rimandato solo per l' idea e nulla più!!!

      Elimina
  5. A leggere questo post mi immagino Cracco davanti al computer che scrive le ricette e se la ride pensando ai disasti che ne verranno fuori..
    Inizio a pensare che questo libro sia un "se sei figo...trova l'errore", infatti in ognuno dei piatti recensiti c'era un errore da trovare che avrebbe potuto smontare l'intera ricetta...
    Che sia fatto di proposito?
    Spero di no, altrimenti più che "figo", Cracco sarebbe un grande "str**o"! Ma mi rifiuto di pensare che uno chef così stellato e blasonato non si accorga di tutte queste pecche...
    I tuoi involtini mozzarellosi sono stupendi, mi immagino la loro scrocchievolezza e il cuore caldo e filante....mmm....
    Ottima idea!!!
    un abbraccio filante
    sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inizio a dubitare che l' abbia scritto questo libro!!! È forse ci sarebbe d sperare sia stato così...visti i risultati, ad oggi, farebbe più bella figura a dire che non è farina del suo sacco ( per stare in tema culinario) anche se un minimo di " consulenza" avrebbe dovuto farla...in tutti i modi , per ora, non ne è uscito un granché bene....

      Elimina
  6. Rimandato?
    Roby, sei fin troppo buona...;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono buona è...che mi disegnano così !!! :-) firmato la sorella della moglie di roger rabbit...

      Elimina
  7. Trovato il titolo del seguito di Se Vuoi fare il figo... "Da Suor Germana a Terminator, in 60 ricette"
    Robi, se non ci fossi, bisognerebbe inventarti :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fantastiko!!!! Questo titolo lo trovo molto più ad hoc !!!

      Elimina
  8. Sei stata decisamente chiara nell'esprimere il tuo giudizio :-)! Il tuo pensiero sul come e perchè si dovrebbe scrivere un libro di ricette è assolutamente condivisibile. Grazie anche dei suggerimenti per "rimediare"al pasticcio :-).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E mi sono trattenuta !!! Sarei entrata nel merito grafico e stilistico ma sarei stata una pizza !!! Non sopporto i libri brutti soprattutto quelli di cucina !!!;-) sui contenuti ,per ora, no comment ...

      Elimina
  9. terminator!!!!!!! rido troppo :D :D :D

    sorry, ma anche per me questa ricetta è da bocciatura... va bene l'idea fighissima, ma se poi non ce la spieghi che ce ne facciamo?

    grande robi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Be' diciamo che onestamente alla bocciatura ci avevo pensato ma l' idea è così carina....:-) insomma alla fine ho voluto dargli una possibilità....vediamo se non mi dIluderá!!!! :-)

      Elimina
  10. TERMINATOR!!!! HAHAHAHAHAHAHAHAHA!!!!!

    Roberta, sei veramente dolcissima. Io una ricetta così l'avrei bocciata senza pensarci troppo: è assolutamente infattibile, con un solo foglio di pasta fillo!!! Ma te lo immagini un principiante che senza saper nulla della fillo si cimenta in un piatto del genere? Invece i tuoi cannoli con più fogli di fillo sono perfetti, altro che Cracco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dici mapi??? Vado a presentare il prossimo masterchef??? Poi vedi che f...a divento !!!!!!:-)

      Elimina
    2. Ma tu sei già una gran f...a, Roby!!! :-D
      Dimenticavo: foto stupende, come tutte le tue foto del resto. :-)

      Elimina
    3. Foto stupende ??? Ah ah ah...grazie mapi!!! <3

      Elimina
  11. Concordo con quanto dici del libro impaginazione ecc. che sia un terminator ottima definizione ma io direi di cestinarlo...se poi ci prova la crema al limone....mi raccomando che non ti venga in mente di provarla risparmia i prodotti. Penso che lo regalerò a chi mi sta antipatico....:)
    Ciao e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il consiglio anche se, detto tra noi, non credo di provare altre ricette di questo chef...sarà troppo Figo per me??? Ottima idea quella di regalare il libro a chi ci sta antipatico ....ti copio!!!!

      Elimina
  12. Ti confesso che Terminator mi è più simpatico! La pasta fillo (suocera docet) si usa a strati. Se la sua nella foto era più spessa forse l'ha fatta lui, se volete la ricetta ve la do ma io non l'ho mai fatta. Deve diventare finissima e anche se so usare un mattarello non me la sono mai sentita.
    Forse con un altro tipo di formaggio andrebbe meglio? La mozzarella in carrozza mi piace original, con il pane vero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch io amo la mozzarella in carrozza classica ( mi mamma la sa fare benissimo, altro che cracco!!!) concordo anche su terminator : miliardi di volte più figo di cracco !!!;-)

      Elimina
  13. Tu sei troppo buona! Sei stata bravissima nel rimediare così bene ad una mancanza dello chef di questa portata... La tua versione mi piace molto, credo che la proverò presto :-)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho preferito stare di manica larga...non so perché...forse sento che il ragazzo c'è l' avrà dura ????:-)
      Baciiiiiiii

      Elimina
  14. E menomale che non manca la creatività e lo spirito di dire: In barba allo chef, me la faccio a modo mio! Io al tuo posto credo sarei arrivata a piedi da Cracco (partendo da Napoli, ovviamente) e gli avrei tirato le fette di mozzarella dietro la testa una per volta, con tanto di fillo-colabrodo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Paola, ammett che la voglia di fare così mi era un po' venuta ;-)

      Elimina
  15. effettivamente già alla lettura si capiva che non poteva essere possibile...ma perchè si azzardano a pubblicare certa robaccia... complimenti per la tua versione! sigarette croccanti approvate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Forse mi ha ispirato proprio il dubbio che avevo avuto nel leggere questa ricetta...dubbio che si è trasformato, ahimè, in certezza !!!

      Elimina
  16. grazie per il sacrificio.. come avrà fatto ad arrivare alla tredicesima edizione non riesco proprio a capirlo.. forse merito della TV, della pubblicità e delle pecore.
    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che il motivo della 13^ edizione sia spiegabile con le vendite-boom del libro della Parodi: c'è in giro un sacco di gente che non capisce niente di cucina. ;-)

      Elimina
    2. amo la mapi, quando è diplomatica :-)

      Elimina
    3. Avevo letto su un giornale ( forse un vanity fair) lo scontro fra i due titani: Parodi e Cracco... Be' vinceva la Parodi alla grande...quindi mi chiedo ancor di più come abbiano fatto a ristampare ben 13 edizioni... Credo che la mapi possa aver ragione ;-)

      Elimina
  17. hahahahahahahahahahah, in cucina con suor germana, hahahahahaha, riderò per mezz'ora e mio marito mi guarda neanche fossi pazza!!!

    RispondiElimina
  18. Cara Robi, sarei curiosa di vedere la foto delle mozzarelle in carrozza del libro di Cracco! ma come caspita si fa a pubblicare delle ricette che non funzionano? e come hanno fatto ad arrivare a tante ristampe???????
    di figo rimane proprio solo lo scalogno :-((
    un abbraccio!

    RispondiElimina