martedì 10 marzo 2020

SAUERKRAUT




Può un libro sulla cucina tedesca non includere la ricetta dei crauti?
No, dice l'autrice, perchè è un piatto con cui ha un legame particolare come tanti altri suoi connazionali.
A me non piacevano finchè non ne assaggiai una volta di fatti in casa dalla mia amica russa: la sua cucina pareva un laboratorio dal numero di barattoli messi a fermentare.
Fermentava qualsiasi cosa le capitasse sotto mano, e anche se non sempre il profumo era invitante devo dire che lo era il risultato finale.
Tornando ai crauti, i suoi non avevano quel sapore forte e pungente dei barattoli del supermercato: delicati, buonissimi, profumati dalle spezie ed erbe.
Per non parlare del recente trend che vede nella fermentazione dei cibi un toccasana per problemi digestivi di ogni tipo, e sebbene non ci siano ancora studi che lo provino senza alcun dubbio è comunque un modo salutare per conservare i cibi.
Se fatto con le dovute accortezze, mi raccomando.
Barattoli sterilizzati, verdura pulita, ambiente areato dove fermentare.
Che oltre a quello che già c'è in giro manca solo questo ;)



SAUERKRAUT

un cavolo cappuccio oppure cavolo rosso da circa 1,2 kg
2.5, 3 cucchiaini di sale fino



Tagliare il cavolo a metà e quindi a striscioline da 2 mm.
Meglio fare questa operazione a mano piuttosto che in un robot dato che il sapore finale sarà migliore.
Mettere il cavolo in una ciotola di ceramica cospargendolo via via con il sale. Strofinarlo bene tra le dita quasi massaggiandolo, in modo che cominci a rilasciare del liquido.
All'inizio non sembra ma dopo circa 10 minuti si avrà abbastanza liquido per coprire il cavolo una volta messo in barattolo.
Mettere il cavolo in un barattolo di vetro sterilizzato da circa 1 litro di capacità, pressando bene con il manico di un mestolo via via che lo si aggiunge, assicurandosi sempre che il liquido arrivi fino in cima.
Continuare fino ad esaurimento del cavolo e versarvi anche l'eventuale liquido rimasto nella ciotola.
Riempire un barattolo più piccolo con dell'acqua e metterlo sul cavolo (all'interno del barattolo grande) in modo che lo tenga sommerso.
Coprire i barattoli con un panno da cucina pulito e lasciar fermentare in un luogo fresco ed aerato per un tempo variabile tra i 5 e 15 giorni.
Provare comunque i crauti già dopo 5 giorni, ma se si preferisce un sapore più deciso prolungare la fermentazione.
Una volta pronti togliere il barattolo che pressava il cavolo, chiudere ermeticamente quello che contiene i crauti, chiuderlo bene e conservarlo in frigo.
Il barattolo chiuso può durare anche un anno se tenuto in frigo o una cantina ben fredda.
Volendo possono essere aggiunti altri ingredienti per aromatizzare i crauti nel momento in cui si inzia il processo di sfregamento tra le mani: un cucchiaio di semi di cumino o due cucchiai di aneto fresco o un cucchiaino di semi di senape o di semi di sedano.
Se invece si vogliono aggiungere delle bacche di ginepro queste vanno messe direttamente nel barattolo.

NOTE

- la ricetta è di una facilità imbarazzante, l'unico sforzo è affettare il cavolo (non ho usato il robot, come indicato, ma non ho rinunciato alla mandolina) e massaggiarlo col sale. Il liquido in effetti comincia ad uscire subito ma bisogna avere un po' di pazienza per ottenerne a sufficienza per rimpire il barattolo.

- ho usato due barattoli piccoli come in foto invece di uno solo grande e ho aggiunto dei semi di cumino ad uno dei due. Ho assaggiato il primo dopo 5 giorni come indicato dall'autrice ed in effetti ho trovato un sapore gentile e delicato. Il secondo barattolo testato dopo 10 era già al limite del troppo forte per i gusti della sottoscritta ma comunque ancora molto buono.

-  per sterilizzare i barattoli l'autrice suggerisce due metodi: quello del lavaggio in lavastoviglie (coperchi compresi) a 60 gradi con asciugatura all'interno oppure il passaggio in forno a 140 gradi per 20 minuti. In questo secondo caso i coperchi possono essere invece fatti bollire per 10 minuti.

- l'operazione è stata divertente, ed il risultato finale veramente buono. Inutile dire che la ricetta sia

PROMOSSA

23 commenti:

  1. Forte!!! Questo è il genere di ricette di cui mia mamma va in cerca. Gliela passerò volentieri!e mi candiderò per l'assaggio! I semi di cumino #celo

    RispondiElimina
  2. Non ho mai amato i crauti e le verdure fermentate, proprio per il loro sapore forte. Una volta ho provato a fare il kimchi seguendo la ricetta di un libro di cucina coreana, ma confesso che non ho avuto il coraggio di assaggiarlo, e dopo qualche mese di okkupazione del frigo ho buttato tutto.
    Adesso sono tentata... ma dimmi, tu hai fatto fermentare i barattoli in frigo o a temperatura ambiente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fermentazione a temperatura ambiente come indicato, da me è tutto climatizzato quindi certo non al caldo! Passati i 5-7 giorni indicati ho messo tutto in frigo :)

      Elimina
    2. Grazie Stefi. E niente, anche i crauti home made s'hanno a provare!

      Elimina
  3. I crauti li faccio spesso, anche rossi. Sono buoni e fanno bene. Grazie per questa ricetta 😘💕

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E forse rossi li preferisco, non so se mi faccio condizionare dal bellissimo colore :) grazie a te!

      Elimina
  4. Noi li mangiamo spesso i crauti, per renderli più "amabili", li cuociamo con una mela a pezzettoni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è una variante che conosco! Li ingentilisce parecchio :)

      Elimina
    2. Però se li cuoci ammazzi tutte le proprietà!

      Elimina
  5. Anch’io, Stefi, quando abitavo a Mosca, amavo l’odore dei barattoli messi a fermentare nelle case dei miei amici russi. Sono magici. Hanno veramente un talento con questo metodo, dovuto certamente al freddo pungente e al bisogno di conservazione dei cibi. Questa tua riproposta mi piace molto. Mi devo cimentare. Complimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, la mia amica russa fermentava di tutto! È in effetti una cosa divertente e che da soddisfazione :)

      Elimina
  6. Buoni i crauti! Li compro spesso ma non li ho mai fatti, fino a ieri sera. Cavolo rosso senza guanti, non vi dico le mani! :D
    In Alsazia li servono anche con il pesce fresco, l'idea sembra bizzarra ma è un ottimo abbinamento. Ciaooo
    Ho una domanda magari un po' sciocca, ma una volta fermentati vanno ancora cotti o solo scaldati?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si possono mangiare così scaldandoli o ripassando lì in padella, o ancora aggiungendoli alle ricette che li prevedono :)

      Elimina
  7. Apperò!
    Ero, erroneamente, convinta che per fare i sauerkraut bisognasse cuocerli ed ora scopro tutt'altro!

    Solo una curiosità, cosa intendi quando scrivi che la tua amica russa fermentava qualsiasi cosa le capitasse sotto mano?!?!°_°

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che fermentava qualunque tipo di verdura 😀 e aveva un metodo anche per la frutta!

      Elimina
  8. Ho iniziato ad amare i crauti già prima di conoscere mio marito, ma non ho mai provato a farli in casa, pur avendo a disposizione il cavolo cappuccio coltivato da mio papà in montagna. Ok, credo che il momento buono sia arrivato... 😊
    Grazie Stefi! 😋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te, con somma invidia per il cavolo bio a tua disposizione!

      Elimina
  9. Li amo, ho sempre desiderato farli anche se mi spaventa l'idea di ottenere un qualcosa di troppo forte o pungente. Però la tua scelta mi sembra di quelle che meritano di essere adottate.
    Grazie mille Stefi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho imparato dipende da quanti giorni lasci fermentare, dopo cinque erano delicatissimi :)

      Elimina
  10. I famosi crauti tedeschi. Assaggiati una volta e trovati "piacevolmente" strani.
    Così facile, che non si può non provare! 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti! E poi facendoli tu puoi modulare la “stranezza” quanto vuoi ;)

      Elimina
  11. Software is like sex: it’s better when it’s free. Hey, i am looking for an online sexual partner ;) Click on my boobs if you are interested (. )( .)

    RispondiElimina