lunedì 29 ottobre 2018

PASTA CARBONARA TORTE WITH TOMATOES AND SAGE

La nostra Melissa Clark ha visto bene di specificare che questa ricetta ha della Carbonara soltanto il gusto del maiale apportato dalla pancetta e del formaggio e che la somiglianza si ferma qua.
Personalmente avrei scelto un nome diverso, ma forse la nostra eroina non conosce bene la Carbonara e non ha mai sentito parlare di frittata di pasta.
Questo piatto divertente, colorato, molto "foodporn", è capace di scatenare la "iulenza de panza" di un certo gruppo di noi, ma portandolo in tavola, mi vedrei bene dal pronunciare la parola Carbonara: torta di spaghetti invece, è davvero perfetta.
E' decisamente un piatto perfetto per certe serate estive, da mangiare anche appena tiepido servito come aperitivo.
Ma andiamo alla preparazione, senza troppi giri di parole.

INGREDIENTI PER 6 PERSONE
Tempo di preparazione 1 ora

Sale Kosher qb
452 g di spaghetti
250 g di pancetta o bacon affettato spesso, in dadini
2 cucchiai di salvia fresca sminuzzata
367 g di latte
200 g di Gruyère grattugiato
200 g di Pecorino Toscano grattugiato
85 g di Parmigiano Reggiano grattugiato
100 g di pomodori ciliegino tagliati in quarti
3 uova grandi sbattute leggermente
2 cucchiaini e 1/2 di pepe nero grattugiato al momento
Erba cipollina fresca come guarnizione.
  1. Fate bollire una ampia casseruola a fondo pesante con acqua salata. Aggiungete gli spaghetti e cucinate fino a che non sia "al dente", abitualmente 2 minuti meno di quanto indicato sulla confezione (finiranno di cuocere nel forno). Scolate bene. Mentre la pasta cuoce, accendete il forno a 220°.
  2. In una padella di ferro adatta al forno, di 26 cm di diametro, cuocete la pancetta fino a che non sia croccante e dorata, 7/10 minuti. Aggiungete la salvia e mescolate cuocendo per un altro minuto. 
  3. Rimuovete la padella dal calore e mescolatevi la pasta, il latte, 180 g di Gruyère, 180 g di Pecorino, il Parmigiano, i pomodorini, le uova, il pepe e 2 cucchiaini di sale. Cospargete la superficie con il rimanente Gruyère e Pecorino. Trasferite la padella nel forno e cuocete fino a che la pasta non sia bella dorata, c.ca 40 minuti. Lasciate che la "torta" si raffreddi leggermente prima di servire. Guarnite con l'erba cipollina. 
NOTE PERSONALI:

  • La preparazione di questo piatto ha la lunghezza solo nella cottura in forno, che nel mio caso è stata ridotta a 30 minuti perché la superficie era a mio avviso già sufficientemente dorata e croccante. Tutto il resto si fa alla velocità della luce. 
  • Non avendo uno "skillet" ovvero la padella di ferro che si può mettere dal piano cottura al forno, ho optato per una tortiera da crostate di 24 cm di diametro. Ma anche se avessi avuto la padella, avrei mescolato tutti gli ingredienti in una grande ciotola (così come ho fatto), perché c'è bisogno di spazio per consentire gli spaghetti di amalgamarsi bene con il resto. Prima di tutto ho sbattuto le uova con il latte ed ho aggiunto i formaggi così da avere una crema e l'ho versata sugli spaghetti. Ho mescolato bene e per ultimo ho aggiunto i pomodori affinché non si spatasciassero nella mescola. Poi ho sistemato gli spaghetti a modino nello stampo ed ho rifinito con qualche pomodorino e con i formaggi. 
  • La comodità di cuocere questo piatto al forno, elimina la difficoltà di girare il frittatone di pasta sul fornello: se qualcuno di voi l'ha mai fatto, sa di cosa parlo. Qui si infila tutto in forno e si attende quel poco per gustarsi una fetta di pasta croccante e ricca di sapore. 
  • La mia critica al nome non è un vezzo da purista ma una semplice constatazione: questa pasta non sa neanche lontanamente di Carbonara. Proprio non la ricorda neanche un po'. Per essere più chiara, il sapore del Gruyère, che ha il pregio di fondere bene con il calore e dare il senso del "filante", prevale su quello degli altri formaggi. Inoltre la salvia, che si sposa benissimo con la pancetta, richiama gusti altoatesini ed i pomodorini danno un tocco di dolcezza e freschezza che non esiste nella Carbonara tradizionale. Le uova poi, spariscono diventando un ingrediente di coesione che però perde il proprio sapore mascherato dagli altri aromi. Non ho utilizzato l'erba cipollina perché non l'avevo (e non la amo moltissimo). 
  • Resta il fatto che sia appetitosa, mangereccia, gustosa anche per un palato semplice come quello dei bambini, facile da fare e veloce nella preparazione. Le indicazioni dell'autrice sono corrette e precise ed io sono felice di dire:
PROMOSSA!

8 commenti:

  1. Diciamo quindi che della carbonara nostrana ha solo l'ispirazione e l'uso di alcuni ingredienti in comune che comunque portano ad un risulato di tutto rispetto: onestamente è una delle ricette che mi sta facendo più gola, e non capisco come abbia fatto a non notarla. Grazie Patty, e so cosa portare al prossimo potluck :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa felice che ti intrighi. E' davvero comoda da fare ma cerca di portarla calda perché una volta raffreddata, perde gran parte della sua allure ;) Un bel bacione.

      Elimina
  2. Come dici tu, l'unica cosa che stona in questa ricetta è il nome. Per il resto è golosissima e molto invitante.
    Concordo con te sulla necessità di mescolare bene gli ingredienti prima di mettere tutto in padella, chi non è avvezzo a cucinare la pasta (e parlo degli Americani, of course) potrebbe ottenere un risultato meno appetitoso.
    Mi fanno sorridere le dosi "strane" (452 g di spaghetti e 367 g di latte): se usassimo 450 g di spaghetti e 370 ml di latte cambierebbe qualcosa? :-)
    Foto da urlo che buca lo schermo e la tua bravura a condire il tutto, grazie Patty!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulle dosi mi sono fatta anche io una bella risata. A dirla tutta ho cotto 500 g di spaghetti ed ho aggiustato il latte in base alla necessità. Ma ti pare che apro un pacco da mezzo chilo e lascio fuori 48 g di pasta? Vabbé. Però purtroppo queste sono le conversioni dai cups.
      Sei sempre un tesoro cara Mapi. Un abbraccione gigante.

      Elimina
  3. Ah Melissa, Melissa! Ah Patrizia, Patrizia!!!
    ciao, bacioni! e mille grazie!

    RispondiElimina
  4. Patrizia cara, questo piatto è proprio bello e può tornare utile in diverse circostanze. Certo che, per me che adoro il Groviera...dover fare un mix di formaggi, non so, magari opterei per uno solo. O vale la pena osare?

    RispondiElimina
  5. Perfetta per la spiaggia, non so per quale ragione io la frittata di pasta la faccio solo da portare in spiaggia 😏 quindi, copio e incollo e l'anno prossimo me la gusterò, ovviamente sarò rigorosissima e cucinerò esattamente 452 gr. di spaghetti 😜😂😂
    Patty la tua frittatona mette allegria e anche una certa acquolina 😋🤤

    RispondiElimina