mercoledì 17 gennaio 2018

BAKED SAFFRON RICE

Questo libro di Jamie è una vera tentazione.
Cucinare dei piatti d'effetto con soli 5 ingredienti e pochissimo tempo non è una cosa "detta e fatta".
Da un lato si ha quasi la certezza che il meno faciliti l'intera operazione, dall'altro il rischio è che il piatto finito non abbia quella spinta aromatica che lo lasci ricordare.
Gli ingredienti quando sono pochi (ma ovviamente anche quando sono molti) devono essere perfettamente accordati tra di loro, in modo armonico ed efficace.
Eppure, se a prima lettura della lista mi sono lasciata trascinare dall'idea di come sarebbe stato una volta finito (soprattutto perché amo da pazzi il riso al forno e lo zafferano), l'entusiasmo è andato via via scemando giunta all'assaggio.
Ma non voglio anticipare nulla. Vediamo la ricetta.
Ingredienti per 4 
Tempo di preparazione - 26 minuti

2 cipolle rosse
2 piccoli pizzichi di zafferano
4 cucchiai generosi di yogurt naturale
4 cucchiai pasta di pomodorini secchi
300 g di riso basmati bianco
  • Preriscalda il forno a 200°. Pela e trita finemente le cipolle. Metti una pirofila sulla fiamma vivace, fai scaldare un cucchiaio di olio e soffriggi le cipolle per 4 minuti o comunque fino a che non saranno morbide e dolci, mescolando regolarmente. Contemporaneamente fai bollire 600 ml di acqua con il bollitore ed aggiungi metà dello zafferano. Il resto dello zafferano mettilo in una ciotolina con un cucchiaio di acqua bollente e coprilo per 10 secondi. Quindi miscola con lo yogurt e tieni da parte 
  • Mescola la pasta di pomodorini secchi, il riso, un pizzico di sale e pepe nella pirofila con le cipolle, quindi versa l'acqua allo zafferano, un ulteriore goccio d'olio e rimetti sulla fiamma fino a riportare a bollore l'acqua. Una volta che bolle, metti la teglia in forno facendo attenzione, e fai cuocere per 15 minuti o fino a quando il riso non abbia assorbito tutto il liquidi, si alzi morbidamente e sia dorato e croccante sulla superficie. 
  • Versa delle cucchiaiate di yogurt allo zafferano sul riso, condisci con altro olio extravergine, miscela con una forchetta e servi immediatamente. 
NOTE PERSONALI
- Questa ricetta ha un'unica difficoltà: avere a disposizione una pirofila che possa essere utilizzata senza problemi sulla fiamma viva. Io preferisco quelle di vetro a quelle di metallo ed uso sempre lo spargifiamma per evitare brutte sorprese. In ogni caso, il tempo indicato da Jamie è praticamente perfetto: dal momento che ho cominciato a preparare, al togliere la teglia dal forno sono passati esattamente 30 minuti. 
- La ricetta è facilissima e la reperibilità degli ingredienti estrema: non avendo la pasta di pomodorini secchi, ho preso dei pomodorini sott'olio e li ho tritati finemente al coltello, e voilà la pasta era pronta. 
- Certe volte la semplicità di preparazione così come l'essenzialità degli ingredienti non risponde ad una conseguente qualità del gusto di insieme:  a mio avviso, pur essendo un piatto piacevole, non convince completamente. Non ho critiche specifiche sul procedimento o sulla cottura finale del riso che resta bello soffice all'interno e croccante sopra e sui bordi, ma il sapore complessivo è un po' "povero", direi quasi piatto (insomma manca qualcosa). Non trovo neanche che lo yogurt allo zafferano aggiunga plus al piatto, anzi, a mio avviso l'acidità fornita dalla pasta di pomodorini insieme a quella dello yogurt alla fine è eccessiva e sbilancia il tutto. Di certo non è un piatto da servire da solo: potrebbe essere un buon accompagnamento a carne bianca o pesce bollito o al vapore. 
- Con questa ricetta, Jamie non ha fatto fuochi d'artificio a livello di sapori. Con qualche riserva sul gradimento generale, senza infamia né lode posso dire 

PROMOSSA con la sufficienza. 

3 commenti:

  1. Avevo della pasta di pomodorini secchi che volevo smaltire....ma se tu mi dici che il piatto finito è solo sufficiente...mi fido :D Hai fatto un piatto bellissimo e se posso consolarti....la foto è mooooolto più bella la tua ( a mio giudizio ). Grazie Patty ..un abbraccio :*

    RispondiElimina
  2. Il riso basmati al forno evoca la ricchezza e la complessità aromatica del suo cugino persiano: questa versione a mio avviso non può che risultare deludente, anche se all'apparenza ha un ingrediente in più: la pasta di pomodori secchi. Questione di alchimia o meglio, come hai giustamente osservato tu, questione di bilanciamento di sapori: questo è il classico caso in cui less is more.
    Quello che invece è more è la sensibilità del tuo palato, oltre alla tua ormai nota bravura.
    Grazie Patty!

    RispondiElimina
  3. Peccato per questa ricetta poco convincente, perché l'aspetto di questo piatto è invitante... ma qui entra in gioco la tua bravura a 360°

    RispondiElimina