venerdì 27 maggio 2016

BROCAMOLE


In principio, era il Brocamole. 
La prima scelta, intendo.
Prima che l'hummus ci mettesse lo zampino e l'aglio caramellato facesse la sua parte.
Ma è indubbio che questo "Guacamole di Broccolo", dal nome lieve e divertente, avesse subito acceso l'interesse.
Tant'è che alla fine una chance gliel'ho data. E l'ho pure rifatto.
Fra un hummus e l'altro, naturalmente...


1 head of broccolo- intraducibile, ma credo che ci siamo capiti: non è un broccolo intero ma "una testa, senza i gambi legnosi)
125 ml di olio vegetale (io extravergine di oliva, leggero)
15 ml di extravergine
1 avocado maturo
2 cipollotti freschi, mondati e tritati grossolanamente
1 mazzetto di coriandolo (lo odio- non l'ho messo)
1 peperoncino fresco verde
2 lime, succo
sale, a piacere

Eliminare le foglie della testa del broccolo e cuocerla in una cassruola in acqua salata bollente per circa tre minuti: dovrà essere appena tenera, ma ancora croccante.
Scolare e trasferire in una ciotola di acqua ghiacciata. Quando è freddo, scolare molto bene e ridurlo in purea, in un frullatore, aggiungedo olio via via. Tagliare a metà l'avocado, eliminare il nocciolo e metterlo a cucchiaiate nel bicchiere del frullatore. Aggiungere le cipolline e la maggior parte del coriandolo Se non volete un Brocamole troppo piccante eliminate i semi dal peperoncino poi tritatelo grossolaneamente e aggiungetelo assieme a metà del succo di lime. Frullate ancora fino a ridurlo in puré .  Assaggiate e valutate se aggiungere più lime juice (in genere trovo che 1 lime e mezzo sia la dose perfetta, ma dipende dalla quantità di succo che essi hanno) e aggiungete sale a piacere. Servite in una ciotola, con una spruzzata di coriandolo*, pronto per essere servito come "dip" o spalmato su un toast

*ho aggiunto un po' di peperoncino in polvere.


Allora: partiamo dal fondo e facciamo come nei libri gialli dal finale prevedibile, in cui l'assassino è il maggiordomo.
La ricetta è promossa- perchè non potrebbe essere diversamente. 
E' facile, ben spiegata e viene perfetta già al primo tentativo.
Il "problema" -se di problema si può parlare- è che alla fine uno mangia un guacamole con un sentore di broccolo. 
Che, per carità, va benissimo.
Ma io mi sarei aspettata qualcosa di più sorprendente, di più persistente, con una maggiore personalità. E non da Nigella, ma da chiunque arrivasse a confrontarsi con un mostro sacro come il Guacamole, per farci su qualche variazione. Anche a costo di eliminare l'avocado e di dare al broccolo lo spazio che, dal nome, sembrava aver meritato. 
Anyway, queste sono valutazioni personali che non incidono sulla sostanza del giudizio finale: ma se per l'hummus c'erano scene da groupie e mi strappavo i capelli, per questo mi limito ad annuire compostamente, per la gioia del mio parrucchiere :-)
Dichiaro pertanto questa ricetta 

PLACIDAMENTE PROMOSSA


8 commenti:

  1. Ale e se George Harrison scrisse "Apple Scruffs" come tributo alle Beatles groupies, tu ti meriteresti un "Hummus Scruffs" :-D
    Ma com'è che questo Brocamole sa poco di broccolo??? eppure l'avocado non ha tutto questo gusto, forse il broccolo andrebbe cotto un po' di più, in fin dei conti da cotto il suo gusto è più forte che da crudo... boh... comunque anche questa proposta è da fare, l'idea è buona casomai va un pochino modificata. Grazie per averla postata perché mi avevi incuriosito citandola la volta scorsa :-D

    RispondiElimina
  2. Mettiamoci anche i broccoli che trovo qui, che non sanno di niente.
    Mentre gli avocado hanno un sapore molto piùpersistente
    Il broccolo va cotto pochissimo, lei si raccomanda proprio questo: io l'ho fatto cuocere un pochino di più ma solo perché altrimenti era crudo.Secondo me, lavorandoci un po' su, si può trovare quell'emozione che a me è mancata. Perchè comunque l'idea è ottima e la ricetta riesce. E' solo un fatto di "sprint"- e chissà che magari non lo trovi tu :-)
    C'è sempre un Redone che ti aspetta...

    RispondiElimina
  3. La ricetta aveva ispirato anche me, e penso un po' tutte noi.
    La provo, stasera vado a fare la spesa e metto in lista broccolo, avocado e lime, per vedere se con i broccoli italiani il risultato è diverso.
    Mi sono solo chiesta oziosamente se l'espressione "testa di broccolo" può sostituire la più conosciuta "testa di cavolo", ma questo esula dalla cucina... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. com'era quella dell'arte del rigirare la frittata? :-)

      Elimina
  4. Adoro, adoro, adoro.
    Broccoli buoni ne trovo, facendo un mutuo ma li trovo.
    Assoltamente nelle mie corde, per i giorni in cui nelle mie corde non ci sono i Nutella Brownies :)

    RispondiElimina
  5. Ero incuriosita anch'io da questa contaminazione del broccolo nel guacamole, e lo sono ancora: mi tocca provare :) Sempre che riesca a trovare ancora dei broccoli buoni!

    RispondiElimina
  6. I broccoli sono un leitmotiv dei miei contorni invernali. Buoni, eh, tanto che li adoro e li mangia pure la figlia, con grande soddisfazione. Ma sempre broccoli restano. Non per niente quanto si vuole dare dello sciapo a qualcuno, gli si da del "broccolo". Vuoi mettere l'avocado? Che non gli hanno dato una v in più sennò sai come si montava? E un po' montato già lo è.
    Sei sempre fortissima ed io adoro i tuoi interventi.

    RispondiElimina
  7. Per come l'hai scritto si poteva fare anche compostamente rimandata... nel senso che alla fine, come dici tu, se di broccolo deve sapere, che sappia. ovviamente mi è venuta voglia di provarlo, ma resta il fatto che non sempre le variazioni sul tema delle ricette consolidate sono altrettanto entusiasmanti dell'originale...

    RispondiElimina