martedì 7 ottobre 2014

BEAUTIFUL BLACK FOREST GATEAU





Jamie Oliver mi ha cotta a puntino e a fiamma bassa, come avrebbe fatto con uno dei suoi stufati.
Subito non mi era neanche lontanamente simpatico, anzi, lo trovavo irritante con le sue litrate di olio d’oliva sparse ovunque.
Poi qualcosa in me è cambiato, tanto da arrivare ad avere ogni-suo-libro-abbiate-pietà-di-me: mi piaceva il suo modo di cucinare, di rendere tutto così goloso e buono.
Mi piaceva il suo essere figlio, padre, marito, amico, party-man, un po’ cicciotto e, diciamolo, a tratti incredibilmente scemo: l’avete mai visto in “Food Fight Club” dove porta le celebrità a mangiare hamburger e patatine fritte sulle montagne russe?? :D
Io lo vorrei un amico così fuori di testa!

In questo libro, Jamie, parla di se stesso attraverso il cibo in cui lui trova conforto e penso che questa cosa sia magnifica perché anch’io amo il cibo-coccola e cerco quotidianamente di far entrare nella testa di amici, colleghi e parenti questo concetto! Viviamo in un’epoca dove non soffriamo più la fame e possiamo permetterci il lusso di considerare quello che cuciniamo uno sfizio e perché uno sfizio sia tale deve essere buonissimo, preparato con amore e curato in ogni dettaglio: allora sì che diventa cibo per l’anima e per il cuore!

Fra le tante bellissime ricette, ho scelto la Black Forest Gateau (il suo vero nome è Schwarzwälder Kirschtorte, grazie Cristina – Vissi di cucina) perché è una torta che amo alla follia, è ricca, estremamente festosa e vi trascinerà in un’estasi di cioccolato! Siete pronti? :)




BEAUTIFUL BLACK FOREST GATEAU
Ingredienti: per 12 persone

Per la base
185g di burro non salato, più dell’altro per ungere
150g di cioccolato fondente di ottima qualità (70%)
125ml di latte parzialmente scremato
175g di farina auto-lievitante
225g di golden caster sugar, per me zucchero semolato
150g di soft light brown sugar, vedi note
1 cucchiaio di cacao amaro in polvere
3 uova grandi
75ml di latticello

Farciture e decorazioni
700ml di doppia panna, ho usato normale panna fresca
25ml di Kirsch
1 cucchiaio di miele leggero, per me di acacia
100g di cioccolato fondente di ottima qualità (70%), più altro per decorare
1 baccello di vaniglia
50g di zucchero a velo
75g di nocciole sgusciate
un pacchetto da 370g di all-natural cherry pie filling, ripieno di ciliegia per crostate (vedi note)
un pacchetto di popping candy (caramelle scoppiettanti), non le ho trovate

Riscaldate il forno a 150°C . Ungete e infarinate una tortiera a cerniera da 20cm di diametro.
Rompete il cioccolato in una pentola di medie dimensioni, poi aggiungete il burro, il latte e un pizzico di sale.
Fate fondere a fiamma bassa, poi togliete dal fuoco e fate raffreddare un pochino mentre mescolate la farina, gli zuccheri e il cacao in una ciotola grande, poi mescolate dentro le uova, una ad una.
Aggiungete il latticello al cioccolato fuso e unite il tutto al mix di uova. Versate nella tortiera che avete preparato, usate una spatola (o un cucchiaio bagnato d’acqua) per lisciare la superficie.
Cuocete in forno per 1 ora e 10 minuti, o finché è completamente cotta, fate la prova dello stuzzicadenti. Nel mio forno ci sono voluto 25 minuti in più, quindi 1 ora e 35 minuti!
Togliete dal forno, lasciate raffreddare 5 minuti e poi trasferitela su una gratella per raffreddarla completamente. Fate attenzione a maneggiare la torta da calda perché è morbidissima e molto portata all’autodistruzione, diciamo così :)

Nel frattempo, fate la ganache. Mettete 200ml di panna, il Kirsch e il miele in un pentolino e portate a ebollizione su fiamma media. Spezzettate il cioccolato in una ciotola resistente al calore. Versare il mix di panna sul cioccolato e mescolate bene finché il tutto diventa liscio e lucente. Fate raffreddare e mettete in frigo a rassodare!
Per la crema Chantilly, mettete la rimanente panna in una ciotola grande. Tagliate a metà, per il lungo, il baccello di vaniglia, grattate via i semini e aggiungeteli alla panna. Unite lo zucchero a velo setacciato e poi montate la panna fin che forma dei soffici ciuffi sulle fruste, lasciate in frigo fino all’utilizzo. Ecco: un’ora, magari due, non di più: fidatevi di me che ho rischiato il disastro! :)
Tostate le nocciole in padella, su fiamma media, finché sono dorate, poi schiacciatele grossolanamente in un mortaio.

Quando la base è completamente raffreddata tagliatela orizzontalmente in 3 cerchi.
Spennellate la base con qualche cucchiaio di cherry pie filling, ho usato lo sciroppo delle amarene, spalmate metà della ganache e un terzo della crema Chantilly. Spargete a pioggia un altro po’ di sciroppo di amarena, nel mentre atteggiatevi un po’ Jackson Pollock, spolverate con un po’ di caramelle scoppiettanti e un terzo delle nocciole.
Ripetete un altro strato così, mettete infine il terzo disco di torta e decoratelo con la panna rimasta usando una sac à poche o un cucchiaio. Cospargete con le rimanenti nocciole, un altro po’ di sciroppo di amarene e dei riccioli di cioccolato fondente (li ho ottenuti passando il pelapatate sul lato della tavoletta di cioccolato).
È davvero buona servita con delle ciliegie mature fredde di frigo, quando la stagione lo permette.





NOTE:

- Se non trovate la farina auto lievitante potete prepararla in casa così: setacciare 3 o 4 volte 500 g di farina 00 con 1 bustina di lievito per dolci, in modo che il lievito si distribuisca uniformemente. Rimettere nel sacchetto o in un barattolo ed etichettare (indicazione presa dal blog della mitica Mapi - laapplepiedimarypie.blogspot.it).
- Il brown sugar non è uno zucchero esistente in natura in quanto si tratta di zucchero bianco a cui viene aggiunta la melassa, se volete provare a farlo in casa armatevi di pazienza e mescolate 200g di zucchero semolato con 20g di melassa intiepidita. Voilà! :)


- La dose di zucchero è spaventosa. Io neanche volevo metterlo tutto! Per dovere di Starbook ho provato e devo dire che ci sta! La base assaggiata da sola un po’ dolce lo è però l’equilibrio di tutta la torta è perfetto!
- Il brown sugar da una texture morbida e caramellosa che è un sogno e la torta non ha praticamente bisogno di una bagna.
- Per quanto riguarda il latticello, quando non lo trovo e non ho voglia di prepararlo in casa di solito lo sostituisco (in dose uguale) con yogurt bianco intero (senza aromi!).
- Il Kirsch è un’acquavite ricavata dalle ciliegie, mettetene un goccino nella vostra cioccolata calda e le domeniche di pioggia invernale diventeranno decisamente meno noiose :-P
- Qui ovviamente non sappiamo neanche che forma abbia il “cherry pie filling”, io l’ho sostituito con le amarene sciroppate Fabbri.
- Questa torta Foresta Nera è molto rivisitata ma le caramelle scoppiettanti, secondo me, sono veramente in più! Detto con affetto da un’amante delle chewing gum scoppiettanti! :)
- Il tempo di cottura non è proprio esatto ma, si sa, ognuno ha il suo forno quindi andate di prova dello stuzzicadenti per verificare la cottura!
- Fate raffreddare la ganache in frigo in modo che solidifichi un po’ perché altrimenti sarà troppo liquida e il momento della farcitura diventerà un apocalisse!
- In ogni strato ho aggiunto 8-9 amarene sciroppate che rendono questa torta ancora più da sogno! Provate a fare come me.
- La base si può surgelare, scongelatela poi a temperatura ambiente e sarà come appena fatta.
- Quando tagliate la torta a cerchi, mi raccomando, assicuratevi che sia completamente fredda! E’ molto morbida e delicata e quando la tagliate rischia di rompersi. Ve lo dico perché a me, una delle due che ho fatto, si è rotta :)
- C’è scritto che si possono servire 12 persone: vi sembrerà impossibile farcela con una torta di 20 centimetri di diametro, eppure la torta è molto ricca ed escono effettivamente 12 belle fette! Certo che se, di fette, ne fate 8 avrete un effetto ancora più GLORIUS! Giusto per dirla alla Jamie Oliver :D

Le mie note sono semplicemente a corredo della ricetta che è spiegata benissimo, gli ingredienti sono dosati perfettamente,  riesce tutto al primo colpo e tutto sommato direi che è adatta a tutti visto che l’unica difficoltà è nel tagliare la base in 3 dischi. Per me la ricetta è:

PROMOSSA!

41 commenti:

  1. io invece vorrei un'amica come te.... bravissima

    RispondiElimina
  2. Bellissimo post e grandiosa ricetta! mi piace molto il tuo modo spiritoso di scrivere..scorrevole e dettagliato... grande!

    RispondiElimina
  3. Porca pupazza, che torta! Una di quelle che fanno subito festa!
    Lo ammetto, io non amo l'abbinamento della foresta nera, fra cioccolato e ciliegie (sarà che non amo particolarmente queste ultime), ma per questa farei almeno almeno una prova assaggio.. chissà che poi non finirei per mangiarla tutta (non va sempre così, quando si inizia con un "ah, ma a me non fa impazzire"?!) ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero non ami le ciliege??? Sei la prima che me lo dice :)
      Però, giuro che questa torta la mangeresti! E' buona da morireeeee!!!! :D

      Elimina
  4. Che esordio, bionda! una torta davvero sontuosa.. anche non so se mi da più la sensazione di glorious o di comforting ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Valeria!!! Ma hai visto com'è maestosa?? A tagliarla a fette viene quasi paura :D

      Elimina
  5. la tua mi sembra una "prima "da leccarsi i baffi...bravissima ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!!! Adesso aspetto te!!! :)

      Elimina
  6. a me è successo il contrario: amore folle a prima vista, mentre ora sono un pochino più fredda: resta il fatto che vorrei un'unghia di Jamie Oliver qui in Italia, non fosse altro che per insegnare ad alcuni dei suoi colleghi di casa nostra a scrivere libri in modo chiaro e onesto, "abbassandosi"al livello dei lettori. Questa ricetta è spettacolare.. ma tu hai fatto la tua parte! complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Serve coraggio per abbassarsi al livello dei lettori e questo coraggio al momento non c'è!
      Per loro essere al passo con i consumatori significa pubblicizzare patatine...giusto per dire...

      Elimina
  7. Io la Fede mi accontenterei di averla anche solo come vicina... e non è la prima volte che glielo scrivo, vero? Va bè diciamo che se questo è l'inizio, "bon appetit" a tutti... che dire, cosa si può aggiungere a questo capolavoro??? Ah si, questa golosità gradirei più mangiarla che farla, perché ci sono delle ricette che nonostante non siano eccessivamente complicate mi fanno scattare una sorta di pigrizia che riconosco ma non comprendo e non è questo il luogo giusto per analizzarla... diciamo che la prossima volta che avrò 12 commensali a tavola farò questo dolce... mi sta crescendo il naso e non so perché... ok vado ad analizzarmi... A domani, Fede B R A V A, come sempre!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah ma dai!! Dovresti provare invece! E' un po' lunga ma è davvero davvero facile!

      Elimina
  8. Come Alessandra anche io sono passata da amore folle a...amicizia ragionata, sta di fatto che ho molti dei suoi libri e, ancora più sorprendente, è adorato anche dall'augusto consorte!
    La torta, no comment...sono in religioso silenzio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sulla torta erano tutti in religioso silenzio anche a casa :D

      A me lui piace...mi piace proprio e non mi annoia mai! Certo che quando mi diventerà noioso....dovrò magari ricredermi :)

      Elimina
  9. Io sono ancora nella fase ...neanche un libro di Jamie, ma potrei ricredermi alla fine di questo Starbook di ottobre...... Dunque ....cosa dire? Che Federica sa essere più convincente di un venditore di tappeti del Marocco ! 😘

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma tesoro mio, dovresti vedere quanti cammelli ho contrattato nell'ultimo viaggio in Egitto :D

      Elimina
  10. tu sei sempre divertente e impeccabile nelle spiegazioni, ma io non riesco a non pensare all'aggiunta di caramelle frizzanti: Jamie, era proprio necessaria? :D La Fede dice di no, ed io do retta a lei. Per il resto direi che è una ricetta da figurone con una preparazione alla portata di tutti: what else? (questo lo dice george, non Jamie. Vale?)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vale!! Ma grazie, ho sempre il terrore di non spiegarmi bene :)
      Come dicevo prima, è un po' lunga da preparare perchè alla fine un'oretta e mezza la porta via, però ne vale la pena!!!! Uhhhh se ne vale la pena!! :)

      Elimina
  11. Ricetta goduriosa, perfino esagerata con quelle caramelle frizzanti che, concordo, sono un po' eccessive. Spiegata molto dettagliatamente da Jamie, ma assolutamente imperdibile con le tue annotazioni (correttissima quella sulle tempistiche dei diversi forni!).
    Non ho capito soltanto una cosa: come mai hai rischiato il disastro con una panna montata lasciata in frigo per più di 2 ore?

    Io la torta della Foresta Nera la contemplo sui libri di cucina da almeno 25 anni, senza avere mai il coraggio di farla. Mi stai tentando enormemente con il tuo post....

    Last but not least, tu hai promosso la ricetta e io promuovo te!!! :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho rischiato il disastro e sinceramente non me lo spiego nemmeno io!
      Di solito la panna montata mi regge in frigo anche oltre le 24h e invece stavolta appena dopo 12 era mezza sgonfia! Poi grazie alle fruste del kenwood e alle mie occhiatacce si è rimontata...ma che spavento!!!!!!!!!! Non avevo il piano B!!!!!

      Grazie Mapi della promozione, punto al tuo bacio accademico! :-P

      Elimina
  12. Sto seguendo Comfort Food su Channel4 e l'ho visto impastare un flat bread su una tavola di legno sulle ginocchia mentre cuoceva un tikka masala chicken sul fuoco acceso nella foresta in campeggio con gli amici.
    Quest'uomo puó tutto, anche la Foresta Nera evidentemente :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì ecco! Lo trovo irritante quando impasta o mescola seduto con un tagliere sulle gambe! Ma come fa?!?!!?!? Io manderei all'aria tutto in 10 secondi :D

      Elimina
  13. Fede : io già ero già fan di Jamie, ma tu mi ci hai fatto innamorare!!
    questa torta è FANTASTICA!!! sembra complicatissima ma non lo è poi così tanto. Le tue note sono preziose, hanno risposto alla metà delle domande che avevo in testa.
    Sei stata brava brava brava, tranne per una cosa... non hai pensato a spedirci una fettina! :)))
    ma secondo te è trasportabile per un pranzo da amici? la vorrei proprio fare!
    un abbracciooooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Frankie!!!
      Sono felice che tu abbia trovato alcune risposte nelle mie note! Se vuoi altri chiarimenti quando decidi di provarla scrivimi pure!! :)))
      Per un pranzo da amici è trasportabile se la tieni in braccio :D

      Elimina
  14. La torta della Foresta Nera l'ho preparata una sola volta ed ora me ne fai tornare una gran voglia, perché questa versione sembra a dir poco peccaminosa: mi ci tufferei!
    Concordo però sull'omissione delle caramelle frizzanti, che secondo me sarebbero veramente di troppo (ma te lo dice una che le caramelle non le ha mai amate nemmeno da bambina!).
    Bravissima Fede!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giulia, dai che è il momento giusto per riprovare!!
      Non vedo l'ora di rifarla pure io :)

      Elimina
  15. I titoli di Jammie sono fantastici.
    ma anche questa torta mi pare che sia venuta bene e rispecchi degnamente il nome!
    Per qunato riguarda le caramelle, sono d'accordo con te... perchè sciuparla ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche a me piace il suo modo di pompare i nomi delle ricette!
      e le caramelline sì...sono in più!!!!! Un'aggiunta insensata..

      Elimina
  16. ..niente.. scusate l'ortografia.. prima ho scritto oliver, poi jammie...
    ..non ce la posso fare..
    :-((

    RispondiElimina
  17. Mi è piaciuto da morire il tuo post, le tue considerazioni, la torta, le tue precise osservazioni e come sempre la simpatia con cui farcisci il tutto (altro che panna)... però manca solo una cosa, una fetta di questa torta pazzesca!
    Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La fetta prometto di fartela avere prima o poi, di persona! :D
      E grazie per tutto il resto!!! :)))

      Elimina
  18. Non potevi non scegliere questa torta: guduriosa, allegra e festosa proprio come te!!!!
    Hai sezionato la ricetta in modo perfetto, proprio come hai fatto per i dischi della torta!
    Realizzazione perfetta, da buttarcisi sopra a tuffo!!!!!!
    Analisi dettagliata con l’aggiunta di qualche consiglio da desperate housewife  che è il valore aggiunto su una ricetta già perfetta!
    Anche a me rimane la curiosità della panna.. forse tu l’hai tenuta di più e ha cominciato a smontarsi?
    Ad ogni modo, grandissima Bertuz!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero?? Sembra la sottoscritta sotto forma di torta! :D
      Come dicevo a Mapi, di solito la panna montata che avanzo mi dura anche più di 24 ore perfetta in frigo...questa s'è mezza smontata dopo 12! e poi per un miracolo non ben spiegato sono riuscita a a-rimontarla! Misteri della Fede :)

      Elimina
  19. Questo è un dolce semplicemente godurioso!!! L'Orso Bruno avrà gradito molto, vero?
    Ho delle ciliegie comprate in Germania conservate al naturale, dovrebbero essere proprio quelle per la Foresta Nera... quasi quasi...
    Grande Fede!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Orso Bruno l'ha adorata ma...ci avrebbe messo più ciliege!!! :D
      Io direi che la devi provare cara Ale :))))
      Un bacione!

      Elimina
  20. Grazie di esistere.
    Mi sa che il prossimo mese questa è mia

    RispondiElimina
  21. per me la foresta nera è troppo già di suo, figuriamoci questa!
    425 g di zucchero vanno davvero oltre.

    però lo vedo che è perfetta. si vede proprio ad occhio. è che sto invecchiando.
    bravissima federica, davvero complimenti per quest'opera d'arte!

    RispondiElimina
  22. Quanto adoro Jamie. Ogni volta che lo vedo mi fa venire una fame enorme! :-D

    RispondiElimina