giovedì 16 gennaio 2014

STEAK & MUSHROOM PIE


Ho scoperto gli Hairy Bikers, ovvero Si King & Dave Myers  e il loro libro sulle Perfect Pies, durante una delle mie scorribande su Amazon UK. I loro volti simpatici, sorridenti e rassicuranti, mi hanno "spinta" verso un acquisto immediato ed istintivo!
Ho imparato che, spesso, seguire l'istinto è la via migliore...

In questo bellissimo libro ci sono pie per tutti i gusti. Per quelli che amano la doppia pasta, per chi la preferisce singola e per chi non la vuole proprio! Per chi vivrebbe di sola carne e pesce, chi di sole verdure e chi sempre e solo di dolci :) Io non ho preferenze, mi piacciono tutte!!!
Da questa "Bibbia", ho scelto di provare una ricetta tra le più tradizionali, la Steak & Mushroom Pie, sicura di fare la felicità della famiglia...
Come spiegano gli autori nell'introduzione alla ricetta, il taglio di carne da utilizzare per il ripieno è il chuck steak - cioè la spalla di manzo.
 E' un taglio economico, che dona un ottimo gusto a questa old-fashioned pie, che in Inghilterra tutti conoscono e amano.
Il macellaio a cui chiederete la chuck steak potrebbe mostrarsi abbastanza perplesso davanti alla vostra richiesta, probabilmente perché non è abituato a sentirsi chiedere la spalla di manzo... Non fatevi intimorire e spiegategli a cosa vi serve, così vi capirà sicuramente. L'importante è che la carne sia del tipo adatta alle lunghe cotture (stiamo parlando di uno spezzatino), quindi non troppo magra, ma ricca di tessuto connettivo.
tra parentesi e/o in corsivo le mie note


Ingredienti per  4-6 persone

750 g di spalla di manzo, pulita da cartilagini e grasso duro
2-3 cucchiai di olio di semi di girasole (per me, extravergine d'oliva)
3 cucchiai di farina bianca
2 cipolle medie, tagliate a metà e affettate
2 spicchi d'aglio, tritati finemente (per me solo uno)
150 ml di vino rosso

2 cucchiaini di Worcestershire sauce

500 ml di brodo di manzo, preparato con un dado da brodo (per me fatto in casa)

1 foglia d'alloro
25 g di burro
250 g di funghi castagna*, puliti con un panno e tagliati a metà o in quarti, se grandi
sale in fiocchi
pepe nero macinato fresco

Shortcrust pastry - Pasta brisée

400 g di farina bianca, più quella per stendere l'impasto
250 g di burro freddo, tagliato a cubetti
1 uovo grande, sbattuto con 2 cucchiai d'acqua fredda
1 uovo sbattuto, per spennellare

*I funghi castagna corrispondono ai nostri cremini, che sono simili agli champignon, ma color crema e più saporiti. Io ho utilizzato i porcini raccolti in montagna e congelati.

Uno stampo da pie di 23 cm di diametro (quindi piuttosto profondo - circa 5 cm - altrimenti non riuscirà a contenere tutto il ripieno, e con il bordo largo).

Tagliare la carne in cubi irregolari di circa 3 cm, salare e pepare. Scaldare 1-2 cucchiai d'olio in una padella, e friggere la carne, su fuoco alto, finché sarà completamente rosolata. Procedere in due volte, per non riempire troppo la padella (pena la lessatura e non la rosolatura della carne), unendo altro olio se necessario. Trasferire la carne in una casseruola adatta al forno (io ne ho utilizzata una in ghisa) e cospargerla con la farina. Preriscaldare il forno a 150°C o 130°C se ventilato.Versare un altro cucchiaio di olio nella padella, e cuocere l'aglio e le cipolle per 5 minuti, finché saranno morbidi e dorati.
Deglassare con il vino rosso, o l'acqua se non avete il vino. Unire la Worcestershire sauce e portare al bollore, mescolando continuamente, per staccare i sedimenti dal fondo della padella. Versare la salsa sopra la carne nella casseruola, versare anche il brodo ed unire la foglia d'alloro. Portare a bollore, coprire con il coperchio e cuocere in forno per 1 ora e ½. Sciogliere il burro nella padella e cuocere i funghi per 5 minuti, rimestando, finché saranno leggermente dorati. Aggiungerli  alla carne e cuocere per  altri 30 minuti, sempre in forno. Lasciar raffreddare. Io ho preparato lo spezzatino il giorno precedente, in modo da averlo ben freddo al momento di farcire la pie.
Per preparare la pasta brisée, mettere la farina e il burro in un mixer, ed azionare la funzione "pulse", fino ad ottenere un composto sbriciolato. Sempre con il mixer in funzione, unire l'uovo sbattuto e l'acqua, finché la pasta comincia a stare insieme formando una palla. Prelevare dal mixer e dividere l'impasto in ⅔ per la base e ⅓ per il coperchio. Formare delle palle leggermente appiattite. Se preferite, potete preparare la brisée a mano. In questo caso, seguite le preziose indicazioni fornite dagli autori, che vi riporto sotto.
Preriscaldare il forno a 210°C oppure a 190°C se ventilato. Stendere la palla d'impasto più grande su una superficie infarinata, ed usarla per rivestire lo stampo (non viene specificato a quale spessore stendere l'impasto, regolatevi in base allle dimensioni dello stampo). Mettere il ripieno di carne e funghi e spennellare i bordi della brisée con l'uovo sbattuto. Stendere l'impasto rimanente e posizionarlo delicatamente sopra al ripieno. Tagliare l'eccesso di pasta e arricciare i bordi, poi spennellare con l'uovo sbattuto. Infornare e cuocere per 30 minuti, fino a che la pasta sarà dorata e il ripieno bollente.
Io ho dovuto cuocere la pie per quasi 15 minuti in più. 

Pasta brisée preparata a mano
  1. Pesare gli ingredienti e mettere la farina in una ciotola. Tagliare il burro freddo a cubetti ed unirlo alla farina, strofinando con la punta delle dita, fino ad ottenere delle briciole grossolane. Tagliare il burro a cubetti, permette di unirlo alla farina con più rapidità e di evitare che si sciolga. Utilizzare la punta delle dita, serve a mantenere l'impasto fresco, in modo da ottenere una brisée più leggera e friabile. L'idea è quella di rivestire tutti i cubetti di burro con la farina. Sollevare il composto sopra la ciotola mentre si strofina, serve ad arieggiarlo il più possibile.
  2. Adesso è il momento di aggiungere le uova, l'acqua o il latte, in base alla ricetta scelta. E' possibile rompere le uova direttamente nella ciotola - evitando di dover lavare un contenitore in più! - ma sarebbe meglio romperle prima in una piccola ciotola. Aggiungere il liquido con una mano, mentre con l'altra mescolare con un coltello dalla lama arrotondata, fino a che l'impasto sta insieme, e le pareti della ciotola sono pulite.
  3. Sagomare l'impasto in una palla appiattita così sarà più facile da stendere, pensando però alla forma della vostra pie. Se state preparando una pie quadrata, sagomare l'impasto in un quadrato piuttosto che in un disco. Questa operazione rende la brisée più facile da stendere e diminuisce gli scarti. 
  4. A questo punto, la maggior parte delle ricette prevede di raffreddare la pasta in frigorifero, ma questo rende più difficoltosa la stesura dopo. Per tutte le crostate, Si & Dave pensano che sia meglio stendere l'impasto, foderare la tortiera e far raffreddare la brisée in frigorifero direttamente nello stampo .
Note personali
- Questa pie è ottima e sostanziosa, quindi perfetta per la stagione invernale. Se servita accompagnata da un'insalata, è un piatto unico perfetto per 4 persone, con un buon appetito, che a casa mia non manca! Se la servirete all'interno di un pasto completo, sarà sufficiente per 6 persone.
- Le indicazioni e le dosi della ricetta sono chiare e precise, tranne nell'indicare lo spessore a cui stendere la brisée. Ma non è grosso problema. Come ho scritto qui sopra, regolatevi in base alle dimensioni dello stampo e non avrete problemi.
- Come le amiche che mi hanno preceduta, ho dovuto aumentare anch'io i tempi di cottura. Ma ogni forno, si sa, è fatto a modo suo... A questo punto, credo che il forno degli Hairy Bikers sia molto più potente dei nostri!
- Quando cuocio delle torte con un ripieno piuttosto umido, come in questo caso, per la metà del tempo previsto dalla ricetta, posiziono lo stampo sul ripiano più basso del forno, per favorire la cottura della base.
- Vi consiglio di lasciar riposare la pie almeno 25-30 minuti prima di tagliarla, altrimenti l'operazione risulterà difficile, in particolare per la prima fetta. Il fondo, soprattutto verso il centro della pie, non sarà molto compatto, come si intravede anche nella foto sul libro. Noi l'abbiamo gustata a pranzo, in due, e ne è avanzata poco più della metà. Il giorno successivo l'abbiamo finita, ed era ancora ottima e le fette avanzate erano molto più fotogeniche con il fondo ben compatto.

Questa ricetta è decisamente PROMOSSA

Come avrete notato, abbiamo regalato al nostro amato blog un restyling che speriamo vi piaccia :)

I nostri grazie vanno a Sara, che ha concretizzato le nostre idee :)

                                                                                                             Ale only kitchen

43 commenti:

  1. Questo libro lo sto amando come non mai, incredibile per me che di solito tendo a perdere la testa per libri di dolci. Ancher ieri sera sulla nostra tavola una pie dei Bikers...e questa tua è l'ennesima che voglio replicare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me è stato amore a prima vista con i Bikers, ma di quelli che durano nel tempo :) Pie da replicare... Finora... tutte!!!

      Elimina
  2. Tra i piatti di tradizione di britannica, queste pie mi fanno perdere la testa. Adorooo questa versione brava Sara e complimenti per la nuova grafica.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure a me, Kitty ;) Con quel loro guscio fragrante che nasconde un ripieno caldo e avvolgente!
      Grazie

      Elimina
  3. Wow quando si dice tutto il mondo è paese, in sicilia una versione simile a questa pie la prepariamo per Pasqua, da noi si chiama "IMPANATA" , quindi mi segno subito la ricetta perchè questa è da provare assolutamente;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono curiosa, Tiziana. Cercherò l 'impanata, che già dal nome mi è simpatica!

      Elimina
    2. Se vuoi ti dò la mia ricetta di famiglia :)

      Elimina
    3. Grazie! Mi farebbe molto piacere ;)

      Elimina
  4. Meravigliosa ricetta e restyling davvero bello!
    Sto organizzando un brunch e questa pie mi sembra perfetta!
    Grazie! Baci
    Frankie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I tuoi ospiti ne saranno felici... :)
      Grazie, anche a noi piace molto grafica!

      Elimina
  5. Riesco ad immaginare la bontà della pie e la tenerezza della carne che si squaglia in bocca. Complimenti per il restyling, fighissimo!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La carne era deliziosa :)D Non avevo mai cucinato lo spezzatino in forno prima di questa ricetta... il risultato mi ha soddisfatta al 100%. Assolutamente da ripetere!!!

      Elimina
  6. Ma dico io, potrebbe non piacermi il restyling del sito??? E' bellissimo!
    Momento frivolezza: il font scelto per i titoli delle ricette lo adoro!

    Bene, mi ricompongo :D
    Avevo fatto una pie simile a questa tempo fa che però avevo rovinato con la crosta che era decisamente una schifezza! La segno subito sul libro visto che...mi è arrivato ieri! :D
    Ciao Ale!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fede, il momento di frivolezza ci sta tutto ;)
      Questo impasto è stupendo, vedrai come si lavora bene!!!

      Elimina
  7. Una delle reiette che ho amato di più in questo libro. E' nella mia lista dei preferiti e sicuramente sarà testata prestissimo. La frolla è molto simile a quella della pie dolce che ho realizzato, tranne per la presenza di zucchero (molto poco) e risulta estremamente duttile e fantastica all'assaggio. Sul ripieno, posso dire che la mia salivazione non si doma...sono qui che sogno su quella fetta....vieni...vieni...vieni.....Bravissima! Pat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Volevo dire ricette...ovviamente! Ma reiette non mi sembra proprio il caso :(

      Elimina
    2. Avevo iniziato a preoccuparmi...! Arrivo.... arrivo.... arrivo!!!
      Questa pasta è stupenda, si lavora benissimo e mi ha dato una gran soddisfazione prepararla. Io ho sbavato davanti all'anteprima della tua pie, e la proverò prestissimo...
      Questi capelloni sono davvero fantastici!

      Elimina
  8. finalmente riesco a commmentare la ricetta di oggi ma...che ore sono??? oddio solo a guardare la foto mi sento male! voglio una fetta qui subito! questi bikers ne sanno una più del diavolo ! e se anche hanno forni più potenti dei nostri e qualche tempo di cottura va un pò rivisto, il risultato è davvero strepitoso! complimenti ale per la realizzazione e per la tua sempre attenta analisi! ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hanno talmente conquistata che farei pure un giro sulle loro moto!
      Quando l'abito non fa il monaco..
      Un abbraccio e grazie per il tuo tocco di stile al blog... sei unica!!!!!!!!

      Elimina
  9. Prima di tutto complimenti per la nuova veste dello Starbooks! mi piace un sacco, ottimo lavoro! e anche le nuove sezioni che avete pensato sono curiosa di vedere in futuro cosa riserveranno! e questa ricetta.. strepitosa! e guarda un pò, sembra uno spezzatino in crosta ;-)) una vera goduria!! bravissima Ale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho pensato anch'io allo spezzatino in crosta... peccato non si possa partecipare all'MTC con questa ricetta ;)

      Elimina
  10. Ispirazioni sempre gradevolissime e suggerimenti dolci e salati azzeccatissimi: questo libro è proprio una fonte di eccellenti idee!!! Grazie Ale per la tua chiarezza e i suggerimenti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio libro è pieno zeppo di post it... la prossima ricetta che proverò sarà un dolce :)

      Elimina
  11. Gnammy!!! devo prendere questo libro se ci sono ricette cosi favolose!!! buona giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà un gran bell'acquisto... Vedrai ;)

      Elimina
  12. Uma sugestão bonita dee se ver e com um recheio maravilhoso ficou com muito bom aspecto.

    Beijos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Sandra. Era anche buono :)
      A presto!

      Elimina
  13. libro arrivato.... ora al lavoro!! bella la nuova veste grafica e le ricette sempre più interessanti. BRAVE

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, così ci inonderai di ricette con il Redone del prossimo mese ;-)

      Elimina
  14. Questa mi aveva attratto al primo sguardo.. che dire, deve essere semplicemente buonissima!
    E che bello è il nuovo sito???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è stato lo stesso, è stata una delle prime ricette a cui ho messo il post it....
      Giulietta, Redoner again...? ;)

      Elimina
  15. Una ricetta più bella dell'altra
    da fare sicuramente c'è solo l'imbarazzo della scelta da dove iniziare ;-)
    e il nuovo look è veramente strepitoso
    bravissime!!!!!!
    buona serata
    Manu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E tutte stupende! Questo libro è una risorsa per ogni occasione!

      Elimina
  16. Quando ho visto la nuova veste ho subito capito che c'era lo zampino di Sara, che è bravissima, non poteva rendere meglio lo spirito di questo blog, che già di per sè è qualcosa di unico.
    Come è unica la tua pie Ale, perfetta nella esecuzione, nella spiegazione e nelle conclusioni, con questo tuo modo pacato ma efficace che ti contraddistingue e che rende sempre speciali i tuoi post e le tue ricette :)
    P.S. mi sa che questo sarà il prossimo libro che mi compro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sara è proprio bravissima e sta mettendo lo zampino anche da me... ;)
      Mari, lo sai che quello che hai scritto lo penso anch'io... ma di te!
      Io non posso che consigliarti l'acquisto di questo libro stupendo!!!!
      Un abbraccio e a presto ;)

      Elimina
  17. Una ricetta strepitosa per inaugurare il nuovo look!!! Cosa potevamo chiedere di meglio?
    La tua foto è praticamente uguale a quella del libro... anzi, è più bella! C'è il gatto Leo qui vicino a me che sta guardando lo schermo con un'espressione moooooolto interessata ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il gatto Leo è talmente simpatico, che un pezzetto di carne glielo darei sicuramente ;) Questi inglesi capelloni e motociclisti non ne sbagliano una :O)

      Elimina
  18. qui, al posto del gatto, c'era mio marito... che rispetto al gatto ha l'uso della parola. e ti lascio immagnare cosa ha detto ;-)
    torta straordinaria, ma le tue note son sempre preziosissime! grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una fetta anche a tuo marito non gliela negherebbe nessuno ;))) E senza dividerla con il gatto Leo, eh!

      Elimina
  19. Questa pie coccolosa e comfort food è perfetta per le fredde serate invernali.
    Grazie per la spiegazione sui funghi cremini e sul taglio di carne da utilizzare e grazie per le tue preziose note.
    Un'altra pie che finisce nella mia to-do list... ma faccio prima a dire che tutte le ricette del libro sono nella mia to-do list, tanto sono invitanti!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche per me è così, cara Mapi. Non ho visto ancora una ricetta che non mi abbia fatto venire voglia di provarla... Che bello quando un libro riesce ad avere questo effetto ;)
      Un bacione

      Elimina