martedì 19 novembre 2013

BAKED VANILLA CHEESECAKE WITH CARAMEL SAUCE

Baked vanilla cheesecake

Capita a volte di rimanere folgorati da un libro o da un autore e capita anche che una ricetta ti colpisca immediatamente, scatenando il curioso e golosissimo D.A.P. (Devo Assolutamente Provarla).
Questo libro della Delia, come vi sarete già rese conto leggendo i post delle mie colleghe nei giorni scorsi, ha "spaccato" come si dice oggi. E' bello esteticamente, ha classe nella presentazione grafica, contiene ricette eccellenti e fa venire voglia di dire DAP ad ogni pagina.

Io confesso, vado matta per le cheesecake: hanno una consistenza vellutata ed un sapore fresco che amo molto; in più, è un dolce con una tradizione molto antica e le ricette storiche hanno su di me un fascino unico. Per essere chiari la cheesecake di storia ne ha da vendere. Ben lungi dall'essere un'invenzione moderna, affonda le sue radici nella storia antica, probabilmente anche nella preistoria. Ovunque si preparassero formaggi saporiti e quindi ovunque ci fossero pecore, mucche o capre, cioè nel mondo antico quasi in ogni luogo, si preparavano piatti gustosi, che lo utilizzavano. Si poteva unire a mille altri ingredienti in mille preparazioni, dal comune pane e formaggio accompagnato dal vino, altra immancabile presenza sulle tavole Mediterranee, alle misture con carni diverse o verdure. 

Da qui alla preparazione di dolci il passo è stato molto breve. Unirlo con il miele e la farina per creare piatti energetici e pieni di sapore, deve essere stato naturale. Se ne parla ufficialmente in testi antichi, ci sono note che ci arrivano dall'antica Grecia, in cui si racconta che torte di formaggio dolci venivano offerte ai vincitori delle olimpiadi. C'è il passaggio di questi dolci attraverso i conquistatori romani, che ne curarono la preparazione con grande attenzione; da loro il viaggio verso il Regno Unito e da lì in Scandinavia e nel resto di Europa per giungere, ovviamente nel tempo, fino in America.

La differenza fra i tipi di cheesecake dipende essenzialmente dal tipo di formaggio usato: da noi è ricotta o mascarpone, Quark in Germania, Myzithra in Grecia e la crema di formaggio in Inghilterra e in America: alcune torte poi sono cotte, altre no, ma in tutte il lato caratteristico è la cremosità del ripieno accompagnato da gelatine, frutta, biscotti e mille altre squisitezze.

Questa di Delia rappresenta una perfetta cheesecake cotta in forno. La preparazione è semplice, il sapore fantastico ed equilibrato e il caramello di accompagnamento perfetto. Insomma Dovete Assolutamente Provarla!!

Baked vanilla cheesecake with caramel sauce
 da Delia's Cakes

Baked vanilla cheesecake

Ingredienti per 8
Per la base
200 g di shortbread
50 g di burro, fuso
Per il ripieno
300 g formaggio tipo Philadelphia
175 g di zucchero di canna
25 g di farina
350 ml crème fraiche
3 grandi uova, sbattute
1 cucchiaio di estratto di vaniglia
Per la salsa al caramello
250 g di zucchero bianco semolato
3 cucchiai di acqua calda
150 ml di panna


baked cheesecake

Preriscaldare il forno a 150 ° C ,

Come prima cosa, frullate gli shortbread in un robot da cucina, metteteli in una ciotola e unite il burro fuso, amalgamandoli.

Versate poi il composto in una teglia a cerniera di 20 cm di diametro e 4 di altezza, foderata con carta forno e poi premetelo con il dorso di un cucchiaio di metallo per formare una superficie liscia .

Per il ripieno, mescolate in una ciotola la crema di formaggio, lo zucchero semolato e la farina. Poi aggiungete la crème fraiche, le uova sbattute e la vaniglia .

Versate metà del composto sulla base di biscotti e posizionarlo sul ripiano basso del forno, quindi versate l'altra metà. Cuocete in forno per 55 minuti, al termine dei quali il cheesecake sarà a malapena colorato, ma dovrebbe essere sufficientemente sodo sul bordo e ancora un po' "traballante" in centro. Il mio forno scalda moltissimo quindi ho tenuto il forno leggermente più basso, diciamo 140° ed è venuta perfetta.

Ora spegnete il forno e lasciate il cheesecake all'interno a raffreddare completamente, prima di mettere in frigo per diverse ore, a rassodare. Una volta raffreddata, la cheesecake può essere rimossa dalla sua teglia e collocata su un piatto da portata .

caramel sauce

Per la salsa al caramello : mettere lo zucchero semolato nella casseruola a fuoco molto dolce. Mentre lo zucchero si scioglie (cosa che richiederà circa 7 minuti, dice Delia: con la retina spargifuoco a me sono occorsi 12) scuotete la padella di tanto in tanto per impedire che una parte inizi a caramellarsi prima che tutto lo zucchero sia sciolto.

Quando lo zucchero si è sciolto, alzate la fiamma in modo che il liquido inizi a sobbollire e scurire.
Mescolate e cuocete a fuoco lento fino a quando il composto diventa color del miele scuro, ma fate attenzione perché lo zucchero impiega davvero poco a passare da caramellato a bruciato!

Togliete la padella dal fuoco e aggiungete l'acqua molto calda. Questo farà "scoppiettare" il caramello, quindi prestate molta attenzione nel farlo; comunque presto smetterà. A questo punto aggiungete la panna e la vaniglia e mescolate per mescolare bene.

Lasciate raffreddare e conservate in un contenitore con coperchio. Servite in una brocca per versarlo direttamente sopra il cheesecake .

Per rimuovere il cheesecake dal suo stampo a cerniera, prima fate scorrere una spatola intorno alla torta, posta su una ciotola capovolta, quindi fate scivolare delicatamente il bordo della teglia verso il basso. Utilizzate poi la spatola per farlo scivolare fuori dalla base sul piatto di portata .

Ottima.

Che dire: Delia è assolutamente

PROMOSSA

Buona giornata a tutti

43 commenti:

  1. Anche io, come te, adoro le cheesecakes, di ogni tipo e forma.
    E questa, con quella salsina al caramello golosissima.. ah, che colpo al cuore, vederla!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. te l'ho detto: è stato amore a prima vista anche per me! :-)

      Elimina
  2. oh mamma che visione, quel caramello che cola è da sturbo di prima mattina. Sarà mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Annarita.... pensa ne ho fatto un po' di più volontariamente per potermelo godere ovunque... ho messo caramello dappertutto per 3 giorni :)

      Elimina
  3. Il cheesecake ispira...ma la visione di quella salsa è un paradiso!

    RispondiElimina
  4. Dani, spiega alla tua amichetta "tarda" vuoti metà impasto nella teglia, lo inforni, e l'altra metà impasto mentre è già metà dentro al forno?
    Questa salsa è meravigliosa. Da fare e mangiare a cucchiate nei momenti neri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Delia consiglia di fare così: di appoggiare la teglia in forno con metà dell'impasto e poi di terminare di riempire la teglia prima di richiudere il forno: in effetti forse lo fa per evitare che spostando la teglia piena fino all'orlo possa "strabordare" l'impasto un po' liquido! Nel dubbio così ho fatto ed è andato tutto bene :-)
      Si da momenti neri... ma anche grigetti :-) Un bacio alla mia amichetta brillante!

      Elimina
    2. ho scritto "teglia" 2000 volte in tre righe, ma spero di aver spiegato bene: d'altra parte l'overdose di salsa al caramello .... ;-)

      Elimina
  5. Quel caramello è da svenimento, mi vien voglia di attaccarmi alla brocca!

    RispondiElimina
  6. Mi basta partire da una base fatta di Shortbreads anziché di comuni frollini, per capire che questa Cheesecake è da svenimento.
    Se ci aggiungiamo il goloso ripieno e quella salsa al caramello da urlo, vado in deliquio.
    DAP! DAP! DAAAAAAAAAAAAAAAAAAPPPPPPPPPP!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahah concordo... mi sono goduta anche gli shortbread, che ho preparato per non saper né leggere né scrivere con un'altra ricetta di Delia, con un tè regale !!!!!! Gola purissima!!!!

      Elimina
  7. Certo che per essere un volume dalla copertina bianca e azzurino pastello, scritto da una perfetta lady inglese, questo libro mi causa fin troppi pensieri impuri!!
    Amo i cheesecake in ogni forma, dimensione, senza cottura, cotti in forno, senza niente, con la marmellata sopra...insomma li adoro tutti!
    Vedere poi che il fondo è fatto di shortbread...e quella colata di caramello.....oddio svengo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. condivido , oh sisisisisisì, condivido!!!! :-)

      Elimina
  8. solo a vedere la foto del caramello versato sul cheesecake ....svengo!!! da provare!!!
    d.a.p. : tutto il libro!!!:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vero: D.A.P. tutto il libro assolutamente !! :-)

      Elimina
  9. come te, amo i cheesecake, e questo mi fa una gola, ma una gola....

    sarà uno di quelli che farò prossimamente...
    grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è stato un piacere anche per me provarlo! Grazie a te Giuliana :-)

      Elimina
  10. Che meraviglia...Mi piace un sacco!!!

    RispondiElimina
  11. Vedendo l'anteprima della foto, ero stata conquistata all'istante da questa cheesecake. Ora non ho più scampo... D.A.P. :-))) Quella salsa al caramello mette l'acquolina...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale . bisogna solo trattenersi dalla voglia di finirlo a cucchiaiate :-)

      Elimina
  12. L'ultima foto è da infarto!!!
    Cosa non farei per avere quella salsa al caramello!!!!
    Quasi quasi me la preparo ;)
    Baci
    Rosa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosa, è anche veloce da preparare, purtroppo ;-)
      Baci ricambiati

      Elimina
  13. La salsa che cola mi rende Homer che sbava...e non si fa così, già la calvizia è incipiente, lo stato di confusione mentale non è mai stato più accentuato, la panza c'è, ci manca solo che divento birra-dipendente ed Homer sono io! :P ehehehhehehe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma smettila!!!! Ma se sei un figurino !!! Però so che sei solo vagamente goloso.........;-)

      Elimina
  14. che dimensione deve avere lo stampo? così a naso 300 gr di formaggio per uno stampo da 24 mi sembrano pochini.... ciao e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Delia richiede una 20 cm di diametro e 4 cm di altezza. Ho scordato di aggiungerlo alla ricetta, grazie di avermelo fatto notare. Io ho usato una rettangolare da 20x15 h 4cm e mi è avanzato giusto un mestolino di ripieno che ho utilizzato a parte con grande soddisfazione!
      A presto

      Elimina
  15. La cheesecake cotta è la mia preferita e questa che proponi mi piace tanto e poi quella salsa è da urlo!

    RispondiElimina
  16. sono contentissima di aver trovato tante appassionate di cheesecake con cui condividere la mia passione!! Grazie Chiara!

    RispondiElimina
  17. questa è un DAP assoluto, anzi, doppio DAP, per la torta e per la salsa.
    meravigliosa!
    non vedo l'ora di farla.
    La Devo Assolutamente Provare ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gaia come sempre sarà una meraviglia! Grazie!

      Elimina
  18. ecco, una cheesecake "firmata" e cotta in forno probabilmente ha davvero maggiori possibilità di piacermi rispetto a quelle "fatte a crudo"...Voglio provarla. Beh, poi la salsa al caramello non ha bisogno di prove, è buona a prescindere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiiiiii!! è una delizia Giulia . Anche se io adoro anche le crude questa è proprio speciale! :-)

      Elimina
  19. anche a me è bastato leggere "shortbread" per la base e già ero perduta.... ma che meraviglia è mai questa??? fa-vo-lo-saaaaaaaaaaaaa!
    cara dani, le tue foto sono uno spettacolo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ero "gravemente" ispirata !!! ;-))))) Grazie Cri!

      Elimina
  20. a metà strada tra la perversione più insana e l'abbraccio più materno.
    voglio trovare il coraggio di farla... (ho sempre problemi con le cheesecake... :( !!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedrai che questa non presenterà problemi: è un ottimo modo per iniziare sulla via della perdizione al formaggio!!!! ;-)

      Elimina
  21. D.A.P. - D.A.P. - D.A.P. (concentrati, ce la puoi fare fino al prossimo Re-Done!) D.A.P. - D.A.P......

    RispondiElimina